Il Corriere di Tunisi 
40 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  In Tunisia
 770 - LA TUNISIA IN LUTTO

 

Il 25 luglio la Tunisia celebrava il 56° anniversario della proclamazione della Repubblica, le strade accoglievano cittadini sorridenti innalzanti e sventolanti la bandiera rossa e bianca ormai simbolo della ritrovata libertà, mentre Mohamed Brahmi deputato dell'Assemblea Costituente, leader del Movimento Echaab (popolo), veniva freddato con 14 proiettili davati alla sua abituazione.

Dopo circa sei  mesi la Tunisia ha pianto la sua seconda vittima politica.

Lo scenario dell’omicidio è stato identico a quello del 6 febbario scorso quando venne ucciso Chokri Belaid, ed identiche supponiamo esserne le motivazioni.

Due politici vicini al popolo, due membri del Fronte popolare colpiti forse per indebolire l’opposizione che con fatica stava tentanto e forse riuscendo, ad ottenere consensi ed unirsi in una coalizione capace di fronteggiare gli islamisti nelle prossime elezioni.

Uguale, se non maggiore,  è stata anche la partecipazione della società civile all’ultimo saluto a Brahmi.

Il corteo funebre che ha accompagnato la salma il 27 luglio al cimitero d’El Jellaz, proprio accanto a Chokri Belaid, al termine delle essequie si è diretto al Bardo, dove ha sede l’Assemblea Nazionale Costituente e dove ha dato inizio ad un sit in ancora in corso mentre scriviamo.

La folla immensa riversatasi al Bardo, e che è andata aumentando di minuto in minuto, è stata accolta dalle bombe lacrimogene delle forze dell’ordine.

Forte il sentimento di accusa dei tunisini contro la Troika (Ennahda, CPR, Ettakatol) e soprattutto contro  il partito di maggioranza Ennahda, ritenuto responsabile di entrambi gli omicidi e della situazione di instabilità del paese.

Ad uno schieramento pacifico e disarmato, la cui sola richiesta continua ad essere lo scioglimento dell’attuale governo (Al cha3b yourid Is9at annidham -Il popolo vuole la caduta del governo), si è opposto un apparato di sicurezza gratuitamente violento.

Testimonianze verbali, scritte e filmate, hanno riportato nel dettaglio le aggressioni e la ferocia di cui i manifestantio sono stati oggetto. E non solo. Si è parlato di polizia parallela, di polizia contro polizia, di leghe di protezione della rivoluzione presenti per seminare il caos, di totale assenza del rispetto dei diritti umani.

Nelle ore seguenti la pressione popolare, i messaggi di sdegno  delle maggiori organizzazioni che si occupano di diritti umani e la ferma condanna contro le aggressioni ad alcuni membri dell’ANC, e forse il timore di un inasprimento della situazione, hanno indotto ad un “dietrofront”  delle forze di sicurezza.

Il 28 luglio il Ministero dell’Interno ha autorizzato il sit-in, le tende allestite e smantellate, sono state riallestite; è stata garantita la protezione dei manifestanti e dulcis in fundo, i poliziotti hanno offerto fiori in segno di scusa.

La seconda giornata è trascorsa quindi in un clima per lo più sereno, con le migliaia di manifestanti anti-governo da un lato e le poche centinaia pro-governo dall’altro, fino all’interruzione del digiuno collettivo in  presenza delle famigle Brahmi e Belaid,  che per quanto criticato da una parte dell’opinione pubblica, ha chiamato a raccolta oltre 25.000 persone, un segno tangibile della solidarietà e della volontà di cambiamento.

Il mondo politico da parte sua ha iniziato ad avere i primi segni di cedimento.

Alcuni deputati dell’Assemblea Costituente hanno congelato la loro attività in seno a quest’ultima nel tentativo di raggiungere il quorum necessario per bloccarne i lavori ( 1/3 di 217) e si sono uniti al sit-in.

Il Premier Ali Larayed ha difeso la legittimita' del governo ed ha richiamato al dialogo quale soluzione civile. "Non è accettabile che poche persone in piazza decidano in nome del popolo intero" Noi applicheremo la legge" "il dialogo non è per le strade, ma sui tavoli della politica". Laarayed ha inoltre annunciato la presentazione definitiva della Costituzione entro un mese e libere elezioni per il 17 dicembre.

Il leader di Ennahda Rached Ghannouchi ha paragonato la dissoluzione dell' ANC ad un tetto che cadra' sulla testa di chi la chiede.

Il Presidente dell’ANC Ben Jafaar ha invitato i  deputati “dimissionari” a ripensare alla loro scelta ribadendo l'importanza dell'assemblea, ha promesso di finire i lavori entro il 23 ottobre ed ha  sottolineato ancora una volta l'importanza del dialogo nazionale.

Hamma Hammami, leader del Fronte Popolare ha auspicato invece  la formazione di un eventuale governo di salvezza nazionale che escluda i partiti della troika e che conduca il paese a nuove elezioni, dopo l’elaborazione della Costituzione.

Uno scenario alquanto confuso ed instabile, sia a livello civile che politico, che si è andato a peggiorare nella serata del 29 luglio.

Un attacco terroristico sul monte Chaambi, dove da mesi l’esercito è impegnato in operazioni di sminamento, ha fatto 8 vittime e 3 feriti: giovani militari spogliati delle loro uniformi, seviziati ed alcuni sgozzati.

La Tunisia ha pianto ancora, e ancora si è stretta in un cordoglio collettivo ma anche di resistenza ad oltranza.

Ancora una volta è stato il partito Ennahda il primo indiziato. E ancora una volta Ennahda si è difeso. Ha chiamato in causa il gruppo terroristico Al Qaeda Maghreb e gruppi terroristici algerini, ma ciò che non ha fatto, è stato esaudire le richieste di un Paese intero, del suo Paese.

Un Paese diviso, un paese che soffre e che ha subito gravi perdite. Un paese che ha creduto in una rivoluzione, nella caduta di un regime, e che si ritrova ora vittima di un altro governo dispotico, tanto interessato a portare a termine il suo progetto da non interessarsi dei suoi cittadini.

Si è parlato di complotti, di ritorno dell’RCD (partito dell’ex Presidente Ben Ali), di ingerenze straniere, di rapporti poco chiari con USA e Israele, di piani di islamizzazione dei paesi della cosiddetta primavera araba diventati ormai incontrollabili, ma ciò che si è omesso o ignorato è il popolo. Il popolo non avrà mezzi e forze materiali necessarie, ma ha, come diceva Jean Jaures, ciò che occorre ad una rivoluzione, la coscienza.

Le richiesta della società civile è una e chiara: Al cha3b yourid Is9at annidham. 

Il governo non ha alcuna legittimità, ha fallito la missione affidatagli il 23 ottobre 2011, ha governato pur non essendo legittimato a farlo per un periodo superiore a quello stabilito, e ancor più grave, non ha assicurato la sicurezza dello Stato.

La crisi che si è creata è difficile da sanare. Esiste il rischio di uno scenario del tipo egiziano, o ancora, e forse peggio, del tipo algerino?

Nel silenzio quasi assordante dei media italiani e stranieri in generale, di quell’altra sponda del Mediterraneo laico e democratico che si interessa della riva sud solo quando ne può trarre profitto,  non ci resta che attendere e confidare nella maturità e nelle smisurate risorse del popolo tunisino.

 

M.P.

 

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - INTERVISTA A BEN SEDRINE 
 :: 812 - LA CHIESA CATTOLICA IN TUNISIA 
 :: 810 - “Democrazia di prossimità” e “libera amministrazione” 
 :: 809 - TRE ANNI DI COSTITUZIONE TUNISINA  
 :: 805 - LE ISTANZE COSTITUZIONALI INDIPENDENTI TUNISINE NEL RUOLO DI "RAFFORZAMENTO" DELLA DEMOCRAZIA. 
 :: 803 - NUOVO GOVERNO IN TUNISIA 
 :: 801 - 10° CONGRESSO DEL PARTITO ENNAHDHA  
 :: 797 - TUNISIA 3.0: LA DEMOCRAZIA ABBATTE ALCUNI TABÙ STORICI DEL PAESE 
 :: 791 - GLI INTELLETTUALI CONTRO IL TERRORISMO 
 :: 788 - TUNISI – FORUM SOCIAL MONDIAL - 2015 [vers. pdf] 
 :: 787 - ATTENTATO IN TUNISIA 
 :: 785 - INTERVISTA A LUCE LACQUANITI 
 :: 784 - BEJI CAID ESSEBSI  
 :: 783 - La situazione politica post-elettorale in Tunisia 
 :: 782 - ELEZIONI IN TUNISIA 
 :: 778 - MADITERRANEO: SGUARDI INCROCIATI 
 :: 774 - TUNISIA, TRE ANNI DI RIVOLTE FANNO PRIMAVERA 
 :: 773 - MEHDI JOMAA NUOVO PRIMO MINISTRO 
 :: 772 - IL MANCATO ACCORDO SUL NOME DEL FUTURO PREMIER RITARDA IL DIALOGO NAZIONALE 
 :: 771 - Alla ricerca della concordia ordinum 
 :: 770 - LA TUNISIA IN LUTTO 
 :: 769 - INTERVISTA AD ALI BOUSSELMI, MEMBRO DI “ARTICLE 13” 
 :: 768 - 1 maggio e Tunisia 
 :: 767 - INTERVISTA AL DR MOHAMED LASSOUED 
 :: 766 - Tunisi, quello che le donne sanno 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 763 - LA TUNISIA DEL 23 OTTOBRE 
 :: 761 - Reportage dalla Tunisi post-rivoluzionaria 
 :: 757 - DALLA VIOLENZA AL SILENZIO 
 :: 755 - LA TUNISIA MEMBRO DELL’OSCE 
 :: 754 - INTERVISTA A LEENA BEN MHENNI 
 :: 753 - 17 DICEMBRE 2011 
 :: 752 - Bardo 1 
 :: 751 - Opinioni 
 :: 748 - DICHIARAZIONE DEL PROCESSO TRANSITORIO 
 :: 744-747 - PENSIERI POST INSURREZIONALI DI UN ITALIANO CHE VIVE NEL SUD DELLA TUNISIA 
 :: 719 - ELEZIONI E RIVOLUZIONE 
 :: 717 - INTERVISTA A TAREK CHAABOUNI 
 :: 715 - IL GOVERNO PROVVISORIO 
 :: 710 - COOPERAZIONE 
 :: 709 - UN RAMADAN IN MEDINA 
 :: 708 - FESTA DELLA REPUBBLICA 
 :: 703 - SOSTEGNO ALL’INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 
 :: 699 - La cooperazione italiana  
 :: 697 - L’IMPEGNO DELLA COOPERAZIONE ITALIANA  
 :: 693 - IL GIURAMENTO DEL PRESIDENTE ZINE EL ABIDINE BEN ALI 
 :: 691 - TUNISIA: ELEZIONI PRESIDENZIALI 2009 
 :: 689 - LA POLITICA DEL PRESIDENTE BEN ALI 
 :: 688 - FESTA DELLA REPUBBLICA TUNISINA 
 :: 687 - I 100 anni del teatro tunisino 
 :: 685 - IL RUOLO DELLA FAMIGLIA TUNISINA TRA COSTANTI E VARIABILI 
 :: 680 - L’IMPEGNO DEL LIONS CLUB TUNIS DOYEN 
 :: 674 - XX SIMPOSIO INTERNAZIONALE « LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN UN MONDO IN CAMBIAMENTO » 
 :: 671 - VISITA DEL MINISTRO SCAJOLA A TUNISI 
 :: 667 - CONSULTAZIONE NAZIONALE SULL’IMPIEGO 
 :: 665 - VOLONTARIATO 
 :: 664 - TEXMED 2008 
 :: 663 - Discorso del Presidente Ben Ali in occasione della Festa dell’Indipendenza e della festa della Gioventù 
 :: 655 - CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TERRORISMO 
 :: 656 - VISITA DEL DIRETTORE GENERALE DELL’OIM  
 :: 658 - TUNISIA – UNIONE EUROPEA 
 :: 654 - CORSO DI FORMAZIONE SULLO SVILUPPO PER LE DONNE DEL MEDITERRANEO  
 :: 653 - PIOGGE TORRENZIALI A TUNISI, DIVERSI MORTI E DISPERSI 
 :: 649 - VISITA DEL PRESIDENTE FRANCESE SARKOZY IN TUNISIA 
 :: 650 - I FESTEGGIAMENTI DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA REPUBBLICA 
 :: 651 - RIENTRO SCOLASTICO E RAMADAN 
 :: 648 - TUNISI CAPITALE MONDIALE DELLA DONNA INGEGNERE 
 :: 647 - Un grande avvenimento lionistico  
 :: 646 - Visita del Ministro della Difesa, Arturo Parisi in Tunisia 
 :: 645 - Visita del Ministro D’Alema in Tunisia  
 :: 644 - Visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio 
 :: 643 - Riunione di esperti dell’ONUDI e dell’Unione Africana per una strategia regionale della normalizzazione 
 :: 641 - Inaugurata la via intitolata a Bettino Craxi ad Hammamet 
 :: 635 - CELEBRAZIONE DELLA VI ª SETTIMANA DELLA LINGUA NEL MONDO IN TUNISIA 
 :: 633 - Incontro Ben Ali - Craxi. Prossima visita di Romano Prodi in Tunisia 
 :: 627 - Giornate tuniso-italiane d’Informazione e di Partenariato sull’olio di oliva a Gammarth 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml