Il Corriere di Tunisi 
110 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Prima Pagina

 

Il Corriere di Tunisi “online” riporta le principali notizie pubblicate dal giornale distribuito in abbonamento e in vendita in edicola


In “lettere” la voce dei lettori che ci possono scrivere anche via email


 

video

  



 758-107 [nuova serie]

  

 

L'AMBASCIATORE D'ITALIA IN TUNISIA PIETRO BENASSI, A NOME DELLA COLLETTIVITÀ, SALUTA IL CAPO DELLO STATO GIORGIO NAPOLITANO

 

La visita del Presidente della Repubblica a Tunisi, il 16 e 17 maggio prossimi, rappresenta un momento di grande importanza e valore nelle relazioni tra l’Italia e la Tunisia ed un motivo di orgoglio per la collettività italiana qui residente.

Volentieri affido alle pagine della storica testata de “Il Corriere di Tunisi”, che da poco ha festeggiato il suo 57mo anniversario, il nostro saluto corale al Capo dello Stato, il Presidente Giorgio Napolitano.

La visita del Presidente rappresenta l’apice dell’intenso dialogo politico vissuto dai due Paesi nel corso di questa prima, storica fase della transizione democratica in Tunisia e il suggello alla storica amicizia tra le due popolazioni. Già dall’indomani della rivoluzione, infatti, molto fitto è stato il numero di incontri politici tra i due Paesi. Ancora di recente il Capo del Governo tunisino si è recato a Roma per incontri al più alto livello, compresa una visita allo stesso Capo dello Stato. In questi mesi abbiamo assistito anche all’intensificarsi delle visite di importanti esponenti dell’imprenditoria, del mondo della cultura e della ricerca. E’ stato e continuerà ad essere l’infittirsi di quella trama antica e solida rappresentata dai contatti tra le rispettive società civili e tra gli esponenti delle nostre Istituzioni. Una trama che si è sempre giovata di quella mutua percezione di naturale integrazione rappresentata dalle rispettive collettività espatriate.

La comunità italiana in Tunisia ha accompagnato per secoli la storia di questo Paese. Ne ha vissuto le pagine più significative e ne ha condiviso i passaggi più difficili, con un senso di identificazione mai contraddetto dal giusto e doveroso sentimento dell’italianità, orgogliosamente mantenuta e rivendicata quale veicolo di arricchimento e mai di contrapposizione con questa società che ci aveva accolto.

I giorni della Rivoluzione ed i mesi che hanno seguito questo storico passaggio  hanno confermato ancora una volta la profonda conoscenza del Paese dei connazionali qui residenti, frutto di una cultura radicata nell’operosità, nel senso dell’equilibrio e nella volontà di partecipare allo sviluppo di questa terra. Un costante rafforzamento dell’amicizia con la popolazione che ci accoglie e che dà quotidiana dimostrazione della simpatia che nutre nei nostri confronti. La comunità italiana, composta anche di quegli imprenditori che numerosi hanno investito risorse ed energie nel corso degli anni, ha dato il senso di un nucleo storico, determinato e seriamente intenzionato a continuare a scommettere sulla crescita di un Paese che, attraverso la “libertà e la dignità”, intende vedere associato l’auspicato sviluppo ad una sua più equa ripartizione, soprattutto verso le aree più svantaggiate.

Di tale determinazione sono stato personalmente testimone e ho spesso ricevuto da parte delle autorità di questo Paese, anche al più alto livello, convinto e sincero apprezzamento.

Una solida eredità lasciata dai primi emigrati e mantenuta da coloro che per generazioni hanno fatto della Tunisia la loro terra di elezione. Di tutto questo il “Corriere di Tunisi” è stato da 57 anni espressione appassionata, portando avanti quel filo conduttore che ha legato gli italiani di Tunisia tra di loro e con la realtà che li ospitava. In questa meritoria azione di collegamento il Corriere di Tunisi ha fatto fronte, e continua a farlo, anche a momenti non facili. La determinazione di chi vi lavora ogni giorno è il migliore viatico per il futuro del giornale. Ma è auspicabile anche che formule associative o singole di sostegno, là dove esistenti, possano contribuire a conservare anche questa bella tradizione.

Il Presidente Napolitano ben conosce la realtà, anche migratoria, di questo Paese. Illustri esponenti di questa collettività hanno con lui condiviso in passato momenti qualificanti del suo impegno politico.

Il Capo dello Stato porterà, dunque, a Tunisi, con tutta la sua grande autorevolezza, il senso di questa collaborazione bilaterale, dell’amicizia duratura e del retaggio storico, che ci vede anche in chiave europea, quale Stato membro sensibile alle istanze crescenti di collaborazione tra la UE e la Tunisia.

A nome di tutta la collettività italiana presente in Tunisia desiderò dunque esprimere il più caloroso saluto al nostro Capo dello Stato.

 

Benvenuto Signor Presidente !

Pietro Benassi

   Ambasciatore d’Italia  in Tunisia 


Numero speciale per il benvenuto al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con l'omaggio a Maurizio Valenzi riportato in Dossier.

 



>> Leggi.....

 757 – 106 [nuova serie]

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Questa seconda quindicina di aprile ha visto svolgersi in Europa il primo turno delle elezioni francesi con una vittoria del candidato socialista Hollande ed una forte affermazione del "Front National". La battaglia per il secondo turno si concluderà il 6 maggio prossimo.

Elezioni si svolgeranno in Grecia ed in altri paesi europei, rimane sempre agitato il clima in Nord Africa, in Egitto, nel Medio Oriente sopratutto in Siria, ed anche in Africa, ove le lotte d'influenza sono senza tregua, il tutto sovrastato dall'attesa dell'esito delle elezioni USA.

Saranno delle trasformazioni epocali, eravamo un miliardo due secoli orsono, siamo più di sette miliardi oggi, lo spreco pauroso delle risorse umane e l'egoismo di pochi rischia, se non si reagisce positivamente in tempo, di portarci al baratro.

Per i nostri specifici problemi, il great event è stato il rinnovo del Consiglio elettivo della CTICI, mai visti tanti soci partecipare, il neo Consiglio eletto ci sembra animato di grande buona volontà, in questo numero ci limitiamo a fare una retrospettiva storica della Camera e rinnoviamo i nostri auguri di successo agli operatori tunisini per l'Italia ed italiani per la Tunisia, i quali ne hanno un grande bisogno.

Nel prossimo numero che sarà fatto in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura, daremo notizie di grandissima importanza e pubblicheremo un volume sui 150 anni dell'Unità d'Italia ed un catalogo sulla vita e le opere di Maurizio Valenzi, un grande italo-tunisino.

Non mancheremo di precisarvi e forse definitivamente svelarvi il nostro progetto editoriale, purtroppo i tempi della conclusione della ristrutturazione della nostra sede storica non potranno oggettivamente essere conclusi prima del 30 giugno prossimo.

Ricordiamo che noi, per quanto possibile, permetteremo sempre "a voi tutti di esternare il vostro pensiero, prerogativa migliore della personalità di un libero cittadino".

Aiutateci, continuate ad aiutarci.

 


 


>> Leggi.....

 756 – 105 [nuova serie]

 

NOSTRI PROBLEMI

Questo n°105 del Corriere di Tunisi coincide con il 56° compleanno della ritrovata indipendenza della Tunisia e l'inizio del 57° anno di ininterrotta pubblicazione in questa terra che ha visto arrivare "profughi" in richiesta di asilo, i nostri antenati quasi due secoli orsono, con le loro idee di progresso e libertà ma anche con i ferri del mestiere. Non possiamo, né vogliamo dilungarci, gli innumerevoli volumi che ripercorrono e narrano la storia degli italiani, ma anche di quelli che si sono stabiliti in questo amato paese, meritano a nostro avviso attenta lettura. Per consuetudine e rispetto ricordiamo che l'avvenire si costruisce sul passato, sempre cercando di riparare gli errori commessi e di migliorare il buon lavoro fatto.

Le trasformazioni epocali che stiamo vivendo, il fatto che nel '900 gli abitanti della Tunisia erano meno di due milioni, tra i quali 1.500.000 musulmani , circa 300.000 cristiani di varia origine etnica (italiani, francesi, maltesi, greci, britannici, etc.), 150.000 ebrei (in maggioranza tunisini, ma con forti nuclei di nazionalità italiana, francese, britannica, etc) ed altre etnie religiose e politiche.

I Russi "bianchi" arrivarono nel 1917, chiesero asilo e formarono una collettività attiva e presente, i repubblicani spagnoli furono accolti nel 1937 ed anch'essi portarono attività, lavoro ed ingegno. Ogni gruppo contribui' con la sua partecipazione e cooperazione tecnica allo sviluppo ed alla prosperità propria e collettiva, promuovendo innumerevoli opere sociali ed economiche.

Oggi in Tunisia vivono più di dieci milioni di abitanti, la stragrande maggioranza è musulmana, mentre gli altri gruppi religiosi sono molto meno numerosi, ma sempre bene accetti vivendo nell'assieme in un clima di civile convivenza. La popolazione tunisina è molto giovane, profondamente segnata dalla disoccupazione e dal malgoverno di questi ultimi due decenni. Siamo convinti che il nostro modesto contributo possa continuare ad essere utile.

Avevamo promesso di indicarvi la nostra sopravvivenza (economica), lo promettiamo ai nostri abbonati, sostenitori, inserzionisti e soprattutto a coloro che hanno aderito alle nostre richieste riservando spazio per valorizzare le loro attività, culturali, economiche, sociali, etc. Non siamo ancora in grado di precisare periodicità e taglio editoriale, questo rientra nell'ambito della ristrutturazione in atto sia della nostra sede storica sia dell'evoluzione del nostro giornale che deve guardare al passato, al presente e all'avvenire.

Malgrado infinite difficoltà manteniano intatto il nostro motto "non ammainare", lasciando al destino il compito di quando tirare i remi in barca.

 


 


>> Leggi.....

 755 - 104 [nuova serie]

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Questa volta scriviamo unicamente di cose nostre, il mondo continuerà a ruotare.

E’ pero’ certo che in Italia inizia una nuova era . Il tempo della dittatura della maggioranza schiacciante e dell’opposizione che sbraita inascoltata è, a nostro avviso, definitivamente superato. Il nuovo governo dovrà governare ascoltando la maggior parte e non solo parte dei cittadini, altrimenti fallirà il suo compito.

Abbiamo visto in queste passate legislature, dei presidenti istituzionali eletti con un pugno di voti , governare con saggezza il loro settennnato. Noi auspichiamo “larghe intese”, il paese lo chiede, l’Italia ne ha bisogno e sarebbe molto saggio farlo. Chi vivrà vedrà.

I nostri specifici problemi

Parafrasando quanto ci scriveva un caro amico quando parlava del nostro lavoro per valorizzare “...quel «made  in Italy» che tanta parte ha avuto ed ha nello sviluppo economico . Avete i vostri rappresentanti parlamentari. Mi auguro che, al di là delle defatiganti e rissose vicende politiche nazionali, sappiano ottenere il giusto riconoscimento per chi, scrivendo, facendo televisione o radio, tengono alto il nome dell’Italia all”estero”.

 La Camera Tuniso-Italiana di Commercio ed Industria ha approvato il nuovo statuto e dunque dovrà eleggere il prossimo 29 marzo, in modo paritario, i suoi amministratori.

Il Circolo Italiano continua, menomale, ad essere centro di coaugulo e incontro per “tutti” intensificando sempre più le sue attività.

La Società Italiana di Assistenza deve attuare il piano di rilancio deciso durante l’assemblea generale al fine di rimpinguare le casse con le sue tradizionali grandi iniziative benefiche un po’ dimenticate ed annacquate in questi ultimi tempi, per tante giuste ragioni.

La Società Sportiva Aurora, la quale doveva vedere le sue attività e le sue proposte illuminare l’avvenire sportivo dei nostri giovani e meno giovani, in seguito all’aggiornamento delle disposizioni legislative degli statuti, ed in seguito alle assemblee straordinaria  e ordinaria, si è chiusa purtroppo in un silenzio debilitante. Ci auguriamo di prendere al più presto conoscenza del suo nuovo programma ludico-ricreativo.

Crediamo di aver fatto il giro e giriamo il quesito agli amministratori attualmente in carica: che intendete fare? Due parole, non dette ma torneremo in argomento, sul “distretto” Tunisia di cui tanto si attendeva  e si attende per il potenziamento del “made in Italy”.

Dulcis in fundo, parliamo della nostra testata, speriamo entro marzo di definire realmente la nostra  sopravvivenza e la nostra periodicità.

Con il nostro “inguaribile ottimismo” proseguiamo attivamente alla ristrutturazione della nostra sede storica del 4 Rue de Russie.

 


 


>> Leggi.....

Pagina: Indietro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 Prossima
 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 805 - 156 [nuova serie] 
 :: 804 - 155 [nuova serie] 
 :: 803 - 154 [nuova serie] 
 :: 802 - 153 [nuova serie] 
 :: 801 – 152 [nuova serie] 
 :: 800 - 151 [nuova serie] 
 :: 799 – 150 [nuova serie] 
 :: 798 – 149 [nuova serie] 
 :: 797 – 148 [nuova serie] 
 :: 796- 147 [nuova serie] 
 :: 795 – 146 [nuova serie] 
 :: 794 – 145 [nuova serie] 
 :: 793 – 144 [nuova serie] 
 :: 792 – 143 [nuova serie] 
 :: 791 - 142 [nuova serie] 
 :: 790 - 141 [nuova serie] 
 :: 789 - 140 [nuova serie] 
 :: 788 – 139 [nuova serie] 
 :: 787 – 138 [nuova serie] 
 :: 786 – 137 [nuova serie] 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml