Il Corriere di Tunisi 
68 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Cultura
 616 - Concerto di Antonella Ruggiero al Festival della Medina : quando il canto diventa preghiera E la voce una sorgente di spiritualità

 

 

Il Festival internazionale della Medina e l’Ambasciata d’Italia Sezione Culturale ci hanno offerto il 21 ottobre un splendido spettacolo di musica rappresentato da una delle voci più belle e forti del panorama musicale italiano. Antonella Ruggiero ha cantato, in quel venerdì scorso, come una dea.

Sul palcoscenico del Teatro Municipale di Tunisi ha regnato, come un monarca assoluto, sullo spazio, il tempo e lo spirito del pubblico, affascinato fin dalla prima canzone e portato senza resistenza nel mondo della Ruggiero. Un mondo dove la musica, a volte sacra e a volte profana, porta a orizzonti nuovi: orientali e indiani. Lei lo ha definito “un viaggio”. E così è stato. Un percorso di scoperta musicale, e spirituale, attraverso l’insolito uso della voce, l‘impiego di strumenti musicali orientali, la forte presenza del ritmo e la facilità del passaggio da un repertorio all’altro, da quello di musica sacra a quello di musica profana.

Elemento chiave di questo viaggio è la voce della cantante: un torrente di sensibilità, di profondità, di forza morale e di spiritualità.

L’artista canta come chi prega, con una devozione totale, per  lasciare il mondo terreno e raggiungere quello della spiritualità. Antonella Ruggiero crea un ambiente mistico intorno a lei, un ambiente in cui cattura il “suo” pubblico incantato dai suoi virtuosismi vocali.

La presenza di testi ridotti come parole, la ripartizione studiata del tempo, del canto e della respirazione e la musica sacra è l’insieme pronto a stabilire una comunicazione spirituale tra la cantante ed i suoi ascoltatori.

Questa comunicazione è rafforzata dalla forte presenza della Ruggiero e dalla sua profonda sensibilità scenica che vanno ad aggiungersi alla sorprendente  facilità con la quale usa la sua voce salendo e scendendo lungo le  scale musicali in modo fluido e piacevole.

La stessa facilità la si ritrova nel passaggio dalla lingua italiana a quella latina e a quella indiana. Gli orizzonti che apre questa cantante con le sue capacità vocali sembrano vasti e senza limiti. In questo viaggio meraviglioso la Ruggiero è stata accompagnata dal gruppo Arkè String Project, un gruppo composto da 4 musicisti : Carlo Cantini e Valentino Corvino ai violini, Sandro Di Paolo alla  viola e Stefano Dall’ora al contrabbasso che hanno intrapreso dal 1966 (data dalla sua creazione) un lungo viaggio all’interno dei diversi generi musicali senza pregiudizi, cercando di fare risaltare le qualità che possiedono tutte le espressioni musicali. Certo che il matrimonio tra un gruppo dal genere e la musica multietnica della Ruggiero non può che essere un matrimonio riuscito.

Infatti, i musicisti sono in perfetta sintonia con la cantante. Il loro suono sposa benissimo le modulazioni della sua voce e, anche, il movimento   delle  sue  mani. Tutti e due, cantante e gruppo, si fondono per creare un’atmosfera magica e affascinante fuori dal tempo e dallo spazio.

Per concludere, in quel venerdì sera ci è sentiti sollevati verso il cielo, leggeri come un uccello d’oriente e pronti per esplorare orizzonti  nuovi senza limiti.

 

Antonella Ruggiero

Hanene Zbiss

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 795 -  
 ::  "walls and borders" aTunisi - 20-21 aprile 2010 
 :: 628 - CLAUDIA CARDINALE COPRESIDENTE DEL FESTIVAL TELEVISIVO DI DJERBA PARLA DELLA SUA VITA DI DIVA E DI DONNA 
 :: 623 - 2006 : Anno di Ibn Khaldoun. Programma ricco e vario per celebrare l’evento in tutto il Paese 
 :: 623 - CONCORSO FOTOGRAFICO SULLA TUNISIA 
 :: 622 - Le piume del pavone : A Tunisi dal Lunedì 20 Febbraio al 20 Marzo nel Salone Esposizioni dell'Istituto Italiano di Cultura 
 :: 616 - Concerto di Antonella Ruggiero al Festival della Medina : quando il canto diventa preghiera E la voce una sorgente di spiritualità 
 :: 615 - I concerti dell'ottobre musicale 2005 
 :: 615 - L’avvio dell’Ottobre Musicale 2005  
 :: 614 - Recensione 
 :: 614 - Università per Stranieri di Perugia : un esempio di multiculturalità e di pace 
 :: 613 - FESTIVAL INTERNAZIONALE DI SOUSSE SERATA MUSICALE TUNISO-ITALIANA (Giovedì 11 Agosto 2005) ORGANIZZATA DAL FESTIVAL DI SOUSSE  
 :: 612 - Renzo Piano realizza il “Centro” Paul Klee a Berna : Particolare attenzione all’opera nord-africana dell’artista 
 :: 612 - Luogo magico !... magico concerto!... Riccardo Muti trionfa all’arena di El Jem 
 :: 609 - UN “ALFABETIERE” PER IMPARARE A SCRIVERE IN ARABO 
 :: 608 - CONVEGNO INTERNAZIONALE SULLA “MODERNITÀ DI GEORGE SAND” ALLA FACOLTÀ DI LETTERE DI TUNISI 
 :: 603 - IL RESTAURO NON DEVE ESSERE UNA VIOLENZA 
 :: 606 - IRRAGGIUNGIBILE KAIROUAN 
 :: 604 - "IL MESE DELLA MUSICA" AL CLUB TAHAR HADDAD NEL SEGNO DELLA CREATIVITA' MUSICALE 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml