Il Corriere di Tunisi 
50 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Economia
 657 - TUNISIA: UN’ECONOMIA SEMPRE PIU’ APERTA

 

TUNISIA: UN’ECONOMIA SEMPRE PIU’ APERTA, CON MOLTE OPPORTUNITA’ PER LE IMPRESE ITALIANE

L’attesa del primo gennaio 2008 per l’entrata in vigore della zona di libero scambio (dovrebbero essere azzerati i dazi doganali sui prodotti industriali provenienti dai Paesi che fanno parte dell’Unione Europea) ha fortemente caratterizzato l’economia tunisina negli ultimi tempi.

Lo stesso si può dire anche della conseguente annunciata armonizzazione del sistema fiscale delle aziende totalmente esportatrici ( che prevedeva il passaggio da un regime di esenzione totale ad uno di tassazione del 10%) con quello delle aziende locali (la cui tassazione è stata ridotta dalla passata legge finanziaria).

La notizia che soltanto le aziende straniere che si sarebbero costituite in Tunisia entro il 31 dicembre 2007, avrebbero potuto usufruire dei massimi benefici fiscali per i prossimi dieci anni infatti, ha scatenato una vera e propria corsa verso la Tunisia, da parte di aziende di numerosi Paesi stranieri, tra cui senz’altro anche l’Italia, da sempre partner privilegiato dopo la Francia. L’ultima finanziaria approvata il 3 dicembre scorso ha però poi prorogato questo termine al 31 dicembre 2010, dando ulteriore spazio al flusso di imprese dall’estero.

I risultati di tutto questo sono stati una crescita del 47% degli investimenti esteri nei primi otto mesi del 2007 (fonte:  Dun & Bradstreet) soprattutto in termini di investimenti diretti (solo il 7% sono stati investimenti di portafoglio) e in primo luogo nei settori: elettrodomestici, assemblaggio di automobili, tessili e alimentari/agricoli.

Questa tendenza del Paese ad accogliere le imprese estere fa prevedere che l’economia nazionale dipenderà sempre più dai servizi nei prossimi anni.

Il grande fermento economico in atto nel Paese è stato colto appieno dall’Ufficio I.C.E., che in tutto il 2007 ha svolto un’attività frenetica e ricca di risultati concreti. Nel corso della trentina di attività promozionali organizzate dall’Ufficio infatti, sono state più di 500 le aziende italiane venute in Tunisia, grazie alla realizzazione del nostro Programma Promozionale (gran parte delle quali si accostava a questo Paese per la prima volta) e di queste molte hanno poi avuto risultati concreti immediati, sia in termini di interscambio che soprattutto in collaborazioni industriali e investimenti diretti. Un numero pari invece a più di 1500 è rappresentato dalle aziende italiane e tunisine assistite dall’ICE nel loro processo spontaneo di avvicinamento.

Ma il 2008 si presenta come un anno altrettanto proficuo e denso di impegni, sia per noi dell’ICE che e soprattutto per le nostre aziende, che speriamo di accompagnare nelle grandi opportunità che si vanno a delineare, grazie ai cospicui flussi di denaro provenienti dai Paesi del Golfo e a tutta una serie di progetti di infrastrutture previsti dal Governo tunisino nell’XI Piano di Sviluppo economico, dei quali si da ampia notizia in un documento di sintesi in italiano, che è possibile visionare sul sito web dell’ICE di Tunisi (a cui è possibile accedere a partire da http://www.ice.gov.it/ ).

 

Marina Scognamiglio

Direttrice ICE Tunisi

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Intervista 
 :: 811 - La doppia strada dello sviluppo 
 :: 805 - Comprare una casa al costo di un caffé? Ora si può, grazie all’Amenity Migration.  
 :: 802 - FRODI FINANZIARIE ONLINE 
 :: 788 - Prostituzione in Tunisia. 
 :: 785 - I Consigli dell’avvocato 
 :: 781 - I Consigli dell’Avvocato 
 :: 780 - UE E TUNISIA SIGLANO UN NUOVO ACCORDO 
 :: 779 - Il Marocco è un Paese investment friendly? 
 :: 775 - LINEE GUIDA PER L’ACQUISTO IMMOBILIARE IN ITALIA DA PARTE DI UNO STRANIERO 
 :: 774 - TRASFERIMENTO DI PENSIONI ex INPDAP IN TUNISIA, CHIARIMENTI E LINEE GUIDA. 
 :: 762 - CTICI 
 :: 749 - GARANTIRE L’OPERATIVITA’ DELL’ICE PER TUTTO IL 2011 
 :: 681 - INTERVISTA A NANDO LOMBARDI 
 :: 678 - INTERVISTA A ISNARDO CARTA 
 :: 675 - VENTICINQUESIMO ANNIVERSARIO DI TRANSMED 
 :: 673 - OASI DI CHENINI, GABÈS 
 :: 673 - LA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE E LA TUNISIA 
 :: 672 - FIRMATO UN PROTOCOLLO DI ACCORDO 
 :: 670 - LA SCONFITTA DELLA GLOBALIZZAZIONE 
 :: 657 - TUNISIA: UN’ECONOMIA SEMPRE PIU’ APERTA  
 :: 649 - INCONTRO CON IL MINISTRO BERSANI 
 :: 646 - Alla Mostra-Mercato SCRIGNO TESORI-D’ITALIA 
 :: 640 - Forum Italia-Tunisia all’Hotel Sheraton Tunisi, 21-23 gennaio 2007 
 :: 639 - La Regione Marche e la Tunisia insieme per un partenariato solido e fruttuoso 
 :: 636 - CTICI 
 :: 632 - L’integrazione economica e produttiva tra Italia e Mediterraneo 
 :: 631 - Le attività dell’UPI in Tunisia nel settore agroalimentare 
 :: 630 - Salone del Tessile e dell’Abbigliamento TEXMED 2006 - Tunisi, 14-16 giugno 2006 
 :: 625 - Firmato un accordo di cooperazione tra Banca Nuova e BIAT per il sostegno degli immigrati tunisini in Sicilia 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml