Il Corriere di Tunisi 
8 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Cultura
 673 - JOUMANA HADDAD A MANTOVA

 

Dall’ “io sono mia” all’”io sono io”. Versi dal Libano di un nuovo femminismo.

 “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”. In Libano si recitano le poesie di Cesare Pavese, si studiano a scuola. E' da una lettura scolastica  di Cesare Pavese  che Joumana Haddad  ha iniziato a desiderare di apprendere la nostra lingua, per leggere questo straordinario poeta nella sua lingua originale.

Ora, a 38 anni, non conosce solo l’italiano ma altre 6 lingue,  scrittrice e giornalista libanese, si occupa anche di traduzioni , sostenendo che “se tradurre è un po’ tradire[…] è il miglior tradimento che io conosca, il più nobile, il più generoso.  Non c’è atto più bello che andare verso l’altro e riceverlo, così l’individuo si moltiplica infinitamente senza mai ripetersi”.

Joumana Haddad ci ha invitati alla sua “cena segreta” (da un verso della poesia “Quando diventai un frutto”) una sera al Festivaletteratura di Mantova. In un chiostro silenzioso e raccolto, ha letto le sue poesie accompagnata, in un gioco continuo di rimandi e richiami in italiano e in arabo, da Nella Roveri e dal discreto violino di  Stefano Angiuli.

Ha parlato di amore, di desiderio (“è il desiderio che fa muovere le montagne, non la fede”), di passione.

Dei pensieri nascosti di una donna araba, della determinazione che si nasconde dietro la sua immagine di apparente fragilità (“Sono una donna. Credono che la mia libertà sia loro proprietà/ e io glielo lascio credere/e avvengo” ).

Parla sempre al singolare, Joumana Haddad, non pretende di rappresentare la molteplicità del genere femminile, o di esprimere un impegno sociale con il proprio lavoro, come spesso le è stato attribuito, addossandole il clichè della donna araba libera ed emancipata che parla a nome di un popolo di donne sottomesse alla volontà maschile, avvolte nel mistero del chador, del burka, dello hijab,  che anelano ad una affrancazione.

Non è così. Joumana Haddad scrive in prima persona, parlando di se stessa ed unicamente del suo desiderio, della sua passione, delle sue emozioni. Cerca se stessa attraverso la sua scrittura, affermando di scrivere “[...]con la mente, con il corpo, con le unghie” perché ritiene la scrittura sia un vero e proprio atto fisico, con il quale scava dentro di sé e  si ritrova alla fine “con le unghie sporche di terra, di sangue”.

Non si riconosce nelle generalizzazioni che il mondo occidentale fa sull’universo femminile arabo, anzi cerca di distruggere tale stereotipo dichiarando che le "donne arabe sono diverse non solo da un paese all’altro ma anche all’interno degli stessi confini".

Non solo. Va oltre, quando, nell’affermare una “androginia della scrittura”, palesa il proprio disappunto per il fatto che vengano pubblicate in tutto il mondo antologie di poetesse, di scrittrici e non esista invece una raccolta di (soli) uomini poeti, di (soli) uomini scrittori, come se l’identità di genere riguardasse unicamente le donne e fosse di per se stessa significante. Così, rispondendo ad una domanda del pubblico presente alla sua “cena segreta” mantovana, provocatoriamente propone una raccolta di “scrittrici bionde”…

Joumana Haddad  sceglie la lingua araba per parlare di trasgressione e sensualità, temi dominanti nelle sue opere, definendola una lingua “vergine”, non ancora “abituale” per questi argomenti (tabù inviolabili nel mondo islamico più rigoroso) quindi ancora da “scoprire”, conoscere, sperimentare. Non dimentichiamo che l’arabo è la lingua sacra del Corano, di cui lei s’impossessa per manipolarla a vantaggio della propria  libertà, sfruttando le infinite sfumature semantiche che suggeriscono senza confermare e dicono senza nominare, per raccontare la smisurata ricchezza dell’universo femminile.

Per Joumana Haddad, nata e cresciuta in un paese in guerra, la scrittura, suo “strumento di vita”,  è anche una via d’uscita dalla guerra, un antidoto alla violenza, perché “conoscendo meglio noi stessi, possiamo conoscere di più l’altro. Dobbiamo concepire noi stessi come due rive di un fiume che guardano l’una all’altra e pensare  sempre che l’altra è la più bella. Non servono ponti ma gallerie sotterranee perché solo scavando in profondità è possibile trovare punti di contatto”. Difficile non condividere. E persino immorale.

 

Elena Benaglia

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - SULLA TRASPARENZA E IL SEGNO 
 :: 812 - LA BAMBOLA, IL SOLDATINO E LA RANA 
 :: 804 - LA ROSA E LA FINESTRA 
 :: 802 - CORREGGIO E PARMIGIANINO 
 :: 795 - CANDIDATI IN BIANCO 
 :: 792 - il giro del mondo in 80 giochi 
 :: 792 - 2 variazioni da un racconto di anton čechov -1 
 :: 791 - la strana storia del signor O 
 :: 791 - “NUTRIRE L'IMPERO. STORIE DI ALIMENTAZIONE DA ROMA E POMPEI” 
 :: 790 - DAL FRONTE DELLA GRANDE GUERRA 
 :: 789 - ARMENIA 
 :: 787 - HENRI MATISSE 
 :: 786 - LIBERTA' DI STAMPA 
 :: 784 - SOL INVICTUS 
 :: 783 - VITE PARALLELE 
 :: 780 - DE TERGORUM COCCULA 
 :: 779 
 :: 778 - RACCONTO - 3 POESIE [PDF] 
 :: 777 -  
 :: 772 - TRE RACCONTI MORESCHI [3] 
 :: 772 - IL JAZZ IN ITALIA 
 :: 771 - TRE RACCONTI MORESCHI [2] 
 :: 770 - AUTORITA’ E POTERE, ARIA DI PRIMAVERA… NON SOLO ARABA 
 :: 770 - TRE RACCONTI MORESCHI [1] 
 :: 765 - ORO, INCENSO E MIRRA 
 :: 762 - ANNIBALE, IL CORRIERE DI TUNISI 
 :: 761 - due quasi favole 
 :: 761 - CIBI CHE CAMBIANO IL MONDO 
 :: 757 - PLINIO SI OPPONE ALLA COSTRUZIONE DI UNA STRADA 
 :: 756 - Abdelaziz Ben Gaid Hassine al Dar Bach Hamba 
 :: 752 - NATALE DI UN ERETICO 
 :: 749 - Convegno International Help 
 :: 744-747 - PROTAGONISTE DIMENTICATE A MIRADOLO 
 :: 719 - DESTINO O NECESSITA' 
 :: 717 - ITALIANO FUORI DALL’ ITALIA : IL CASO DELLA TUNISIA 
 :: 714 - L’UNITÀ D’ITALIA VISTA DALLA SPONDA SUD DEL MEDITERRANEO 
 :: 713 - la cartolina 
 :: 712 - Il vecchio cinese e le sue perle 
 :: 711 - MACCHINE MERAVIGLIOSE 
 :: 710 - DJERBA A TERRA MADRE DI TORINO 
 :: 709 - IPAZIA 
 :: 707 - A Tuoro la sede del “Cammino di Annibale” 
 :: 703 - VANITAS VANITATUM 
 :: 698 - I GIORNI DELLA MERLA 
 :: 697 - LA MOSTRA DI MARCELLO LA SPINA A DAR SEBASTIAN A HAMMAMET 
 :: 696 - FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL SAHARA DI DOUZ 
 :: 694 - EDWARD HOPPER 
 :: 693 - WALLS AND BORDERS  
 :: 692 - BUON ONOMASTICO 
 :: 689 - MONDI MEDITERRANEI 
 :: 688 - EROS E AGAPE IN UN SMS 
 :: 687 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 686 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 685 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 683 - FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TUNISI IL PADIGLIONE EUROPEO 
 :: 682 - Walls and Borders 
 :: 682 - MUOR GIOVANE COLUI CH’AL CIELO È CARO 
 :: 680 - COSTITUZIONE E LINGUA, VIE MAESTRE PER L’INTEGRAZIONE 
 :: 679 - DIFENDIAMO L’ALLEGRIA 
 :: 678 - “DENUNCIO LA MIA SCOMPARSA” 
 :: 678 - NOI E GLI ALTRI 
 :: 677 - neve 
 :: 676 - Un elzeviro per Natale 
 :: 676 - Una porta verso l’Africa 
 :: 674 - PREMIO MATILDE DI CANOSSA 2008 
 :: 673 - JOUMANA HADDAD A MANTOVA 
 :: 673 - ANTONIO PIOVANELLI IN TUNISIA 
 :: 672 - TEMPO DI MATRIMONI NELLA ROMA IMPERIALE 
 :: 672 - CHIUSURA DELL’ESPOSIZIONE «PITTORI ITALIANI IN TUNISIA» 
 :: 670 - PANEM ET CIRCENSES (II parte) 
 :: 669 - PANEM ET CIRCENSES (prima parte) 
 :: 669 - IL MONDO MAGICO DI ANTONIO LIGABUE  
 :: 667 - AL BARDO  
 :: 665 - marginalia [1] [2] 
 :: 665 - SETTIMANA DEL DIALOGO INTERCULTURALE  
 :: 659 - LA TUNISIA PERDE UNO DEI SUOI PIU’ GRANDI ARTISTI  
 :: 656 - IL PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI RIAPRE AI ROMANI 
 :: 658 - GLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 653 - OTTOBRE MUSICALE 2007  
 :: 653 - SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA 
 :: 653 - VENEZIA E L’ISLAM (828-1797) 
 :: 647 - Sulle tracce del Cristianesimo in Tunisia e in Sicilia, al Bardo e a Dar Bach Hamba (18 maggio-18 luglio) 
 :: 644 - "Khamsoun" : un grido di rabbia contro il fondamentalismo 
 :: 641 - Stupenda rappresentazione del "Rosenkavalier" all’ "Opéra de la Bastille" 
 :: 640 - Il Convegno della FUSIE a Udine : Quale Avvenire per l'informazione in Lingua Italiana nel Mondo 
 :: 638 - "Making off" di Nouri Bouzid vincitore del Tanit d’Oro nelle Giornate Cinematografiche di Cartagine 2006 : "Il film è una vittoria contro la paura" 
 :: 636 - Echi di Storia Mediterranea 
 :: 629 - Archeologia: Scoperte stanze dell’epoca spagnola nella “Carraca della Goulette” 
 :: 628 - CLAUDIA CARDINALE COPRESIDENTE DEL FESTIVAL TELEVISIVO DI DJERBA PARLA DELLA SUA VITA DI DIVA E DI DONNA 
 :: 628 - PRIMA EDIZIONE DEL DJERBA FILM FESTIVAL 
 :: 626 - ANTONELLO da MESSINA 
 :: 625 - L’ENSEMBLE “PRINCIPIO DI VIRTU’ ” 
 :: 624 - L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO NELLE SCUOLE SECONDARIE E NELLE UNIVERSITA’ TUNISINE 
 :: 624 - MESSAGGIO DI AUGURIO DI PAOLA PROCACCINI, DIRETTRICE DELL'ISTUTO ITALIANO DI CULTURA PER IL LANCIO DEL CORRIERE DI TUNISI NELLA SUA NUOVA VESTE GRAFICA IN OCCASIONE DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL GIORNALE 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml