Il Corriere di Tunisi 
33 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Cultura
 669 - IL MONDO MAGICO DI ANTONIO LIGABUE

 

Una grande mostra a Milano celebra il pittore padano

Quando si parla di Antonio Ligabue, ci si scontra con l’ingombrante stereotipo del pittore maledetto. La sua vicenda artistica è inevitabilmente oscurata dalla sua vita segnata da tappe dolorose e caratterizzata da separazioni, da diversità incolmabili.

Ciò che appunto possiamo definire follia. A noi non rimane che calarci nella messa in scena che il pittore ci propone con la lucidità dello strumento della pittura, l’unico a lui concesso. La condizione di artista marginale, di ”folle” conclamato, ha  spesso messo in secondo piano la sua arte, che vive invece di luce propria, non solo come momento di riscatto sociale, ma come testimonianza delle espressioni artistiche del periodo che va dagli anni Trenta ai Sessanta del Novecento.

La grande mostra antologica che Milano gli tributa a Palazzo Reale (inaugurata il 20 giugno e che durerà fino al 26 ottobre), ha lo scopo di riportare la sua opera al centro dell’attenzione. Vittorio Sgarbi  presentando l’esposizione ha sottolineato che “Ligabue è un vero primitivo, amato dal pubblico e rifiutato da quei  critici con la puzza sotto il naso”.

Da oggi la parola passa finalmente alle opere. Duecentocinquanta dipinti, un quarto dell’intera produzione dell’artista, trenta disegni e quindici sculture in bronzo. I soggetti ricorrenti sono quelli tipici del suo immaginario figurativo, ripetuti

fino all’ossessione. Gli animali rappresentati sono quelli visti  nei macelli di campagna, sulle locandine dei circhi e nei libri d’avventure. Ma sono gli animali selvaggi, soprattutto tigri, leopardi, leoni che per Ligabue rappresentavano la fuga dalla realtà verso un mondo fantastico e ignoto. Temi naturalistici rappresentati con violenza di segni e di colori in cui si avverte l’influenza di Henri Rousseau, il Doganiere, vissuto tra Ottocento e Novecento. Sono esposte anche scene campestri tra cui due pezzi importanti come Diligenze con castello e Semina con cavalli imbizzarriti. Infine è da ricordare la nutrita serie di autoritratti in cui il pittore, idealmente, si paragona a Van Gogh. Se guardiamo alla biografia di Ligabue (1899-1965), troviamo una rassegna di esperienze vissute in maniera parossistica e che tuttavia fanno parte del vissuto comune.

Figlio di immigrati, ripudiato da una madre che lo aveva in affido, ebbe un’infanzia e un’adolescenza molto difficili in Svizzera dove frequenta classi differenziali e istituti per ragazzi problematici.

A  vent’anni  è  espulso dal suo paese natale e mandato forzatamente a Gualtieri, Reggio Emilia, dove risultava avere la residenza. Qui vive  emarginato dai  suoi compaesani, conducendo un’esistenza solitaria, vaga nei boschi e tra le golene del Po imitando i versi di uccelli e animali, facendo propria la natura di cui è partecipe. Ricoverato più volte in manicomio e in ospizi per mendicanti, a cui si aggiunsero anche due anni e mezzo di paralisi, offre i  suoi quadri  in cambio di generi di sussistenza. L’esclusione e il rifiuto sociale diventano espressione della necessità di tracciare confini oltre i quali annotare la propria negatività e le proprie paure. L’arte come porto sicuro  della  follia, ma  anche  la savana come teatro lontano della violenza.

Concludiamo, citando due aforismi di Alda Merini – una delle voci più significative della poesia italiana contemporanea, che come Ligabue ha vissuto una lunga e dolorosa esperienza manicomiale: “La pistola che ho puntato alla tempia / si chiama Poesia” e ancora “Anche la follia/merita i suoi applausi” .

Parole queste che valgono anche per Ligabue, che nell’arte ha trovato l’unica forma di comunicazione concessa a un “folle”,   un magico “folle” che ha creato intorno a sé  un’aura  di  leggenda  con  la  sua  straordinaria personalità.

 

Clelia  Ginetti

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - SULLA TRASPARENZA E IL SEGNO 
 :: 812 - LA BAMBOLA, IL SOLDATINO E LA RANA 
 :: 804 - LA ROSA E LA FINESTRA 
 :: 802 - CORREGGIO E PARMIGIANINO 
 :: 795 - CANDIDATI IN BIANCO 
 :: 792 - il giro del mondo in 80 giochi 
 :: 792 - 2 variazioni da un racconto di anton čechov -1 
 :: 791 - la strana storia del signor O 
 :: 791 - “NUTRIRE L'IMPERO. STORIE DI ALIMENTAZIONE DA ROMA E POMPEI” 
 :: 790 - DAL FRONTE DELLA GRANDE GUERRA 
 :: 789 - ARMENIA 
 :: 787 - HENRI MATISSE 
 :: 786 - LIBERTA' DI STAMPA 
 :: 784 - SOL INVICTUS 
 :: 783 - VITE PARALLELE 
 :: 780 - DE TERGORUM COCCULA 
 :: 779 
 :: 778 - RACCONTO - 3 POESIE [PDF] 
 :: 777 -  
 :: 772 - TRE RACCONTI MORESCHI [3] 
 :: 772 - IL JAZZ IN ITALIA 
 :: 771 - TRE RACCONTI MORESCHI [2] 
 :: 770 - AUTORITA’ E POTERE, ARIA DI PRIMAVERA… NON SOLO ARABA 
 :: 770 - TRE RACCONTI MORESCHI [1] 
 :: 765 - ORO, INCENSO E MIRRA 
 :: 762 - ANNIBALE, IL CORRIERE DI TUNISI 
 :: 761 - due quasi favole 
 :: 761 - CIBI CHE CAMBIANO IL MONDO 
 :: 757 - PLINIO SI OPPONE ALLA COSTRUZIONE DI UNA STRADA 
 :: 756 - Abdelaziz Ben Gaid Hassine al Dar Bach Hamba 
 :: 752 - NATALE DI UN ERETICO 
 :: 749 - Convegno International Help 
 :: 744-747 - PROTAGONISTE DIMENTICATE A MIRADOLO 
 :: 719 - DESTINO O NECESSITA' 
 :: 717 - ITALIANO FUORI DALL’ ITALIA : IL CASO DELLA TUNISIA 
 :: 714 - L’UNITÀ D’ITALIA VISTA DALLA SPONDA SUD DEL MEDITERRANEO 
 :: 713 - la cartolina 
 :: 712 - Il vecchio cinese e le sue perle 
 :: 711 - MACCHINE MERAVIGLIOSE 
 :: 710 - DJERBA A TERRA MADRE DI TORINO 
 :: 709 - IPAZIA 
 :: 707 - A Tuoro la sede del “Cammino di Annibale” 
 :: 703 - VANITAS VANITATUM 
 :: 698 - I GIORNI DELLA MERLA 
 :: 697 - LA MOSTRA DI MARCELLO LA SPINA A DAR SEBASTIAN A HAMMAMET 
 :: 696 - FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL SAHARA DI DOUZ 
 :: 694 - EDWARD HOPPER 
 :: 693 - WALLS AND BORDERS  
 :: 692 - BUON ONOMASTICO 
 :: 689 - MONDI MEDITERRANEI 
 :: 688 - EROS E AGAPE IN UN SMS 
 :: 687 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 686 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 685 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 683 - FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TUNISI IL PADIGLIONE EUROPEO 
 :: 682 - Walls and Borders 
 :: 682 - MUOR GIOVANE COLUI CH’AL CIELO È CARO 
 :: 680 - COSTITUZIONE E LINGUA, VIE MAESTRE PER L’INTEGRAZIONE 
 :: 679 - DIFENDIAMO L’ALLEGRIA 
 :: 678 - “DENUNCIO LA MIA SCOMPARSA” 
 :: 678 - NOI E GLI ALTRI 
 :: 677 - neve 
 :: 676 - Un elzeviro per Natale 
 :: 676 - Una porta verso l’Africa 
 :: 674 - PREMIO MATILDE DI CANOSSA 2008 
 :: 673 - JOUMANA HADDAD A MANTOVA 
 :: 673 - ANTONIO PIOVANELLI IN TUNISIA 
 :: 672 - TEMPO DI MATRIMONI NELLA ROMA IMPERIALE 
 :: 672 - CHIUSURA DELL’ESPOSIZIONE «PITTORI ITALIANI IN TUNISIA» 
 :: 670 - PANEM ET CIRCENSES (II parte) 
 :: 669 - PANEM ET CIRCENSES (prima parte) 
 :: 669 - IL MONDO MAGICO DI ANTONIO LIGABUE  
 :: 667 - AL BARDO  
 :: 665 - marginalia [1] [2] 
 :: 665 - SETTIMANA DEL DIALOGO INTERCULTURALE  
 :: 659 - LA TUNISIA PERDE UNO DEI SUOI PIU’ GRANDI ARTISTI  
 :: 656 - IL PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI RIAPRE AI ROMANI 
 :: 658 - GLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 653 - OTTOBRE MUSICALE 2007  
 :: 653 - SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA 
 :: 653 - VENEZIA E L’ISLAM (828-1797) 
 :: 647 - Sulle tracce del Cristianesimo in Tunisia e in Sicilia, al Bardo e a Dar Bach Hamba (18 maggio-18 luglio) 
 :: 644 - "Khamsoun" : un grido di rabbia contro il fondamentalismo 
 :: 641 - Stupenda rappresentazione del "Rosenkavalier" all’ "Opéra de la Bastille" 
 :: 640 - Il Convegno della FUSIE a Udine : Quale Avvenire per l'informazione in Lingua Italiana nel Mondo 
 :: 638 - "Making off" di Nouri Bouzid vincitore del Tanit d’Oro nelle Giornate Cinematografiche di Cartagine 2006 : "Il film è una vittoria contro la paura" 
 :: 636 - Echi di Storia Mediterranea 
 :: 629 - Archeologia: Scoperte stanze dell’epoca spagnola nella “Carraca della Goulette” 
 :: 628 - CLAUDIA CARDINALE COPRESIDENTE DEL FESTIVAL TELEVISIVO DI DJERBA PARLA DELLA SUA VITA DI DIVA E DI DONNA 
 :: 628 - PRIMA EDIZIONE DEL DJERBA FILM FESTIVAL 
 :: 626 - ANTONELLO da MESSINA 
 :: 625 - L’ENSEMBLE “PRINCIPIO DI VIRTU’ ” 
 :: 624 - L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO NELLE SCUOLE SECONDARIE E NELLE UNIVERSITA’ TUNISINE 
 :: 624 - MESSAGGIO DI AUGURIO DI PAOLA PROCACCINI, DIRETTRICE DELL'ISTUTO ITALIANO DI CULTURA PER IL LANCIO DEL CORRIERE DI TUNISI NELLA SUA NUOVA VESTE GRAFICA IN OCCASIONE DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL GIORNALE 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml