Il Corriere di Tunisi 
29 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Cultura
 678 - NOI E GLI ALTRI

 

       

   note di cultura mediterranea

 

   a cura di Franca Giusti

  

     « è sul margine di una pagina d’altri che ci si  annota »

    [Delfino Maria Rosso in  www.gliannidicarta.it ]

 

NOI  E  GLI  ALTRI

Il mutamento di prospettiva nei confronti degli «altri»

Non passa giorno in cui non si legga sui quotidiani di barconi di uomini e donne, vecchi e bambini, gommoni di naufraghi, stormi di clandestini che tentano la fortuna tra gli scogli dei Paesi “amici”, innescando polemiche, discussioni e domande senza risposte. La questione non è nuova. E non può essere sbrigativamente relegata sotto la sola voce “razzismo”.

Nel momento di maggior crisi della polis greca le forze politiche additavano gli stranieri come capro espiatorio di tutte le colpe, per coprire le difficoltà del sistema. Succedeva 2500 anni fa.

Al contrario, nell’Odissea, prima del dominio greco, tutto dove approdavano Ulisse ed i suoi uomini, stuoli di fanciulle e ancelle ne benedivano l’arrivo ed offrivano loro abiti puliti e bagni profumati. C’è da riconoscere però che Ulisse e la maggior parte dei suoi, finita la festa, riprendevano il mare senza troppi indugi. E tra l’altro anche allora il mare era sempre lo stesso, il Mediterraneo.

Le cose cambiano con le guerre persiane. Per i Greci iniziano ad essere strani, stranieri, gli orientali, i Persiani che vivono in stile diverso, lussurioso, non certo spartano, incapaci di vivere liberi dal potere dispotico. Nella tragedia di Eschilo “I Persiani” si accenna spesso ai greci liberi e orientali schiavi (vv 241ss) “gli ateniesi non sono schiavi di nessuno” nemmeno dei costumi lussuriosi. Eppure gli stranieri ad Atene costituivano un bene, se pur privi dei diritti concessi alla cittadinanza, i Meteci (metoikoi in greco: cioè coloro che abitano (oikeo), stabilmente o comunque per un lungo periodo, accanto o tra i veri cittadini) svolgevano attività artigianali e commerciali incentivando lo scambio culturale ed una valida concorrenza economica ma niente diritti dei cittadini.

Nella Roma Imperiale, quella di Tiberio del I secolo d.C. erano molti gli stranieri che ogni giorno affluivano nella capitale in cerca di fortuna. Provenivano dalle Regioni conquistate e spesso vagabondeggiavano nella notte ubriachi e senza dimora confusi e scalciati dai delinquenti, con conseguenti problemi di ordine pubblico.

L’Impero di Traiano andava dalla Scozia all’Iran, dal Sahara al mare del nord eppure la  cittadinanza  l’aveva solo chi abitava nell’Urbe e in pochi municipi dell’interland. Fu Caracalla nel 212 a concedere la cittadinanza ai provinciali delle classi medie e superiori. Il considerare i cittadini da un lato e gli stranieri dall’altro era non una questione culturale, etnica o razzista ma una faccenda giuridica. “Civis Romanus sum” disse san Paolo, ebreo di Tarso (Atti degli Apostoli 16, 37-38; 22, 24-29) al comandante romano che lo arresta. Chi godeva della cittadinanza romana, da qualunque Paese provenisse, vantava gli stessi diritti e privilegi di chi fosse nato a Roma, ne osservava le stesse regole e poteva persino aspirare ad alte cariche politiche. Così fu per gli imperatori Traiano e Adriano venuti dalla Spagna, per Settimio Severo africano, Eliogabalo che arrivava dalla Siria e per Massimino della Tracia e altri.

Così è ancora oggi, l’esser diffidenti nei confronti dello straniero può non essere una questione di razzismo. E’ innegabile che gli stranieri sono fonte di ricchezza culturale e persino economica in quanto spesso si prestano a lavori che talora gli occidentali disdegnano, come è stato per gli Italiani espatriati in tutto il mondo.

Il problema non sta nel domandarsi se dar loro la cittadinanza o il diritto al voto ma nell’offrire loro dignità umana riservandogli tutti i diritti della società civile. Una faccenda quindi ben più complessa in quanto a volte riguarda persone provenienti da culture “altre” consolidate. Ci si interroga, ad esempio, se a chi pratica la bigamia, sia opportuno, per il nostro Diritto concedere loro di ricongiungersi con più mogli, più figli o suoceri? Sono figli legittimi o illegittimi, quale sarà la moglie vera e le altre a cui accordare quanto previsto dalla nostra Legge?

I ragionamenti si complicano via via. Se è vero che gli stranieri che per una ragione qualunque si trovano in Europa e godono degli stessi diritti (lavoro, libertà di religione, sanità) allora possono osservare gli usi e costumi tradizionali che da secoli si tramandano? E questo per belli o brutti che a noi sembrino. Noi stessi potremmo persino innamorarci di abitudini altrui, avere che so due mogli, magari due mariti e prendere a sassate chi ci fa uno sgarbo certi di esser applauditi e non reclusi.  Una provocazione: l’infibulazione (l’Egitto l’ha appena coraggiosamente vietata).  Oppure: la pena di morte (lapidazione) per una donna adultera. Per alcune genti si tratta di abitudini giuste e consolidate; possiamo noi decidere dunque di non ospitare chi segue le leggi della sua terra? Forse è deplorevole la pena di morte in tutti gli Stati che la prevedono ma non per gli stranieri-amici? Non si può sindacare a cuor leggero su quali siano regole civili e quali no. Non c’è dubbio, sono pratiche barbare e umilianti, e ce ne sono altre, ma come si può perseguire un’azione delittuosa se questa non è riconosciuta come tale dalla cultura di chi l’ha commessa? Si può solo nei confronti degli Stati Uniti e non vale per gli altri?

Si è entrati in inevitabile processo di globalizzazione dove qualsiasi confine è fuori da ogni logica. Ma proprio per questo si avverte sempre più la necessità di un Diritto dalle regole condivise. Sarà una strada lunga, ma forse l’unica percorribile se si vuole rispettare l’uomo nuovo che sta al centro di una società davvero multietnica. Per trovare una giusta soluzione si è obbligati a smettere la facciata di buonismo e perbenismo rimuovendo ogni forma d’ipocrisia. e, soprattutto, ragionare in profondità su questioni tanto delicate, senza però far mancare il nostro moralmente doveroso aiuto verso la parte più debole dell’umanità. Quella parte mostrata dai tanti, troppi, corpi galleggianti nel Mare Nostrum. E non solo.

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - SULLA TRASPARENZA E IL SEGNO 
 :: 812 - LA BAMBOLA, IL SOLDATINO E LA RANA 
 :: 804 - LA ROSA E LA FINESTRA 
 :: 802 - CORREGGIO E PARMIGIANINO 
 :: 795 - CANDIDATI IN BIANCO 
 :: 792 - il giro del mondo in 80 giochi 
 :: 792 - 2 variazioni da un racconto di anton čechov -1 
 :: 791 - la strana storia del signor O 
 :: 791 - “NUTRIRE L'IMPERO. STORIE DI ALIMENTAZIONE DA ROMA E POMPEI” 
 :: 790 - DAL FRONTE DELLA GRANDE GUERRA 
 :: 789 - ARMENIA 
 :: 787 - HENRI MATISSE 
 :: 786 - LIBERTA' DI STAMPA 
 :: 784 - SOL INVICTUS 
 :: 783 - VITE PARALLELE 
 :: 780 - DE TERGORUM COCCULA 
 :: 779 
 :: 778 - RACCONTO - 3 POESIE [PDF] 
 :: 777 -  
 :: 772 - TRE RACCONTI MORESCHI [3] 
 :: 772 - IL JAZZ IN ITALIA 
 :: 771 - TRE RACCONTI MORESCHI [2] 
 :: 770 - AUTORITA’ E POTERE, ARIA DI PRIMAVERA… NON SOLO ARABA 
 :: 770 - TRE RACCONTI MORESCHI [1] 
 :: 765 - ORO, INCENSO E MIRRA 
 :: 762 - ANNIBALE, IL CORRIERE DI TUNISI 
 :: 761 - due quasi favole 
 :: 761 - CIBI CHE CAMBIANO IL MONDO 
 :: 757 - PLINIO SI OPPONE ALLA COSTRUZIONE DI UNA STRADA 
 :: 756 - Abdelaziz Ben Gaid Hassine al Dar Bach Hamba 
 :: 752 - NATALE DI UN ERETICO 
 :: 749 - Convegno International Help 
 :: 744-747 - PROTAGONISTE DIMENTICATE A MIRADOLO 
 :: 719 - DESTINO O NECESSITA' 
 :: 717 - ITALIANO FUORI DALL’ ITALIA : IL CASO DELLA TUNISIA 
 :: 714 - L’UNITÀ D’ITALIA VISTA DALLA SPONDA SUD DEL MEDITERRANEO 
 :: 713 - la cartolina 
 :: 712 - Il vecchio cinese e le sue perle 
 :: 711 - MACCHINE MERAVIGLIOSE 
 :: 710 - DJERBA A TERRA MADRE DI TORINO 
 :: 709 - IPAZIA 
 :: 707 - A Tuoro la sede del “Cammino di Annibale” 
 :: 703 - VANITAS VANITATUM 
 :: 698 - I GIORNI DELLA MERLA 
 :: 697 - LA MOSTRA DI MARCELLO LA SPINA A DAR SEBASTIAN A HAMMAMET 
 :: 696 - FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL SAHARA DI DOUZ 
 :: 694 - EDWARD HOPPER 
 :: 693 - WALLS AND BORDERS  
 :: 692 - BUON ONOMASTICO 
 :: 689 - MONDI MEDITERRANEI 
 :: 688 - EROS E AGAPE IN UN SMS 
 :: 687 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 686 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 685 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 683 - FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TUNISI IL PADIGLIONE EUROPEO 
 :: 682 - Walls and Borders 
 :: 682 - MUOR GIOVANE COLUI CH’AL CIELO È CARO 
 :: 680 - COSTITUZIONE E LINGUA, VIE MAESTRE PER L’INTEGRAZIONE 
 :: 679 - DIFENDIAMO L’ALLEGRIA 
 :: 678 - “DENUNCIO LA MIA SCOMPARSA” 
 :: 678 - NOI E GLI ALTRI 
 :: 677 - neve 
 :: 676 - Un elzeviro per Natale 
 :: 676 - Una porta verso l’Africa 
 :: 674 - PREMIO MATILDE DI CANOSSA 2008 
 :: 673 - JOUMANA HADDAD A MANTOVA 
 :: 673 - ANTONIO PIOVANELLI IN TUNISIA 
 :: 672 - TEMPO DI MATRIMONI NELLA ROMA IMPERIALE 
 :: 672 - CHIUSURA DELL’ESPOSIZIONE «PITTORI ITALIANI IN TUNISIA» 
 :: 670 - PANEM ET CIRCENSES (II parte) 
 :: 669 - PANEM ET CIRCENSES (prima parte) 
 :: 669 - IL MONDO MAGICO DI ANTONIO LIGABUE  
 :: 667 - AL BARDO  
 :: 665 - marginalia [1] [2] 
 :: 665 - SETTIMANA DEL DIALOGO INTERCULTURALE  
 :: 659 - LA TUNISIA PERDE UNO DEI SUOI PIU’ GRANDI ARTISTI  
 :: 656 - IL PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI RIAPRE AI ROMANI 
 :: 658 - GLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 653 - OTTOBRE MUSICALE 2007  
 :: 653 - SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA 
 :: 653 - VENEZIA E L’ISLAM (828-1797) 
 :: 647 - Sulle tracce del Cristianesimo in Tunisia e in Sicilia, al Bardo e a Dar Bach Hamba (18 maggio-18 luglio) 
 :: 644 - "Khamsoun" : un grido di rabbia contro il fondamentalismo 
 :: 641 - Stupenda rappresentazione del "Rosenkavalier" all’ "Opéra de la Bastille" 
 :: 640 - Il Convegno della FUSIE a Udine : Quale Avvenire per l'informazione in Lingua Italiana nel Mondo 
 :: 638 - "Making off" di Nouri Bouzid vincitore del Tanit d’Oro nelle Giornate Cinematografiche di Cartagine 2006 : "Il film è una vittoria contro la paura" 
 :: 636 - Echi di Storia Mediterranea 
 :: 629 - Archeologia: Scoperte stanze dell’epoca spagnola nella “Carraca della Goulette” 
 :: 628 - CLAUDIA CARDINALE COPRESIDENTE DEL FESTIVAL TELEVISIVO DI DJERBA PARLA DELLA SUA VITA DI DIVA E DI DONNA 
 :: 628 - PRIMA EDIZIONE DEL DJERBA FILM FESTIVAL 
 :: 626 - ANTONELLO da MESSINA 
 :: 625 - L’ENSEMBLE “PRINCIPIO DI VIRTU’ ” 
 :: 624 - L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO NELLE SCUOLE SECONDARIE E NELLE UNIVERSITA’ TUNISINE 
 :: 624 - MESSAGGIO DI AUGURIO DI PAOLA PROCACCINI, DIRETTRICE DELL'ISTUTO ITALIANO DI CULTURA PER IL LANCIO DEL CORRIERE DI TUNISI NELLA SUA NUOVA VESTE GRAFICA IN OCCASIONE DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL GIORNALE 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml