Il Corriere di Tunisi 
62 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Immigrazione-Emigrazione
 695 - ISTITUTO ITALIANO FERNANDO SANTI

 

Luciano Luciani, Presidente dell’Istituto Italiano Fernando Santi e dell’Istituto Regionale Siciliano, presente a Tunisi in occasione della presentazione del programma e del Forum del partenariato Italia-Tunisia 2007-2013.

Il Presidente Luciani, intervistato dal Corriere di Tunisi, ha dichiarato a seguito della presentazione del programma e del Forum del partenariato Italia-Tunisia 2007-2013 a Tunisi quanto segue.

Il Programma ENPI Italia-Tunisia 2007-2013 ha un budget di circa 25 milioni  Euro e consentirà di potenziare e migliorare la qualità dei rapporti di cooperazione tra i due paesi.

E’ in atto un primo bando in scadenza l’1 febbraio 2010 che riguarda tre priorità: sviluppo e integrazione regionale, promozione dello  sviluppo sostenibile e cooperazione culturale e scientifica - appoggio al tessuto associativo. Queste tre priorità contengono complessivamente  dieci misure di intervento.

L’Istituto Italiano Fernando Santi è in contatto in Tunisia con le Associazioni che si occupano dei tunisini all’estero e quelle che operano nel sociale per valorizzare il ruolo delle comunità tunisine in Sicilia e quello delle associazioni operanti in Tunisia a loro favore.

Con l’Associazione degli Albergatori della Tunisia, assieme alla quale l’Istituto Regionale Siciliano Fernando Santi  ha costituito l’Associazione Intermediterranea per il Turismo avente sede a Rimini e che comprende altri 16 partners di diversi paesi, si pensa di poter promuovere attività corsuali e seminariali che riguardano i temi della sicurezza ambientale e della sicurezza alimentare.

Inoltre l’Istituto Italiano Fernando Santi è in contatto con l’Association d’Amitié Tunisie-Italie, il cui Segretario Generale Dridi Abderrazek ha lavorato a lungo a favore delle comunità tunisine in Sicilia prestando la sua opera presso il Consolato Generale a Palermo, alla quale fanno capo diverse associazioni che operano nel sociale e a favore dei tunisini nel mondo.

Il progetto coinvolgerà inoltre le Associazioni del Governatorato di Tunisi e quello di Nabeul, nonchè altre organizzazioni, quali l’ISET di Nabeul, “Le groupement  interprofessionnel des produits de la pêche”, l’“Union tunisienne de l’agricolture et de la pêche”, l’Istituto per la Ricerca Veterinaria.

I progetti che non riusciremo a redigere entro il 1 febbraio saranno oggetto della progettazione con il prossimo bando ENPI CBCMED, la cui pubblicazione è prevista presumibilmente per il mese di maggio 2010.

Per quanto riguarda il COMITES di Tunisi il dott. Luciani ha precisato che la questione è al centro dell’attenzione dell’Istituto da diversi anni ed è stata oggetto di un approfondito dibattito ad inizio anno in un convegno organizzato dall’Istituto con il patrocinio dal Comune di Mazara del Vallo, della Provincia di Trapani e della Regione Siciliana. Nell’occasione era presente anche il Senatore Giuseppe Firrarello, Presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero al Senato.

Sia il Senatore Firrarello che il Senatore Nino Randazzo, entrambi siciliani, hanno riguardato con grande interesse  la questione del COMITES di Tunisi, la cui mancanza rappresenterebbe una sottovalutazione del lavoro sin qui svolto dalla comunità italiana in Tunisia.

In atto la cosiddetta “bozza” disposta dal Senatore Tofani sulla base dei disegni  di legge  presentati al Senato prevede una soglia di 5.000 italiani residenti, per la formazione dei Comitati in Africa. Al 4° comma dell’art.1 è necessario prevedere, quantomeno per i Paesi africani, la riduzione a 3.000 residenti nel Paese, ancorché a 5.000 come in atto previsto, per istituire almeno un Comites nel Paese. In tal modo verrebbe garantita l’esistenza del Comites in Tunisia

Per quanto concerne il processo di riforma del CGIE, Luciani si è dichiarato  estremamente preoccupato della piega che sta prendendo.

Da sempre le questioni e la forza stessa espressa dalle comunità all’estero è stata rappresentata dai suoi diretti referenti in Italia nelle loro Regioni e nei Comuni di provenienza: Associazionismo, Patronati e Sindacati e dalle omonime forme associative a cui le comunità hanno dato vita nei Paesi di residenza.

Luciani ha evidenziato inoltre che è inimmaginabile pensare all’esistenza del CGIE senza che siano presenti le rappresentanze in Italia del Mondo dell’Associazionismo, dei Sindacati e dei Patronati.

 

 

LUCIANO LUCIANI

 

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 
831 - 183 [nuova serie]
28-02-2019
832 - 184 [nuova serie]
28-02-2019
830 - 182 [nuova serie]
26-12-2018
827 - 179 - [nuova serie]
13-11-2018
828 - 180 [nuova serie]
13-11-2018
829 - 181 [nuova serie]
13-11-2018
826 – 178 [nuova serie]
11-08-2018
826 – 177 [nuova serie]
05-07-2018
825 - 176 [nuova serie]
18-06-2018
824 - 175 [nuova serie]
26-05-2018

 Numeri recenti
 :: 815 - Il Dialogo Inter-Mediterraneo 
 :: 813 - Unione Europea: controlli e cooperazione sulle migrazioni 
 :: 798 - CAROVANE MIGRANTI [ver. pdf] 
 :: 789 - MOVIMENTI MIGRATORI IN AREA NORDAFRICANA 
 :: 784 - Carovane Migranti - Appunti sparsi di viaggio 
 :: 782 - CAROVANE MIGRANTI 
 :: 781 - LAMPEDUSA 
 :: 775 - Genova, il Mediterraneo e la poesia 
 :: 773 - DETENZIONE DEL CITTADINO ITALIANO IN NORDAFICA. 
 :: 767 - IMPRESSIONI DI UNA ITALIANA AL CAPO RIFUGIATI DI CHOUCHA 
 :: 749 - TERZO CENSIMENTO DEI CITTADINI ITALIANI RESIDENTI ALL'ESTERO 
 :: 717 - DAL SUD DELLA TUNISIA 
 :: 708 - MAGGIORAZIONE SOCIALE AGGIUNTIVA AI PENSIONATI 
 :: 695 - ISTITUTO ITALIANO FERNANDO SANTI 
 :: 660 - «SICILIA MONDO» 
 :: 660 - PROGETTO PAESE TUNISIA-SICILIA  

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml