Il Corriere di Tunisi 
35 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  In Tunisia
 769 - INTERVISTA AD ALI BOUSSELMI, MEMBRO DI “ARTICLE 13”

 

Ali è una persona silenziosa. Rappresenta una parte di quella gioventù tunisina che dalla Rivoluzione non si è lasciata abbattere, ma da cui anzi ha tratto nuova energia per potersi finalmente esprimere liberamente all’interno della società.

Come quella parte di gioventù che rappresenta, Ali conserva quel pizzico di illusione che i suoi coetanei europei non hanno più, ma che è fondamentale per provare a realizzare le proprie idee, per dare forma a ciò in cui si crede.

Il cinismo di una democrazia consumata non gli appartiene, ed è per questo che pare credere in maniera sincera ed anche un po’ ingenua alla possibilità di cambiare la società tunisina attraverso le associazioni di cui è membro.

Dopo la rivoluzione, una cinquantina di giovani come Ali si è iscritta alla sezione locale di Amnesty International, scompigliandone il precedente assetto e trainandone le iniziative.

I difetti che in genere circondano questo genere di organizzazioni (come l’eccesso di burocratizzazione e di gerarchizzazione) non paiono riguardare una sezione che sorprende per la sua fluidità e freschezza. Ed i giovani che ne sono la causa, lavorando silenziosamente, sono riusciti a regalare alla Tunisia spazi di dibattito pubblico di cui questo Paese sembra avere estremo bisogno.

Fare ad esempio incontrare membri dell’Assemblea Costituente di diversi partiti e farli discutere dei diritti del bambino nella nuova Costituzione, è infatti un esercizio democratico cui il Paese non è ancora abituato.

E nuovo esercizio democratico è anche la discussione politica fra questi ragazzi:

mentre un’amica di Ali parla di come i messaggi di talune organizzazioni arrivino meglio al popolo tunisino rispetto ad altre, lui non pare preoccuparsi della questione più di tanto. La cosa di cui più che altro c’è bisogno ora non è saper spedire dei messaggi meglio di altri, quanto piuttosto creare spazi come quello di cui si è parlato e come quelli che, ad esempio, il World Social Forum è riuscito da poco a creare a Tunisi.

La verità è che non esistono in Tunisia luoghi pubblici d’incontro dove poter esercitare liberamente la propria capacità critica, sale della democrazia. Non ci sono grandi possibilità di far incontrare-scontrare opinioni divergenti, e tutto ciò non può che inasprire ed allontanare le differenti idee riguardo al futuro di questo Paese. Si comprenderà così l’importanza che può aver dunque avuto il WSF che, a prescindere dalle critiche che gli si posson muover contro, ha avuto il pregio di mettere in contatto gente con differenti sensibilità politiche.

Anche Ali ha conosciuto al Forum diverse persone di altri Paesi con le quali è poi rimasto in contatto; tutto ciò rappresenta per lui una novità visto che non è mai riuscito ad andare in Europa date le complicazioni della burocrazia tunisina.

Dopo aver visto i primi frutti che l’esperienza di Amnesty stava portando, Ali ha deciso, assieme ad altri amici, di entrare a far parte di “Articolo 13”, organizzazione che prende il nome da quell’articolo della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo che riguarda il diritto alla libertà di movimento dell’individuo.

Quest’associazione si è in particolare occupata della situazione del campo profughi di Choucha gestito dall’UNHCR, campo allestito dopo l’inizio della guerra in Libia che ha visto transitare sotto le sue tende decine di migliaia di profughi.

“Articolo 13” è riuscito ad amplificare la loro voce e a fare in modo che le loro storie e le loro richieste venissero in parte ascoltate. Molte persone hanno ricevuto asilo politico, altre sono emigrate clandestinamente in Italia; quello che però importa adesso è che il 30 giugno Choucha chiuderà i battenti. L’UNHCR si è offerta di fornire al centinaio di profughi che ancora vi alloggiano la possibilità di tornare gratuitamente nei loro Paesi di provenienza. Il paradosso è che questi profughi si trovano nel campo proprio perché nei loro Paesi di provenienza si sentivano in pericolo, e la loro condizione è ulteriormente aggravata dall’assenza in Tunisia di una legge che riguarda i rifugiati politici.

“Articolo 13” continua così a battersi perché queste persone non vengano dimenticate, ed Ali continua ad impegnarsi nella difesa dei diritti umani.

 

Gianluca Gerli

 

 

Ali Bousselmi

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - INTERVISTA A BEN SEDRINE 
 :: 812 - LA CHIESA CATTOLICA IN TUNISIA 
 :: 810 - “Democrazia di prossimità” e “libera amministrazione” 
 :: 809 - TRE ANNI DI COSTITUZIONE TUNISINA  
 :: 805 - LE ISTANZE COSTITUZIONALI INDIPENDENTI TUNISINE NEL RUOLO DI "RAFFORZAMENTO" DELLA DEMOCRAZIA. 
 :: 803 - NUOVO GOVERNO IN TUNISIA 
 :: 801 - 10° CONGRESSO DEL PARTITO ENNAHDHA  
 :: 797 - TUNISIA 3.0: LA DEMOCRAZIA ABBATTE ALCUNI TABÙ STORICI DEL PAESE 
 :: 791 - GLI INTELLETTUALI CONTRO IL TERRORISMO 
 :: 788 - TUNISI – FORUM SOCIAL MONDIAL - 2015 [vers. pdf] 
 :: 787 - ATTENTATO IN TUNISIA 
 :: 785 - INTERVISTA A LUCE LACQUANITI 
 :: 784 - BEJI CAID ESSEBSI  
 :: 783 - La situazione politica post-elettorale in Tunisia 
 :: 782 - ELEZIONI IN TUNISIA 
 :: 778 - MADITERRANEO: SGUARDI INCROCIATI 
 :: 774 - TUNISIA, TRE ANNI DI RIVOLTE FANNO PRIMAVERA 
 :: 773 - MEHDI JOMAA NUOVO PRIMO MINISTRO 
 :: 772 - IL MANCATO ACCORDO SUL NOME DEL FUTURO PREMIER RITARDA IL DIALOGO NAZIONALE 
 :: 771 - Alla ricerca della concordia ordinum 
 :: 770 - LA TUNISIA IN LUTTO 
 :: 769 - INTERVISTA AD ALI BOUSSELMI, MEMBRO DI “ARTICLE 13” 
 :: 768 - 1 maggio e Tunisia 
 :: 767 - INTERVISTA AL DR MOHAMED LASSOUED 
 :: 766 - Tunisi, quello che le donne sanno 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 763 - LA TUNISIA DEL 23 OTTOBRE 
 :: 761 - Reportage dalla Tunisi post-rivoluzionaria 
 :: 757 - DALLA VIOLENZA AL SILENZIO 
 :: 755 - LA TUNISIA MEMBRO DELL’OSCE 
 :: 754 - INTERVISTA A LEENA BEN MHENNI 
 :: 753 - 17 DICEMBRE 2011 
 :: 752 - Bardo 1 
 :: 751 - Opinioni 
 :: 748 - DICHIARAZIONE DEL PROCESSO TRANSITORIO 
 :: 744-747 - PENSIERI POST INSURREZIONALI DI UN ITALIANO CHE VIVE NEL SUD DELLA TUNISIA 
 :: 719 - ELEZIONI E RIVOLUZIONE 
 :: 717 - INTERVISTA A TAREK CHAABOUNI 
 :: 715 - IL GOVERNO PROVVISORIO 
 :: 710 - COOPERAZIONE 
 :: 709 - UN RAMADAN IN MEDINA 
 :: 708 - FESTA DELLA REPUBBLICA 
 :: 703 - SOSTEGNO ALL’INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 
 :: 699 - La cooperazione italiana  
 :: 697 - L’IMPEGNO DELLA COOPERAZIONE ITALIANA  
 :: 693 - IL GIURAMENTO DEL PRESIDENTE ZINE EL ABIDINE BEN ALI 
 :: 691 - TUNISIA: ELEZIONI PRESIDENZIALI 2009 
 :: 689 - LA POLITICA DEL PRESIDENTE BEN ALI 
 :: 688 - FESTA DELLA REPUBBLICA TUNISINA 
 :: 687 - I 100 anni del teatro tunisino 
 :: 685 - IL RUOLO DELLA FAMIGLIA TUNISINA TRA COSTANTI E VARIABILI 
 :: 680 - L’IMPEGNO DEL LIONS CLUB TUNIS DOYEN 
 :: 674 - XX SIMPOSIO INTERNAZIONALE « LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN UN MONDO IN CAMBIAMENTO » 
 :: 671 - VISITA DEL MINISTRO SCAJOLA A TUNISI 
 :: 667 - CONSULTAZIONE NAZIONALE SULL’IMPIEGO 
 :: 665 - VOLONTARIATO 
 :: 664 - TEXMED 2008 
 :: 663 - Discorso del Presidente Ben Ali in occasione della Festa dell’Indipendenza e della festa della Gioventù 
 :: 655 - CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TERRORISMO 
 :: 656 - VISITA DEL DIRETTORE GENERALE DELL’OIM  
 :: 658 - TUNISIA – UNIONE EUROPEA 
 :: 654 - CORSO DI FORMAZIONE SULLO SVILUPPO PER LE DONNE DEL MEDITERRANEO  
 :: 653 - PIOGGE TORRENZIALI A TUNISI, DIVERSI MORTI E DISPERSI 
 :: 649 - VISITA DEL PRESIDENTE FRANCESE SARKOZY IN TUNISIA 
 :: 650 - I FESTEGGIAMENTI DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA REPUBBLICA 
 :: 651 - RIENTRO SCOLASTICO E RAMADAN 
 :: 648 - TUNISI CAPITALE MONDIALE DELLA DONNA INGEGNERE 
 :: 647 - Un grande avvenimento lionistico  
 :: 646 - Visita del Ministro della Difesa, Arturo Parisi in Tunisia 
 :: 645 - Visita del Ministro D’Alema in Tunisia  
 :: 644 - Visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio 
 :: 643 - Riunione di esperti dell’ONUDI e dell’Unione Africana per una strategia regionale della normalizzazione 
 :: 641 - Inaugurata la via intitolata a Bettino Craxi ad Hammamet 
 :: 635 - CELEBRAZIONE DELLA VI ª SETTIMANA DELLA LINGUA NEL MONDO IN TUNISIA 
 :: 633 - Incontro Ben Ali - Craxi. Prossima visita di Romano Prodi in Tunisia 
 :: 627 - Giornate tuniso-italiane d’Informazione e di Partenariato sull’olio di oliva a Gammarth 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml