Il Corriere di Tunisi 
30 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 776 - “La rivolta dei Dittatoriati”

 

Intervista a Ouejdane Mejri

 

 “C’è chi combatte la dittatura e ne è oppositore dichiarato. C’è chi viene combattuto da essa e ne diventa la vittima. C’è chi la costruisce, la alimenta, la fa crescere nel proprio grembo e ne è l’artefice.

C’è invece chi cresce  tra i suoi tentacoli, respirando il suo alito soffocante e sopravvivendo alla sua ferocia. Questi siamo noi, i dittatoriati. Siamo nati oppressi e cresciuti impauriti. Oggi siamo ribelli”: si apre con queste forti parole il libro “La rivolta dei dittatoriati” (edizioni Mesogea, 144 pagine), scritto da Ouejdane Mejri e Afef Hagi, entrambe tunisine che da anni vivono in Italia, per raccontare la rivoluzione tunisina. Le due autrici sono state recentemente ospiti del Centro Culturale Italiano di Tunisi per presentare il proprio libro. Siamo riusciti ad intervistare Ouejdane Mejri, nata e cresciuta in Tunisia, dove ha frequentato l’università fino alla laurea. A 21 anni è partita per l’Italia per continuare i suoi studi specialistici in Informatica; ora insegna al Politecnico di Milano ed è impegnata nella società civile italiana come presidente dell’associazione PONTES dei tunisini in Italia: “Il mio è stato un percorso di migrazione  - spiega - che nasce per perseguire i miei sogni e che si è concretizzato anche con la nascita di una mia nuova famiglia in Italia. I miei genitori sono tuttora a Tunisi laddove sono cresciuta. In questi quartieri centrali della capitale, tra Lafayette e Bab Souika, un’infanzia impregnata dai rumori delle viuzze di El Halfaouine, spesso con un libro in mano per viaggiare tra le parole degli autori più variegati. Una vita da giovane tunisina come lo può essere quella di una ragazza che sogna di scoprire il mondo”. Un racconto che “è anche una storia di madri e di figlie. Di donne libere”, come si può leggere nella premessa, in cui le autrici parlano dell’importanza della figura delle loro madri, che le hanno spinte verso la ricerca della libertà: “Mia madre mi fissa con quel suo sguardo ardente e nemmeno la schermata di Skype riesce ad attenuarlo. La sua voce mi giunge limpida, mi rimprovera senza mezzi termini «ti ho tenuto per mano quando avevi quattro anni mentre insieme partecipavamo alle manifestazioni del 1983. Ora, tu non ci sei per prendermi per mano e farmi partecipare alle manifestazioni del 2010». Sì, mamma. Non vivo più in Tunisia. Non ho potuto in quei giorni esserti vicina e tenerti la mano in piazza per urlare insieme la nostra voglia di libertà e di dignità. Ma c’ero…insieme a voi, c’ero, non solo con la mente, con il cuore, ma anche con il corpo. Un corpo trascurato e in tensione, appiccicato al computer giorno e notte. E per dirti che c’ero, scrivo questo libro” (Afef). “Un libro che dice parole che a quel tempo non hai mai potuto pronunciare, davanti al tuo microfono alla radio. Tranne la volta in cui mi costarono la paura di perderti. Non hai mai voluto lasciare la nostra Tunisia eppure hai sognato per me un mondo libero e mi hai allontanato dal tuo grembo dicendomi «Vai…». E poi, eri lì in prima linea, pazza di libertà. Allora ho capito che non avevi mai avuto paura per te, hai sempre solo e soltanto avuto paura per noi”. (Ouejdane).

 

Partiamo dal titolo del libro: la rivolta dei “dittatoriati”. Potete spiegarci il significato di questo neologismo?

“Con Afef ci siamo poste subito dopo il 14 gennaio 2011 la domanda seguente “perché è scoppiata la rivolta in Tunisia? perché ora e non prima?”. Entrambe abbiamo vissuto in Tunisia per vent’anni e sapevamo esattamente cosa volesse dire crescere, andare a scuola e poi all’università sotto la dittatura. Cosa volesse dire stare attenti a ciò che si dice e ciò che si pensa, a mantenere le distanza dalla polizia che controllava, puniva e reprimeva. Cosa volesse dire vedere il nostro Paese derubato dal clan dei Trabelsi per anni. Ed è proprio perché conoscevamo quel muro di paura che fermava la gente comune, che ci siamo chieste come mai essa ha iniziato a protestare contro il regime in quel dicembre di tre anni fa. Nel libro tentiamo di esplorare quindi la storia dei “dittatoriati”, di quella gente che non è stata oppositrice dichiarata del regime e che non è stata neanche tra i costruttori di quel regime. Noi, dittatoriati, non eravamo vittime dirette della repressione fisica, ma siamo quelli che hanno vissuto sotto la dittatura, in silenzio, e un giorno quel silenzio è finito.

 

Cos’è che vi ha spinto a voler raccontare nel libro questa esperienza di “dittatoriati”? C’entra la lacerazione di cui parlate, il fatto che eravate in Italia mentre cominciavano le prime manifestazioni contro Ben Alì e quindi impossibilitate a condividere quei momenti rischiosi con i vostri concittadini? Dal vostro ultimo viaggio in Tunisia, vi aspettavate qualcosa di simile?

“Abbiamo sentito il bisogno di scrivere perché dopo il 14 gennaio 2014 potevamo farlo: con la caduta di Ben Ali, il dittatoriato ha acquisito se non altro la libertà di esprimersi. Noi come ricercatrici abbiamo sentito il bisogno imminente di raccontare come fosse la vita sotto una dittatura moderna: quella nella quale siamo cresciute non era il fascismo degli anni 30, ma una dittatura degli anni ‘90 e 2000. Come i sociologi occidentali ci avevano definito, negli scritti precedenti la rivoluzione, non rispecchiava ciò che sentivamo di essere, allora abbiamo deciso di fare un lavoro di ricerca, di interviste, di raccolta dati e di analisi scrupolosa, oltre la nostra esperienza personale. Era un bisogno molto forte di prendere la parola e proporre una visione di noi stessi, i dittatoriati. L’assenza delle migranti che siamo è sicuramente determinante in questo racconto: eravamo lacerate tra qui e lì e spesso quella distanza spariva con la scrittura, mentre ci tuffavamo nel nostro passato. Abbiamo invece sottolineato quella distanza quando abbiamo raccontato i giorni della rivolta con l’occhio di chi è lontano”.

 

Si potrebbe pensare che, a dispetto dei connazionali rimasti in patria, eravate in un certo senso delle “privilegiate” essendo in Italia. Eppure, come si legge in diversi passi del libro, in realtà sentivate ancora la morsa del regime e la paura che, ad un vostro passo sbagliato, potesse succedere qualcosa ai vostri familiari.

“Per chi decideva di non lavorare per il regime c’erano due vie uniche: quella dell’opposizione dichiarata, oppure l’essere un dittatoriato silenzioso. Il dittatoriato che poi parte a vivere all’estero deve rispettare questa regola del silenzio: se decide di esprimersi contro la dittatura e di combatterla diventerà un oppositore e ne pagherà le conseguenze. Le persecuzioni del regime di Ben Ali arrivavano anche all’estero, bastava semplicemente non rinnovare un passaporto tunisino a un migrante per impedirgli di avere una vita laddove stava e di tornare in Tunisia. Non eravamo libere di parlare perché vivevamo in Italia: sapevamo perfettamente che mettersi contro il regime significava non poter più ritornare in Tunisia, non rivedere le nostre famiglie. Ritorsioni e altro erano conseguenze “naturali” per chi si opponeva al regime. Sinceramente, non mi sentivo più libera in Italia di quanto non lo fossi in Tunisia, ero comunque dittatoriata”.

 

Nel primo capitolo scrivete: “Da nessuna parte nei libri di storia o di educazione civica si descriveva cosa avessero portato la sua democrazia e libertà, parole senza senso per un giovane tunisino che cresceva in tutt’altro mondo e cominciava a farsi delle domande”. Dopo la rivoluzione, in questi anni di un lungo processo che ha portato alla nascita della nuova Costituzione, queste due parole hanno un senso per il popolo tunisino?

“Le parole “libertà” e “democrazia” sono state abusate dai discorsi del vecchio regime perdendo ogni loro senso perché si confrontavano con una realtà che non era libera o democratica. Erano le parole della propaganda del regime. Oggi ci stiamo pian piano riappropriando del loro significato. Probabilmente, con il fatto di vivere la libertà e di esercitare la democrazia queste parole non sono più parole ma atti”.

 

Scrivete: “Sicuramente la gran parte di noi non era disobbediente, tuttavia non era neppure così obbediente come sperava e voleva far credere il regime. Anche noi avevamo il nostro simulacro,  una finzione, un’immagine illusoria da rimandare alla propaganda del potere”.  Potete fare esempi di come “eravate combattuti tra le bugie del regime e il sentimento di repressione” che cresceva in voi?

“Nel libro raccontiamo di questi due spazi nei quali vivevamo durante la dittatura. Da una parte uno spazio costruito dalla propaganda del regime che imponeva un’immagine di noi stessi, della nostra società e della sfera politica basati sulla farsa della democrazia di Ben Ali, una cartolina finta che costruiva quotidianamente il partito al potere e che dovevamo guardare senza possibilità di critica. Dall’altra parte lo spazio da vivere nostro, nel quale il controllo della polizia era costante, nel quale la corruzione dei membri del partito e l’abuso di potere del Clan dei Trablesi erano onnipresenti. La sfida principale era vivere tra questi due spazi, sovrapposti ma contraddittori, nella quotidianità, consapevoli del torto ma silenziosi per non rischiare ritorsioni. Ognuno di noi ha sviluppato i suoi meccanismi di difesa e di soppravvivenza. Ci si difendeva dal diventare pazzi dinanzi a questa doppia realtà e questi doppi messaggi. “Sei libero, ma non essere libero” erano i predicati di questa logica che poteva farci impazzire”.

 

Ampio spazio del libro è dedicato ai social network e al cyber attivismo, che hanno contribuito alla rivoluzione, i cosiddetti “avatar rivoluzionari”. Servono ancora?

“Gli avatar rivoluzionari non sono solo i cyber attivisti, anzi nei giorni della rivolta una grande parte dei blogger attivisti erano in prigione o sotto stretto controllo della polizia. Questo fenomeno di coesione sociale attorno a una lotta che descriviamo con il concetto dell’ “avatar rivoluzionario” non solo è sopravissuta alla fase di rivolta, ma è stata molto utile nella fase di costitutionalizzazione. Il fatto che i social media siano utilizzati come spazi di aggregazione di persone e comunità attorno a una lotta è sicuramente una delle grandi conquiste del popolo tunisino: siamo passati dall’essere individui silenti e separati a cittadini che discutono mentre sono connessi. Questa trasformazione si è fatta in rete, su facebook, e si sta facendo anche negli spazi dei partiti politici e nelle associazioni e gruppi della società civile. Gli “avatar rivoluzionati” hanno dimostrato di essere una realtà vincente e credo che sarà ancora presente per i prossimi anni, magari con nuove forme. E’ tutto tra le mani dei cittadini”.

 

Avete definito la società civile di prima come “sequestrata”. Un aspetto interessante del post rivoluzione, in effetti, è stato una sorta di “risveglio” della società civile, e un boom dell’associazionismo.

“La società civile tunisina si è liberata dal controllo della dittatura e oggi sta giocando un ruolo essenziale per la transizione democratica. I cittadini tramite le nuove associazioni di carattere civile hanno potuto partecipare al controllo delle istanze costitutive, ma anche promuovere nuove azioni e progetti per lo sviluppo economico e sociale della Tunisia. In questo boom delle associazioni ne sono nate molte di stampo religioso che fanno azioni di proselitismo e che preoccupano con il loro numero (stimate al 45% del numero totale delle associazioni) e la poca trasparenza delle loro attività, c’è chi teme la costruzione di una nuova forma di controllo delle menti e delle libertà. Staremo a vedere come evolverà questa realtà civile, che rappresenta un vero contro-potere alla politica tradizionale, un equilibrio essenziale in una democrazia”.

 

 Dalla pubblicazione del libro ad oggi ci sono stati altri cambiamenti: nuova Costituzione, tentativi di attentati…

“La rivoluzione è un cammino nel quale si stanno incontrando persone che costruiscono e altre che distruggono. Credo che sia cruciale tenere in mente da dove veniamo, come è stata la nostra vita prima di quel giorno di dicembre 2010 in cui tutto iniziò a Sidi Bouzid. Sarà solo con uno sguardo verso il passato che sapremo cosa costruire per il futuro. Mai più dittatoriati…”

 

Giada Frana

 

Ouejdane Mejri e Afef Haji durante la presentazione a Tunisi

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml