Il Corriere di Tunisi 
67 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Prima Pagina

 

Il Corriere di Tunisi “online” riporta le principali notizie pubblicate dal giornale distribuito in abbonamento e in vendita in edicola


In “lettere” la voce dei lettori che ci possono scrivere anche via email


 

video

  



 762 - 111 [nuova serie] - settembre 2012

 

 

NOSTRI PROBLEMI

Scrivere un editoriale a qualche ora/giorno dalla perdita del direttore del giornale che poi è anche tuo padre non è cosa facile. Eppure il mio/nostro modo di ringraziarlo per quello che ha fatto, per quello che avrebbe voluto e non potuto fare è quello di far uscire il giornale. Quando poi si aggiunge a questa scomparsa, preceduta di 24 ore quella del suo/nostro benamato fratello Gino, sembra che il tuo mondo si oscuri bruscamente. Come giustamente ha ribadito l'unico ed oggi ancor più prezioso ai nostri cuori fratello superstite Vittorio: "Due è troppo!"

Abbiamo deciso di dedicare questo numero del giornale a Elia Finzi, senza il quale quest'avventura del Corriere di Tunisi, unica testata in questo travagliato mondo arabo, non sarebbe probabilmente esistita e questo malgrado un clima internazionale sempre più mutevole ed insicuro nel quale gli equilibri sono sempre più precari, ed in cui le ragioni degli uni e degli altri sfuggono sempre maggiormente alla ragione tout court. Un mondo in cui la provocazione volgare si spaccia per libertà d'espressione mettendo a repentaglio la sicurezza fisica e materiale di migliaia di persone e di beni per interessi di parte, occulti, la cui libertà esclude la libertà altrui, alimentando l'odio tra le genti in un momento storico in cui le famigerate tesi sullo scontro tra civiltà fanno ogni giorno nuovi discepoli. Se la libertà d'espressione è sacra, sacro è anche il nostro dovere di condannare tutti coloro che alimentano l'odio tra i popoli che sia attraverso le parole, le prediche o le violenze fisiche. In questo momento in cui la libertà e la sacralità subiscono le peggiori manipolazioni per fini non liberi né tantomeno sacri, le parole di pace e di rispetto degli altri di Elia fanno eco alle nostre parole.

Il Corriere di Tunisi lo ha portato avanti tutta la sua vita, a costo di grandi sacrifici e questo suo grande amore e questa sua abnegazione per mantenerlo ed assicurarne sempre l'uscita da quasi sessant'anni deve poter proseguire, oggi più che mai per poter essere la memoria della pluralità storica della Tunisia, per essere la testimonianza dell'emigrazione italiana ed oggi dell'immigrazione straniera in Italia che, troppo spesso, si continua ad occultare, per mantere i legami storici, culturali, affettivi, psicologici, economici, sociali, geografici ecc. tra queste due rive del Mediterraneo i cui destini debbono e sono indissolubilmente associati. Oggi più che mai il Corriere ha il dovere di informare gli italiani dei dibattiti in corso in questa nostra riva sud del Mediterraneo ed associare l'Italia nell'elaborazione di un nuovo modello di pacifica e fattiva convivenza. Oggi più che mai il Corriere ha il dovere di ricordare ai tunisini che siamo figli di un unico padre, che abbiamo memorie comuni e da queste costruire un'identità aperta in cui la coscienza di sé sia anche coscienza di essere altro, sola garanzia per costruire una società fondata sul rispetto delle differenze estrinseche ed intriseche all'elaborazione di un'identità democratica. Ma oggi più che mai abbiamo bisogno per proseguire le nostre pubblicazioni del vostro aiuto, senza il quale il progetto di una vita sarebbe vanificato per cui chiedo ai lettori, a quelli che pensano come me che il giornale debba continuare ad esistere , unica voce italiana nel mondo arabo, di abbonarsi, di sostenerci, di darci per quelli che possono farlo, pubblicità. Solo cosi' il giornale potrà proseguire la sua azione ed essere la voce di tutti voi. Da parte nostra ci impegnamo a proseguire le nostre pubblicazioni e ringrazio tutti coloro che collaborano all'elaborazione del giornale. Anche per loro la passione per il Corriere è più forte della ragione.

Fra un mese progettiamo di fare un incontro pubblico al Corriere nella sua storica sede che sarà anche l'occasione di dibattere insieme sull'avvenire della testata. Ricordo che il giornale ha anche un sito web, oltre alla versione cartacea ed una pagina su facebook (per ringiovanirsi un po'!) diretta da un nostro collaboratore. Ve ne informeremo sul prossimo numero. Sabato 29 settembre Art-Libris farà una commemorazione di Elia alla quale spero assisterete numerosi. Prima di concludere vorrei dare una breve biografia del nostro tanto amato Direttore:

Elia Finzi è nato a Tunisi nel lontano '23 ha vissuto il fascismo, il crack del '29, le leggi razziali del '38, il colonialismo francese, le prime formazioni democratiche a Tunisi, la guerra, la Liberazione, il difficile dopoguerra, le vessazioni subite dagli italiani dal '43 in Tunisia dalle autorità del protettorato francese, la scomparsa delle scuole, dei giornali e di tutte le istituzioni italiane, la partenza di amici e compagni, la lotta per l'indipendenza, l'indipendenza e la costruzione dello stato tunisino dopo la deposizione del Bey. E con questa il primo numero del Corriere di Tunisi (1956) con un gruppo di democratici italiani tra cui spiccavano gli ormai scomparsi Pasotti, Barresi e Sapelli, negli anni '60 ha assistito all'esodo massiccio degli italiani e da lì il suo impegno a favore della legge profughi che avrebbe permesso a migliaia di italiani di trovare una sistemazione in Italia seppur passando dalla terribile esperienza dei campi profughi. Membro attivo e fondatore del Comitato di Coordinamento degli italiani di Tunisia, del Coemit e poi del Comites, della Federeuropa e della Fusie , ha inoltre dagli anni '60 sempre avuto parte attiva nella vita associativa degli italiani di Tunisia (CIT, Dante Alighieri, Camera di Commercio, SIA, Aurora…). Credeva nell'associazionismo ed in tutti gli organi di rappresentanza degli italiani nel mondo che secondo lui ma anche per noi erano e sono la garanzia di una democrazia. Difensore del diritto di voto per gli italiani all'estero egli ha sempre pensato che questi avrebbero fortificato le istanze democratiche del paese e mai minacciate.

E' scomparso domenica 16 settembre mentre stava pranzando con la sua compagna da sessant'anni, Lea. Lascia al Corriere, a sua moglie, a suo figlio Claudio, ai suoi nipoti tutti, ai suoi amici e compagni un grande vuoto. A tutti quelli che ci hanno scritto, telefonato e che sono venuti a trovarci un sentito (per utilizzare le parole che tanto ci facevano sorridere di Elia) grazie!

Silvia Finzi


Nota – In DOSSIER sono riportate in pdf molte delle testimonianze pervenute così come pubblicate



>> Leggi.....

 761 - 110 [nuova serie]

 

 

NOSTRI PROBLEMI

Questo numero del giornale coprirà i due mesi estivi luglio e agosto. Riportiamo gli avvenimenti che le nostre pagine ci consentono di trasmettervi. Purtroppo, il progetto di ristrutturazione ed aggiornamento editoriale costretto dagli imperativi del rifacimento locali della Rue de Russie, dall’incalzare degli avvenimenti quotidiani, non è stato attuato, speriamo di essere pronti alla “rentrée”. Come di consueto, chiediamo venia a tutti i nostri corrispondenti per non aver ancora pubblicato i loro servizi o ritardato la trasmissione delle innumerevoli notizie che riceviamo. Ricordiamo quanto scrivevamo l’anno scorso sul n° 96: 

...furono svolte tante battaglie, il giornale settimanale prima, bisettimanale dopo, interamente tipografico prima, poi a stampa offset, Corriere Africa, Corriere Eurafrica ed infine Euromediterraneo con il magazine interamente a colori.  Nel frattempo però fu creato un sito www.ilcorriereditunisi.it e le news aggiornate in questo quotidianamente. La situazione della Tunisia, del Mediterraneo, dell'Europa ed anche del mondo sta cambiando molto rapidamente. Ci saranno certamente in questi prossimi mesi cambiamenti epocali. Avremo Apocalisse o nuovo ordine? Giustizia sociale e più vera ripartizione delle ricchezze prodotte? Sono come mi ripeteva il mio caro e sempre compianto Padre Marin un "inguaribile ottimista".

Auguro e con me tutta l’équipe del giornale, buone ferie ai nostri lettori, estimatori e sostenitori, sperando di ritrovarci in settembre con “Buone notizie” e spirito di rinnovata volontà di collaborazione, e così, promuovere, consolidare, sempre positivamente, le massime sinergie tra tutti coloro che partecipano alla nostra vita collettiva.

 


 


>> Leggi.....

 760 – 109 [nuova serie]

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Questo mese di giugno si conclude con una serie di avvenimenti di grandissima importanza per tutti noi che viviamo questo periodo di transizione epocale.

In Francia, i socialisti confermano la loro maggioranza alla Camera, in Grecia sembra affermarsi una maggioranza desiderosa di restare nella zona Euro, in Europa e nel resto del mondo si ricerca affannosamente un nuovo equilibrio. In Egitto non si conoscono ancora i risultati alle presidenziali, in Siria continuano le stragi, in Libia la situazione è sempre incerta ed in Tunisia sembra affermarsi la volontà di ritrovare una tranquillità gravemente perturbata da sobillatori.

In Italia, l'incertezza regna anche sovrana malgrado gli sforzi del governo Monti e gli accorati appelli del Presidente Napolitano.

Ciò nondimeno si continua a vivere, ed il giornale ad andare avanti tra le molte difficoltà della sua ristrutturazione.

Chiediamo venia a tutti i nostri corrispondenti per non aver ancora pubblicato i loro scritti o ritardato la trasmissione delle innumerevoli notizie che riceviamo.

Nel mese di luglio speriamo di precisare il nostro, sempre rimandato, piano editoriale.

 


 


>> Leggi.....

 759 – 108 [nuova serie]

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Questa seconda quindicina di maggio, per noi italiani di Tunisia in particolare, ha visto con notevolissimo successo, attuarsi la visita ufficiale del Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, l’inaugurazione della mostra dedicata a Maurizio Valenzi, e si concluderà con le manifestazioni che ricorderanno il 66° anniversario della fondazione della repubblica italiana e la rappresentazione de “La Traviata” al Teatro Municipale di Tunisi il 2 giugno 2012. Sono state, e speriamo saranno delle bellissime giornate, ne parliamo ampiamente in altra parte del giornale.

In Francia ha vinto Hollande, in Grecia si torna a votare, in Europa si cerca disperatamente la possibilità di ritrovare un po’ di serenità politica e soprattutto economica.

In tutti i continenti il clima è incerto ed infuocato. Di fatto, volenti o nolenti, si attende il risultato delle prossime elezioni degli Stati Uniti d’America per sapere effettivamente dove si andrà a sbattere e come affronteremo e vivremo questa trasformazione epocale.

Per i nostri specifici problemi sempre alle prese con i nostri lavori di ristrutturazione siamo ancora costretti a rinviare l’illustrazione prevista  e la messa in opera del nostro nuovo progetto editoriale. Ci limitiamo a dirvi che si procede e che, salvo catastrofi, il giornale continuerà ad arrivare nelle vostre case portandovi il nostro quindicinale messaggio.

Si riparla di COMITES e CGIE e di necessario rinnovamento di queste strutture. Sarà forse l’occasione di rilanciare, seriamente e nel modo migliore le sinergie tra tutti i protagonisti in modo da rafforzare e potenziare, se necessario creare e ricreare, la collaborazione  tra tutti riducendo al minimo egoismo, egocentrismo, individualismo e ricercando il tanto auspicato denominatore comune.

 


 


>> Leggi.....

Pagina: Indietro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 Prossima
 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 805 - 156 [nuova serie] 
 :: 804 - 155 [nuova serie] 
 :: 803 - 154 [nuova serie] 
 :: 802 - 153 [nuova serie] 
 :: 801 – 152 [nuova serie] 
 :: 800 - 151 [nuova serie] 
 :: 799 – 150 [nuova serie] 
 :: 798 – 149 [nuova serie] 
 :: 797 – 148 [nuova serie] 
 :: 796- 147 [nuova serie] 
 :: 795 – 146 [nuova serie] 
 :: 794 – 145 [nuova serie] 
 :: 793 – 144 [nuova serie] 
 :: 792 – 143 [nuova serie] 
 :: 791 - 142 [nuova serie] 
 :: 790 - 141 [nuova serie] 
 :: 789 - 140 [nuova serie] 
 :: 788 – 139 [nuova serie] 
 :: 787 – 138 [nuova serie] 
 :: 786 – 137 [nuova serie] 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml