Il Corriere di Tunisi 
21 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA

 

Il SALUTO DEL NUOVO AMBASCIATORE ANTONIO D’ANDRIA

E

IL SALUTO DELL’AMBASCIATORE ARTURO OLIVIERI ALLA COLLETTIVITA’ ITALIANA

IL SALUTO DEL NUOVO AMBASCIATORE

 

«Assumo con grande entusiasmo le mie funzioni di Capo Missione in un Paese tanto vicino all’Italia, e non solo geograficamente.

Mi è particolarmente gradito poter utilizzare il canale del «Corriere di Tunisi» - certamente una delle pubblicazioni più prestigiose nel panorama della stampa italiana all’estero - per rivolgere un caloroso saluto a tutti i connazionali che qui vivono e lavorano.

So di trovare la testimonianza forte di una comunità italiana antica e ben radicata insieme ad una presenza crescente di imprese, professionisti ed operatori che vanno sviluppando un tessuto sempre più fitto di relazioni economiche e culturali.

Desidero assicurare a tutti il mio costante impegno per valorizzare pienamente il contributo prezioso che la vostra azione ha dato e darà al rafforzamento dei rapporti, già eccellenti, fra l’Italia e la Tunisia. Troverete sempre, con me e con i miei collaboratori, porte aperte e piena disponibilità.»

 

Antonio d'Andria

 

il saluto dell' Ambasciatore  arturo olivieri alla collettività italiana

il bilancio di  quattro anni di permanenza in tunisia

Gentile Direttore,

è con qualche emozione che affido alla cortesia del Suo giornale, un sincero  ed affettuoso saluto ai suoi lettori ovvero a gran parte della collettività italiana in Tunisia.

Posso farlo dando una notizia che, ne sono certo, sarà gradita. Mi riferisco al superamento per qualche unità della fatidica soglia dei “tremila” iscritti all’anagrafe consolare, il che crea la premessa per la creazione di un COMITES elettivo. Sono sicuro che il mio successore, Ambasciatore Antonio D’Andria, non mancherà di dare i necessari seguiti nel quadro delle procedure previste dalla legge.

Guardando agli oltre quattro anni trascorsi a Tunisi è naturale farne un bilancio.

In genere si inizia da dati economico/commerciali, anche se – citando Einstein – “non tutto cio’ che si puo’ contare conta e non tutto cio’ che conta puo esser contato”.

Cio’ detto, le cifre sono positive! Abbiamo raggiunto le 700 imprese italiane in Tunisia (erano 556 al mio arrivo), pur in anni che hanno visto la crisi e il conseguente riorientamento del settore tessile, l’ingresso di nuovi Paesi dell’Est Europeo nell’Unione Europea, l’affacciarsi di Cina e India come mete alternative per l’istallazione di imprese italiane. Con oltre 4,7 miliardi di Euro nel 2006, in crescita nel 2007, l’Italia resta il secondo “partner” commerciale della Tunisia, con una quota di mercato come Paese fornitore del 22% e come Paese acquirente del 19,9%. L’Italia si colloca ugualmente al secondo posto per gli investimenti diretti, con circa il 12% del totale degli investimenti esteri cumulati. La presenza dell’I.C.E. presso la Sede dell’Ambasciata ha permesso di ampliare la collaborazione economico-commerciale favorendo i contatti con imprese italiane, loro rappresentanti e cio’ nell’ambito di fiere, workshop ed incontri con esponenti di società tunisine o miste. Numerose sono state le manifestazioni organizzate, in particolare la partecipazione italiana all’I.T.C. for All, nell’ambito della II fase del Vertice Mondiale sulla Società dell’Informazione, e il Grande Forum italo-tunisino del gennaio 2007 (presenti 300 aziende italiane e 400 tunisine). Abbiamo adottato una politica dei visti d’ingresso per i nostri amici tunisini nel pieno rispetto della normativa vigente, ma interpretandola sempre nel modo più aperto possibile. Ne sono evidenza gli oltre 70mila visti rilasciati con un tasso di “rifiuti “ di appena il 15% e, comunque, ben  inferiore alla media degli altri Paesi Shenghen. Altra cifra da ricordare è quella relativa alla presenza di cittadini tunisini in Italia con regolare visto di soggiorno che ormai superano i 64mila! Costanti, con 500mila turisti annui, gli italiani che scelgono la Tunisia quale luogo per le loro vacanze, che hanno rappresentato un ulteriore impegno lavorativo per la Sezione Consolare dell’Ambasciata. Mi riallaccio al lavoro impegnativo della Cancelleria Consolare per non dimenticare la parte riservata alla nostra collettività indigente, la quale grazie anche all’importante lavoro svolto dall’Ufficio Contabile è riuscita in questi anni di mia missione ad avere un aumento del 30% sul finanziamento del capitolo di assistenza ai connazionali (3121) che è passato dai euro 190.000 del 2005 ai euro  250.000 dell’anno in corso. A cio’ vanno aggiunti i finanziamenti corrisposti sia alla SIA (Società Italiana di Assistenza), per un ammontare annuo di euro  41.000 destinati per lo più al pagamento delle spese farmaceutiche dei connazionali indigenti, che al CODIST (Comitato Donne Italiane Sposate con Tunisini), per un ammontare annuo di euro  10.000. A tal riguardo faccio presente che il CODIST, grazie al lavoro di sensibilizzazione di questa Ambasciata presso il MAE, è riuscito ad ottenere nuovamente un  finanziamento dopo ben due anni di sospensione. Vorrei  lasciare anche memoria di un vasto lavoro diplomatico svolto per far meglio conoscere la realtà tunisina agli esponenti governativi del nostro Paese. Il ritmo incessante di visite istituzionali organizzate in Tunisia dà una dimensione dell’impegno realizzato per portare le relazioni bilaterali al grado di eccellenza riconosciutoci dalle Autorità tunisine al massimo livello. Ricordo, tra le tante, le visite dei Presidenti del Consiglio, Berlusconi (dicembre 2003 e novembre 2005) e Prodi (ottobre 2006), del Presidente del Senato Pera (gennaio 2004), del Presidente della Camera Casini (novembre 2005), del Presidente emerito della Repubblica Cossiga (settembre 2005 e gennaio 2006), del Ministro degli Affari Esteri D’Alema (aprile 2007 e ottobre 2007 in occasione della Grande Commissione Mista) e  di ben ulteriori dodici Ministri di Governo e tredici Sottosegretari. La cooperazione fra Italia e Tunisia ha progredito in tutti settori: Cooperazione allo sviluppo: nel periodo 2004-2007 sono stati erogati circa 63 milioni di Euro a dono, in particolare a sostegno della bilancia dei pagamenti ed altrettanti, a credito, a favore del settore privato, per un totale di circa 126 milioni di Euro. Militare: nel  periodo in questione la cooperazione militare è stata intensa e proficua ed ha visto la realizzazione di numerose attività (firma di intese, scambi, formazione, addestramento, visita di unità navali) e visite al massimo livello: oltre a quelle dei Ministri della Difesa Martino e Parisi, tra le tante, quelle del Capo di Stato Maggiore della Difesa, del Segretario Generale della Difesa, e dei Capi di Stato Maggiore di Esercito, Marina ed Aeronautica. Culturale: con l’inaugurazione nell’ottobre 2006 da parte del Presidente del Consiglio, Romano Prodi, della nuova Sede dell’Istituto Italiano di Cultura (IIC) e la cifra veramente rilevante di 22mila tunisini che studiano la lingua italiana,  un congruo numero di manifestazioni culturali di alto livello hanno segnato il periodo della mia missione in Tunisia. Ricordo su tutte, la realizzazione, nella suggestiva cornice dell’anfiteatro romano di El Jem, di un’evento di eccezionale importanza quale la rappresentazione del “Mefistofele” di Arrigo Boito con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta dal maestro Riccardo Muti, manifestazione che ha richiamato grandi personalità del mondo politico e culturale e migliaia di spettatori provenienti da tutti gli angoli della Tunisia. Sin qui, come dicevo, “quel che puo’ esser contato”... Quello che più conta è tuttavia il clima di intesa, di reciproca comprensione e collaborazione instaurato con le Autorità tunisine a tutti i livelli: questo è il dato più rilevante che va preservato! Se mi è consentito “ una mia eredità”....dopo l’eccellente missione del mio predecessore, Ambasciatore Armando Sanguini, che aveva sgombrato il campo da antichi contenziosi e conflitti  e che aveva portato alla firma del Trattato di Amicizia, Buon vicinato e Cooperazione tra Italia e Tunisia. Grazie a quanto precede, ho potuto lavorare per creare un clima di amicizia e di affetto fra Italia e Tunisia, fra italiani e tunisini che posti vicini dalla geografia e dalla storia, vicini potranno proseguire nei tempi a venire, tempi di progresso comune e di successi in special modo per gli “italiani di Tunisia”, residenti o “pendolari” che affettuosamente e rispettosamente saluto.

 

Arturo Olivieri

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml