Il Corriere di Tunisi 
22 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 764 - “L’Europa e la democrazia”

 

Il giorno 12 novembre 2012 si é tenuto a Tunisi presso l’Aula Magna dell’Istituto Superiore di Lingue di Tunisi dell’Università di Cartagine l’atteso intervento dell’On. Franco Frattini, (in qualità di presidente della Fondazione Alcide De Gasperi).

Dopo il grande interesse suscitato dal nostro Ambasciatore in Tunisia lo scorso aprile, sempre nella stessa aula, con il suo discorso “Prospettiva euromediterranea: il ruolo dell’Italia” l’Istituto Italiano di Cultura e l’Università di Cartagine hanno pensato bene di fare il bis proponendo questa volta la conferenza di Franco Frattini intitolata ”L’Europa e la democrazia”.

Di fronte ad un pubblico attento, composto non solo da studenti , tra i quali gli alunni dell'ultimo anno della scuola italiana parificata di Tunisi, ma anche da giornalisti ed addetti ai lavori,  (da rimarcare la presenza dell’Ambasciatore di Spagna in Tunisia) dopo i convenevoli di rito ha preso direttamente la parola l’On. Franco per condurre un discorso equilibrato e ricco di contenuti riguardante l’Europa ed i suoi valori di democrazia, i suoi problemi ed i modi per risolverli.

Frattini non ha mancato di sottolineare i suoi legami con la Tunisia che ha avuto modo di visitare più volte in passato come Ministro degli Esteri e proprio nei giorni seguenti la rivoluzione dei gelsomini ed ha voluto paragonare il periodo attuale della Tunisia, una nazione “in fase di costruzione della democrazia”, al periodo storico che portò alla nascita del progetto comune di un’ Europa unita.

Proprio dalle ceneri di un’Europa ancora lacerata dalle ferite della seconda guerra mondiale nasce infatti il progetto di unificazione continentale, un progetto destinato a crescere nel tempo che conta oggi di uno spazio in cui vivono “in pace” circa 500 milioni di persone. L’Europa nasce dall’idea di abbattere le frontiere (prima di tutto economiche) con lo scopo ultimo di giungere ad uno spazio davvero comune in cui le persone, le merci e le idee possano circolare davvero liberamente. I sei paesi fondatori, (tra cui l’Italia) pensano inizialmente ad un’Europa economica (raggiungendo grandi successi, tra cui l’introduzione della moneta unica) e la dotano di una qualche struttura di carattere politico che nel tempo verrà sempre più ampliata e perfezionata di pari passo con l’aumentare dei paesi aderenti, ma manca ancora oggi una vera e propria “governance” politica; questo é l’appunto più grande che viene mosso a questa Istituzione in un periodo di crisi monetaria come l’attuale.

Quando sono comparsi i primi sintomi della crisi dell’Euro è mancata un’azione forte da parte dell’Europa che non si è dotata ancora degli strumenti necessari per far fronte a questo tipo di situazioni. Cosi’ la politica è stata sorpassata dai mercati.  La debolezza dei mercati e la debolezza politica sono all’origine della crisi bancaria. Ma i fondamentali della zona euro restano solidi: il nostro Presidente Napolitano l’ha sottolineato, a giusto titolo e a più riprese. La decisione di adottare la moneta unica resta valida ed irreversibile. Per l’Europa e l’Italia non esiste oggi altra soluzione che di proseguire sulla via dell’Euro. Una volta risolti i problemi economici sarà la volta di affrontare le sfide del futuro che sono prima di tutto: adottare una politica comune per  risolvere in maniera pacifica i conflitti che esistono ancora in alcune nazioni, (vedi Medio Oriente); in modo da riuscire ad imporsi come interlocutore attento ed autorevole, in secondo luogo per rispondere in maniera efficiente alle nuove sifde energetiche e climatiche. Si dovrà discutere seriamente e costruttivamente di una politica d’immigrazione comune. Il Mediterraneo e’ stato per millenni il centro del mondo e bisogna lavorare di nuovo insieme affinche’ lo possa ridiventare.L’Europa sta facendo del suo meglio; tocca anche ai paesi della Sponda Sud fare altrettanto. Questi paesi hanno dimostrato che non esistono sfide impossibili, che si possono abbattere regimi dittatoriali con la forza della volontà popolare; esattamente cosi come hanno fatto i paesi dell’ex  blocco comunista. Un Maghreb libero e democratico, rispettoso delle diversità ed aperto al mondo sarà il partner ideale per l’Europa. L’On. Frattini si dice convinto che l’Africa del Nord e l’Europa potranno beneficiare enormemente di un cooperazione più stretta soprattutto nel campo scientifico ed universitario e propone un’intensificarsi degli scambi di studenti universitari e ricercatori (progetti Erasmus). Si dichiara inoltre favorevole ad un sistema che porti ad una revisione dell’attuale sistema della concessione dei visti ormai anacronistico e si dichiara a favore della cosiddetta immigrazione “circolare” un tipo di immigrazione che prevede dopo un percorso di formazione all’estero il ritorno in patria per evitare la cd. “fuga dei cervelli”. Altre realizzazioni concrete potranno includere la protezione dell’ambiente, in particolare del Mar Mediterraneo, il sostegno alle PME della sponda sud e nord, la protezione civile coordinata per far fronte alle catastrofi marittime, le cd “autostrade del mare” .L’intervento di Frattini si conclude con un accenno alla positiva gestione da parte dell’Italia dell’emergenza immigrazione vissuta a Lampedusa risolta con la concessione in via eccezionale di un permesso di soggiorno speciale per piu’ di 20.000 tunisini e con il ribadire l’importanza del ruolo della politica nel funzionamento delle istituzioni. Il sovrapporsi all’Europa di organismi creati “ad hoc” come l ‘Unione per il Mediterraneo” senza la reale volontà politica di portarli avanti dimostra che la creazione di enti simili sia piuttosto superflua. A fine intervento il pubblico ha posto interessanti domande, alcune piuttosto critiche a dire il vero sull’avanzata nei paesi del Nord Europa di posizioni euroscettiche, alle quali Frattini ha risposto ribadendo l’idea che dal modello europeo non si prescinde per il bene comune di tutta l’area.

 

Paolo Paluzzi 

 

Dibattito: “L’Europa e la democrazia”

 

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml