Il Corriere di Tunisi 
28 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA

Nell’approssimarsi delle festività natalizie e di fine anno, desidero rivolgere a tutti gli Italiani che vivono ed operano in Tunisia, i miei più cordiali e sentiti auguri.

L’anno che volge al termine ha coinciso con il mio primo anno di servizio in questo Paese accogliente ed amico. Il normale bilancio di fine anno assume dunque per me, anche in tale veste, un duplice significato.

Il 2010 è stato per la comunità internazionale un anno non privo di preoccupazioni. L’area europea, in particolare la cosiddetta “eurozona” ha continuato a subire le tensioni innescate dalla crisi finanziaria del 2008. Alcuni Stati Membri dell’Unione Europea ne hanno sofferto più di altri. L’Europa, nella sua globalità, ha registrato qui e là sensibili contrazioni del volume di scambi con l’estero. Di ciò ne ha risentito anche la riva sud del Mediterraneo, tradizionale area di partenariato economico-commerciale con l’Unione Europea.

Italia e Tunisia, nei loro rapporti complessivi, hanno confermato – pur nelle difficoltà sopra accennate – la solidità delle relazioni bilaterali nel loro complesso. Gli ottimi rapporti di vicinato  – non solo geografico – tra le rispettive popolazioni, mantengono una  qualità particolarmente elevata. Ne sono corollario l’eccezionale livello del dialogo politico e l’importanza consolidata delle relazioni economiche,  culturali e scientifiche e consolari.

La frequenza di contatti a livello governativo ha trovato autorevole conferma nel corso del 2010: dalla visita a Tunisi del Presidente della Camera dei Deputati Fini a quelle dei Ministri Frattini, Scajola, Ronchi, Sacconi e Brunetta oltre che dei Sottosegretari Craxi, Pizza e Saglia. L’anno che volge al termine ha visto - come di consueto - nell’assiduità e nel calore dei contatti bilaterali ai più alti livelli una delle chiavi di volta del successo poi registrato nelle varie iniziative di collaborazione e partenariato. Il significato strategico delle nostre relazioni bilaterali è stato quindi ribadito ancora una volta, come pure la determinazione a cogliere, da entrambe le parti, le potenzialità che la collaborazione a tutto campo offre. Sono state peraltro significative anche le visite di esponenti del Governo tunisino in Italia, tra le quali spicca quella del Ministro della Difesa Grira, che ha presieduto a Roma con il suo omologo La Russa la XII Commissione Militare Mista.

Il sistema economico italiano continua a guardare alla Tunisia con attenzione e spirito di iniziativa. Il clima favorevole agli investimenti che questo Paese garantisce da tempo continua a renderlo polo di attrazione per numerose imprese italiane, in particolare quelle orientate all’esportazione. La collaborazione culturale, grazie anche all’incisivo ruolo esercitato dal nostro Istituto Italiano di Cultura, rimane improntata a livelli ottimali. Anche la diffusione della nostra lingua si è consolidata quest’anno, come dimostrano le statistiche riguardanti la domanda proveniente dai giovani tunisini e soddisfatta sia dall’offerta formativa del sistema educativo locale, sia attraverso i corsi di lingua assicurati dall’Istituto e dalla Dante Alighieri.

Una menzione a parte voglio dedicare ai ragazzi che frequentano l’Istituto Scolastico Italiano “G.B. Hodierna”, scuola che mi ha visto presente in numerose occasioni e che va considerata come una delle articolazioni della nostra collettività cui guardare con perdurante attenzione e cura.  L’impegno della dirigenza e la dedizione del corpo insegnante hanno costituito un importante requisito in vista di una sempre maggiore qualità dell’offerta formativa.

Parto volutamente dai ragazzi per introdurre un più ampio riferimento alla nostra collettività residente, alla quale ho dedicato una cura tutta particolare nel corso dell’anno partecipando a tutte le attività sociali ad essa inerenti. Ho voluto infatti seguire da vicino tanto la vita quanto le problematiche riguardanti i diversi organismi che ne rappresentano il riferimento, sia storico sia nell’attuale quotidianità. Dopo numerosi contatti bilaterali ho voluto riunire attorno ad un tavolo, nelle scorse settimane, i principali esponenti delle varie associazioni, con l’intento di creare un foro di consultazione, periodica ed informale,  la cui utilità sarà direttamente proporzionale agli interessi generali che verranno portati alla nostra attenzione. A mio avviso, il nostro associazionismo si trova attualmente in una fase di transizione, in parallelo con quanto avviene per la nostra collettività nel suo insieme. Nei prossimi anni ritengo che si assisterà alla trasformazione –del resto già in atto-  del nucleo storicamente qui residente da generazioni in una rinnovata comunità,  frutto per lo più  di presenze legate ai cambiamenti imposti dalla globalizzazione e per ora concentrate in formule di pendolarismo tra Italia e  Tunisi. Esse saranno col tempo inevitabilmente destinate a creare nuclei più duraturi, peraltro non necessariamente concentrati nella Grande Tunisi.

 

*               *              *               * 

In occasione degli auguri dello scorso anno, che coincidevano con l’inizio del mio mandato, mi ero impegnato ad avvicinare sempre più l’Ambasciata - nelle sue distinte articolazioni - alle esigenze della business community, della nostra collettività così come dell’utenza tunisina. Da parte mia e di tutto il personale è stato profuso ogni sforzo in questa direzione.

La sezione economico-commerciale, in stretta collaborazione con il locale ufficio ICE, ha svolto una costante e proficua attività di assistenza a centinaia di imprese italiane fornendo un sostegno ed erogando servizi sia di carattere generale (informazioni sull’inquadramento del Paese) sia rispondendo a richieste più specifiche e complesse. Lo si è fatto nelle formule istituzionali di assistenza, ma anche ricorrendo ad agili ed informali riscontri informatici diretti, che hanno spesso permesso di soddisfare le richieste nel giro di poche ore. Più di 2.000 i visti affari concessi, con procedure che hanno consentito un agile riscontro alle esigenze degli interessati.

Tra i contributi di rilievo – che si aggiungono ai rapporti aggiornati e reperibili sul sito web dell’Ambasciata - segnalo il documento informativo sulle “Politiche di sviluppo regionale e prospettive per gli investimenti italiani in Tunisi”, utile ad orientare gli imprenditori interessati ad investire in questo Paese.

Dopo un 2009 ricco di appalti pubblici vinti  da aziende italiane per oltre 180 milioni di euro, il 2010 si è rivelato ancora più proficuo ed ha visto il Sistema Italia aggiudicarsi circa 350 milioni di euro.

La solidità della nostra presenza economico-commerciale in questo Paese è essenziale non solo in termini di creazione di ricchezza e benessere ma anche in ragione di una crescente  profondità di legami tra le due popolazioni. In tale nostra azione istituzionale continuo a confidare in un effettivo e concreto  rilancio della Camera di Commercio Italo-Tunisina, organismo che ho finora seguito con attenzione e che continuerà a vedermi in futuro come interlocutore costante, nel quadro delle prerogative a me assegnate.

Anche in materia di rilascio dei visti è stato profuso un notevole sforzo. Avevo registrato sin dal mio arrivo, la diffusa esigenza da parte dell’utenza, compresi ovviamente gli operatori economici, di poter contare sempre più su un servizio improntato a tempestività, efficienza ed organizzazione onde evitare criticità. Nella conseguente opera di riorganizzazione è stata essenziale l’azione che ho voluto affidare al mio stesso funzionario vicario, il Primo Consigliere De Riu.

I risultati sono stati evidenti: se, nel marzo scorso, un utente che si rivolgeva al “Call Centre”  per chiedere un appuntamento per un visto “turismo” doveva attendere mediamente 45 giorni, alla data odierna non è necessario attendere oltre le 48/72 ore. Quanto alla tipologia “affari”, mentre sino al marzo scorso, per la fissazione dell’appuntamento, occorreva un’attesa di 15-20 giorni, alla data odierna occorrono non più di 48 ore.

Nel frattempo, per venire incontro ad un’altra esigenza che mi era stata esposta dalla comunità imprenditoriale italiana e tunisina sin dai primi giorni successivi al mio arrivo a Tunisi, ho impartito precise istruzioni al fine di elevare sensibilmente il numero di visti di lunga durata in favore di richiedenti che, per la posizione socio-economica occupata e per aver ottenuto già in precedenza dei visti, forniscono ampie garanzie di affidabilità. Questi risultati ci incoraggiano a proseguire in tale direzione.

Non posso, infine, concludere il mio intervento senza citare gli altri servizi consolari che l’Ambasciata eroga in favore della collettività italiana in Tunisia.

Si tratta di una materia alla quale ho dedicato e continuo a dedicare elevata attenzione, con l’ambizione di trasformare l’Ambasciata d’Italia in una struttura aperta dove, compatibilmente con le ragioni di sicurezza e di ordinato svolgimento del lavoro, sia possibile per ogni connazionale accedere facilmente, in funzione dei bisogni amministrativi da soddisfare, secondo principi di eguaglianza, imparzialità, efficienza e trasparenza.

All’attività istituzionale di assistenza alla collettività italiana residente portata avanti quotidianamente dall’Ambasciata si affiancano quei servizi di assistenza erogati con l’ausilio di due enti qui operanti: la SIA ed il CODIST, quest’ultimo volto principalmente alla tutela legale delle donne italiane confrontate a cause di divorzio e conseguente affidamento dei minori. Anche queste associazioni saranno chiamate, a mio avviso, a seguire l’evoluzione quantitativa e qualitativa della nostra presenza in questo Paese. Potranno contare sul nostro sostegno precisamente lungo tale percorso.

Né vanno tralasciati i servizi e l’assistenza forniti a tutti i nostri connazionali (450.000 circa) che ogni anno decidono di trascorrere le proprie vacanze sul territorio tunisino.

Per l’immediato futuro mi riprometto di rendere ancora più agile e funzionale il ricorso all’informatica, anche per il tramite del sito web dell’Ambasciata. Abbiamo ampi margini di miglioramento per rendere quest’ultimo strumento sempre più vicino ai bisogni dell’utenza.  Mi impegno personalmente a registrarne i progressi e a verificare con controlli periodici la soddisfazione dei cittadini italiani e tunisini che ne faranno ricorso. E’ con questo spirito e con questi propositi che rinnovo i miei più sentiti auguri, auspicando che tutti i cittadini italiani in Tunisia continuino ad accrescere il grande patrimonio di amicizia e fratellanza con il popolo Tunisino che ci accoglie, contribuendo, nel naturale rispetto delle Sue tradizioni ed Istituzioni, a rafforzare sempre più i già stretti legami che uniscono i nostri due Paesi.

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml