Il Corriere di Tunisi 
29 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  In Tunisia
 753 - 17 DICEMBRE 2011

 

LA TUNISIA ED IO

 

17 dicembre 2011. Questa mattina tutte le radio trasmettono canzoni e inni  inneggianti al sacrificio di Mohamed Bou Azizi che un anno fa esatto si immolava fra le fiamme  di fronte al Municipio di Sidi Bou Zid.

E questa facile e scontata retorica mi da un senso di fastidio, mi sembra che  questa ingessatura della cosiddetta ”rivoluzione dei gelsomini”,  questa sacralizzazione dell’evento possano sviare   dai problemi che ancora questo paese si trova ad affrontare quotidianamente, così come sta avvenendo in questi giorni con la nomina del Presidente della Repubblica, Moncef Marzouki (Congrés de la Republique) e della squadra di governo capeggiata dal premier Hamadi  Jbeli, del partito islamico Nahdha, celebrati con dosi massicce di ottimismo e ampollosità.

Il  tasso di disoccupazione,  secondo la Banca Centrale Tunisina, ha superato nel 2011 il 18% e fra i giovani raggiunge il picco catastrofico del  40%,  con le solite diseguaglianze fra le regioni costiere e quelle dell’interno. I prezzi al consumo sono aumentati del 4,4% rispetto al 2010 (0,4 % a novembre 2011 rispetto a ottobre 2011) e il governo si accinge a prelevare l’equivalente di 4 giornatei lavorative dal salario dei dipendenti pubblici per poter diminuire il deficit. E l’anno 2012,con i riflessi della crisi europea,  non dovrebbe vedere un maggiore afflusso turistico, né esportazioni in aumento.

Eppure, con  la democrazia sono arrivati anche segnali dell’inizio di un grande dibattito all’interno dell’Islam,  fra chi ne sostiene l’interpretazione tradizionale e di chiusura alla contemporaneità (a volte con la violenza, come alcuni gruppi di salafiti) e chi invece  ne difende l’interpretazione che,    con il suo corollario di controversie,  può tuttavia portare al progresso del pensiero  e alla convivenza fra cittadini, uguali nei diritti e diversi nelle opinioni.

Questo popolo si è risvegliato all’indomani del 14 gennaio con un'  immagine identitaria che sotto la dittatura era nascosta, repressa e negata e la sta svelando piano piano, con tutte le sue inevitabili  contraddizioni. Certo, non posso non preoccuparmi quando i salafiti bloccano (ancora ad oggi) le lezioni della università della Manouba   perché il regolamento vieta l’accesso agli esami delle studentesse con il niqab o se lo stesso presidente della Repubblica, per piaggeria nei confronti di Nahdha, sostiene che lui difenderà le donne con il niqab, quelle con il velo e le sefira (donne senza il velo), usando con questo termine una parola leggermente sprezzante nei nostri confronti.  Ma  voglio ancora credere che si stia attraversando una fase di passaggio, che si stia partorendo, con l’inevitabile dolore, una nuova società che troverà un suo  sufficiente equilibrio, isolando l’estremismo religioso.

Anche a sinistra, inevitabilmente, si è giunti a una grande autocritica che , se non si faranno ulteriori errori, dovrebbe vedere  le forze progressiste liberali confrontarsi con i comunisti e i partiti di tradizione marxista e con le formazioni indipendenti  e laiche,  per trovare elementi comuni e  per formare un fronte unito che faccia opposizione. E c’è il sit-in permanente del Bardo che ricorda ai membri della Costituente e del Governo  che la popolazione vigila e difende le conquiste della rivoluzione e  che le popolazioni delle zone interne (Gafsa, Sidi Bou Zid ecc.) si aspettano di ricevere attenzione e considerazione per le gravi problematiche che attraversano le loro regioni.

E i problemi che attanagliano la nazione s’intrecciano inevitabilmente con la mia condizione di donna “occidentale” che vive in un paese musulmano, che partecipa, o vorrebbe partecipare,  con i propri scarsi mezzi al cambiamento, alla rivoluzione che ancora attende di essere compiuta.  Sinceramente, quando venivo in Tunisia per le vacanze, mi sembrava un paese assonnato, immutabile, dominato da una profonda ipocrisia,  e non riuscivo a percepirne l’aspetto religioso, anche se ogni tanto in famiglia qualcuno decideva di smettere di bere o di portare il velo. Il bastione contro l’estremismo, Ben Alì, impediva a chiunque di esprimere la propria religiosità compiutamente, con la scusa della lotta al fondamentalismo.  Ora vivo qui,  vado a scuola per apprendere almeno l’arabo tunisino e,  alla mia età, faccio una terribile fatica… Esco da scuola,  a Montfleury, un quartiere di Tunisi che si trova su una collina, scendo verso la Place Bab Jazira per la rue Abdukassem  Chebbi per andare a prendere il 26 A a Place Barcelone e tornare a Bou M'hel: questo momento della giornata è il più prezioso per me, perché, camminando su marciapiedi sconnessi, in mezzo a frotte di rumorosi liceali, sbirciando nei negozietti e facendomi largo a fatica fra i banchi del mercato, mi sento ormai parte di questo popolo.

 

Patrizia Mancini

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - INTERVISTA A BEN SEDRINE 
 :: 812 - LA CHIESA CATTOLICA IN TUNISIA 
 :: 810 - “Democrazia di prossimità” e “libera amministrazione” 
 :: 809 - TRE ANNI DI COSTITUZIONE TUNISINA  
 :: 805 - LE ISTANZE COSTITUZIONALI INDIPENDENTI TUNISINE NEL RUOLO DI "RAFFORZAMENTO" DELLA DEMOCRAZIA. 
 :: 803 - NUOVO GOVERNO IN TUNISIA 
 :: 801 - 10° CONGRESSO DEL PARTITO ENNAHDHA  
 :: 797 - TUNISIA 3.0: LA DEMOCRAZIA ABBATTE ALCUNI TABÙ STORICI DEL PAESE 
 :: 791 - GLI INTELLETTUALI CONTRO IL TERRORISMO 
 :: 788 - TUNISI – FORUM SOCIAL MONDIAL - 2015 [vers. pdf] 
 :: 787 - ATTENTATO IN TUNISIA 
 :: 785 - INTERVISTA A LUCE LACQUANITI 
 :: 784 - BEJI CAID ESSEBSI  
 :: 783 - La situazione politica post-elettorale in Tunisia 
 :: 782 - ELEZIONI IN TUNISIA 
 :: 778 - MADITERRANEO: SGUARDI INCROCIATI 
 :: 774 - TUNISIA, TRE ANNI DI RIVOLTE FANNO PRIMAVERA 
 :: 773 - MEHDI JOMAA NUOVO PRIMO MINISTRO 
 :: 772 - IL MANCATO ACCORDO SUL NOME DEL FUTURO PREMIER RITARDA IL DIALOGO NAZIONALE 
 :: 771 - Alla ricerca della concordia ordinum 
 :: 770 - LA TUNISIA IN LUTTO 
 :: 769 - INTERVISTA AD ALI BOUSSELMI, MEMBRO DI “ARTICLE 13” 
 :: 768 - 1 maggio e Tunisia 
 :: 767 - INTERVISTA AL DR MOHAMED LASSOUED 
 :: 766 - Tunisi, quello che le donne sanno 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 763 - LA TUNISIA DEL 23 OTTOBRE 
 :: 761 - Reportage dalla Tunisi post-rivoluzionaria 
 :: 757 - DALLA VIOLENZA AL SILENZIO 
 :: 755 - LA TUNISIA MEMBRO DELL’OSCE 
 :: 754 - INTERVISTA A LEENA BEN MHENNI 
 :: 753 - 17 DICEMBRE 2011 
 :: 752 - Bardo 1 
 :: 751 - Opinioni 
 :: 748 - DICHIARAZIONE DEL PROCESSO TRANSITORIO 
 :: 744-747 - PENSIERI POST INSURREZIONALI DI UN ITALIANO CHE VIVE NEL SUD DELLA TUNISIA 
 :: 719 - ELEZIONI E RIVOLUZIONE 
 :: 717 - INTERVISTA A TAREK CHAABOUNI 
 :: 715 - IL GOVERNO PROVVISORIO 
 :: 710 - COOPERAZIONE 
 :: 709 - UN RAMADAN IN MEDINA 
 :: 708 - FESTA DELLA REPUBBLICA 
 :: 703 - SOSTEGNO ALL’INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 
 :: 699 - La cooperazione italiana  
 :: 697 - L’IMPEGNO DELLA COOPERAZIONE ITALIANA  
 :: 693 - IL GIURAMENTO DEL PRESIDENTE ZINE EL ABIDINE BEN ALI 
 :: 691 - TUNISIA: ELEZIONI PRESIDENZIALI 2009 
 :: 689 - LA POLITICA DEL PRESIDENTE BEN ALI 
 :: 688 - FESTA DELLA REPUBBLICA TUNISINA 
 :: 687 - I 100 anni del teatro tunisino 
 :: 685 - IL RUOLO DELLA FAMIGLIA TUNISINA TRA COSTANTI E VARIABILI 
 :: 680 - L’IMPEGNO DEL LIONS CLUB TUNIS DOYEN 
 :: 674 - XX SIMPOSIO INTERNAZIONALE « LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN UN MONDO IN CAMBIAMENTO » 
 :: 671 - VISITA DEL MINISTRO SCAJOLA A TUNISI 
 :: 667 - CONSULTAZIONE NAZIONALE SULL’IMPIEGO 
 :: 665 - VOLONTARIATO 
 :: 664 - TEXMED 2008 
 :: 663 - Discorso del Presidente Ben Ali in occasione della Festa dell’Indipendenza e della festa della Gioventù 
 :: 655 - CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TERRORISMO 
 :: 656 - VISITA DEL DIRETTORE GENERALE DELL’OIM  
 :: 658 - TUNISIA – UNIONE EUROPEA 
 :: 654 - CORSO DI FORMAZIONE SULLO SVILUPPO PER LE DONNE DEL MEDITERRANEO  
 :: 653 - PIOGGE TORRENZIALI A TUNISI, DIVERSI MORTI E DISPERSI 
 :: 649 - VISITA DEL PRESIDENTE FRANCESE SARKOZY IN TUNISIA 
 :: 650 - I FESTEGGIAMENTI DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA REPUBBLICA 
 :: 651 - RIENTRO SCOLASTICO E RAMADAN 
 :: 648 - TUNISI CAPITALE MONDIALE DELLA DONNA INGEGNERE 
 :: 647 - Un grande avvenimento lionistico  
 :: 646 - Visita del Ministro della Difesa, Arturo Parisi in Tunisia 
 :: 645 - Visita del Ministro D’Alema in Tunisia  
 :: 644 - Visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio 
 :: 643 - Riunione di esperti dell’ONUDI e dell’Unione Africana per una strategia regionale della normalizzazione 
 :: 641 - Inaugurata la via intitolata a Bettino Craxi ad Hammamet 
 :: 635 - CELEBRAZIONE DELLA VI ª SETTIMANA DELLA LINGUA NEL MONDO IN TUNISIA 
 :: 633 - Incontro Ben Ali - Craxi. Prossima visita di Romano Prodi in Tunisia 
 :: 627 - Giornate tuniso-italiane d’Informazione e di Partenariato sull’olio di oliva a Gammarth 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml