Il Corriere di Tunisi 
36 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  In Tunisia
 784 - BEJI CAID ESSEBSI

 

NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

Beji Caid Essebsi, anziano leader del primo partito del Paese, il laico Nidaa Tounes, si avvia a diventare il nuovo presidente della Tunisia, il primo capo di Stato eletto a quattro anni dalla caduta di Ben Ali.

Rispettando i pronostici della vigilia, Essebsi ha battuto l'attuale presidente "provvisorio" Moncef Marzouki, sostenuto dagli islamici, con un rassicurante margine di vantaggio, una maggioranza pari al 55,68 per cento, come ha precisato l'ISIE: per lui oltre 1,7 milioni di voti contro i circa 1,3 milioni di Marzouki.

Ora bisognerà attendere che scadano i termini per presentare eventuali ricorsi al Tribunale amministrativo perché i risultati diventino ufficiali, oltre che definitivi. Il nuovo capo dello Stato, una volta nominato, provvederà ad affidare l'incarico di formare il governo al nuovo premier proposto dal partito che ha vinto le recenti elezioni politiche di ottobre, ovvero Nidaa Tounes. L'attuale primo ministro ha previsto la formazione delli nuovo governo entro la fine del mese di febbraio del 2015.

La sua elezione - segnata da una giornata di relativa calma alle urne, fra imponenti misure di sicurezza, malgrado in serata un raduno di protesta di sostenitori del candidato dato in svantaggio sia stato disperso con i gas lacrimogeni della polizia nella cittadina di El Hamma - chiude il processo di transizione in Tunisia, il Paese dove la Primavera araba è nata e dove oggi trova forse l'unico compimento davvero democratico.

Essebsi, un avvocato veterano della politica tunisina, giungerà a 88 anni alla più alta carica dello Stato al termine di una lunga carriera. Ha ricoperto ruoli istituzionali di spicco sotto Habib Bourguiba, il "padre" dell'indipendenza tunisina, con il quale è stato più volte ministro (dell'Interno, degli Esteri e della Difesa). Strenuo difensore dello Stato di diritto, Essebsi si dichiara non a caso erede di Bourguiba e dei suoi valori.

Dopo un'assenza dalla scena politica negli anni '90, è tornato protagonista il 27 febbraio 2011 con la nomina a primo ministro del secondo governo provvisorio post-rivoluzione.

Il 20 aprile 2012 ha fondato il partito di centro Nidaa Tounes per contrapporsi alla troika di governo formata dall'islamico Ennhadha, dal Cpr (Congresso per la Repubblica) e da Ettakattol.

Marzouki ha pagato probabilmente una campagna elettorale principalmente basata sulla demonizzazione dell'avversario più che sui programmi e la difesa dei valori della rivoluzione contro il ritorno del vecchio regime, impersonato dal suo avversario erede dichiarato di Bourguiba. Non gli sono bastati i voti della base di Ennhadha, con la direzione del partito che anche per il secondo turno ha deciso di lasciare liberi i propri

elettori, per recuperare quel distacco di 6 punti che lo separava da Essebsi al primo turno.

I tunisini con il voto hanno dunque confermato l'orientamento già espresso alle elezioni politiche di ottobre con la sconfitta dell'islamico Ennhadha e la vittoria del laico Nidaa Tounes. Ennhadha in quell'occasione pagò il prezzo di tre anni di malgoverno, caratterizzati dall'aumento dei prezzi, dalla corruzione e dall'instabilità. Alcuni osservatori intravedono nella vittoria di Essebsi un rischio di monopolio istituzionale, con l'accumulo da parte del suo Nidaa Tounes delle cariche di Presidente della Repubblica, capo del governo e presidenza del Parlamento. Ma lo stesso leader di Ennhadha, Rached Ghannouchi, gli riconosce una certa continuità politica con il rinnovamento del Paese, una garanzia anche per il futuro degli islamisti.

Ora la Tunisia sembra governabile fino in fondo.

L'ultima tornata elettorale ha infatti portato a un Parlamento segnato da un marcato bipolarismo, restituendo l'immagine di un Paese desideroso di giungere quanto prima ad una normalizzazione della vita politica, travagliato dalla crisi economica e sotto la minaccia del terrorismo islamico. L'impressione generale è che la Tunisia sia entrata in una nuova tappa della sua storia recente con il completamento di un processo irreversibile.

Un segnale di distensione come l'elezione di un presidente della Repubblica capace di farsi garante della nuova Costituzione e di tutti i tunisini, e in grado di basare la propria autorevolezza su un consenso davvero condiviso, rappresenta una garanzia perché anche gli investitori internazionali ricomincino a credere nella Tunisia.

 

P. P.

 

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - INTERVISTA A BEN SEDRINE 
 :: 812 - LA CHIESA CATTOLICA IN TUNISIA 
 :: 810 - “Democrazia di prossimità” e “libera amministrazione” 
 :: 809 - TRE ANNI DI COSTITUZIONE TUNISINA  
 :: 805 - LE ISTANZE COSTITUZIONALI INDIPENDENTI TUNISINE NEL RUOLO DI "RAFFORZAMENTO" DELLA DEMOCRAZIA. 
 :: 803 - NUOVO GOVERNO IN TUNISIA 
 :: 801 - 10° CONGRESSO DEL PARTITO ENNAHDHA  
 :: 797 - TUNISIA 3.0: LA DEMOCRAZIA ABBATTE ALCUNI TABÙ STORICI DEL PAESE 
 :: 791 - GLI INTELLETTUALI CONTRO IL TERRORISMO 
 :: 788 - TUNISI – FORUM SOCIAL MONDIAL - 2015 [vers. pdf] 
 :: 787 - ATTENTATO IN TUNISIA 
 :: 785 - INTERVISTA A LUCE LACQUANITI 
 :: 784 - BEJI CAID ESSEBSI  
 :: 783 - La situazione politica post-elettorale in Tunisia 
 :: 782 - ELEZIONI IN TUNISIA 
 :: 778 - MADITERRANEO: SGUARDI INCROCIATI 
 :: 774 - TUNISIA, TRE ANNI DI RIVOLTE FANNO PRIMAVERA 
 :: 773 - MEHDI JOMAA NUOVO PRIMO MINISTRO 
 :: 772 - IL MANCATO ACCORDO SUL NOME DEL FUTURO PREMIER RITARDA IL DIALOGO NAZIONALE 
 :: 771 - Alla ricerca della concordia ordinum 
 :: 770 - LA TUNISIA IN LUTTO 
 :: 769 - INTERVISTA AD ALI BOUSSELMI, MEMBRO DI “ARTICLE 13” 
 :: 768 - 1 maggio e Tunisia 
 :: 767 - INTERVISTA AL DR MOHAMED LASSOUED 
 :: 766 - Tunisi, quello che le donne sanno 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 763 - LA TUNISIA DEL 23 OTTOBRE 
 :: 761 - Reportage dalla Tunisi post-rivoluzionaria 
 :: 757 - DALLA VIOLENZA AL SILENZIO 
 :: 755 - LA TUNISIA MEMBRO DELL’OSCE 
 :: 754 - INTERVISTA A LEENA BEN MHENNI 
 :: 753 - 17 DICEMBRE 2011 
 :: 752 - Bardo 1 
 :: 751 - Opinioni 
 :: 748 - DICHIARAZIONE DEL PROCESSO TRANSITORIO 
 :: 744-747 - PENSIERI POST INSURREZIONALI DI UN ITALIANO CHE VIVE NEL SUD DELLA TUNISIA 
 :: 719 - ELEZIONI E RIVOLUZIONE 
 :: 717 - INTERVISTA A TAREK CHAABOUNI 
 :: 715 - IL GOVERNO PROVVISORIO 
 :: 710 - COOPERAZIONE 
 :: 709 - UN RAMADAN IN MEDINA 
 :: 708 - FESTA DELLA REPUBBLICA 
 :: 703 - SOSTEGNO ALL’INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 
 :: 699 - La cooperazione italiana  
 :: 697 - L’IMPEGNO DELLA COOPERAZIONE ITALIANA  
 :: 693 - IL GIURAMENTO DEL PRESIDENTE ZINE EL ABIDINE BEN ALI 
 :: 691 - TUNISIA: ELEZIONI PRESIDENZIALI 2009 
 :: 689 - LA POLITICA DEL PRESIDENTE BEN ALI 
 :: 688 - FESTA DELLA REPUBBLICA TUNISINA 
 :: 687 - I 100 anni del teatro tunisino 
 :: 685 - IL RUOLO DELLA FAMIGLIA TUNISINA TRA COSTANTI E VARIABILI 
 :: 680 - L’IMPEGNO DEL LIONS CLUB TUNIS DOYEN 
 :: 674 - XX SIMPOSIO INTERNAZIONALE « LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN UN MONDO IN CAMBIAMENTO » 
 :: 671 - VISITA DEL MINISTRO SCAJOLA A TUNISI 
 :: 667 - CONSULTAZIONE NAZIONALE SULL’IMPIEGO 
 :: 665 - VOLONTARIATO 
 :: 664 - TEXMED 2008 
 :: 663 - Discorso del Presidente Ben Ali in occasione della Festa dell’Indipendenza e della festa della Gioventù 
 :: 655 - CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TERRORISMO 
 :: 656 - VISITA DEL DIRETTORE GENERALE DELL’OIM  
 :: 658 - TUNISIA – UNIONE EUROPEA 
 :: 654 - CORSO DI FORMAZIONE SULLO SVILUPPO PER LE DONNE DEL MEDITERRANEO  
 :: 653 - PIOGGE TORRENZIALI A TUNISI, DIVERSI MORTI E DISPERSI 
 :: 649 - VISITA DEL PRESIDENTE FRANCESE SARKOZY IN TUNISIA 
 :: 650 - I FESTEGGIAMENTI DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA REPUBBLICA 
 :: 651 - RIENTRO SCOLASTICO E RAMADAN 
 :: 648 - TUNISI CAPITALE MONDIALE DELLA DONNA INGEGNERE 
 :: 647 - Un grande avvenimento lionistico  
 :: 646 - Visita del Ministro della Difesa, Arturo Parisi in Tunisia 
 :: 645 - Visita del Ministro D’Alema in Tunisia  
 :: 644 - Visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio 
 :: 643 - Riunione di esperti dell’ONUDI e dell’Unione Africana per una strategia regionale della normalizzazione 
 :: 641 - Inaugurata la via intitolata a Bettino Craxi ad Hammamet 
 :: 635 - CELEBRAZIONE DELLA VI ª SETTIMANA DELLA LINGUA NEL MONDO IN TUNISIA 
 :: 633 - Incontro Ben Ali - Craxi. Prossima visita di Romano Prodi in Tunisia 
 :: 627 - Giornate tuniso-italiane d’Informazione e di Partenariato sull’olio di oliva a Gammarth 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml