Il Corriere di Tunisi 
13 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA

 

prospettive del Partenariato Tuniso-Italiano alla luce dell’entrata IN VIGORE DELLA ZONA DI LIBERO SCAMBIO

 

In occasione dell’entrata in vigore il 1° gennaio 2008 dell’accordo di libero scambio tra la Tunisia e l’Unione Europea, si è tenuto il 12 Marzo scorso a Roma, Palazzo Altieri, un importante seminario al quale sono intervenuti rappresentanti del mondo politico ed economico italo-tunisino, quali:

- Avv. Carlo Fratta Pasini, Presidente dell’Associazione Nazionale delle Banche Popolari

- Dott.ssa Anna Maria Tarantoli,  rappresentante della Banca d’Italia

- On. Riccardo Pedrizzi, Presidente dell’Associazione di Amicizia Parlamen­tare Tunisi-Italiana.

- S.E. Montasser Ouaili, Ambasciatore di Tunisia a Roma

- Dr. Taoufik Baccar, Governatore della Banca Centrale di Tunisia

Apre la seduta il Dr. Giuseppe De Lucia Lumero, Segretario Generale dell’Ordine dei Giornalisti, moderatore di questo seminario, vantando i legami, fra Italia e Tunisia che, grazie alla loro vicinanza geografica, hanno origini storiche comuni. Anche la lingua italiana è oggi molto diffusa in Tunisia grazie anche alla diffusione delle trasmissioni del  primo canale della TV italiana già dal lontano 1960 (in occasione delle Olimpiadi) nonchè alla presenza in Tunisia della stampa italiana fra cui “Il Corriere di Tunisi”, giornale in italiano pubblicato a Tunisi da 52 anni.

Tutti i partecipanti hanno sottolineato gli importanti e crescenti interessi economici che caratterizano i rapporti tra i due Paesi, rafforzati dopo la firma l’11 maggio 2004 dell’accordo bilaterale tra Italia e Tunisia, e che si sono costantemente rafforzati fino al 1° Gennaio 2008,  data dell’entrata in  vigore dell’accordo di libero scambio.

L’Avv. Carlo Fratta  Pasini, ha quindi ricordato la data storica del 1900, oltre100 anni fa, quando il Presidente della  Banca Popolare di Lodi di allora  riportava con soddisfazione nella sua relazione annuale, il saluto della nascente Banca Cooperativa Popolare di Tunisi. Questo clima di amicizia già allora presente fra i due Paesi favori’ la nascita di altre banche basate sugli stessi principi di solidarietà e di sussidiarietà. Il Dr. Pasini  ha sottolineato il perdurante interesse negli anni delle Banche Popolari di tipo cooperativo per la Tunisia, sopratutto quelle del Mezzogiorno d’Italia, interesse che negli anni si é esteso anche alle banche del Nord.

La Dott.ssa Tarantoli, nella sua veste di rappresentante della Banca d’Italia, ha posto l’accento sull’interscambio fra i due Paesi che nel 2007 ha superato i 5 miliardi di euro con il 22% di esportazioni e il 20% d’importazioni; risultato reso possibile dal progressivo smantellamento delle tariffe doganali,  avviato nel 1996 nel quadro degli accordi Euro-Mediterranei.

Nell’ottobre del 2007 risultavano insediate in Tunisia circa 650 imprese italiane su un totale di 2.700 imprese. Un insediamento di tutto rispetto di cui fanno parte grandi gruppi italiani come ENI, FIAT, BENETTON, ILVA, ANSALDO, e MARZOTTO.

La Dott.ssa Tarantoli ricorda poi il vertice di Barcellona del 1995 che di fatto ha lanciato l’avvio del processo di sviluppo del partenariato economico tra i Paesi della sponda sud del Mediterraneo e l’Unione l’Europea e che dovrebbe terminare entro il 2010.

Grazie all’avvio del Partenariato Euro-Mediterraneo, la Tunisia ha di fatto visto crescere le sue risorse di 1/5 mentre il reddito pro-capite é aumentato di 4-5 punti per­centuale. Questa crescita é stata anche in parte resa possibile dalla promozione, in Tunisia, di un sistema bancario solido ed efficente, punto di partenza essenziale per canalizzare le risorse finanziarie verso le varie opportunità d’investimento. La Dott.ssa Tarantoli ha terminato il suo intervento mettendo in risalto il miglior indice di funzionalità complessiva del sistema bancario tunisino nei confronti degli investitori italiani nonostante la presenza di numerose banche estere nel Paese, in particolare quelle francesi, essendo la Francia il primo partner commerciale della Tunisia.

Anche l’Ambasciatore della Tunisia a Roma, S.E. Montasser Ouaili, esprimendosi in perfetto italiano, si é soffermato sul tema del Parte­nariato tuniso-italiano reso piu’ forte dal clima di amicizia e fiducia reciproca che caratterizza i rapporti tra i due popoli e che si é concretizzato nella conclusione di importanti accordi in vari settori: da quello politico a quello economico, da quello sociale a quello culturale, dall’industria alla tecnologia.

Il Partenariato Italo-Tunisino é culminato nel trattato di amicizia, di buon vicinato, e cooperazione firmato l’1l maggio 2004 in occasione della visita a Roma del Presidente della Tunisia  S.E. Zine El Abidine Ben  Ali.

Nel suo intervento l’Ambasciatore ha sottolineato come l’amicizia fra Tunisia e Italia costituisca lo zoccolo sul quale si basano le relazioni  tra i due paesi e che si è recentemente tradotto nella creazione dell’Associazione di Amicizia Parlamentare Tuniso-Italiana di cui è Presidente l’On. Riccardo Pedrizzi, grande amico della Tunisia che l’Ambasciatore ringrazia per aver organizzato questo seminario, insieme al Dr.Taoufik Baccar, Governatore della Banca Centrale ai Tunisia.

Il  Dr. Taoufik Baccar, prendendo la parola, mette in risalto il volume degli scambi commerciali tra Tunisia e Italia che nel 2007 è aumentato del 30,6%. L’importazione e l’esportazione hanno registrato rispettivamente un’evoluzione del 33,8% e del 27,8%. Questi risultati confortanti hanno reso l’Italia il primo paese investitore nel settore degli idrocarburi raffinati e il secondo paese investitore  negli altri settori.

Inoltre il  Partenariato ha potuto usufruire di un credito finanziario a beneficio delle piccole e medie imprese e delle società miste rinnovato in occasione della 7° Commissione Mista tenutasi a Tunisi il 24-25 ottobre scorso. Grazie all’entrata in vigore della zona di libero  scambio tra Tunisia e Unione Europea, i prodotti provenienti dall’Italia, secondo partner commerciale della Tunisia, hanno accesso al mercato tunisino senza dover pagare alcun diritto doganale.

Il  Governatore della Banca Cantrale della Tunisia si é avvalso dell’opportunità di questo incontro per invitare gli operatori economici italiani a considerare ed esaminare da vicino l’opportunità di investire in Tunisia.

L’incontro è stato anche l’occasione per ricordare i  52 anni di indipendenza  della Tunisia, un importante evento da celebrare sotto il segno dell’amicizia fra i popoli della Tunisia e dell’Italia.

Infine l’On. Riccardo Pedrizzi ha spiegato i motivi che hanno portato alla  creazione dell’ Associazione Parlamentare, a cui hanno aderito un centinaio di parlamentari di tutti i partiti politici che si sono impegnati a migliorare sempre più le relazioni fra Italia e Tunisia.

 Il seminario è   stato organizzato in occasione della Festa dell’Indipendenza della Tunisia, grazie alla quale la Tunisia è diventata un Paese moderato che ha scelto di seguire il detto “Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio”. Moderazione questa, il cui merito spetta alla sagace politica del Presidente Ben Ali, come pure il rispetto della  giustizia, della  sicurezza e del rigore morale. Italia e Tunisia  si trovano oggi a fronteggiare grandi sfide quali il problema dell’immigrazione clandestina e la lotta al terrorismo. I rapporti economici e commerciali fra Italia e Tunisia sono stretti e solidi.

Per quel che riguarda l’imprenditoria italiana, l’On. Pedrizzi ha fatto un breve quadro sulla presenza italiana dove al primo posto trovia­mo il settore tessile-abbigliamento con BENETTON, il settore dell’ener­gia con ENI e FIAT, il settore metallurgico con l’ILVA, il settore dei grandi lavori di costruzione dell’ANSALDO, quello elettronico di TONINI, le società di navigazione che collegano la Tunisie l’Italia . Per il settore bancario sono presenti le rappresentanze dei gruppi del MONTE DEI PASCHI DI SIENA,  BANCA DI ROMA CAPITALIA,  BANCA INTESA e  BANCA NAZIONALE  DEL LAVORO. Lo scopo di queste banche è quello di affiancare le aziende italiane che vanno ad investire in Tunisia ma anche quello di affiancare le imprese tunisine.

Concludendo l’On. Pedrizzi sottolinea le sfide che si pongono su questo cammino, sfide che richiedono di essere affrontate e studiate al fine di sviluppare una progettualità che possa corrispondere ad un vero e proprio progresso per tutti.

E’ importante evitare la tentazione di « farcela da soli ». In particolare si deve partire da questo forte legame di amicizia fra Italia eTunisia per ampliare i rapporti con tutti i paesi del Mediterraneo, spostando il baricentro politico che, con l’entrata di 10 nuovi Paesi nell’Unione Europea  il 1°ottore 2004 si è spostato nel Nord Est dell’Europa, per riportarlo nel Mediterraneo. Questo nell’interesse dell’Italia e della Tunisia nonchè di tutti i popoli del Mediterraneo.

Il seminario è stato seguito da una «Tavola Rotonda» presieduta dal Governatore della Banca Centrale della Tunisia sul tema “La Banca quale pilastro del partenariato”, a cui hanno  partecipato i responsabili delle più importanti istituzioni  finanziarie tunisine quali :

- Dr. Moncef Dakhli, Presidente Direttore Generale Banca Nazionale dell’Agricoltura.

- Dr. Tahar Sioud, Presidente Direttore Generale del Consiglio di Amministrazione della Banca Internazionale Araba di Tunisia e ex Ministro del Commercio

- Dr. Ferid Ben Tanfous, Presidente Direttore Generale della Arab Tunisian Bank e Vice Presidente dell’Associazione Professionale Bancaria

- Dr. Marco Jacobini - Vice Presidente e Amministratore Delegato della Banca Popolare di Bari

- Prof. Giovanni Ferri - Università degli Studi di Bari

Il Dr. Taoufik Baccar, ha ringraziato tutte le personalità del mondo bancario intervenute alla Tavola Rotonda che con la loro attività, consolidano ulterior­mente il Partenariato fra i due Paesi, come lo dimostra lo sviluppo economico della Tunisia, e quello delle più moderne realiz­zazioni quali la creazione di un secondo  aero­porto  e  di  altre  grandi  opere  in  fase  di realizzazione.

Anche il Dr. Marco Jacobini e il Prof. Giovanni  Ferri hanno partecipato alla Tavola Rotonda, attenti osservatori delle questioni politiche ed economiche inerenti il sistema bancario e culturale in essere fra Italia e Tunisia.

Chiude lavori della Tavola  Rotonda l’Ambasciatore di Tunisia S.E. Montasser Ouali, il quale, ha affermato che  e’ vero che fra la Tunisia e l’Italia esiste una lunga storia d’amore, ma come si dice in francese “non si vive d’amore e d’acqua fresca” quindi la riunione deve avere per obiettivo la ricerca  di nuovi strumenti finanziari e la conferma dei rapporti commerciali in essere tra i due Paesi.

Il convegno si é chiuso con un ricevimento nella splendida residenza dell’Ambasciatore della Tunisia durante il quale é stata celebrata l’indipendenza che quest’anno é coincisa con la festa del Muled, l’anniversario della nascita del Profeta. Nei saloni, elegantemente rinnovati, si sono incontrati gli Ambasciatori dei principali Paesi Arabi con le loro signore alcune in abito tradizionale, militari in alta uniforme, italiani e tunisini, il Vice Ministro degli Interni, Dr. Ugo Intini, l’On. Riccardo Pedrizzi, l’On. Pierluigi Polverari dell’Agenzia Apreime, il Dr. Giuseppe Bartolucci del Consorzio Sistema Italia Export, i Signori Marcello e Giuseppe Brignone e Armando Giannitrapani con le loro Signore, rappresentanti dell’AIAT, il Dr. Lunari e Signora e l’On. Stefania Craxi, la quale, parlando della Tunisia, ha ricordato come per lei e la sua famiglia sia una seconda patria e che lei e tutta la sua famiglia non dimenticheranno mai l’ospitalità che il Presidente Ben Ali ha concesso al padre, On. Bettino Craxi, difendendone la libertà e la memoria. Un grande esempio di fraternità fra Italia e Tunisia. Ma anche, come ha detto Emmanuel Kant, “una conoscenza sensibile” una definizione che deve rappresentare l’obiettivo dei due Paesi.

 

Maria Bianca Pinco

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml