Il Corriere di Tunisi 
61 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Prima Pagina

 

Il Corriere di Tunisi “online” riporta le principali notizie pubblicate dal giornale distribuito in abbonamento e in vendita in edicola


In “lettere” la voce dei lettori che ci possono scrivere anche via email


 

video



 641 - 18 [nuova serie] dal 1 al 15 febbraio 2007

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Nel mondo a Davos (Svizzera) si riuniscono i rappresentanti dei paesi ricchi e potenti mentre in Kenia si riuniscono i neoglobal, eredi dei terzomondisti. Nel frattempo il clima e lo scempio ecologico di cui siamo tutti vittime, continua a degradare il nostro ambiente di vita.  Tutti vogliono metterci mano, tutti vogliono fermare l'inarrestabile... ma l'egoismo vige.

In Italia continua la navigazione del governo Prodi che malgrado mille difficoltà  sta cercando di attuare i programmi dell'Unione.

In Tunisia, il presidente Ben Alì conferma la sua volontà di rinnovamento e progresso e procede ad un piccolo rimpasto ministeriale nominando Lazhar Bououni, ministro dell'insegnamento superiore, Abdelhakim Bouraoui, segretario generale del governo, Ridha Ben Mosbah, segretario di Stato presso il ministro per la ricerca scientifica, Abderraouf Basti, segretario di stato agli affari esteri, Abdelaziz Rassaa segretario di stato presso il ministro dell'industria, dell'energia e della piccola industria.

Il nostro augurio di buon lavoro.

Sempre in Tunisia, il ministro francese dell'industria  firma quattro convenzioni di cooperazione di grande importanza, per fronteggiare la scadenza 2008.

L'ambasciatore d'Italia Arturo Olivieri, riferendosi  al forum economico tenutosi dal 21 al 23 gennaio, conferma che le relazioni di partenariato italo-tunisino sono eccellenti (al forum dedichiamo il nostro "dossier"). Siamo sempre il n° 2.

Si moltiplicano i rapporti culturali e si opera sempre più positivamente per la diffusione della lingua italiana in questo lembo di terra africana. Bravissimi.

Sul piano associativo, continua a muoversi il Circolo italiano, la SIA procede nel suo lavoro e nella ristrutturazione dei suoi locali, il consiglio di amministrazione della Camera tuniso-italiana di commercio e d'industria  si é riunito il 18 gennaio. (vedi pag. 5).

L'associazionismo italiano nel mondo continua a  cercare la  sua strada così come il CGIE la sua riforma,  il vice ministro Danieli potenzia i rapporti con i 18 eletti all'estero. Tutto da fare o da rifare, speriamo in bene.

Concludiamo ricordando l'importanza e per noi vitale necessità, di vedere rinnovati e moltiplicati abbonamenti ed inserti pubblicitari ed anche, "repetita iuvant", di non dimenticare di inviare comunicati e notizie in tempo utile.

Ringraziamo quanti ci aiutano a sopravvivere con i loro preziosi contributi.

 



>> Leggi.....

 640 - 17 [nuova serie] dal 1 al 15 gennaio 2007

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Con qualche giorno di ritardo, riprendiamo le nostre pubblicazioni. Abbiamo lasciato passare l’Epifania “che tutte le feste si porta via”

Il Presidente Ben Alì, sempre affettuosamente coadiuvato dalla Signora Leila ha formulato i suoi più caldi auguri per l’Aïd ed il nuovo anno amministrativo al popolo tunisino, ai popoli ed ai governanti dei paesi fratelli ed amici, auspicando pace e benessere, tanta prosperità e progresso, accantonando odio e violenza.

Il Presidente Napolitano  nel rivolgendosi agli italiani all’estero ha detto : "Io ho rivolto un augurio per il nuovo anno a tutti gli italiani, a quelli che sono in Patria e a quelli che sono all’estero: questi ultimi sono molto vicini alla mia attenzione, alla mia sensibilità e al mio impegno. Naturalmente, l’impegno è dare risposte che servano al Paese, che facciano progredire e crescere il nostro Paese nel suo insieme e che valgano anche come punto di riferimento per coloro che vivono e operano, talvolta da lungo tempo, lontano dall’Italia”

Di cuore lo ringraziamo.

Dal 21 al 23 gennaio si svolgerà a Tunisi una importantissima missione di imprenditori italiani patrocinata da ICE, CONFINDUSTRIA, ABI ed UTICA. Sono previsti incontri, seminari, visite, saranno anche presenti ASSAFRICA, APREIME ed altre importanti organizzazioni.

Sarà certamente il banco di prova e, forse, il vero battesimo del fuoco del tanto atteso “sportello Italia” di cui troppo poco si é visto. Fioriranno e si svilupperanno sempre più positivamente le iniziative imprenditoriali, culturali in tutti i settori di attività per far si che sia sempre più  potenziato il “made in Italy”.

Sarà importante sapere che cosa farà in questo contesto la Camera Tuniso-Italiana di Commercio ed Industria il cui consiglio di amministrazione dovrebbe riunirsi il 18 gennaio per fissare “definitivamente” e, speriamo, positivamente il suo divenire. Sarebbe peccato vedere naufragare un organismo che vanta più di un secolo di attività in questo paese e che tanto ha fatto e ..potrebbe fare per il potenziamento delle attività economiche ed imprenditoriali italo-tunisine.

Si é concluso il convegno della FUSIE a Udine, la Presidenza del Consiglio italiana ha chiesto un parere su una eventuale e comunque, a nostro avviso, necessaria riforma dell’editoria in lingua italiana nel mondo. Daremo il nostro parere e faremo le nostre proposte.

Se son rose fioriranno.

L’UNAIE riunitasi recentemente nelle sue alte sfere e con tanti altri tenori dell’associazionismo che é anche una gloriosa forma di volontariato cercano di rilanciare, rinnovandoli, vecchi ma perenni valori. In Tunisia, dopo essere stati per decenni (per non dire per secoli) all’avanguardia, siamo un pò ibernati...sarebbe ora di svegliarsi.

Concludiamo ricordando l’importanza e per noi vitale necessità di vedere rinnovati e moltiplicati abbonamenti ed inserti pubblicitari ed anche “ripetita juvant” di non dimenticare di inviare comunicati e notizie in tempo utile.

Ringraziamo nuovamente tutti coloro che ci hanno inviato affettuosi memori saluti, ricambiamo a tutti coloro che non abbiamo potuto raggiungere personalmente.

 



>> Leggi.....

 639 - 16 [nuova serie] dal 16 al 31 dicembre 2006

Buon  Natale - Aïd  Mabruk - Buon   Anno

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Si conclude il semestre finlandese della UE con il dibattito sulla opportunità di congelare i negoziati con la Turchia per farla entrare nel “club” dei  27,  mentre si considera necessaria una maggiore riflessione prima di continuare ad allargarsi attivando e risolvendo le annose questioni relative alla costituzione nonché ricercando i migliori strumenti per agevolare la vita intercomunitaria. Non sarà facile la presidenza tedesca che governerà il primo semestre 2007.

In Tunisia è in dirittura d’arrivo l’approvazione della finanziaria 2006, ambiziosa ed ottimista.

In Italia, clima sempre conflittuale, in eterno contrasto tra ottimisti (maggioranza) e pessimisti (minoranza) la finanziaria 2007 é stata approvata dal Senato e lo sarà senz’altro dalla Camera in terza lettura.

Sul finire del 2003 speravamo essere 3000 ed  avere un COMITES eletto, come nel 1997. Con la delusione di molti, anziché elezioni abbiamo avuto la liquidazione... il COMITES/TUNISI dopo tanti anni di vita é sparito di nome e di fatto.

Ci é stato riferito che molti dirigenti di associazioni si sentono un po’ orfani ed un po’ abbandonati... é un problema che debbono risolvere in seno ai propri sodalizi,

Alla solita richiesta : quanti siamo ?  è stato risposto 2906 dall’ambasciatore Olivieri, ma con tanti “turisti” !!

Il 2006 come i suoi predecessori volge alla fine. Fra pochi giorni daremo il via al 2007, pieno di incognite e di rispettive notizie buone, medie e cattive. La vita, siatene certi, lo ripetiamo per chi continuerà a leggerci, continuerà.

Consentiteci di soffermarci sulle vicende del nostro (e soprattutto vostro) giornale.  Malgrado  le abituali difficoltà, siamo riusciti ad uscire in una nuova veste a colori, ambiziosa ma costosa. 

Continueremo a fare del nostro meglio.

Non dovete dimenticare però cari lettori, che il giornale  non ha sovvenzioni di sorta e vive UNICAMENTE del contributo dei suoi abbonati e sostenitori e dei sacrifici dei suoi collaboratori.

Un saluto ed un augurio di sempre maggiore prosperità a tutte le associazioni, ai residenti ed alle  società italiane che operano in Tunisia.

Ringraziamo tutti coloro che ci hanno espresso la loro solidarietà e la loro simpatia. Ad essi diciamo che il CORRIERE DI TUNISI (Corriere Euromediterraneo) continuerà come nel passato, ad "esternare  il loro pensiero, prerogativa migliore della personalità di un libero cittadino”. Proprio come lo avevamo promesso più di cinquanta anni fa nel nostro primo numero.

Tanti auguri a tutti i nostri lettori ed amici, grazie per la loro fedeltà. Riprenderemo, lo speriamo, il “collier” nel 2007 sempre guidati dal nostro inguaribile ottimismo.

 

E.F.

 



>> Leggi.....

 638 - 15 [nuova serie] dal 1 al 15 dicembre

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Nel mondo poco di nuovo, i conflitti endemici sono sempre endemici, i piccoli colpi di stato militari continuano ad imperversare in certi paesi piccoli e grandi. Le sinistre "rivoluzionarie" vincono le elezioni in numerosi paesi del sud america, Castro non appare per il suo 80° compleanno. A Londra tornano i misteri spionistici di puro stampo “guerra fredda” che si tendeva a dimenticare.

In Europa volge melancolicamente alla fine la presidenza finlandese e la prossima guidata dalla Germania non sembra volare molto alto. L’euro per contro raggiunge quota un dollaro e trentatre...

In Italia, la gran piazza plaude a Roma Berlusconi, a Palermo Casini risveglia speranze democristiane e da il via alla seconda opposizione. Il governo Prodi continua la sua non facile navigazione.

In Tunisia, la finanziaria 2007 in dirittura d’arrivo é come sempre, ambiziosa e piena di prospettive positive. La tassa sui viaggi per i residenti salirà a 60 dinari anziché 45 ogni qualvolta si lascia la nazione per un paese che non appartenga al magreb. Sarà solennemente ricordato il 5 dicembre il martire Farhat Hached. L’UTICA ha confermato Jilani presidente ed anche i suoi dirigenti più dinamici.

Il 2006 volge alla fine e l’ambasciatore Olivieri, come di tradizione, esprime i suoi voti augurali agli italiani quì residenti ed operanti. Il Circolo Italiano moltiplica le sue attività ed invita i soci a rinnovare la quota 2007. La Società Italiana di Assistenza rinnoverà le sue cariche sociali (2006/2007) il 5 dicembre ed il consiglio definirà le linee di attività per l’anno sociale in corso.

La Camera Tuniso-Italiana di Commercio che doveva riunire il suo consiglio di amministrazione il 30 novembre per tracciare chiaramente il suo futuro, ha rinviato al 7 dicembre la predetta riunione. Ne riparleremo. La Scuola italiana di Tunisi ha festeggiato i suoi quarantanni di vita, le dedichiamo il nostro “dossier”. L’Istituto Italiano di Cultura moltiplica le sue brillantissime ed apprezzate attività. L’8 dicembre sarà inaugurata l’attesa mostra dei presepi e per quella data attendiamo la visita dell’On. Cassola "italo-maltese" (eletto sulle liste Europa degli italiani all’estero (Verdi).

La FUSIE ha concluso il suo convegno ed il suo direttivo ad Udine in collaborazione con la regione Friuli, molte discussioni, molti buoni propositi e progetti costruttivi... le decisioni spetteranno al prossimo direttivo o congresso... I1 CGIE a Roma parla di giovani mentre la popolazione italiana é sempre più formata da anziani  anche se con il cuore giovane..

E la nave va .....

Concludiamo e ricordiamo altresì che comunicati ed avvisi debbono pervenirci al più tardi il 5 e il 20 del mese per poter essere pubblicati in tempo e che il giornale, soprattutto in questa nuova veste più costosa, richiede il massimo aiuto dei suoi sostenitori e abbonati (é tempo di pensare al rinnovo per l’anno nuovo).

Ringraziamo quelli che lo hanno già fatto.

 


 


>> Leggi.....

Pagina: Indietro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 Prossima
 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 807 - 158 [nuova serie] 
 :: 806 – 157 [nuova serie] 
 :: 805 - 156 [nuova serie] 
 :: 804 - 155 [nuova serie] 
 :: 803 - 154 [nuova serie] 
 :: 802 - 153 [nuova serie] 
 :: 801 – 152 [nuova serie] 
 :: 800 - 151 [nuova serie] 
 :: 799 – 150 [nuova serie] 
 :: 798 – 149 [nuova serie] 
 :: 797 – 148 [nuova serie] 
 :: 796- 147 [nuova serie] 
 :: 795 – 146 [nuova serie] 
 :: 794 – 145 [nuova serie] 
 :: 793 – 144 [nuova serie] 
 :: 792 – 143 [nuova serie] 
 :: 791 - 142 [nuova serie] 
 :: 790 - 141 [nuova serie] 
 :: 789 - 140 [nuova serie] 
 :: 788 – 139 [nuova serie] 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml