Il Corriere di Tunisi 
7 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA

 

Terminata la  fase 1 di incredulità e cronaca, che grazie ai garanti dell’informazione ha permesso al mondo di essere informato in tempo reale sugli sviluppi di un cambiamento storico epocale, è stata tralasciata la fase 2 , non meno importante per la nuova vita della Tunisia: quella della nuova vita, della rinascita, del lavoro dei Tunisini nella propria terra.

Il 22 aprile 2011, ben 3 mesi e mezzo dopo i fatti, l’ennesimo programma dell’ennesima TV italiana (fortunatamente almeno non in prima serata) ci propina le immagini dei poveri giovani e giovanissimi clandestini che sui barconi scommettono la propria vita e approdano a Lampedusa pieni di sogni e speranze: e sottolineo i giovani.

Dopo 23 anni di dittatura incancrenita, ed in poco meno di 4 settimane i Tunisini (nel cuore del Mediterraneo a pochi passi dall'Italia) hanno dato il via ad un nuovo scenario e puzzle negli equilibri mondiali, aprendo le porte sigillate della democrazia e libertà nel mondo arabo. Ci avrebbero scommesso in pochi.

I clandestini tendono la mano della speranza verso l’Europa attraverso la Sicilia, e ci riportano alla memoria il mare umano di emigrati italiani nel secolo scorso alla ricerca di una vita migliore. I Tunisini oggi fanno notizia grazie ai media che ne danno immediatamente i numeri esponenziali spesso ancor prima dell’approdo.

Ma non si parla mai, salvo qualche accenno marginale, degli spregiudicati organizzatori di questa deplorevole tratta di esseri umani, che opera indisturbata dalla Tunisia alla Sicilia con solide reti e basi criminali nei due Paesi, cavalcando la debolezza di chi, ingenuamente, si abbandona alle loro bugie.

In Italia il Ministro del Turismo Brambilla sentenzia "Siamo pronti a fare la nostra parte per aiutare la Tunisia a creare le condizioni per la ripresa del turismo, che rappresenta per quel paese una parte determinante per l'economia, ma solo dopo che avremo verificato, il totale rispetto degli accordi presi dal loro governo con il nostro. I continui sbarchi di clandestini tunisini verso l'Italia, e in particolare verso l'isola di Lampedusa, hanno già arrecato un serio danno non solo alla popolazione residente ma all'intero turismo siciliano e nazionale. Ed è quindi nostra intenzione dare la priorità al sostegno delle imprese italiane e all'economia dei territori. Il turismo rappresenta per la nostra economia, ed in particolare per quella del Mezzogiorno, un elemento strategico e metteremo in atto tutto quanto sarà possibile per sostenerlo."

Una dichiarazione di grande risonanza mediatica per Lampedusa e i Siciliani e per molti italiani.

Il Ministro della Giustizia Castelli, pochi giorni dopo tuona così:  “…sparare ai Tunisini sui barconi”.

La mia azienda, che opera nel senso contrario (inviando italiani all’estero), e quelle di altri migliaia e migliaia di colleghi sono anch’esse aziende italiane, con almeno 700.000 addetti  di settore, sul territorio nazionale. 

Almeno sull’onda di queste dichiarazioni “protezioniste” ci sarebbe piaciuto prendere atto di azioni concrete a favore della nostra categoria di addetti al turismo: azioni che – a prescindere dalle situazioni di mercato - non si limitino al continuo e progressivo soffocamento fiscale, alla burocrazia operativa e all’appesantimento regolare dei costi di gestione aziendale, e ovviamente l’anticipazione pressoché totale delle tasse da un anno fiscale a quello che deve ancora venire (proprio cosi: si pagano nel 2011 le tasse del 2012, a prescindere dall’andamento del fatturato 2011. E se non lo fai, dopo paghi ancora di più).

Ma tornando al cuore del problema, il turismo si sa, è un ponte tra i popoli, e alimenta la crescita di ogni individuo, il confronto e lo scambio. Anche i flussi turistici hanno contribuito a dare spinta e coraggio ai giovani protagonisti della rivoluzione Tunisina, che a sua volta ha dato il “la” ad una rivoluzione più profonda all’interno del mondo arabo, anche se dai contorni ancora non definiti.

Adesso che si è consumata quasi tutta la fase 1, c’è il vuoto anche mediatico dell’Italia sulla fase 2: il dopo rivoluzione, la ripresa della vita: una fase  meno emozionale e scandalistica per lo spettatore.  Ma fare comunicazione è una responsabilità molto importante.  Sono stati giustamente spesi fiumi di parole nel condannare la dittatura e l’estremismo. Il  modello Europeo e Italiano, seppur con le sue pecche, permette ad ognuno di esprimersi liberamente, spesso anche con toni duri e sgradevoli: comunque ci esprimiamo.

Ma oltre alla forzata accoglienza alimentata dagli sbarchi (non risolutiva per il problema dei migranti), l’Italia dov’è?

Per quale motivo si gira alla larga dalla Tunisia? Perché la Farnesina non aggiorna le informazioni sul sito ufficiale? Perche non aiutare il popolo tunisino a rinascere in Tunisia?: per farlo è sufficiente dare da lavorare, almeno tanto quanto prima. La mancanza di lavoro e di turismo crea chiusura. La chiusura crea terreno fertile a favore di altri regimi autoritari.

La mancanza di lavoro alimenta nei giovani e nei più deboli incertezze ed instabilità facilmente strumentalizzabili da ideologie pericolose, legate all’attuale mosaico sociale: una reazione naturale, che prescinde dal mondo arabo. Ma che può avere ripercussioni a lungo termine nel quadro mondiale. Leggasi fondamentalismo islamico, l’unica forza politicizzata ad arte e ad oggi molto strutturata, organizzata ed economicamente molto potente.

Ai media italiani chiediamo una comunicazione equilibrata, o semplicemente più completa.

Le elezioni Tunisine avranno luogo a fine luglio. La ripresa della stagione turistica prima delle elezioni politiche, sarà di strategica importanza per l’esito delle stesse, e la stagione turistica puo ancora essere recuperata.

Le imprese italiane impiantate in Tunisia, e gli imprenditori ben lo sanno - creano lavoro a cascata anche in Italia, su attività di diverso tipo che non sarebbero altrettanto spumeggiati in Italia.

Dando per implicito che la stabilità politica dell’area sia imprescindibile, la ripresa non può più essere procrastinata.

A cominciare dal flusso turistico, daremo lavoro a milioni di  tunisini in Tunisia, e salveremo il posto di lavoro a centinaia di migliaia di Italiani.

Solo attraverso l’interscambio culturale ed il lavoro, le vittime della rivoluzione non avranno perso la vita inutilmente, i giovani e tutta la popolazione riprenderà fiducia nel futuro, e l’avanzata dell’estremismo islamico alle porte dell’Italia e del Mediterraneo sarà respinta.

 

Marysa Impellizzeri

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml