Il Corriere di Tunisi 
81 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Prima Pagina

 

Il Corriere di Tunisi “online” riporta le principali notizie pubblicate dal giornale distribuito in abbonamento e in vendita in edicola


In “lettere” la voce dei lettori che ci possono scrivere anche via email


 

video

  



 798 – 149 [nuova serie]

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Marte, dio romano della guerra, sembra reincarnarsi nel nome del mese a lui dedicato: dal tentativo di destabilizzazione della Tunisia dopo i tragici fatti di Ben Gherden, città di confine con la Libia e dopo gli ultimi attentati in Turchia ed in Costa d'Avorio, marzo sta seminando morte ovunque anche in paesi che finora non erano stati colpiti dal terrorismo. L'arresto di un individuo in Italia che paventava una strage alla stazione di Roma Termini conferma anche che il terrorismo può colpire ovunque e che non possiamo sentirci indifferenti o protetti da un altrove della violenza. La violenza è all'angolo della nostra strada, violenza che spinge le popolazioni a fuggire e che non trovano nella "civilissima" Europa una protezione che ne assicuri la salvezza. Un'altra guerra è quella dei fuggitivi, quelli che trovano la morte nel mare "nostrum" o che, accalcati alle nostre frontiere, vivono in condizioni di subumanità.

Ma la cosa forse più indegna è il populismo che fa eco a queste tragedie: dalla paura dell'invasione degli stranieri alla paura d'invasione dei nostri mercati di prodotti non autoctoni (basti pensare alla polemica in Italia sull'olio d'oliva tunisino. Un vento di intolleranza soffia sul malcontento popolare spostando le vere problematiche della gente, tra le quali spiccano la recessione economica e la disoccupazione, verso chiusure culturali e politiche che non portano a nulla di positivo, tantomeno a quelli che ne subiscono il fascino. Ci sembra, al di là delle false ideologie del complotto che ci stiamo muovendo su un tracciato in cui il caos fisico, materiale e intellettuale, sia il fine ultimo verso il quale le strade convergono o le stanno facendo convergere ma, soprattutto, ed è forse la cosa più grave, ci sembra che il dualismo ordine/caos stia maggiormente riaffiorando, operando l'insidiosa equazione in cui si scivola da ordine in autoritarismo e da caos in guerra di tutti contro tutti. Nessun potere ha oggi la capacità di prevalere su altri e se questa fosse mai stata in sè una cosa positiva per permettere un riequilibrio delle forze nel mondo, in realtà, sta conducendo a all'esplosione di focolai di guerra attizzati dagli uni o dagli altri, un processo senza fine: che non conviene a nessuno. E i popoli pagano con la morte, distruzioni, esodo: tutti si sentono minacciati ed insicuri in un mondo che fa del domani un'incognita che rischia di compromettere il lungo "fiume tranquillo" dell'esistenza!

In un editoriale del giornale "Le Monde", scritto dopo l'attacco jihadista alla cittadina del sud tunisino Ben Gherden, l'editorialista denunciava la politica cieca degli Europei e pur scartando l'ipotesi di un'operazione militare europea su larga scala in Libia che

aggiungerebbe "caos al caos", afferma la necessità di far del "fronte tunisino" una "priorità assoluta" dell'Unione Europea invocando l'urgenza di convocare una riunione europea dedicata alla Tunisia, seguita da una "conferenza degli investitori europei" per evitare che si riproducano altre Ben Gherden e conclude affermando che l'accecamento degli Europei rispetto alla posta in gioco in Tunisia è "patetico, esasperante". In effetti, la Tunisia che finora si è difesa dall'attacco jihadista con grande valore, potrebbe davvero resistere di fronte ad altri attacchi del genere in mancanza di una reale e decisa posizione dell'Europa a difesa del suo territorio? Si continuerà a deplorare questo tipo di azioni terroristiche sostenendo genericamente la Tunisia o ci sarà realmente la volontà di salvaguardarla? Da questo dipenderà il suo futuro.

Marzo, è anche simbolo della Festa della donna, che quest'anno in Tunisia specialmente, è stato festeggiato con vari incontri nei quali le donne hanno rivendicato una maggiore attenzione sulle violenze subite in ambito familiare e non solo e sulle profonde contraddizioni che ancora lacerano il mondo femminile tra volontà di parità e custodia della tradizione. Come mantenere l'equilibrio tra modernità e tradizione, tra volontà di parità e credo religioso: questa è la sfida per un futuro democratico del paese, nel quale il ruolo della donna sarà la pietra miliare del progresso.

Nel marzo del 1956 si dichiarava l'Indipendenza tunisina, oggi più che mai da festeggiare poichè realmente a rischio a sessant'anni dalla sua proclamazione. E nello stesso mese e anno nasceva il Corriere di Tunisi che oggi compie 60 anni di vita. Il primo numero fu concomitante alla dichiarazione d'Indipendenza che festeggeremo dal 20 al 22 aprile. Anche in Italia la Tunisia è all'onore nelle Università La Sapienza di Roma e di Messina rispettivamente il 7 ed il 15 marzo. L'Ambasciatore tunisino Mestiri che ha aperto i lavori alla Sapienza in un italiano perfetto, ha fatto un intervento di grande interesse e di profonda umanità sui legami storici tra Italia e

Tunisia.

Il 15 marzo Tunisi ospita l'On. Amendola, sottosegretario agli Esteri in visita di stato: un segno importante dell'interesse dell'Italia nei confronti della Tunisia.

Nel mese di marzo sarà festeggiata la Pasqua cristiana: auguriamo a tutti i cristiani gioia, serenità, e resurrezione della pace!

Abbiamo voluto dedicare questo numero del giornale alla scomparsa di Umberto Eco con un'attenzione particolare all'impatto del suo pensiero sul mondo arabo. Ci è sembrato, che fosse doveroso porgere un ultimo omaggio a questo grande scrittore il cui pensiero non può lasciarci indifferenti ed al quale dobbiamo innumerevoli opere da cui abbiamo tratto un insegnamento importante: diffida da colui che in nome della Verità è disposto a tutto anche ad ucciderti!

 


 


>> Leggi.....

 797 – 148 [nuova serie]

 

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Un mediterraneo insanguinato per chi vive la guerra, per chi la fugge, per chi la teme!

Ogni giorno si addizionano i morti, odio ed incomprensioni sono amplificati ed ad un focolaio di violenze se ne aggiunge sempre un altro, più vicino, più temibile!

Le minacce di guerra sulla Libia si precisano con l’affermarsi dell’Isis da una parte, l’incapacità di trovare un accordo politico tra le varie fazioni che si contendono il paese ed una Tunisia che teme il dilagarsi del conflitto al confine o entro le sue frontiere. Varie e contraddittorie sono le posizioni che si susseguono: dall’interventismo alla soluzione politica, dall’attacco aereo mirato delle grandi potenze alla guerra vera e propria quali saranno le strade che si seguiranno e quali ne saranno le conseguenze specie in Tunisia?

La Tunisia conscia dell’eminente pericolo sta tentando di securizzare al meglio le sue frontiere anche se l’esercito, malgrado gli ultimi reclutamenti di migliaia di giovani, non ha le forze necessarie per arginare attacchi alle sue frontiere. Il rischio terroristico sarebbe in caso di guerra molto elevato ma anche quello di un esodo massiccio di libici che già in questi ultimi giorni hanno cominciato ad affluire alle sue frontiere. Il paese cerca di premunirsi ma nel contempo prende posizione con l’Algeria contro la guerra in Libia.

L’Europa ha in un primo tempo spinto le varie fazioni libiche a trovare un accordo politico ma il fallimento del processo che doveva permettere una forma di stabilità con il rifiuto del 25 gennaio scorso del Parlamento libico riconosciuto dalla comunità internazionale di riconoscere il governo d’unione nazionale, ha creato le premesse di interventi i cui esiti sono alquanto incerti.

I paesi africani e non solo la Tunisia e l’Algeria ma anche il Tchad, il Niger, il Sudan e l’Egitto temono che il mancato accordo tra le varie fazioni libiche porti ad un escalation del terrorismo nei loro paesi e vorrebbero che si affrontasse la questione del terrorismo in maniera concertata . Il 17 dicembre quando ancora si sperava in una soluzione politica, il Ministro agli esteri nigeriano, Aicha Boulama Kane, affermava « La sicurezza regionale e globale dipende dall’accordo tra Libici, quindi Signori libici, andate avanti nei negoziati per la pace tra di voi. Quando l’Isis s’infiltra nel sud della Libia, s’infiltra anche nei nostri paesi.”

Nell'articolo “Libia, un caos annunciato”del giornale algerino L’Eco News, il cronista afferma che “le dichiarazioni degli Stati Uniti, della Francia e dell’Italia riguardanti i preparativi per un intervento militare in Libia, annunciano tempi oscuri per l’insieme della regione...Questo intervento azzardato avrebbe come effetto di aggravare le violenze tra fazioni ed altri gruppi armati ed opprimere le popolazioni civili già martoriate e portarci verso un periodo di turbolenze in tutta la zona e questo per una lunga durata.”

D’altra parte l’Isis consolida la sua presenza nel paese specie a Sirte, l’ex feudo di Kadhafi dove la popolazione ha disertato la città dopo gli atti di violenza subiti, passando così da una tirannia ad un’altra tirrania più sanguinaria.

Come interpretare il raid americano del 19 febbraio contro un covo terrostico djihadista che ha fatto una cinquantina di vittime la maggior parte tunisini ma anche di due ostaggi serbi? E vero che tra i terroristi c’erano le menti dell’attentato del Bardo e di Sousse? Inizio di guerra, intervento mirato? Che ne pensano i libici? Questi i tanti interrogativi che per il momento rimangono tali e che ci mantengono in una situazione di “sospensione del nostro giudizio” ma di grande inquietudine per il prossimo futuro.

A Tunisi intanto la vita continua. L’ambasciata italiana tra pochi giorni traslocherà a Mutuelleville nell’attesa di vedere ultimati i lavori di costruzione della sua nuova sede al Lac. I membri del Comites si sono riuniti con il Console Canino per discutere di programmazione di eventi, di vendita di beni immobiliari italiani in Tunisia e la loro trasferibilità in valuta estera, di un necessario intervento di funzionari INPS per chiarire le questioni legate alla previdenza ed alla sanità, dell’ottenimento e della durata della carta di soggiorno per i nativi, agli italiani/e coniugati/e a tunisine/i che dovrebbero poter usufruire di una carta di soggiorno illimitata ecc. Pubblicheremo nel prossimo numero l’ultimo verbale della riunione.

Al Corriere ci prepariamo intanto a festeggiare in aprile il sessantesimo anniversario del giornale con la presentazione di un libro “Storie e testimonianze politiche degli italiani di Tunisia” con il sostegno dell’Ambasciata e dell’Istituto Italiano di Cultura e con proiezione di film, mostra e incontri... per la prima volta senza il suo direttore Elia a cui questo anniversario sarà dedicato.

 


 


>> Leggi.....

 796- 147 [nuova serie]

 

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Le relazioni tra Tunisia ed Italia sia dal punto di vista economico che politico e culturale si vanno intensificando dopo la firma di un Memorandum bilaterale d'intesa fra la Camera dei Deputati e l'Assemblea dei Rappresentanti tunisina e la visita del sindaco di Firenze Dario Nardella a Tunisi.

L'incontro tenutosi giovedi 28 gennaio presso la Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio a Roma su "Italia-Tunisia. Insieme per la democrazia" promosso dalla Presidente Boldrini ed in presenza del Presidente dell'Assemblea dei Rappresentanti del Popolo tunisino, Mohamed Ennaceur, quello a Tunisi di costituzionalisti delle due rive per discutere di costituzione e democrazia, la presenza del sindaco Dario Nardella che ha firmato un accordo di cooperazione con il sindaco di Tunisi, Seifallah Lasram, i vari convegni che in Italia ed in Tunisia si stanno preparando per marzo ed aprile e che vedranno protagonista la Tunisia nelle Università di Messina (15/16 marzo), di Catania (17/19 marzo), della Sapienza con un convegno dal titolo "Non più a sud di Lampedusa Italia e Tunisia: transiti, sguardi, contaminazioni mediterranee" (7 marzo), la preparazione di incontri per il 20/21 aprile in occasione del sessantesimo del Corriere di Tunisi, sono segnali importanti dell'interesse che, sia in ambito politico che accademico, l'Italia sta rivolgendo alla Tunisia, in un momento cruciale della sua storia, scossa ancora dalla fragilità di una democrazia nascente e dilaniata dai problemi sociali, dalla corruzione e dal terrorismo. Come ha sottolineato Massimo Toschi, consigliere del Presidente della Regione Toscana per il dialogo, la pace e lo sviluppo sostenibile " la partita per il Mediterraneo è unica" perché interessarsi alla Tunisia significa anche interessarsi all'Italia poiché "se si perde in Tunisia, si perde tutti. L'acqua del mare non ci salva, il mare in questo caso ci affonda… perché se il terrorismo vince in Tunisia, vince in Europa. Non possiamo pensare a due pesi, due misure". Se in effetti, uno sforzo congiunto in tutti i settori è oggi più che mai auspicabile, è necessario anche che le misure economiche e sociali accompagnino effettivamente questo processo democratico, messo in continuo in crisi da un'instabilità ormai divenuta cronica in tutti i settori e che danno adito al terrorismo. I problemi dell'insicurezza se debbono essere una priorità assoluta del governo tunisino non debbono però occultare le necessarie riforme, la finalizzazione di organi giuridici super partes che garantiscano effettivamente l'applicazione delle norme costituzionali. Un patto nazionale che segua programma ed obbiettivi comuni, chiaro e inequivocabile a tutti i cittadini, ridarebbe una maggiore fiducia nell'avvenire ai tunisini. La lotta alla corruzione in tutti i settori è una delle priorità che deve necessariamente accompagnare quella al terrorismo ma egualmente si deve combattere questa forza d'inerzia che sta contagiando il mondo del lavoro creando questo blocco delle istanze decisionali che paralizza il paese. Occorre anche e finalmente mettere le mani sul decentramento per permettere alle regioni in particolare difficoltà di cominciare ad uscire dal tunnel dell'esclusione nel quale ormai da decenni vivono. Certo è facile dire che bisogna fare una cosa ma meno facile attuarla ma se si continua a non adottare misure programmatiche che comincino a smuovere le acque torbide nelle quali ci troviamo, la situazione degenera rapidamente come lo abbiamo visto in queste due ultime settimane accendendo fuochi che dilagando vanno anche ben oltre la protesta sociale mettendo a rischio la Tunisia stessa. Le varie teste che governano il paese collaborano all'instabilità poiché il tunisino si chiede chi effettivamente tira le fila. I dissapori tra i rappresentanti della maggioranza non fanno che enfatizzare questo sentimento ormai diffuso nella popolazione tunisina che la politica nazionale è retta da meri egocentrismi politici per cui ridare fiducia con misure concrete per far ripartire il paese diventa vitale sia per il mondo delle imprese che per i lavoratori.

Con le diverse scissioni del partito Nidaa Tunes e la costituzione di un nuovo blocco parlamentare dissidente si complica ulteriormente la situazione politica già complessa. In questo clima teso, la Tunisia ha festeggiato il suo quinto anniversario della Rivoluzione, tra disillusioni e polemiche. La contestazione sociale, a poche settimane dai festeggiamenti ne è la tragica testimonianza. Il problema non è tanto trovare soluzioni miracolo ma avere capacità programmative poiché come dice Marc Augé nel suo libro "Il futuro ha un avvenire?", il vero dramma della nostra contemporaneità è che, mentre per il passato l'avvenire era sinonimo di speranza oggi "un presente immobile si è abbattuto sul mondo disattivando l'orizzonte della Storia e dei riferimenti temporali delle generazioni… L'avvenire sembra essere sparito."

 

 


 


>> Leggi.....

 795 – 146 [nuova serie]

 

 

 

IL MESSAGGIO DI FINE ANNO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA [pdf]

 

nostri problemi

 

Molti hanno voluto leggere la coincidenza della nascita del Profeta Mohamed e di Gesù Cristo quest'anno come un segno di necessaria fratellanza tra Islam e Cristianesimo, come se il festeggiamento del Mouled quest'anno combaciando con la vigilia di Natale fosse un segno inequivocabile di una nuova comunione spirituale che unisce in un destino unico le creature del Signore. Gli uomini, attraverso queste due simultanee nascite, potrebbero così rinascere a loro stessi, uniti simbolicamente da un messaggio di comune speranza nell'avvento di tempi migliori per l'umanità tutta.

In un contesto di rinnovato odio razziale, marginalizzazione e criminalizzazione del diverso, questo messaggio di pace, unito da un unico destino, appare agli occhi di credenti e non credenti come un tentativo virtuoso di ridare senso all'universalità dell'essere, occultato da tutti coloro che vedono nell'annientamento fisico, materiale, culturale e spirituale dell'altro, la ragione stessa della loro volontà di dominazione.

Ma le piccole e grandi guerre permangono malgrado i tentativi di stabilizzazione da parte delle potenze nella loro volontà di  risolvere "la crisi siriana" ma anche quella irachena, che ormai imperversano nella regione da anni: in questo tentativo di risoluzione, il gioco delle parti rimane offuscato dai tentativi di far prevalere un campo a scapito dell'altro e chi assiste passivamente a questa guerra e pace, non riesce realmente a dare risposte alle domande che lo assillano: chi combatte realmente il terrorismo, come è stato possibile il suo dilagarsi così rapidamente, chi sta con chi, perché chi sostiene la transizione democratica in Siria ha tra i suoi alleati paesi che tutto sono fuorché democratici, qual è il senso di questo fronte islamico contro El Assad capeggiato dall'Arabia Saudita, guerra interposta tra sunniti e chiiti, quale ruolo ha la Turchia in questo conflitto e perché la sua presenza militare in Irak, qual è la posizione di Israele in questo conflitto,  quali sono gli interessi dell'Europa, Stati Uniti e Russia nella regione ma soprattutto chi sta con chi e per quali motivazioni?

Per noi che viviamo in Tunisia, lo spostamento di molti combattenti di Daesch in Libia costituisce un'ulteriore fonte di preoccupazione e di minaccia al precario equilibrio del paese. E' chiaro che la pacificazione (ma come e a quale prezzo?) della Libia avrebbe risultati positivi anche per i suoi vicini.

In questo scenario confuso e difficilmente leggibile, appare chiaro che così come per le politiche nazionali gli schieramenti tradizionali sono in crisi profonda, così gli schieramenti internazionali non obbediscono più alle logiche politiche alle quali eravamo soliti aderire o meno. Il cittadino ha perciò grandi difficoltà a posizionarsi ed anche gli intellettuali, in nome della complessità, non riescono più ad avere un ruolo organico, lasciando lo spazio a populismi che ormai stanno imperversando un po' ovunque. L'abbandono della politica rischia così di essere molto pericoloso per il futuro dei popoli ma in primis per le democrazie ed i diritti dell'uomo.

In Tunisia, l'arresto di giovani condannati ad una pena coatta per omosessualità costituisce un ulteriore graffio alla democrazia. La società civile continua a denunciare questi continui attacchi alle libertà fondamentali e nel contempo si stupisce che i discorsi d'odio continuano ad essere impuniti mentre vengono perseguitati i diritti individuali.

Il partito al potere è in crisi: la dimissione del suo segretario ne è l'espressione a cui ha subito seguito la nascita/rinascita di nuove/vecchie formazioni politiche che tentano di accaparrarsi tutti quei delusi della politica tunisina nella quale il cittadino aveva sperato tanto per permettere al paese, in primis, di uscire dalla crisi economica nella quale è sprofondato.

Ma siamo alla fine dell'anno e come ci cantava Lucio Dalla "l'anno vecchio è finito ormai ma qualcosa ancora qui non va. Si esce poco la sera compreso quando è festa e c'è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra... Ma la televisione ha detto che il nuovo anno porterà una trasformazione e tutti quanti stiamo già aspettando, sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno, ogni Cristo scenderà dalla croce anche gli uccelli faranno ritorno..."

Ma ironia messa a parte, tanti auguri per l'anno 2016, sperando che porti un po' più di pace e di serenità! Tanti auguri a tutti!

 


 


>> Leggi.....

Pagina: Indietro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 Prossima
 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 805 - 156 [nuova serie] 
 :: 804 - 155 [nuova serie] 
 :: 803 - 154 [nuova serie] 
 :: 802 - 153 [nuova serie] 
 :: 801 – 152 [nuova serie] 
 :: 800 - 151 [nuova serie] 
 :: 799 – 150 [nuova serie] 
 :: 798 – 149 [nuova serie] 
 :: 797 – 148 [nuova serie] 
 :: 796- 147 [nuova serie] 
 :: 795 – 146 [nuova serie] 
 :: 794 – 145 [nuova serie] 
 :: 793 – 144 [nuova serie] 
 :: 792 – 143 [nuova serie] 
 :: 791 - 142 [nuova serie] 
 :: 790 - 141 [nuova serie] 
 :: 789 - 140 [nuova serie] 
 :: 788 – 139 [nuova serie] 
 :: 787 – 138 [nuova serie] 
 :: 786 – 137 [nuova serie] 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml