Il Corriere di Tunisi 
39 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA

 

"COLLABORAZIONE TRA MUSEI CIVICI FIORENTINI E MUSEO DEL BARDO. GIOVANI ARTISTI NELLE NOSTRE SCUOLE DI ARTE E AL POLIMODA"

 

Una collaborazione con il Museo del Bardo e i Musei Civici Fiorentini per incentivare e promuovere il turismo di qualità, istituendo facilitazioni reciproche per le visite, campagne pubblicitarie congiunte e la messa a disposizione i canali informativi e pubblicitari del Comune. Ma anche una grande mostra, programmata per il 2017, al museo tunisino con il prestito di opere della galleria degli Uffizi e la collaborazione della Regione Toscana.

Lo ha annunciato questa mattina il sindaco Dario Nardella, a Tunisi per una visita istituzionale insieme all'assessore alla cooperazione internazionale Nicoletta Mantovani e al console genenerale della Tunisia in Toscana Gualserio Zamperini In mattinata Nardella é stato ricevuto dal presidente del Parlamento Mohamed Ennaceur in segno di gratitudine per l' amicizia tra il Paese africano e il capoluogo toscano.

"La nostra città - ha detto il sindaco nel suo incontro con Ennaceur - è anche impegnata per ospitare giovani talenti tunisini, artisti e creativi nelle proprie scuole di arte e al Polimoda. La formazione, l'arte, cultura, la creatività dei giovani non sono un costo per la comunità ma un investimento di lungo periodo per le prossime generazioni, costituiscono risorse professionali concrete, e soprattutto sottraggono terreno all'estremismo, perché offrono un'alternativa di speranza e creatività a quel vuoto che l'oscurantismo di Daesh è pronto a colmare con desolazione e distruzione. Sono perciò grato alla Tunisia e alla città di Tunisi per aver scelto Firenze come interlocutore in questo impegnativo ed emozionante cammino, per cui non c'è più un "noi" e "voi" ma siamo tutti uniti in una stessa visione del futuro".

"Tunisi e Firenze - ha ricordato - hanno subito da mano diversa ferite al cuore del loro patrimonio, inferte da una stessa strategia, quella del terrore: nel 1993 la mafia colpì gli Uffizi, e tutto il distretto circostante spegnendo cinque vite. Nel 2014 Daesh colpisce il Museo del Bardo portando via la vita a 24 persone. Ma ciò che costoro non hanno portato via è la determinazione di tutti noi a non cedere alla paura. Il Bardo e i nostri musei non sono solo patrimonio di due città: sono patrimonio universale, racchiudono la storia di popoli e culture al di là di confini, nazioni e religioni. Rappresentano la coesistenza pacifica di più saperi e della bellezza contro la brutalità. Un modello pericoloso per chi vuole abbattere l'armonia culturale, presupposto della storia del Mediterraneo".

"La produzione culturale e le politiche volte ad incentivari - ha concluso Nardella - sono oltre che uno strumento di crescita di un'economia legata al turismo di qualità, anche una risorsa per la risoluzione del conflitto sociale".

Sindaco e assessore hanno incontrato la ministra della cultura Sonia M'Barek e quella del turismo Elloumi Rekik con le quali è stato messo a punto il programma di collaborazione turistico-culturale. (fn)

 

Il testo del messaggio del sindaco Dario Nardella al presidente del Parlamento tunisino Mohamed Ennaceur:

 

"Onorevole Presidente, onorevoli parlamentari, sono particolarmente onorato di essere qui, insieme al collega sindaco Lasram. La mia presenza oggi ha forse ancora più senso a seguito degli ultimi avvenimenti che hanno colpito Nizza quattro giorni fa.  Sono venuto qui, onorevoli rappresentanti, non solo per testimoniare il legame di amicizia che unisce le città di Firenze e Tunisi, ma anche la volontà di proseguire ancora più fermamente nel progetto di crescita reciproca che abbiamo voluto condividere. Il dialogo deve essere, quanto mai prima d'ora, la priorità strategica, affinchè le minacce che colpiscono tutti noi appartenenti ad una cultura democratica e di pace siano neutralizzate. La condivisione e la promozione di politiche volte alla crescita democratica, culturale,  sociale ed economica è lo strumento  prioritario per sconfiggere l'oscurantismo e la minaccia terroristica. I terroristi hanno ben compreso che per annientare un paese il primo obbiettivo è quello di annientarne l'identità culturale, di modificare la fruizione dei nostri diritti civili, le libertà personali. La Tunisia, il vostro amabile e forte Paese, ha dato in questi anni una grande lezione, sia all'Europa che a tutto il Mediterraneo: ovvero la capacità di rinnovarsi in un processo inesorabile ma pacifico, segnando un modello di evoluzione democratica per molti paesi.   La città di Firenze che qui appresento, simbolo a sua volta dell'Umanesimo, dell'attenzione per  i valori e i diritti dell'Uomo, non poteva non guardare alla Tunisia e alla sua capitale come la corrispondenza ideale e reale per costruire un ponte sul Mediterraneo. Il valore strategico di questo cambiamento deve essere sostenuto e difeso, sempre. Non solo dalle istituzioni ma da entrambi i nostri popoli. Dal mio punto di vista, quello di Sindaco, sono qui onorato di rivolgermi al legislatore nazionale, per dire che le città possono e devono fare molto per questo obiettivo, sostenute dal legislatore stesso, che ponga le condizioni affinché il loro ruolo sia sempre più quello di cuore pulsante della collettività. Noi sindaci siamo il primo livello di impatto nel governo delle comunità, nell'affrontare le loro emergenze e la loro crescita, le crisi e le rinascite, nell'ambiente come nella cultura, nel welfare come nello sviluppo economico e commerciale del territorio.   Laddove il dialogo fra i livelli nazionali presenta necessariamente elementi di complessità più articolati, il dialogo fra città può essere di supporto, per costruire una rete forte nei rapporti culturali, economici e sociali delle comunità prima e dei paesi poi, come dimostra il legame nato fra Firenze e Tunisi, durante la conferenza internazionale dei sindaci, Unity in Diversity, che abbiamo ospitato lo scorso novembre, alla presenza del Nobel per La Pace Abdessatar Ben Moussa e del Professor Fadhel Moussa. Grazie al loro prezioso contributo abbiamo avviato insieme un percorso sancito poi dalla firma del  Patto di Cooperazione fra Firenze e Tunisi, il 13 gennaio scorso.  Il primo passo è stato compito quando la nostra città ha inteso contribuire con i propri esperti, l'Università di Firenze e il contributo dei suoi dirigenti municipali al processo di riforma del Codice sulle Autonomie Locali (Projet de Code des Collectivites Locales) nel seminario tenutosi lo scorso aprile qui a Tunisi. Tappa di un lavoro che continuerà a sviluppassi. Quell'incontro ha costituito  un' occasione importante di dialogo con il legislatore nazionale, segnale di una capacità di ascolto nel fornire strumenti normativi alle autonomie locali che siano espressione delle loro stesse esigenze: una democrazia nazionale con un tessuto forte di istituzioni locali è una democrazia migliore.  Parallelamente a ciò abbiamo però la missione più importante: trovare strumenti di crescita sociale ed economica nel nostro patrimonio comune più prezioso: la Cultura.

Tunisi e Firenze hanno subito da mano diversa ferite al cuore del loro patrimonio, inferte da una stessa strategia quella del terrore: nel 1993 la mafia colpì gli Uffizi, e tutto il distretto circostante spegnendo cinque vite. Nel 2014 Daesh colpisce il Museo del Bardo portando via la vita a 24 persone.  Ma ciò che costoro non hanno portato via è la determinazione di tutti noi a non cedere alla paura. Il Bardo e i nostri musei non sono solo patrimonio di due città: sono patrimonio universale, racchiudono la storia di popoli e culture al di là di confini, nazioni e religioni. I due musei rappresentano la coesistenza pacifica di più saperi e della bellezza contro la brutalità: e per questo sono considerati un ostacolo da chi vuole abbattere l'armonia culturale, presupposto delle identità del  Mediterraneo.  NON LO PERMETTEREMO!!  Per questo Firenze è al fianco del Bardo:  dopo diversi mesi di lavoro con i miei uffici potremo avviare una collaborazione con il Museo del Bardo e i Musei Civici Fiorentini per incentivare e promuovere il turismo di qualità,  istituendo  facilitazioni reciproche nella visita dei nostri musei e campagne pubblicitarie congiunte e la messa a disposizione di tutti i nostri canali informativi e pubblicitari della città. Sarà da cornice a questo scambio una grande mostra programmata per 2017 al Bardo con il prestito di importanti opere della Galleria degli Uffizi  Ma l'iniziativa più prossima in campo culturale, nel segno dell'alleanza fra Firenze e la Tunisia, sarà il 30 di luglio portando ad El Jem l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, in un concerto fortemente voluto da me e dall'Assessore Mantovani Pavarotti. Un concerto per testimoniare che la cultura e l'Arte non si fermano, e che sono i valori più potenti per costruire e mantere la libertà di un paese. La produzione culturale infatti, e le politiche volte ad incentivarla,  sono oltre che uno strumento di crescita di un'economia legata al turismo di qualità, anche una risorsa per la risoluzione del conflitto sociale.   La formazione, l'arte e la cultura non sono un costo per la comunità ma un investimento di lungo periodo per le prossime generazioni, costituiscono risorse  professionali concrete, e soprattutto sottraggono terreno all'estremismo e all'oscurantismo,   perché offrono un'alternativa di speranza e creatività. Per questo Firenze è impegnata per ospitare giovani talenti tunisini, artisti e creativi, nelle proprie scuole di arte e design. Sono perciò grato a voi tutti, alla Tunisia e alla città di Tunisi per aver scelto Firenze come interlocutore in questo impegnativo ed emozionante cammino, per cui non c'è più un "noi" e "voi" ma siamo tutti uniti in una stessa visione del futuro".

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml