Il Corriere di Tunisi 
33 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  In Tunisia
 773 - MEHDI JOMAA NUOVO PRIMO MINISTRO

 

Alle 21 di sabato 14 dicembre è stato scelto infine il successore di Ali Laarayedh che avrà il compito di guidare un nuovo esecutivo tecnico fino alle elezioni per le quali nessuna data è stata ancora decisa.

L'accordo tra i partiti politici che hanno partecipato ai negoziati per il dialogo nazionale è stato raggiunto al termine dell'ultimatum imposto da Houcine Abassi, leader dell'UGTT (Unione generale del lavoro tunisina), principale mediatore delle trattative.

Un accordo tra il partito di maggioranza Ennahda e l'opposizione ha concluso quindi i negoziati sulla nomina del nuovo primo ministro facendo cadere la scelta sul ministro dell'industria Mehdi Jomaa .

La nomina rientra in un quadro più ampio che prevede la cessione del potere da parte di Ennahda nelle prossime settimane per mettere fine ad una crisi che sta ostacolando la transizione democratica del paese.

Nidaa Tounes, Al Joumhouri e altri rappresentanti del Front du Salut si sono ritirati dai lavori del dialogo nazionale rifiutandosi di nominare nuovo premier un ministro dell'attuale governo, quindi la votazione è stata controversa.

La breve esperienza politica del neo Premier è iniziata lo scorso marzo con la nomina a Ministro dell'Industria nel governo Larayedh .

Il suo nome è apparso l'ultimo giorno delle discussioni del Dialogo Nazionale e non soddisfa, come detto, per alcuni partiti dell'opposizione, i criteri per la nomina.

"Non possiamo scegliere come capo del governo un membro del governo uscente-ha detto Issam Chebbi , leader di Al Joumhour- non si tratta certo di un consenso all'unanimità". Nelle concertazioni finali infatti su un totale di 19 partiti presenti, 8 si sono astenuti dal voto.

Il leader di Ennahda, Rached Ghannouchi, ha replicato a Chebbi affermando che "nonostante il governo di Laarayedh detenga la maggioranza, il partito ha accettato un governo apolitico per il bene della Tunisia, primo Paese ad aver conosciuto la Rivoluzione e primo a rappresentare un nuovo modello di democrazia".

In due mesi di negoziazioni, tra stalli e riprese, la rosa dei candidati era stata ridotta a sei nomi: Ahmed Mestiri, Habib Essid, Mohamed Ennaceur, Jalloul Ayed, Mehdi Jomaa e Mohamed Salah Ben Issa. Al primo voto sembrava essere fatta per Mohamed Ennaceur , ma poi Ennahda ha spiazzato tutti dichiarando che non avrebbe mai accettato la sua nomina.

Il 12 dicembre poi un compromesso sembrava esser stato trovato su Mustapha Filali, 92 anni, militante della lotta nazionale e tra i firmatari della prima Costituzione tunisina. Sulla scelta erano concordi sia Ennahda che Nidaa Tounes, ma all'ultimo Filali ha rifiutato il posto ufficialmente "per fare spazio ai giovani".

La competizione si è così ristretta tra Mehdi Jomaa e Jalloul Ayed, ma a quel punto molti rappresentanti dell'opposizione hanno boicottato il voto.

Il risultato finale è che Ennahda ha praticamente finito per imporre il suo candidato. E gli interrogativi che adesso si pongono sono principalmente due. Jomaa sarà in grado di formare un governo nelle prossime due settimane, come previsto nella roadmap firmata a ottobre dai 21 partiti del Dialogo nazionale? Ma soprattutto: l'opposizione, che a quanto pare non appoggia questa scelta, farà ostruzionismo?

Il disaccordo potrebbe causare complicazioni durante il voto di fiducia del futuro governo in seno all'Assemblea Nazionale.

Con questa nomina si ha come detto l'impressione che ci sia in qualche modo una certa continuità nell'azione del governo attuale, ma ormai la decisione è presa, non si possono rinviare in eterno le decisioni cruciali, l'importante è che la classe politica in questo momento abbia davvero a cuore il futuro del paese.

 

Mehdi Jomaa

*Mehdi Jomaa, classe 1962, dopo aver conseguito la laurea in ingegneria presso la Scuola di Ingegneria Nazionale di Tunisi nel 1988 e dopo aver ottenuto una specializzazione post-laurea in Meccanica, calcolo e modellazione di strutture, ha trascorso tutta la sua carriera in seno all'Aerospace, una filiale del gruppo francese Total. Nel 2009, è stato direttore generale della divisione aerospaziale e della difesa, membro del Comitato Esecutivo, e sovrintendere di sei filiali in Francia, Stati Uniti, India e Tunisia. Nel 2013, infine, è stato nominato Ministro dell'Industria nel Governo Ali Larayedh.

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - INTERVISTA A BEN SEDRINE 
 :: 812 - LA CHIESA CATTOLICA IN TUNISIA 
 :: 810 - “Democrazia di prossimità” e “libera amministrazione” 
 :: 809 - TRE ANNI DI COSTITUZIONE TUNISINA  
 :: 805 - LE ISTANZE COSTITUZIONALI INDIPENDENTI TUNISINE NEL RUOLO DI "RAFFORZAMENTO" DELLA DEMOCRAZIA. 
 :: 803 - NUOVO GOVERNO IN TUNISIA 
 :: 801 - 10° CONGRESSO DEL PARTITO ENNAHDHA  
 :: 797 - TUNISIA 3.0: LA DEMOCRAZIA ABBATTE ALCUNI TABÙ STORICI DEL PAESE 
 :: 791 - GLI INTELLETTUALI CONTRO IL TERRORISMO 
 :: 788 - TUNISI – FORUM SOCIAL MONDIAL - 2015 [vers. pdf] 
 :: 787 - ATTENTATO IN TUNISIA 
 :: 785 - INTERVISTA A LUCE LACQUANITI 
 :: 784 - BEJI CAID ESSEBSI  
 :: 783 - La situazione politica post-elettorale in Tunisia 
 :: 782 - ELEZIONI IN TUNISIA 
 :: 778 - MADITERRANEO: SGUARDI INCROCIATI 
 :: 774 - TUNISIA, TRE ANNI DI RIVOLTE FANNO PRIMAVERA 
 :: 773 - MEHDI JOMAA NUOVO PRIMO MINISTRO 
 :: 772 - IL MANCATO ACCORDO SUL NOME DEL FUTURO PREMIER RITARDA IL DIALOGO NAZIONALE 
 :: 771 - Alla ricerca della concordia ordinum 
 :: 770 - LA TUNISIA IN LUTTO 
 :: 769 - INTERVISTA AD ALI BOUSSELMI, MEMBRO DI “ARTICLE 13” 
 :: 768 - 1 maggio e Tunisia 
 :: 767 - INTERVISTA AL DR MOHAMED LASSOUED 
 :: 766 - Tunisi, quello che le donne sanno 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 763 - LA TUNISIA DEL 23 OTTOBRE 
 :: 761 - Reportage dalla Tunisi post-rivoluzionaria 
 :: 757 - DALLA VIOLENZA AL SILENZIO 
 :: 755 - LA TUNISIA MEMBRO DELL’OSCE 
 :: 754 - INTERVISTA A LEENA BEN MHENNI 
 :: 753 - 17 DICEMBRE 2011 
 :: 752 - Bardo 1 
 :: 751 - Opinioni 
 :: 748 - DICHIARAZIONE DEL PROCESSO TRANSITORIO 
 :: 744-747 - PENSIERI POST INSURREZIONALI DI UN ITALIANO CHE VIVE NEL SUD DELLA TUNISIA 
 :: 719 - ELEZIONI E RIVOLUZIONE 
 :: 717 - INTERVISTA A TAREK CHAABOUNI 
 :: 715 - IL GOVERNO PROVVISORIO 
 :: 710 - COOPERAZIONE 
 :: 709 - UN RAMADAN IN MEDINA 
 :: 708 - FESTA DELLA REPUBBLICA 
 :: 703 - SOSTEGNO ALL’INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 
 :: 699 - La cooperazione italiana  
 :: 697 - L’IMPEGNO DELLA COOPERAZIONE ITALIANA  
 :: 693 - IL GIURAMENTO DEL PRESIDENTE ZINE EL ABIDINE BEN ALI 
 :: 691 - TUNISIA: ELEZIONI PRESIDENZIALI 2009 
 :: 689 - LA POLITICA DEL PRESIDENTE BEN ALI 
 :: 688 - FESTA DELLA REPUBBLICA TUNISINA 
 :: 687 - I 100 anni del teatro tunisino 
 :: 685 - IL RUOLO DELLA FAMIGLIA TUNISINA TRA COSTANTI E VARIABILI 
 :: 680 - L’IMPEGNO DEL LIONS CLUB TUNIS DOYEN 
 :: 674 - XX SIMPOSIO INTERNAZIONALE « LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN UN MONDO IN CAMBIAMENTO » 
 :: 671 - VISITA DEL MINISTRO SCAJOLA A TUNISI 
 :: 667 - CONSULTAZIONE NAZIONALE SULL’IMPIEGO 
 :: 665 - VOLONTARIATO 
 :: 664 - TEXMED 2008 
 :: 663 - Discorso del Presidente Ben Ali in occasione della Festa dell’Indipendenza e della festa della Gioventù 
 :: 655 - CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TERRORISMO 
 :: 656 - VISITA DEL DIRETTORE GENERALE DELL’OIM  
 :: 658 - TUNISIA – UNIONE EUROPEA 
 :: 654 - CORSO DI FORMAZIONE SULLO SVILUPPO PER LE DONNE DEL MEDITERRANEO  
 :: 653 - PIOGGE TORRENZIALI A TUNISI, DIVERSI MORTI E DISPERSI 
 :: 649 - VISITA DEL PRESIDENTE FRANCESE SARKOZY IN TUNISIA 
 :: 650 - I FESTEGGIAMENTI DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA REPUBBLICA 
 :: 651 - RIENTRO SCOLASTICO E RAMADAN 
 :: 648 - TUNISI CAPITALE MONDIALE DELLA DONNA INGEGNERE 
 :: 647 - Un grande avvenimento lionistico  
 :: 646 - Visita del Ministro della Difesa, Arturo Parisi in Tunisia 
 :: 645 - Visita del Ministro D’Alema in Tunisia  
 :: 644 - Visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio 
 :: 643 - Riunione di esperti dell’ONUDI e dell’Unione Africana per una strategia regionale della normalizzazione 
 :: 641 - Inaugurata la via intitolata a Bettino Craxi ad Hammamet 
 :: 635 - CELEBRAZIONE DELLA VI ª SETTIMANA DELLA LINGUA NEL MONDO IN TUNISIA 
 :: 633 - Incontro Ben Ali - Craxi. Prossima visita di Romano Prodi in Tunisia 
 :: 627 - Giornate tuniso-italiane d’Informazione e di Partenariato sull’olio di oliva a Gammarth 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml