Il Corriere di Tunisi 
52 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA

 

Con l’approssimarsi delle prossime festività desidero rivolgere a tutti gli Italiani che vivono ed operano in Tunisia, i miei più cordiali e fervidi auguri.

L’anno che volge al termine è stato di importanza storica per il Paese che ci ospita. Il 2011 ha segnato una tappa che tutti noi auspichiamo positiva e di nuovo corso per la Tunisia ed il suo popolo. Dai giovani tunisini e, in modo crescente, da tutto il resto della popolazione, l’anelito verso una società più giusta e rispettosa dei diritti individuali - ma anche potenzialmente più idonea ad offrire condizioni di benessere condiviso - ha rappresentato la spinta inarrestabile della Rivoluzione, pagata anche con il sacrificio supremo di molti. Un’ondata partita da una piccola città del centro del Paese e giunta con impeto fino all’Avenue Bourghiba, alla Kasbah, all’intera capitale.

Il ricordo di quelle giornate impetuose di gennaio rimarrà a lungo nella nostra memoria. Probabilmente per sempre. Da quelle giornate è partito anche il segnale di una speranza, estesosi a tutta la regione della sponda sud del Mediterraneo, nota all’intera comunità internazionale con il nome di “primavera araba”. Dalla Tunisia è partita la Rivoluzione; la Tunisia ha dato luogo già alle prime elezioni libere. Di questa storica transizione la comunità italiana qui residente è stata testimone, spesso ammirata e, molte volte, emotivamente partecipe. Questi sentimenti si sono certamente accompagnati a qualche apprensione nelle fasi più concitate della Rivoluzione. Vorrei, tuttavia, approfittare di questo breve bilancio di fine anno per dare atto ai nostri connazionali di un atteggiamento improntato a grande compostezza e senso di equilibrio. Così come vorrei dare riconoscimento agli imprenditori italiani di quella tenacia e determinazione che da sempre li contraddistingue. Sono tutti rimasti nel Paese, dimostrando con i fatti il significato di una “scommessa convinta” sul futuro di questo Paese. Di tale atteggiamento ho avuto modo di raccogliere personalmente sincere espressioni di apprezzamento da parte delle più alte cariche dello Stato tunisino. In particolare, dal Primo Ministro Béji Caid Essebsi.

Le difficoltà non sono certamente mancate ed ancora molti nostri connazionali vi sono confrontati. Questo periodo, peraltro, ha coinciso con le note criticità di ordine economico e finanziario che hanno colpito l’Europa e, in particolare, il nostro Paese, sottoponendo tra l’altro ad una pressione mai finora registratasi in modo così ampio, l’euro.

Sul piano dei rapporti politici il Governo italiano ha fatto sentire da subito la sua vicinanza alle autorità ed al popolo tunisino. Lo ha fatto attraverso innumerevoli visite politiche, accompagnate da un sostegno, anche finanziario (in particolare con programmi di supporto al settore privato), che non è mai venuto meno. Ricordo la visita del Presidente Berlusconi il 4 aprile scorso, così come i passaggi del Ministro degli Esteri Frattini (14 febbraio e 25 marzo), del Ministro dello Sviluppo Economico Romani (15-16 giugno), del Ministro dell’Interno Maroni (25 marzo, 4-5 aprile e 12 settembre). Certamente va ricordata in tale contesto la vicenda della massiccia emigrazione clandestina verso Lampedusa. I governi italiano e tunisino l’hanno affrontata con spirito di collaborazione, pur in un quadro complessivo certamente non esente da difficoltà, accompagnato anche da un vivace dibattito politico in entrambi i Paesi. L’intesa raggiunta dal Ministro Maroni con il suo omologo Essid il 5 aprile scorso a Tunisi ha consentito una gestione del fenomeno in un quadro condiviso e mutuamente rispettoso. Da segnalare, inoltre, le visite del Sottosegretario agli Esteri Craxi (19 gennaio, 8 marzo, 4 e 29 aprile) e del Sottosegretario all’Interno Viale (12 settembre). Anche da parte di altri autorevoli esponenti del Parlamento italiano non  è stata fatta mancare la propria presenza in Tunisia. Ricordo a tale riguardo la visita delle Senatrici Finocchiaro e Marinaro a Tunisi e a Ras Jdir (18-20 aprile) e quella della delegazione guidata dall’On.le Pistelli (26-27 ottobre). A “guida italiana” (On.le Migliori) la missione degli osservatori elettorali OSCE così come quella della Commissione Esteri del Parlamento Europeo (On.le Albertini) tra il 21 ed il 24 ottobre. Ma anche del Vice Presidente del Senato Bonino e dell’On.le Pannella in luglio.

L’anno 2011 ha coinciso anche con le celebrazioni del 150.mo anniversario dell’Unità d’Italia. Aderendo con entusiasmo alle indicazioni del Presidente Napolitano abbiamo cercato di valorizzare al meglio tale ricorrenza. L’ho personalmente fatto in Residenza in occasione dei ricevimenti del 1 e 2 giugno. L’Istituto Italiano di Cultura ha realizzato, al riguardo, una serie di qualificate e mirate iniziative. Anche quest’ultimo mese di dicembre prevede due appuntamenti ad essa collegati: il “Grand Gala” del teatro dell’Opera di Roma presso il teatro Municipale di Tunisi e la mostra della Collezione Farnesina Design, anch’essa in programma a Tunisi presso il Centre National d’Art Vivant.

In questo 2011, in linea con quanto avevo anticipato in occasione degli auguri delle scorse festività, ho cercato di potenziare ulteriormente i servizi della nostra Ambasciata nei confronti sia dei connazionali residenti sia dei concittadini di passaggio in Tunisia. Ed anche, beninteso, nei confronti dell’utenza tunisina. Dal servizio visti all’assistenza ai connazionali, compresa la componente imprenditoriale; dalle relazioni culturali ai nostri collegamenti con l’articolata presenza italiana in questo Paese, di cui desidero, in particolare, ricordare l’Istituto GB Hodierna. Ma anche attraverso la costante ricerca di una maggiore e più rapida offerta di servizi ed una più aggiornata azione di comunicazione, in testa alla quale desidero collocare anche l’attualizzazione costante del nostro sito web (www.ambtunisi.esteri.it) così come il servizio di informazione ai connazionali in materia di sicurezza che continuiamo ad assicurare per mezzo di sms. Si tratta di servizi che intendiamo in futuro rendere sempre più completi e percepibili all’interno della nostra Comunità.

 Vorrei anche approfittare dell’occasione per ringraziare il personale dell’Ambasciata per l’azione svolta, in particolare, nei giorni più concitati della Rivoluzione. L’importante mole di lavoro portata avanti in quei giorni dall’Ambasciata è stata resa efficace, a mio avviso, grazie anche - come ricordavo all’inizio - all’atteggiamento composto e responsabile della nostra collettività qui residente.

E’ con questo spirito e con questi propositi che rinnovo i miei più sentiti auguri, auspicando che tutti i cittadini italiani in Tunisia continuino ad accrescere quell’importante patrimonio di amicizia e fratellanza con il popolo tunisino che ci accoglie, contribuendo, nel naturale rispetto delle sue tradizioni ed Istituzioni, a rafforzare sempre più gli stretti legami che già uniscono i due Paesi.

 

 

Pietro Benassi

Ambasciatore d’Italia In Tunisia

 

 

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml