Il Corriere di Tunisi 
32 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO

 

“siamo noi i veri paesi
non le frontiere tracciate sulle mappe
con i nomi di uomini potenti (…)
Non ho mai voluto altro
che camminare in un luogo simile con te, con gli amici.
Una terra senza mappe.

(dal film "Il paziente inglese" di Anthony Minghella)

 

La mia avventura di italiana in Tunisia nasce innanzitutto da un’istintuale passione per i paesi arabo-islamici e dalla sete di immersione in un mondo troppo spesso vittima d’infondati e di certo non disinteressati pregiudizi. Il Servizio di Volontariato Europeo rappresentava per me un connubio ideale tra il mio desiderio di tornare in terra araba e la possibilità di lavorare sulle problematiche della società civile tunisina, attraverso un progetto incentrato sulla cittadinanza attiva. Lo SVE, infatti, essendo un programma di volontariato internazionale finanziato dalla Commissione Europea, mira a  sviluppare progetti in diverse aree di intervento, con l’obiettivo di favorire lo scambio interculturale e lo sviluppo delle comunità locali. La mia host organization, AJMEC (Association des Jeunes Méditerranéens pour les Echanges Culturels), è un’associazione situata a Kalâa Kébira - città del governatorato di Sousse - che mira a promuovere la cooperazione tra i giovani impegnati nelle ONG a livello internazionale. Il progetto a cui sto dedicando il mio volontariato, appunto, s’inspira ad una delle difficili questioni vissute dalla Tunisia post-rivoluzionaria, quella del complesso lavoro delle associazioni di volontariato locali.  La “fine” della rivoluzione ha visto nascere numerosi enti intenzionati a sviluppare progetti nel sociale e a migliorare le condizioni di vita in un contesto difficile come quello della Tunisia. La risorsa principale di tali organizzazioni sono i giovani tunisini, attori fondamentali di una realtà in fermento e in evoluzione. L’atteggiamento  prevalente di tali ragazzi di fronte alla possibilità d’impegnarsi nelle attività proposte dalle associazioni è, però, alquanto negativo e rassegnato; vige, inoltre, la confusione rispetto al ruolo di tali ONG. Il primo obiettivo del nostro progetto “Active Citizenship: Yes we can!!” è, dunque, quello d’informare i giovani tunisini riguardo le possibilità offerte dalle associazioni locali e di ricercare le ragioni del loro mancato coinvolgimento nei progetti sociali proposti. In linea con i principi dello SVE, l’approccio e gli spazi di intervento sono non-formali, questo significa tentare di avvicinarsi ai giovani tunisini condividendo le loro abitudini quotidiane e frequentando i luoghi di loro maggiore interesse (caffè, spazi pubblici, scuole e licei). In questa stessa strategia rientra l’organizzazione di attività di sensibilizzazione su temi di particolare interesse e problematicità (educazione stradale, educazione ambientale e al rispetto degli animali, etc..). Nello specifico, si sta tentando di coinvolgere i giovani in attività d’intervento concreto sul territorio attraverso, ad esempio, un progetto estivo per la pulizia della spiaggia adiacente Chott Maryam, e la futura organizzazione di giornate di adozione di gatti in cura presso un’associazione di Sousse. Nel periodo precedente al Ramadan, e quindi di maggiore attività delle associazioni giovanili e dei centri culturali presenti in zona, inoltre, abbiamo proposto una presentazione del programma di SVE che è stata accolta, ogni volta, con curiosità ed interesse. In tale occasione, infatti, per giovani che hanno sete di scoprire nuovi paesi, venire a conoscenza di un programma di scambio interculturale che include anche la Tunisia, ha rappresentato quantomeno uno spiraglio di speranza di affacciarsi al mondo esterno. A causa delle politiche eccessivamente restrittive in materia di immigrazione, infatti, per questi ragazzi è pressoché impossibile uscire dalla Tunisia, anche solo per fare una semplice vacanza! La sensazione costante che vivo qui, da cittadina europea in un paese nord-africano, è quella di imbarazzante ingiustizia. Esiste, infatti, una sconcertante disuguaglianza tra le possibilità – anche solo di mobilità - offerte ai ragazzi tunisini e a quelli europei, nonostante condividano spesso gli stessi legittimi interessi, curiosità, passioni. Una delle prime domande che mi sono posta sul mio ruolo di volontaria in paese non europeo è stata: “quale sarà la reazione della comunità locale, ed in particolare dei giovani tunisini, alla presenza di volontari europei che dovrebbero avere il compito di intervenire in un contesto a loro ignoto?”. La risposta è stata sorprendente e quasi immediata, ed è arrivata dal loro modo generoso di accoglierci. Incarnare l’ideale di un “mondo migliore” in un paese che nella sua complessità riesce a godere della semplicità della vita - un valore a noi ormai pressoché sconosciuto - è quasi destabilizzante.

La condizione generale di rassegnazione e sfiducia vissuta dai ragazzi tunisini si riflette, inevitabilmente, anche sulla realtà delle ONG locali. A parte il problema del coinvolgimento giovanile, tali organizzazioni si trovano ad agire in un contesto ostile, dovuto anche alla maggiore presenza ed influenza dei movimenti salafisti nel periodo post-rivoluzionario. Nel corso della mia esperienza ho potuto condividere tale realtà con alcuni enti particolarmente attivi sul territorio. L’incontro con le attiviste femministe di l’Association Tunisienne Des Femmes Démocrates (sezione di Kairouan) è stato particolarmente significativo. Si tratta, infatti, di una delle poche organizzazioni indipendenti presenti in Tunisia che lavora per la tutela dei diritti della donna e per l’uguaglianza di genere. In una delle città più islamiche e tradizionali della Tunisia, Kairouan appunto, in cui ad una donna non è consentito neppure di sedere in un bar per bere un tè, l’azione di questo gruppo di donne è un quotidiano atto di coraggio e tenacia. La loro voce non si è spenta neanche nel periodo caldo successivo all’emanazione della nuova Costituzione, anzi il loro intervento è particolarmente efficace attraverso l’organizzazione di incontri destinati al dibattito costituzionale e all’analisi degli articoli più spinosi. Tra i progetti più coraggiosi in corso c’è quello di una campagna per la promulgazione di una legge (che s’inspira all’articolo 46 della Costituzione) contro la violenza sulle donne e per l’adozione di una politica di prevenzione e di repressione dei responsabili di tale violenza. Un ulteriore obiettivo è di tradurre la nuova Costituzione nel dialetto tunisino, in modo da renderla più comprensibile alla maggior parte della popolazione. Nell’attuale fase che precede le elezioni di ottobre, inoltre, sono impegnate in una campagna di sensibilizzazione per l’iscrizione alle liste elettorali.

La collaborazione più produttiva durante il mio progetto di volontariato è stata quella con l’organizzazione “La mémoire et l’histoire locale” di Kalaa Sghira – un paesino della regione di Sousse - che ha messo a compimento la realizzazione di un museo storico-culturale. Anche nel caso di tale ente, non sono mancati i conflitti con i gruppi salafisti presenti sul territorio, la cui pretesa era di fare di quell’area una scuola coranica e che non hanno ancora cessato le loro minacce. I responsabili di tale associazione sono tutti professionisti, tra cui docenti universitari ed un giornalista. Alcuni di loro hanno avuto una formazione in Europa, hanno sperimentato il distacco (che in un primo momento può sembrare “la salvezza”) da una realtà troppo stretta per i loro animi in subbuglio, hanno potuto guardare dalla giusta distanza la loro vita tradizionale, a cui è destinata la maggior parte dei ragazzi tunisini, e magari criticarla; hanno sentito il desiderio di non far più parte di quella prigione morale in cui la famiglia, la comunità, la precarietà in Tunisia spesso ti rinchiudono; hanno avuto la rara possibilità di scegliere, ed hanno deciso di tornare. Indubbiamente, vivendo qui, ci vuole veramente poco per capire che quasi tutti i giovani tunisini che non sono mai usciti dalla nazione hanno il solo desiderio di andare via; molti di loro hanno perso amici o parenti in un mare per loro troppo ostile. Parlando con le poche persone del posto che sono tornate dall’Europa dopo averci vissuto per periodi più o meno lunghi, però, mi sono fatta l’idea che il peso di una società che spesso ti fa sentire anonimo e solo (anche da cittadino europeo) è a volte più insopportabile della precarietà vissuta in una terra che, nonostante le difficoltà – e forse anche grazie ad esse - rimane solidale. Nel caso dell’associazione di Kalaa Sghira, le persone esemplari che vi lavorano hanno deciso di mettere le loro competenze a disposizione della comunità locale, affrontando anche la soffocante influenza delle correnti più estremiste, e forse è questo il senso che hanno saputo dare al loro conflitto interiore. Il nostro lavoro al museo è stato davvero come coltivare, giorno dopo giorno, una piantina delicata interrata in un terreno poco fertile, sabbioso. Le nostre attività sono state soprattutto di ristrutturazione ed è stato un coinvolgimento totale nella comunità. Eravamo lì a respirare la polvere degli scavi al fianco di tutti coloro, giovani e meno giovani, che decidevano di contribuire durante le ore libere dal lavoro o in un giorno di vacanza dalla scuola. Eravamo seduti alla loro stessa tavola durante i numerosi inviti a mangiare quantità sorprendenti di cous cous. Eravamo lì quando abbiamo iniziato a vedere i primi colori emergere e gli spazi prendere forma. Il colore prevalente è il blu, ed è come un angolo di Sidi Bou Said che però non si affaccia sul mare ma che è un affaccio sulla storia, sulla cultura. Eravamo lì quando il museo era pronto per la sua inaugurazione, ed è stata una bellissima festa in costumi tradizionali!

Siamo tuttora lì a godere della bellezza dei fiori nati da quella piantina forse non così fragile. Durante il mese di Ramadan, infatti, è in corso un programma di spettacoli culturali, di importanti gruppi musicali e teatrali, a cui la partecipazione della gente del posto è sempre forte. Persone di tutte le età, intere famiglie, anziani e adolescenti riempiono tutti i posti a sedere ed animano il pergolato destinato al bar. L’anziano che ci serve il tè alle mandorle è lo stesso che, tutti i giorni dell’intero periodo di lavori al museo, ci ha concesso un po’ di ristoro con caffè e tè verde preparati con meticolosità. Le signore che ci offrono dolci tipici del periodo di Ramadan sono le stesse che ci invitavano a pranzo nelle loro case, e che ormai ci accolgono come membri delle loro grandi e calorose famiglie.

Da volontaria europea in Tunisia, sono ancora alla ricerca del senso profondo del mio SVE e del mio ruolo qui, e sono certa che molti degli aspetti che mi stanno arricchendo come individuo li potrò comprendere solo col tempo. Da ragazza italiana proveniente da un paesino del Salento risulta inevitabile sentirsi dilaniata tra due realtà limitrofe, così simili ma a volte inavvicinabili.

Viaggiare e percorrere un pezzetto di strada con fratelli dell’altra sponda è una gioia per cui vale la pena di affrontare interrogativi interiori spesso irrisolvibili.

     

Alessandra Santantonio

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml