Il Corriere di Tunisi 
13 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  In Tunisia
 783 - La situazione politica post-elettorale in Tunisia

 

Considerazioni europee sulla nascente democrazia

 

Il 26 ottobre 2014 è certamente una data da annoverare tra le più importanti per la politica tunisina e per il processo di institutional democratic building.

Nonostante la presenza di alcuni potenziali fattori di instabilità, tra i quali è possibile citare le persistenti disparità  socio-economiche regionali tra la parte costiera e le zone interne e meridionali, la debolezza dell’economia e la presenza di embrionali forme di islamismo radicale e di cellule jihadiste all’interno del paese, manifestatesi con gli attentati ai due membri dell’opposizione Chokri Belaid e Mihamed Brahmi nel 2013 ed altri fenomeni violenti che hanno interessato sia le città che i  confini con l’Algeria, le elezioni tunisine si sono svolte in un clima positivo al di sopra di ogni aspettativa.  Le elezioni legislative tenutesi lo scorso 26 ottobre, le prime consultazioni democratiche a seguito  della Rivoluzione dei Gelsomini  con il  fine di nominare i componenti del parlamento (considerato che il precedente in carica dal 2011 è in realtà un’Assemblea Costituente), hanno visto la vittoria del partito anti-islamista Nidaa Tounes.  Conquistando 85 dei 217 seggi dell’Assemblea dei Rappresentanti del Popolo, ha superato con un margine di distanza limitato ma significativo il partito di matrice islamica Ennahda (69 seggi) e l’Upl, l'Unione patriottica libera (16 seggi).Tale risultato presenta un importante nodo da sciogliere poiché, nonostante la vittoria, Nidaa Tounes non ha raggiunto una quota di seggi tale da governare autonomamente e per procedere alla formazione dell’esecutivo sarà necessario, a seguito delle prossime elezioni presidenziali previste per il 23 novembre venturo, procedere alla creazione di un’alleanza. Saranno 27 i candidati che si sfideranno in occasione delle presidenziali, ulteriore tassello importante per la transizione democratica della Tunisia.

Dalla parte opposta del Mediterraneo, dall’Italia e più in generale dall’Europa, l’esito delle elezioni legislative e la vittoria del partito laico vengono accolte con profondo ottimismo. La Tunisia rappresenta  a pieno titolo un modello di  riferimento per tutti gli Stati sconvolti dalle Primavere Arabe e dai successivi disordini. Unitamente alla Costituzione promulgata lo scorso gennaio,  il percorso tracciato dalla Tunisia dal 2011 fino alle recentissime elezioni, è considerato un esempio  cruciale per gli altri stati arabi, dall’Egitto alla Libia, fino alla Siria, nel tentativo di delineare delle policies in grado di sostenere la democratizzazione e la tutela dei diritti fondamentali, pur tenendo tuttavia conto della specificità del modello tunisino. Il successo della rivoluzione tunisina è certamente in gran parte attribuibile a tre fattori principali di connotazione storica: la tradizione costituzionale, la forte opposizione politico-civile ed il favore internazionale. I progressi raggiunti ed i nuovi equilibri politici che stanno connotando il Paese in queste ultime settimane determineranno le prossime fasi della transizione politica già in corso, delicati ed importantissimi passi in avanti verso un reale cambiamento politico e istituzionale che inducono il mondo occidentale ad essere ottimista circa il futuro. A seguito del parere positivo espresso dalla delegazione europea inviata in Tunisia con lo scopo di osservare il regolare  svolgimento delle elezioni parlamentari, il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz  non ha esitato ad elogiare le autorità tunisine “per aver garantito il tranquillo svolgimento delle prime elezioni libere dalla fine del regime di Ben Ali”. Rilevanti sono le aspettative nei confronti del  futuro parlamento tunisino, il quale  dovrà dar forma alle aspirazioni democratiche del popolo e fronteggiare tutte le problematiche ancora presenti, procedendo lungo il processo di democratizzazione del Paese. In tal senso il Presidente Schulz ha garantito la presenza dell’Ue al fianco della Tunisia per “affrontare insieme, nel mutuo rispetto, le principali sfide regionali”. La prossimità geografica ed i legami tradizionalmente stretti che contraddistinguono il rapporto tra Tunisia e Italia, costituiscono le motivazioni fondamentali del potenziale supporto che l’Italia, vantando una tradizione civico-statuale millenaria e testimone della costruzione di uno stato democratico costruito sulle ceneri di un regime autoritario, potrebbe offrire nel processo di consolidamento democratico, economico e commerciale della Tunisia nell’ottica più generale di un Mediterraneo come area di pace e cooperazione.

Senza  sottovalutare, dunque, la necessaria prudenza in considerazione dei lunghi tempi necessari allo sviluppo di ogni rivoluzione e all’affermazione di nuovi principi da essa scaturiti, è tuttavia possibile ribadire l’eccezionale portata del fenomeno in atto e confermare la fiducia verso uno Stato che sembra avere ottime possibilità di riuscita nella realizzazione di una reale transizione democratica.

 

Lucia Martines

Business development Executive

Giambrone Law

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - INTERVISTA A BEN SEDRINE 
 :: 812 - LA CHIESA CATTOLICA IN TUNISIA 
 :: 810 - “Democrazia di prossimità” e “libera amministrazione” 
 :: 809 - TRE ANNI DI COSTITUZIONE TUNISINA  
 :: 805 - LE ISTANZE COSTITUZIONALI INDIPENDENTI TUNISINE NEL RUOLO DI "RAFFORZAMENTO" DELLA DEMOCRAZIA. 
 :: 803 - NUOVO GOVERNO IN TUNISIA 
 :: 801 - 10° CONGRESSO DEL PARTITO ENNAHDHA  
 :: 797 - TUNISIA 3.0: LA DEMOCRAZIA ABBATTE ALCUNI TABÙ STORICI DEL PAESE 
 :: 791 - GLI INTELLETTUALI CONTRO IL TERRORISMO 
 :: 788 - TUNISI – FORUM SOCIAL MONDIAL - 2015 [vers. pdf] 
 :: 787 - ATTENTATO IN TUNISIA 
 :: 785 - INTERVISTA A LUCE LACQUANITI 
 :: 784 - BEJI CAID ESSEBSI  
 :: 783 - La situazione politica post-elettorale in Tunisia 
 :: 782 - ELEZIONI IN TUNISIA 
 :: 778 - MADITERRANEO: SGUARDI INCROCIATI 
 :: 774 - TUNISIA, TRE ANNI DI RIVOLTE FANNO PRIMAVERA 
 :: 773 - MEHDI JOMAA NUOVO PRIMO MINISTRO 
 :: 772 - IL MANCATO ACCORDO SUL NOME DEL FUTURO PREMIER RITARDA IL DIALOGO NAZIONALE 
 :: 771 - Alla ricerca della concordia ordinum 
 :: 770 - LA TUNISIA IN LUTTO 
 :: 769 - INTERVISTA AD ALI BOUSSELMI, MEMBRO DI “ARTICLE 13” 
 :: 768 - 1 maggio e Tunisia 
 :: 767 - INTERVISTA AL DR MOHAMED LASSOUED 
 :: 766 - Tunisi, quello che le donne sanno 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 763 - LA TUNISIA DEL 23 OTTOBRE 
 :: 761 - Reportage dalla Tunisi post-rivoluzionaria 
 :: 757 - DALLA VIOLENZA AL SILENZIO 
 :: 755 - LA TUNISIA MEMBRO DELL’OSCE 
 :: 754 - INTERVISTA A LEENA BEN MHENNI 
 :: 753 - 17 DICEMBRE 2011 
 :: 752 - Bardo 1 
 :: 751 - Opinioni 
 :: 748 - DICHIARAZIONE DEL PROCESSO TRANSITORIO 
 :: 744-747 - PENSIERI POST INSURREZIONALI DI UN ITALIANO CHE VIVE NEL SUD DELLA TUNISIA 
 :: 719 - ELEZIONI E RIVOLUZIONE 
 :: 717 - INTERVISTA A TAREK CHAABOUNI 
 :: 715 - IL GOVERNO PROVVISORIO 
 :: 710 - COOPERAZIONE 
 :: 709 - UN RAMADAN IN MEDINA 
 :: 708 - FESTA DELLA REPUBBLICA 
 :: 703 - SOSTEGNO ALL’INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 
 :: 699 - La cooperazione italiana  
 :: 697 - L’IMPEGNO DELLA COOPERAZIONE ITALIANA  
 :: 693 - IL GIURAMENTO DEL PRESIDENTE ZINE EL ABIDINE BEN ALI 
 :: 691 - TUNISIA: ELEZIONI PRESIDENZIALI 2009 
 :: 689 - LA POLITICA DEL PRESIDENTE BEN ALI 
 :: 688 - FESTA DELLA REPUBBLICA TUNISINA 
 :: 687 - I 100 anni del teatro tunisino 
 :: 685 - IL RUOLO DELLA FAMIGLIA TUNISINA TRA COSTANTI E VARIABILI 
 :: 680 - L’IMPEGNO DEL LIONS CLUB TUNIS DOYEN 
 :: 674 - XX SIMPOSIO INTERNAZIONALE « LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN UN MONDO IN CAMBIAMENTO » 
 :: 671 - VISITA DEL MINISTRO SCAJOLA A TUNISI 
 :: 667 - CONSULTAZIONE NAZIONALE SULL’IMPIEGO 
 :: 665 - VOLONTARIATO 
 :: 664 - TEXMED 2008 
 :: 663 - Discorso del Presidente Ben Ali in occasione della Festa dell’Indipendenza e della festa della Gioventù 
 :: 655 - CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TERRORISMO 
 :: 656 - VISITA DEL DIRETTORE GENERALE DELL’OIM  
 :: 658 - TUNISIA – UNIONE EUROPEA 
 :: 654 - CORSO DI FORMAZIONE SULLO SVILUPPO PER LE DONNE DEL MEDITERRANEO  
 :: 653 - PIOGGE TORRENZIALI A TUNISI, DIVERSI MORTI E DISPERSI 
 :: 649 - VISITA DEL PRESIDENTE FRANCESE SARKOZY IN TUNISIA 
 :: 650 - I FESTEGGIAMENTI DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA REPUBBLICA 
 :: 651 - RIENTRO SCOLASTICO E RAMADAN 
 :: 648 - TUNISI CAPITALE MONDIALE DELLA DONNA INGEGNERE 
 :: 647 - Un grande avvenimento lionistico  
 :: 646 - Visita del Ministro della Difesa, Arturo Parisi in Tunisia 
 :: 645 - Visita del Ministro D’Alema in Tunisia  
 :: 644 - Visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio 
 :: 643 - Riunione di esperti dell’ONUDI e dell’Unione Africana per una strategia regionale della normalizzazione 
 :: 641 - Inaugurata la via intitolata a Bettino Craxi ad Hammamet 
 :: 635 - CELEBRAZIONE DELLA VI ª SETTIMANA DELLA LINGUA NEL MONDO IN TUNISIA 
 :: 633 - Incontro Ben Ali - Craxi. Prossima visita di Romano Prodi in Tunisia 
 :: 627 - Giornate tuniso-italiane d’Informazione e di Partenariato sull’olio di oliva a Gammarth 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml