Il Corriere di Tunisi 
9 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Nel Mediterraneo-Maghreb
 760 - Pensieri Euro-Mediterranei

 

Nei giorni in cui la Tunisia sta facendo i conti con il suo recente passato, grazie anche alla condanna all’ergastolo dell’ex presidente Zine El Abidine Ben Ali in relazione alla morte di alcuni manifestanti lo scorso anno durante la rivolta nelle città di Kasserine e Thala, i tunisini si ritrovano scenari di piazza molto simili a quelli vissuti durante la rivoluzione della dignità. Il coprifuoco è stato ripristinato, e riporta bruscamente a terra ogni volo pindarico di chi auspicava un futuro stabile e democratico per il paese nord africano.

Oramai il braccio di ferro tra i sostenitori dell’Islam più radicale e coloro che sostengono un graduale percorso democratico, secondo i principi di un governo laico, riempie le cronache ed invita a molteplici spunti di riflessione.

Appare chiaro come il risultato maturato dal primo appuntamento elettorale libero non è servito soltanto a delineare un quadro partitico di riferimento, per la stesura della nuova Costituzione. La realtà ci dice che il risultato delle urne è stato interpretato dai seguaci salafiti e dai più ortodossi tra i musulmani come l’alba di un nuovo equilibrio, fondato nei più radicali principi islamici, attraverso i quali si strutturerà non solo la prossima Costituzione tunisina, ma anche la vita quotidiana della popolazione. A questa prospettiva si sta ribellando solo una minima parte del tessuto sociale tunisino, quello laico ed intellettuale. Troppo poco per un paese che aspira a rappresentare un polo di dialogo e di scambi, sia economici che culturali. Un ponte interculturale tra due rive, quella del Sud Europa e quella del Nord Africa, sponda Tunisi, in empasse anche alla luce delle recenti gravi reazioni di uno sparuto gruppo salafita verso l’esposizione di opere artistiche Au pringtemps des Arts, al palazzo Abdelleya della Marsa. Una pagine nera per un paese che si è spesso distinto come promotore della libertà artistica, strumento tra gli altri, di un dialogo libero e di denuncia.

Quando la libertà d’espressione si infrange contro il bigottismo partitico, celato e giustificato dietro dogmi religiosi, è il momento in cui un paese appena ritrovato deve realmente interrogarsi. Sono le derive nelle quali è facile scivolare, proprio perché buona parte della popolazione è ancora alla ricerca di parametri ai quali far riferimento. L’assenza di dialogo, la facile tentazione di bypassare un laborioso e difficile percorso di reciproco ascolto, porterà certamente ulteriore incertezza politica ed insicurezza sociale. Un prezzo troppo alto per una giovane democrazia ancora da formare.

 

Alfredo Lo Cicero – Ricercatore Universitario Paris 8

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 808 - « Tunisie une révolution en pays d’islam » 
 :: 808 - Être homosexuel au Maghreb 
 :: 793 - Mediterraneo: sguardi incrociati 
 :: 792 - Europa dei valori e fenomeno migratorio 
 :: 790 - “Mediterraneo Sguardi incrociati” 
 :: 771 - PERICOLOSE CONSIDERAZIONI EURO MEDITERRANEE 
 :: 769 - CHI HA PARLATO DI MODELLO TURCO? 
 :: 766 - NEL CAMPO RIFUGIATI DI RAS EL JDIR C’E’ ANCORA L’INFERNO 
 :: 763 - Pensieri Euromediterranei... 
 :: 760 - Pensieri Euro-Mediterranei 
 :: 757 - PENSIERI EURO-MEDITERRANEI 
 :: 756 - PENSIERI EURO MEDITERRANEI  
 :: 755 - PENSIERI EURO-MEDITERRANEI 
 :: 751 - Pensieri Euro - Mediterranei 
 :: 748 - PENSIERI EURO-MEDITERRANEI… 
 :: 713 - FORUM EURO – ARABO 2011  
 :: 645 - Tunisia e Regione Campania insieme per la “Dieta Mediterranea” 
 :: 643 - Un viaggio nelle origini mediterranee della cucina tunisina 
 :: 637 - PREMIO MEDITERRANEO PER LA CULTURA 
 :: 632 - 8ª edizione della regata “Carthago Dilecta Est” 
 :: 631 - Presentata a Scicli l'iniziativa "Credito a chi ci ha dato credito" 
 :: 630 - Progetto Medina : Portale per promuovere il turismo culturale nel Mediterraneo 
 :: 624 - SULLE TRACCE DELLA REGINA DIDONE LE NAVIGATRICI DEL MEDITERRANEO PORTANO UN MESSAGGIO DI PACE 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml