Il Corriere di Tunisi 
30 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi

 

cinquantaduesimo ANNIVERSARIO DEL CORRIERE DI TUNISI

 

II “Corriere di Tunisi” ha compiuto in questi giorni 52 anni! Unica testata italiana nel Maghreb e nel mondo arabo, il “Corriere di Tunisi” è uscito per la prima volta nel 1956 dopo 15 anni di silenzio imposto dalle autorità francesi all’editoria italiana in Tunisia.

 

Finalmente la numerosa comunità italiana (circa 80.000 persone) aveva di nuovo un suo giornale in lingua italiana: solo qualche settimana dopo l’uscita del primo numero, di cui  abbiamo riportato sopra il primo editoriale , il 20 marzo del 1956 la Tunisia conquistava l’indipendenza dal protettorato francese.

Fu un gruppo di italiani democratici di allora, in gran parte appartenenti alla Lega italiana per i Diritti dell’Uomo (Sezione Tunisia) tra cui Nullo Pasotti, Giulio Barresi, mio padre Giuseppe Finzi ed io, Elia, che decise di riprendere la lunga tradizione di un giornale in lingua italiana in Tunisia (dal 1838 al 1942 sono state recensite più di 120 testate) per ridare voce ad una collettività alla quale allora si voleva far pagare indiscriminatamente le colpe del suo recente passato.

Negli anni il giornale si é trasformato seguendo l’evoluzione della comunità italiana qui presente e aprendosi ai nuovi scenari geo politici che hanno interessato il Nord Africa: due anni fa’ abbiamo lanciato la nuova serie, il “Corriere di Tunisi” si é trasformato in “Corriere Euro mediterraneo”, mantenendo pero’ il suo nome originario. Bimensile di informazione politica, economica, culturale e sociale euro­mediterranea il Corriere di Tunisi oggi si rivolge soprattutto ad un pubblico di imprese, operatori commerciali, forze intellettuali delle Università e del mondo della cultura, interessate  alle  nuove  prospettive  del dialogo euro­mediterraneo e degli scambi commerciali, culturali, nonché delle problematiche sociali migratorie e di costume che carattrizzano Mediterraneo.

Il Corriere di Tunisi, dopo oltre cinquant’anni di attività,  resta  l’unico  mezzo  di  informazione  per  la comunità italiana residente in Tunisia: malgrado le continue  difficoltà  finanziarie, continuiamo con passione il nostro lavoro con l’obiettivo di dare voce alla comunità italiana e perché no, a far conoscere l’Italia ai numerosi lettori italofoni qui residenti. Con l’occasione rinnoviamo l’invito  a  tutti  gli  interessati,  in particolare ai rappresentanti dei principali enti e società italiane presenti in Tunisia e nel Maghreb, a collaborare con il nostro giornale informandoci, in anticipo, sulle attività e iniziative in corso.

 

Riproduciamo qui di seguito, parte dell’editoriale del primo numero del Corriere di Tunisi.

Sono passati più di cinquant’anni, e anche è cambiato il modo di scrivere del giornalista. Meno enfatico, più stringato, ma è anche interessante notare che malgrado lo stile fiorito, il fondo sia rimasto praticamente immutato. L'entusismo era tanto...

 

 

Sicuri di realizzare un vostro, benché tacito, intimo, una­nime, ardente desiderio, quello cioé di rivedere dopo si lunghi anni di silenzio, un giornale in lingua italiana, sia pure per il momento modesto settimanale, vi presentiamo il CORRIERE DI TUNISI.

Siamo certi di incontrare il consenso di tutti coloro, Italiani e non Italiani amanti della bella lingua di Dante che «spande di parlar si largo fiume» e che durante il terribile periodo dell’oscurantismo medioevale, con il suo dolce «stil nuovo», squar­ciando le tenebre, fece conoscere all’Umanità intera. le ansie dei Popoli civili e la loro passione di rinnovamento, e che asse­gno' all’Italia tormentata, ma culla delle lettere, delle arti, delle scienze, il diritto de parlare, come, in seguito, ancora spezzettata, divisa e oppressa, Mazzini e Garibaldi le conferi­rono quello di pensare e agire e i suoi Eroi e Martiri della radiosa epopea del Risorgimento, quelle di sacrificarsi per la conquista della sua Libertà. IL CORRIERE DI TUNISI che siamo ben lieti presentarvi, sorge dunque per rompere questo silenzio di quindici anni, per permettere appunto a voi tutti di esternare, con noi, il vostro pensiero, prerogativa migliore della personalità di un libero cittadino.

Fedele alle più pure tradizioni del vero giornalismo indipendente, forte di una conquista inalienabile che ci hanno trasmesso i nostri padri, quella cioé del «libero esame» sorge per far conoscere, studiare, discutere tutto cio', che di più im­portante si svolge nella giovane Repubblica Italiana; per par­tecipare alle ansie, alle migliori aspirazioni dei nostri fratelli lontani che, dopo tante e terribili distruzioni materiali e soprattutto morali hanno, con ardente e decisa volontà di vivere e di progredire, saputo rileverarsi, ricostruire, produrre.

«IL CORRIERE DI TUNISI » vuole altresi far conoscere e serenamente, obiettivamente illustrarvi e commentarvi tutto cio' che si svolge nella generosa terra di Tunisia, e che puo', direttamente o indirettamente interessare la collettività ita­liana. Senza trascurare il sollievo, il diletto della spirito, anzi curandolo in modo particolare, « IL CORRIERE DI TUNISI » presenterà in ogni numero ai lettori, studi letterari, artistici, filosofici nonchè una adeguata cronaca sportiva. E non dimen­ticherà in pari tempo, le gentili lettrici dedicando loro una rubrica che dalla moda, passando per la famiglia, arriverà persino all’arte culinaria, offrendo altresi’ ai bimbi quanto puo' esservi di utile e di gradevole.

Se un formato più grande ce lo permetterà, pubblicheremo anche un romanzo di qualche grande scrittore italiano.

«IL CORRIERE DI TUNISI», come vedete, non è dunque l’organo di un partito politico, né di un movimento che aspiri a questa o quella successione. Lo hanno voluto uomini animati da un largo spirito di tolleranza. Ed è percio' che «IL COR­RIERE DI TUNISI» è ben lieto di aprire per voi, sulle sue colonne una «tribuna libera» perché ognuno di voi, liberamente, ma nei limiti della correttezza, possa esporvi le sue idee, rivolgere delle domande, formulare delle richieste che saranno tutte ben studiate, esaminate, e a tutti sarà risposto; vera palestra quindi di reciproca insegnamento, un atto di vera fratellanza intellettuale tra lettori e redattori. Tutto cio' noi pensiamo realizzarlo coll’aiuto vostro, coll’aiuto di tutti coloro, italiani di nazionalità, italiani di origine, tunisini e francesi che amano la nostra lingua e il nostro Paese. Infatti, come non é l’organo di nessun partito politico IL CORRIERE DI TUNISI » non è lo strumento di nessun con­sorzio finanziario o industriale. Esso parte a zero, e per la sua vita materiale non conta che sulla vendita, sugli abbonamenti, sulle spontanee sottoscrizioni dei suoi gentili lettori e sulle pubblicità delle Case che vorranno far conoscere i loro prodotti alla collettività italiana.

« IL CORRIERE DI TUNISI » è lieto d’iniziare le sue pub­blicazioni al sorgere di un’era nuova per la Tunisia. Era nuova che noi salutiamo con rispetto, e al nostro saluto uniamo la promessa di contribuire con il nostro lavoro alla sempre cres­cente prosperità del Paese, e l’augurio fervido e sincero di pace, benessere operoso e di una intensa comunione d’affetti e di pensieri fra tutte le differenti collettività che vi vivono, perché la Libertà regni per tutti, l’Uguaglianza fra tutti e la Fratellanza nel cuore di tutti.

 

IL CORRIERE DI TUNISI

 

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml