Il Corriere di Tunisi 
7 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Tunisia-Italia
 607 - ANNIVERSARIO DELL'INDIPENDENZA DELLA TUNISIA A ROMA

 

20 Marzo: 49° anniversario dell'indipendenza  della Tunisia, una ricorrenza  che i tunisini festeggiano alla grande con manifestazioni, sfilate e grandi ricevimenti al Palazzo di Cartagine da parte del Presidente Ben Alì.

A Roma, per questa data, l'Ambasciatore di Tunisia, apre i saloni della sua bellissima residenza ai numerosi ospiti.

A riceverli c'è l'Ambasciatore S.E. Habib Mansour, vestito con una preziosa gellaba di seta rigata assieme alla Signora Raja, elegantissima nel suo caffettano nero ricamato con fili d'oro e d'argento e l'addetto militare, il capitano  di vascello-major Houcine Ben Zainia e Signora.

S.E. Habib Mansour ha da poco tempo sostituito S.E. Mohamed Jegham chiamato ad altri incarichi, di cui si ricorda, oltre alle sue qualità diplomatiche, la signorilità e il perfetto italiano imparato, come ci raccontava, in macchina durante il lungo percorso tra l'Ambasciata di Via Asmara e la residenza. Certamente questo nuovo ambasciatore non sarà da meno. Sappiamo che viene da Ginevra e che prima stava in Spagna.

Arrivano i vari ospiti: i rappresentanti delle varie sedi diplomatiche dell'Africa, dell'Europa e della Siria. C'è naturalmente lo staff dell'Ambasciata di Tunisi al completo, la gentile Signora Madeleine Marchand che è da lungo tempo segretaria dei vari Ambasciatori, Madame Fatma Chatli esperto consigliere commerciale e il tanto attivo  Console Raouf Anane. E via via gli altri: M. Abdelmajid Chaar, Direttore Telefood-Information alla FAO con la simpatica  moglie Amel, la Signora Emma di Nuzzi, Presidente dello Zonta Club con la Signora Pina Drago, organizzatrici dell'Incontro dell'8 marzo con le giornaliste del medio-oriente; Signori Luciano e Rosita Lunari, grandi pelliciai e  amici della Tunisia; l'ing. Angelo Fasciotti, costruttore di ponti e autostrade; Mafalda Centonze sorella di Giacomo Centonze, primo presidente dell'ANIT e la Signora Giovanna De Caterina vedova dell'Ambasciatore d'Italia in Gabon che conosce bene l'Africa equatoriale ma ora desidera tanto conoscere la Tunisia.

Abbiamo rivisto con piacere il Sig. Eugenio Spinoglio, funzionario in pensione del Ministero degli Esteri che, data la sua perfetta conoscenza della lingua araba, è sempre chiamato come interprete al momento della venuta dei capi di stato del mondo arabo, tanto da far dire scherzosamente al Presidente Ben Alì del quale vante l'amicizia : "caro Spinoglio, conosci l'arabo meglio di me!" Un tocco di nobiltà con la presenza della contessa Marchiorri non guasta....Assente la scrittrice Gaetana Pace, perchè impegnata in un'importante conferenza a Tunisi. Dell'AIAT, ci sono Marcello e il fratello Giuseppe Brignone con le rispettive signore e con l'amico Gigi Pucci, venuti da Latina; Pina e Armando Giannitrapani sempre in prima fila soprattutto nell'intervistare Stefania Craxi.  Ritornando indietro nel tempo, Armando le ha ricordato, facendola commuovere,  le sue vacanze da bambina all'Hotel Sheraton di Hammamet prima che Bettino Craxi  acquistasse la casa dove finì i giorni di esilio, ospite di un paese dove è sempre ricordate come "le Présidente".

Tornando al "sodo", due parole sul richissimo buffet tunisino dove c'era "di tutto più tutto" e al bar, per i conoscitori, i pregiati vivi tunisini dal rosso Magon e Chateau-Koudiat al bianco Muscat de  Kélibia.

La Signora Raja girava tra gli ospiti con una  parola  gentile per tutti, mentre l'Ambasciatore, cordialissimo, nel salutarci ha promesso di venire da noi, AIAT, per un prossimo couscous!

 

Maria Bianca Pinco  

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 622 - Firmato un accordo di cooperazione tuniso-italiana nel campo sociale 
 :: 621 - A colloquio con il ministro Tijani Haddad 
 :: 621 - Firmato un accordo di cooperazione tra Italia e Tunisia nel settore del Turismo 
 :: 620 - ASSOCIAZIONE DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI IN TUNISIA (IMIT) 
 :: 619 - Quattro siti da non perdere per gli Italiani in Tunisia 
 :: 618 - La conferenza stampa del "Premier" 
 :: 618 - Visita lampo di Silvio Berlusconi. Apprezzamenti dell'Italia per l'opera del Presidente Ben Ali  
 :: 617 - DALLA C.A.I.T. (CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE IN TUNISIA) 
 :: 617 - PARTICIPAZIONE UFFICIALE ITALIANA AL VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETA’ DELL’INFORMAZIONE (TUNISI 16 - 19 Novembre 2005) 
 :: 616 - «Orientamento alla Scuola Italiana di Tunisi» 
 :: 613 - Gli Incontri Dell'A.I.A.T. con l’Ambasciatore di Tunisia a Roma 
 :: 612 - SESTA edizione DELLA SERATA DI GALA DELL’AIAT (Associazione Italiana Amici della Tunisia) 
 :: 612 - A TUNISI : CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER DOCENTI ITALIANI DI ARABO 
 :: 611 - Lazio-Tunisia : un modello di sviluppo per il Mediterraneo 
 :: 610 - Cooperazione tuniso-italiana: Avvio di una Ludoteca nella regione di Kasserine 
 :: 607 - ANNIVERSARIO DELL'INDIPENDENZA DELLA TUNISIA A ROMA 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml