Il Corriere di Tunisi 
79 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Prima Pagina

 

Il Corriere di Tunisi “online” riporta le principali notizie pubblicate dal giornale distribuito in abbonamento e in vendita in edicola


In “lettere” la voce dei lettori che ci possono scrivere anche via email


 

video

  



 659 – 36 [nuova serie] febbraio

 

nostri  problemi

Elezioni, elezioni... si vota in Serbia, si voterà in Russia, negli Stati Uniti d’America e forse nuovamente ed anticipatamente in Italia.. Sempre accesi i conflitti mondiali endemici ai quali si é aggiunto, sanguinoso, e grave quello del Kenia che  dopo burrascose e contrastate elezioni si avvia verso la guerra civile. In Tunisia il presidente Zine El Abidine Ben Alì ha ricevuto il corpo diplomatico inaugurando l’anno amministrativo 2008, ha riunito i governatori, ha ricevuto capi di Stato, ha pronunciato discorsi magistrali e con l’ausilio del primo ministro, del governo e dei dirigenti, del partito di maggioranza l’RCD (il quale prepara attivamente il suo prossimo congresso) continua brillantemente, positivamente e con apprezzatissimi risultati la sua azione per il progresso ed il benessere dei suoi concittadini con particolare riguardo ai giovani ed agli anziani. In Italia “tanto tuonò che piovve”, il governo Prodi é caduto al Senato per i voti contrari di Dini e Mastella, suoi ex-alleati. Era una morte annunciata. Il presidente Napolitano ha concluso le sue consultazioni. Berlusconi ed i suoi alleati chiedono elezioni subito con la legge elettorale vigente; Veltroni e gran parte degli altri partiti dell’Unione chiedono prima riforme, per evitare ingovernabilità e ricatti. I prossimi giorni conosceremo le decisioni del Capo dello Stato Italiano.

I nostri specifici problemi.

In questo ultimo giorno di gennaio 2008 si parlerà di associazionismo e dell’eventuale rinascita del COMITES/Tunisi il quale dovrebbe obbligatoriamente far parte con un suo comitato eletto alle assisi del prossimo CGIE che dovrà essere eletto a sua volta nel 2009.

In effetti dovranno ritrovarsi gli eletti dell’ultimo COMITES/Tunisi (prima del suo scioglimento) ed i rappresentanti di tutte le associazioni attualmente attive in Tunisi. Di questa riunione parleremo ampiamente sul prossimo numero.

Sempre intensa e positiva l’opera delle nostre istituzioni culturali in stretta collaborazione con le strutture universitarie tunisine.

Dinamici e sempre estremamente interessanti gli incontri, i dibattiti, le  manifestazioni economiche, scientifiche, turistiche di partenariato, ecc.

Ricordiamo per concludere, con l’augurio di essere letti, seguiti ed ascoltati che comunicati, informazioni, inserti, avvisi ecc... da pubblicare sul nostro foglio debbono pervenirci per il numero del 15 il giorno 5 e per il numero del 30 il giorno 20 del mese.

Ricordiamo anche a chi non lo ha ancora fatto di rinnovare l’abbonamento. Il servizio sarà sospeso dal prossimo numero di febbraio 2008.

 


 


>> Leggi.....

 658 – 35 [nuova serie] del gennaio 2008

 

 

nostri  problemi

 

Dopo l’Aid el Kebir, dopo Natale, dopo Capodanno 2008, dopo Ras el Am 1429 dell’Egira ed infine dopo il lento rientro dalle lunghe vacanze, sembra necessario rimettersi al lavoro...

Frastornati da tanti auguri, da tanti buoni propositi, da tante buone volontà di rifare un mondo nuovo e bello, pulito e felice...ci si ritrova con la consueta realtà molto meno idilliaca.

Tutti lavorano per la pace, ma la guerra e le “guerrette” imperversano.

L’Unione Europea é guidata da un piccolo Paese nato dalle rovine dell’ex-Jugoslavia e molto vicino, nel bene e nel male, all’Italia. Non sarebbe male che da questa presidenza e soprattutto dalle tradizioni di questa gente cosi impregnata da valori austro-ungarici, latini e mediterranei, potesse nascere una effettiva e costruttiva collaborazione umana e umanista, in attesa della prossima presidenza francese certamente più pragmatica e che dovrà affrontate il divenire del Trattato di Lisbona e le elezioni del 2009.

In Italia, i problemi si aggiungono ai problemi, le polemiche alle polemiche; non possiamo che condividere le parole del Presidente Napolitano e del ministro D’Alema, basta autolesionismo, rimbocchiamo le maniche e togliamo di mezzo il massimo di spazzatura.

In Tunisia, tutto procede con il solito quotidiano impegno, avevamo previsto di dedicare questo numero alle innumerevoli iniziative in  corso, saremo costretti a rimandarlo. Chiediamo venia.

Abbiamo avuto il piacere di incontrare il nuovo Ambasciatore di Tunisia a Roma , appena reduce dall’avere presentato le sue credenziali al Presidente Napolitano, il quale ha ribadito la sua profonda amicizia per la nostra seconda patria. Rinnoviamo i nostri auguri di buon lavoro e la nostra volontà di continuare a collaborare per quanto ci sarà consentito per consolidare e sviluppare sempre più i legami di amicizia fra i nostri due Paesi.

Rimandiamo anche al prossimo numero i nostri propositi circa il rilancio dell’associazionismo e l’eventuale rinascita del Comites Tunisi. Ricordando che l’anno 2008 é importante perché vedrà il rinnovo elettivo di quasi tutte le amministrazioni tuttora esistenti in pratica o in teoria. Con le interviste degli attuali presidenti in carica.

Concludiamo con i nostri cari complimenti al presidente Azzia per i 40 anni di Sicilia Mondo che si prepara molto solennemente a festeggiare a Catania dal primo febbraio;  e con un grazie particolare al nostro caro ex ambasciatore Badra per le sue parole ed i suoi auguri che ricambiamo lieti  di riprendere la nostra "vecchissima" collaborazione.



>> Leggi.....

 657 – 34 [nuova serie] del 15 dicembre 2007

 

Aïd Mabrouk

Buon Natale, Buon Anno

 

Si conclude il semestre portoghese dell'Unione Europea con la solenne firma del trattato che sostituisce (allegerendola) la costituzione bocciata da Francia e Olanda. E' un successo anche  se  se ne  attende  la  ratifica  dei  27. I prossimi semestri del 2008 saranno importanti, soprattutto il secondo (la Francia) che dovranno portare alle elezioni del 2009.

In Tunisia, approvata la finanziaria 2008, ci si prepara con fiducia a fronteggiare l'apertura delle frontiere doganali con l'Unione Europea,  l'anno nuovo e gli innumerevoli e positivi impegni  presi. Ne parleremo ampiamente sul prossimo numero.

In Italia, come sempre  tra mille scogli, il Governo Prodi ha posto la fiducia per l'approvazione della finanziaria 2008.

Siamo più di 3000 e speriamo, come anche scrive il nostro ambasciatore, entro il prossimo anno essere nuovamente considerati cittadini  " à part entière" sia dal CGIE sia dall'amico Santellocco.

Il 2007 come i suoi predecessori volge alla fine. Fra pochi giorni daremo il via al 2008, pieno di incognite e di rispettive notizie buone, medie e cattive. La vita, siatene certi, lo ripetiamo per chi continuerà a leggerci, continuerà.

Consentiteci di soffermarci sulle vicende del nostro (e soprattutto vostro) giornale.  Malgrado le abituali difficoltà, siamo riusciti ad uscire in una nuova veste a colori, ambiziosa ma costosa.

Continueremo a fare del nostro meglio.

Non dovete dimenticare però cari lettori, che il giornale non ha sovvenzioni di sorta e vive UNICAMENTE del contributo dei suoi abbonati e sostenitori e dei sacrifici dei suoi collaboratori.

Un saluto ed un augurio di sempre maggiore prosperità a tutte le associazioni, ai residenti ed alle società italiane che operano in Tunisia.

Ringraziamo tutti coloro che ci hanno espresso la loro solidarietà e la loro simpatia. Ad essi diciamo che il CORRIERE DI TUNISI continuerà come nel passato, ad "esternare il loro pensiero, prerogativa migliore della personalità di un libero cittadino".

Proprio come lo avevamo promesso più di cinquanta anni fa nel nostro primo numero.

Tanti auguri a tutti i nostri lettori ed amici, grazie per la loro fedeltà. Riprenderemo, lo speriamo, il "collier" nel 2008 sempre guidati dal nostro inguaribile ottimismo con un molto affettuoso pensiero al nostro caro Padre Marin di cui abbiamo appreso, purtroppo, la scomparsa con molto ritardo.

 



>> Leggi.....

 656 – 33 [nuova serie] dicembre 2007

 

nostri  problemi

Sul finire del 2006 il Papa era in Turchia, è di questi giorni la  pubblicazione della sua enciclica sulla speranza così come in questi ultimi di novembre si è accesa negli Stati Uniti d’America una luce dopo sessant’anni di ininterrotti e sanguinosi conflitti, per una vera pace tra israeliani e palestinesi. Speriamo in bene.

In Italia prosegue imperterrita la difficile navigazione del governo Prodi e della sua burrascosa coalizione. Anche qui sembra concludersi la dolorosa e inconcludente fase del "muro contro muro" e come Diogene i "leaders" cercano la luce dell’avvenire la quale, a nostro avviso, si trova nel dialogo, nel confronto costruttivo delle idee ma certamen­te non nella ricerca "ad infinitum" di delegittimare l’avversario.

In Tunisia è in dirittura di arrivo la legge finanziaria 2008, notevoli i risultati fin qui raggiunti. Sempre più positivo l’andamento dell’XI° piano di sviluppo. Ci si prepara come in tutti i paesi e famiglie mussulmane a festeggiare l’Aïd El Kebir, ricordo solenne del sacrificio di Abramo.

Rinnoviamo il nostro più caldo Aïd Mabruk.

 

I nostri specifici problemi.

L’anno 2007 volge alla fine e come sempre "la lingua batte dove il dente duole" crediamo necessario scuotere un pochino la dirigenza delle nostre associazioni, alcune, apparentemente, sempre più ibernate, e ci proponiamo di intervistare i vari presidenti in carica per conoscere le loro visioni di avvenire e quelle del sodalizio che presiedono, anche in previsione di una rinascita del COMITES/TUNISI.

Evidentemente non vogliamo alla vigilia delle prossime feste natalizie e di fine anno creare turbamenti. Siamo convinti che dal succo di questi colloqui troveremo sano nutrimento per far nascere o rinascere dinamismo e sinergie a nostro parere fin qui troppo sopite.

Concludiamo ricordando (a chi non lo ha ancora fatto) che gli ab­bonamenti vanno rinnovati e che gli inserti pubblicitari sono indis­pensabili per la sopravvivenza del giornale.

Grazie.



>> Leggi.....

Pagina: Indietro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 Prossima
 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 805 - 156 [nuova serie] 
 :: 804 - 155 [nuova serie] 
 :: 803 - 154 [nuova serie] 
 :: 802 - 153 [nuova serie] 
 :: 801 – 152 [nuova serie] 
 :: 800 - 151 [nuova serie] 
 :: 799 – 150 [nuova serie] 
 :: 798 – 149 [nuova serie] 
 :: 797 – 148 [nuova serie] 
 :: 796- 147 [nuova serie] 
 :: 795 – 146 [nuova serie] 
 :: 794 – 145 [nuova serie] 
 :: 793 – 144 [nuova serie] 
 :: 792 – 143 [nuova serie] 
 :: 791 - 142 [nuova serie] 
 :: 790 - 141 [nuova serie] 
 :: 789 - 140 [nuova serie] 
 :: 788 – 139 [nuova serie] 
 :: 787 – 138 [nuova serie] 
 :: 786 – 137 [nuova serie] 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml