Il Corriere di Tunisi 
17 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Cultura
 659 - LA TUNISIA PERDE UNO DEI SUOI PIU’ GRANDI ARTISTI

 

Abdelaziz Gorgi, pionere dell’arte contemporanea tunisina

E’ mancato lo scorso 10 gennaio all’età di 80 anni, Abdelaziz Gorgi, uno dei maggiori artisti contemporanei del Paese. Pittore, scultore, ceramista, disegnatore, nulla é sfuggito alla sua curiosità ed al suo amore per la materia e per l’arte.

Nato a Tunisi nel 1928, comincio’ i suoi studi alla galleria Ben Ayed per poi continuare  in Francia, prima all’Istituto Tecnico di Parigi poi all’atelier Plisson dove si specializzo’ in ceramica, la sua prima grande passione. Gli anni giovanili trascorsi a Parigi furono molto importanti per la sua formazione artistica e fortemente impregnati dai continui contatti con il quartiere degli artisti di Montmartre. L’esperienza francese non gli fece tuttavia dimenticare la sua terra: rientrato in Tunisia comincio’ un lungo viaggio in tutto il Paese per conoscere e arrichirsi delle esperienze e delle tradizioni artistiche locali : soggiorno’ a  Nabeul, Djerba ed in altre città del Paese alla scoperta dei piccoli artigiani locali. Amava la sua città, i quartieri popolari di Tunisi , in particolare Bab Souika. Il suo luogo preferito era la Medina « con le sue stradine, le sue case, le volte, le porte… » dove, diceva, aver ritrovato « un’armonia e una poesia che non esiste ormai in nessun altro luogo ».  E sarà proprio la Medina, i piccoli artigiani, i colori del villaggio di Sidi Bou Said ad ispirare la sua opera nel tentativo di proteggere e far rivivere un patrimonio culturale ancestrale. Il suo linguaggio plastico esprimeva un forte attaccamento ai valori tradizionali che Gorgi riprendeva nelle sue opere, rivalutandoli non in chiave nostalgica bensi’ moderna. E’ lo stesso spirito che oggi caratterizza la Scuola di Tunisi : attingere dal patrimonio artistico e culturale locale e riformularlo con tecniche moderne. Gorgi fu uno dei fondatori della Scuola insieme a Yahia Turki, Ammar  Farhat, Jelal Ben Abdallah, Ali Bellagha, senz’altro fu uno dei suoi piu’ giovani esponenti fino a  diventarne il presidente. I temi preferiti nelle sue opere traevano spunto dalla tradizione locale: i souks, le botteghe degli artigiani, i caffè, gli hammam, fotografati e rivisti in chiave moderna con un’attenzione particolare ai colori ed alla forme.

L’artista ha contribuito in maniera determinante alla fioritura dell’arte moderna in Tunisia, fu lui a creare la prima galleria privata nel Paese, nel quartiere Belvedere di Tunisi, poi una seconda a Sidi Bou Said, la galleria Ammar Farhat.

Professore di ceramica alla Scuola di Belle Arti di Tunisi, alla cui creazione e sviluppo partecipo’ attivamente, attento ai giovani talenti tunisini, Gorgi é riuscito con la sua opera a suscitare l’attenzione del Paese per l’arte tunisina, in particolare per i giovani artisti. Grazie alla sue battaglie ed a quelle degli altri membri della Scuola di Tunisi, il governo ha cominciato a riconoscere il valore ed a apprezzare gli artisti locali. Lui stesso ha ricevuto diversi premi e onoreficienze dal governo tunisino, l’ultimo nel 2000, il Premio del Presidente della Repubblica per l’innovazione e la creazione .

 Di lui rimane il ricordo di un grande artista, un’instancabile sperimentatore di materiali e di nuove tecniche artistiche, un eccellente disegnatore (« il disegno é il punto di partenza di ogni opera»), un bravo pittore, un fine ceramista, che ha saputo nelle sue opere fondere con grande maestria vecchio e nuovo, tradizione e modernità,  contribuendo grandemente alla nascita e allo sviluppo dell’arte contemporanea in Tunisia.

 

Francesca Bertolini

 

 

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - SULLA TRASPARENZA E IL SEGNO 
 :: 812 - LA BAMBOLA, IL SOLDATINO E LA RANA 
 :: 804 - LA ROSA E LA FINESTRA 
 :: 802 - CORREGGIO E PARMIGIANINO 
 :: 795 - CANDIDATI IN BIANCO 
 :: 792 - il giro del mondo in 80 giochi 
 :: 792 - 2 variazioni da un racconto di anton čechov -1 
 :: 791 - la strana storia del signor O 
 :: 791 - “NUTRIRE L'IMPERO. STORIE DI ALIMENTAZIONE DA ROMA E POMPEI” 
 :: 790 - DAL FRONTE DELLA GRANDE GUERRA 
 :: 789 - ARMENIA 
 :: 787 - HENRI MATISSE 
 :: 786 - LIBERTA' DI STAMPA 
 :: 784 - SOL INVICTUS 
 :: 783 - VITE PARALLELE 
 :: 780 - DE TERGORUM COCCULA 
 :: 779 
 :: 778 - RACCONTO - 3 POESIE [PDF] 
 :: 777 -  
 :: 772 - TRE RACCONTI MORESCHI [3] 
 :: 772 - IL JAZZ IN ITALIA 
 :: 771 - TRE RACCONTI MORESCHI [2] 
 :: 770 - AUTORITA’ E POTERE, ARIA DI PRIMAVERA… NON SOLO ARABA 
 :: 770 - TRE RACCONTI MORESCHI [1] 
 :: 765 - ORO, INCENSO E MIRRA 
 :: 762 - ANNIBALE, IL CORRIERE DI TUNISI 
 :: 761 - due quasi favole 
 :: 761 - CIBI CHE CAMBIANO IL MONDO 
 :: 757 - PLINIO SI OPPONE ALLA COSTRUZIONE DI UNA STRADA 
 :: 756 - Abdelaziz Ben Gaid Hassine al Dar Bach Hamba 
 :: 752 - NATALE DI UN ERETICO 
 :: 749 - Convegno International Help 
 :: 744-747 - PROTAGONISTE DIMENTICATE A MIRADOLO 
 :: 719 - DESTINO O NECESSITA' 
 :: 717 - ITALIANO FUORI DALL’ ITALIA : IL CASO DELLA TUNISIA 
 :: 714 - L’UNITÀ D’ITALIA VISTA DALLA SPONDA SUD DEL MEDITERRANEO 
 :: 713 - la cartolina 
 :: 712 - Il vecchio cinese e le sue perle 
 :: 711 - MACCHINE MERAVIGLIOSE 
 :: 710 - DJERBA A TERRA MADRE DI TORINO 
 :: 709 - IPAZIA 
 :: 707 - A Tuoro la sede del “Cammino di Annibale” 
 :: 703 - VANITAS VANITATUM 
 :: 698 - I GIORNI DELLA MERLA 
 :: 697 - LA MOSTRA DI MARCELLO LA SPINA A DAR SEBASTIAN A HAMMAMET 
 :: 696 - FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL SAHARA DI DOUZ 
 :: 694 - EDWARD HOPPER 
 :: 693 - WALLS AND BORDERS  
 :: 692 - BUON ONOMASTICO 
 :: 689 - MONDI MEDITERRANEI 
 :: 688 - EROS E AGAPE IN UN SMS 
 :: 687 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 686 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 685 - «RACCONTI PER L’INFANZIA» 
 :: 683 - FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TUNISI IL PADIGLIONE EUROPEO 
 :: 682 - Walls and Borders 
 :: 682 - MUOR GIOVANE COLUI CH’AL CIELO È CARO 
 :: 680 - COSTITUZIONE E LINGUA, VIE MAESTRE PER L’INTEGRAZIONE 
 :: 679 - DIFENDIAMO L’ALLEGRIA 
 :: 678 - “DENUNCIO LA MIA SCOMPARSA” 
 :: 678 - NOI E GLI ALTRI 
 :: 677 - neve 
 :: 676 - Un elzeviro per Natale 
 :: 676 - Una porta verso l’Africa 
 :: 674 - PREMIO MATILDE DI CANOSSA 2008 
 :: 673 - JOUMANA HADDAD A MANTOVA 
 :: 673 - ANTONIO PIOVANELLI IN TUNISIA 
 :: 672 - TEMPO DI MATRIMONI NELLA ROMA IMPERIALE 
 :: 672 - CHIUSURA DELL’ESPOSIZIONE «PITTORI ITALIANI IN TUNISIA» 
 :: 670 - PANEM ET CIRCENSES (II parte) 
 :: 669 - PANEM ET CIRCENSES (prima parte) 
 :: 669 - IL MONDO MAGICO DI ANTONIO LIGABUE  
 :: 667 - AL BARDO  
 :: 665 - marginalia [1] [2] 
 :: 665 - SETTIMANA DEL DIALOGO INTERCULTURALE  
 :: 659 - LA TUNISIA PERDE UNO DEI SUOI PIU’ GRANDI ARTISTI  
 :: 656 - IL PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI RIAPRE AI ROMANI 
 :: 658 - GLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 653 - OTTOBRE MUSICALE 2007  
 :: 653 - SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA 
 :: 653 - VENEZIA E L’ISLAM (828-1797) 
 :: 647 - Sulle tracce del Cristianesimo in Tunisia e in Sicilia, al Bardo e a Dar Bach Hamba (18 maggio-18 luglio) 
 :: 644 - "Khamsoun" : un grido di rabbia contro il fondamentalismo 
 :: 641 - Stupenda rappresentazione del "Rosenkavalier" all’ "Opéra de la Bastille" 
 :: 640 - Il Convegno della FUSIE a Udine : Quale Avvenire per l'informazione in Lingua Italiana nel Mondo 
 :: 638 - "Making off" di Nouri Bouzid vincitore del Tanit d’Oro nelle Giornate Cinematografiche di Cartagine 2006 : "Il film è una vittoria contro la paura" 
 :: 636 - Echi di Storia Mediterranea 
 :: 629 - Archeologia: Scoperte stanze dell’epoca spagnola nella “Carraca della Goulette” 
 :: 628 - CLAUDIA CARDINALE COPRESIDENTE DEL FESTIVAL TELEVISIVO DI DJERBA PARLA DELLA SUA VITA DI DIVA E DI DONNA 
 :: 628 - PRIMA EDIZIONE DEL DJERBA FILM FESTIVAL 
 :: 626 - ANTONELLO da MESSINA 
 :: 625 - L’ENSEMBLE “PRINCIPIO DI VIRTU’ ” 
 :: 624 - L’INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO NELLE SCUOLE SECONDARIE E NELLE UNIVERSITA’ TUNISINE 
 :: 624 - MESSAGGIO DI AUGURIO DI PAOLA PROCACCINI, DIRETTRICE DELL'ISTUTO ITALIANO DI CULTURA PER IL LANCIO DEL CORRIERE DI TUNISI NELLA SUA NUOVA VESTE GRAFICA IN OCCASIONE DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DEL GIORNALE 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml