Il Corriere di Tunisi 
13 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA

 

Inauguriamo con l’intervista al nostro ambasciatore un ciclo di interviste ai principali rappresentanti delle associazioni e degli enti italiani presenti in Tunisia. L’obiettivo é di far conoscere ai nostri lettori il pensiero, i programmi e le iniziative dei numerosi organismi italiani oggi attivi in Tunisia.

Il suo lavoro è appena iniziato, è il momento di gettare le fondamenta: su quali basi imposterà il suo impegno futuro? Quali ideali la guidano e quali gli obiettivi di medio e lungo termine che intende promuovere qui in Tunisia?

Il mio personale impegno è stato sempre fondato sulla piena dedizione al servizio degli interessi generali del Paese. In Tunisia, la strada è già tracciata: si tratta di continuare ad operare affinché il governo ed il popolo tunisino percepiscano l’Italia come un amico permanente ed un alleato naturale nel processo di sviluppo economico, sociale ed umano avviato con successo a partire dall’indipendenza.

Cooperazione politica, economica e culturale tra Italia e Tunisia. Può tracciare un breve bilancio soffermandosi sui temi che, secondo lei, devono essere affrontati sul piano delle relazioni bilaterali tra i due Paesi?

E’ evidente che dopo la costituzione del nuovo Governo, all’indomani della prossima tornata elettorale, occorrerà riannodare i fili del serrato dialogo politico che il Trattato di Amicizia del 2003 ha delineato e che si è concretizzato, negli anni scorsi, in un flusso intenso di incontri a tutti i livelli. Nel quadro di una rinnovata consuetudine di rapporti al vertice, potrà avere impulso adeguato il rilancio della cooperazione bilaterale in tutti i campi ed una azione convergente nei fori multilaterali – dal dialogo euromediterraneo al foro 5+5, ma anche rispetto alle nuove proposte di Unione per il Mediterraneo.

tà da cogliere: penso innanzitutto all’estensione verso la Tunisia delle grandi reti per i trasporti, l’energia, le telecomunicazioni che stanno concretizzandosi in Europa.

In campo culturale, dobbiamo cogliere ogni opportunità per intensificare il dialogo e la reciproca conoscenza, coinvolgendo isitituzioni, univerisità, scuole, società civile: esistono fermenti di grande interesse in questo Paese, in direzione di una maggiore consapevolezza delle specificità di una società dalle radici molteplici ed antiche, che meritano di essere meglio conosciute in Italia ed in Europa.

Quali saranno, anche alla luce del nuovo Accordo sul Libero Scambio tra UE e Tunisia, le nuove sfide e le opportunità per le aziende italiane che operano in Tunisia?

Credo che ancora per molti anni la Tunisia godrà di un forte vantaggio competitivo nel processo di divisione internazionale del lavoro spinto dalla globalizzazione. Le nuove condizioni create dalla liberalizzazione degli scambi con l’UE per i prodotti industriali dovranno con la necessaria gradualità determinare un avvicinamento dei regimi fiscali per le imprese inshore ed offshore: sono certo che la Tunisia saprà gestire questo processo con avvedutezza, salvaguardando l’attrattività del Paese per gli investitori stranieri, fra i quali gli italiani sono in prima fila.

Sembra che finalmente i tempi siano maturi per la rinascita di un COM.IT.ES eletto dagli Italiani residenti in Tunisia. Sono, secondo Lei, oggi i COM.IT.ES uno strumento efficace per far sentire la voce degli italiani all’estero?

Vorrei innanzitutto ricordare l’importanza del ruolo assegnato ai deputati e ai senatori eletti nelle circoscrizioni elettorali per i residenti all’estero, nella rappresentanza degli interessi delle nostre comunità. Il 13 e 14 aprile sarà dunque importante una partecipazione piena e consapevole degli italiani all’estero: i parlamentari eletti saranno, accanto alle Rappresentanze diplomatico-consolari, gli interlocutori naturali ed i principali referenti a livello politico per i rappresentanti locali, anch’essi eletti, dei COMITES. Posso senz’altro confermare che in base alle risultanze dei registri consolari esistono nuovamente le condizioni per la ricostituzione a Tunisi di un COMITES eletto: anche in Tunisia dunque sarà possibile votare per l’elezione di questo importante organismo in occasione della prossima tornata elettorale prevista nel 2009. Sarà per l’Ambasciata un grande supporto, per orientare l’azione istituzionale – soprattutto in campo sociale e culturale – alla luce delle priorità e delle valutazioni espresse da rappresentanti democraticamente eletti.

La legge attribuisce al COMITES in effetti importanti funzioni: avrei difficoltà ad immaginare che le Istituzioni possano operare senza tener conto pienamente dei suoi pareri, che sono obbligatori in molti campi.

Quali dovranno essere, secondo Lei, i primi passi che le associazioni locali e la collettività dovranno intraprendere per consentire l’effettiva rinascita del Comitato? Quale potrà e dovrà essere il contributo delle istituzioni, in particolare di questa Ambasciata, per l’effettivo rilancio del COM.IT.ES?

Mi sembra che un primo passo lo abbiamo già fatto insieme, decidendo la creazione di un gruppo informale, ma non per questo meno operativo, composto dai rappresentanti di tutte le Associazioni in cui si riconosce la comunità italiana di Tunisia. Potremo così lavorare insieme affinché le istanze della collettività siano sin da ora ascoltate ed il COM.IT.ES che sarà eletto l’anno prossimo non debba partire da zero. Spetta alle associazioni il ruolo di animatori della collettività, saranno esse a valutare attraverso quali articolazioni nella composizione delle liste elettorali la comunità italiana potrà sentirsi meglio rappresentata. L’Ambasciata dovrà mantenere naturalmente un ruolo di assoluta neutralità nella competizione elettorale, ma non mancherà di svolgere ogni possibile azione di stimolo al fine di assicurare una partecipazione ampia al voto.

Come la comunità degli italiani residenti in Tunisia può concretamente contribuire al rafforzamento dei legami tra i due Paesi?

E’ ormai usuale definire gli italiani all’estero come i migliori ambasciatori degli interessi nazionali nei Paesi di residenza. Mi sembra particolarmente vero in questo Paese: trovo qui una comunità di antico insediamento, che ha saputo preservare la sua italianità proprio in una ottica di canale naturale di comunicazione tra i due Paesi in campo culturale, accanto a nuovi residenti che già svolgono con efficacia una azione volta a favorire legami economici sempre più intensi. Spetta ai rappresentanti istituzionali saper valorizzare questi apporti preziosi.

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml