Il Corriere di Tunisi 
59 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Dossier
 652 - IL PIANETA É MALATO

 

Se fino a poco tempo fa parlare di cambiamenti climatici dava adito a polemiche e critiche infinite tra sostenitori della teoria e chi la definiva pura fantascianze, oramai , dopo i catastrofici eventi degli ultimi anni in varie parti del mondo ed i dati osservabili e certi che ci forniscono gli esperti , parlare di surriscaldamento globale e cambiamenti climatici è divenuto quasi banale. Forse talmente banale da non comprendere più la reale gravità di quanto viene detto.

Scenari come quelli di film “ da fine del mondo”  non sono più cosi tanto lontani come pensavamo. E non possiamo più permetterci di delegare alle future generazioni le preoccupazioni sulla lenta agonia del nostro pianeta.

La terra sta morendo, ora e qui, e il ritmo accelerato che i cambiamenti hanno preso hanno costretto gli scienziati a rivedere le stime dei futuri scenari non più in termini di secoli ma di decenni. Se non si fa qualcosa già i nostri nipoti pagheranno le follie della nostra generazione.

Durante la Conferenza sul clima tenutasi a Roma il 12 e 13 settembre é emerso un dato allarmante: ad ogni aumento di un grado della temperatura globale la mortalità in Europa aumenterebbe del 3%. Sembrano numeri piccoli eppure sono gli indici di una catastrofe.

La desertificazione avanza in tutto il Mediterraneo, l’Italia a livello mondiale é il paese che ha subito l’aumento di temperature più sostanzioso, i ghiacciai perenni persino dell’Antardide iniziano a mostrare segni di cedimento, per non parlare del polo nord i cui ghiacciai si sciolgono a ritmi impressionanti; cataclismi si abbattono ovunque nel mondo: inondazioni , tornadi. In Cina città come Pechino sono perennemente avvolte da una coltre di smog tanto da aver costretto a soluzioni di emergenza per le Olimpiadi che vi si terranno. Nei mari temperaticompaiono pesci tropicali, la mancanza d’acqua diventerà presto fonte di nuove guerre , produrra un incremento di malattie infettive che nel nostro “villaggio globale” impiegheranno meno di un batter di ciglio a raggiungere i quattro angoli del pianeta.La mancanza di cibo diventerà cronica per milioni di abitanti causando anche questo nuove guerre. Cosa stiamo aspettando? Manifestazioni si susseguono in tutto il mondo, film e scienziati ce lo stanno raccontando da anni, eppure ancora si fatica ad attuare il Protocollo di Kyoto, ancora non si danno adeguati sostegni allo sviluppo di fonti di energia alternative, ancora non si sviluppano politiche di tutela dell’ambiente davvero efficaci.E noi dal nostro canto, nel nostro piccolo? Continuiamo a comprare l’ultimo modello di SUV super inquinante, sprechiamo tranquillamente acqua ed energia, non ricicliamo sperando che qualcun altro ci pensi per noi, non diamo il nostro sostegno alla politica impegnata in questo senso, coltiviamo come sempre il nostro piccolo orticello finche anche quello un giorno si sarà trasformato in un pezzettino di deserto, ma allora, per tutti, sarà troppo tardi.

Manuelita Scigliano

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 813 - I matrimoni misti in Tunisia 
 :: 811 - Dossier - Tunisi: la Scuola Archeologica Italiana di Cartagine 
 :: 808 - Mediterraneo, un paesaggio che cambia.  
 :: 807 - Intervista a Mourad Fradi 
 :: 806 - Dossier referendum [vers. pdf] 
 :: 804 - VELOMANIA a cura di Marysa Impellizzeri [vers. pdf] 
 :: 803 - UNA SOCIETÀ SENZA MARITI: I MOSO 
 :: 796 - Primavera Araba, 5 anni dopo  
 :: 794 - DOSSIER: La strage degli innocenti 
 :: 765 - SPECIALE ELEZIONI 
 :: 764 - LINGUA E LA CULTURA ITALIANA ALL’ESTERO  
 :: 762 - IN RICORDO DI ELIA FINZI - pdf 
 :: 758 - Omaggio a Valenzi 
 :: 754 - UN ANNO DOPO 
 :: 754 - TENDRESSE 
 :: 750 - NELLA NUOVA CONCEZIONE POST-RIVOLUZIONARIA TUNISINA PUÒ ESSERE INSERITA L’IPOTESI DI SALVARE LA CULTURA E LE TRADIZIONI DELLA GENTE BERBERA? 
 :: 750 - SI È VOTATO IL 19 OTTOBRE AL CONSOLATO DI MILANO E IN TUTTA ITALIA 
 :: 750 - ENNAHDA, LA SPONDA ITALIANA 
 :: 750 - PROVE DI DEMOCRAZIA IN TUNISIA 
 :: 715 - LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 715 - R I F L E S S I O N I - DEMOCRAZIA NEL MAGHREB? LA TUNISIA CI PROVA 
 :: 708 - GLI KSOUR TUNISINI VERSO IL RICONOSCIMENTO UNESCO 
 :: 697 - INCENDIO DELLA BIBLIOTECA DELL’INSTITUT DES BELLES LETTRE ARABES (IBLA) 
 :: 682 - CINEMA E MODA ITALIANI A TUNISI 
 :: 678 - AIRE E SANITÀ 
 :: 669 - LA SETTIMANA DEL DIALOGO - Servizio fotografico 
 :: 669 - LA SETTIMANA DEL DIALOGO 
 :: 668 - INTERVISTA A BECHIR KOUNIALI 
 :: 668 - Bechir Kouniali e Marcello La Spina - pittori 
 :: 666 - IL DUBBIO E LA CERTEZZA 
 :: 666 - A DOUZ 
 :: 666 - LA SETTIMANA DEL DIALOGO INTERCULTURALE DEL CORRIERE DI TUNISI 
 :: 662 - ELEZIONI 2008 
 :: 655 - L’ITAL UIL PROGRAMMA L’APERTURA DI UNA PROPRIA SEDE A TUNISI 
 :: 656 - CONVEGNO ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA E COOPERAZIONE ITALIA-TUNISIA 
 :: 657 - LE ASSOCIAZIONI A SCOPO CARITATEVOLE IN TUNISIA  
 :: 657 - BUONI PROPOSITI PER L’ANNO CHE VERRÀ 
 :: 654 - 7 NOVEMBRE 1987 – 2007 
 :: 652 - LA FINE DEL CIBO 
 :: 652 - IL PIANETA É MALATO 
 :: 649 - ESTATE 2007  
 :: 650 - racconto breve 
 :: 650 - VIAGGIO VERSO OVEST 
 :: 651 - DONNE E DIRITTI 
 :: 645 – Dossier - Bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi (Nizza 1807-Caprera 1882) 
 :: 642 – Dossier - Incontro d’Inverno dei Lions Club Italiani a Sousse : l’Italia e la Tunisia per la protezione dei diritti dell’uomo e la promozione della cittadinanza attiva 
 :: 641 - Dossier - Forum Economico Italia-Tunisia: Puntare sul partenariato forte e un ruolo primario dell’impresa 
 :: 640 - Dossier - BETTINO CRAXI 
 :: 639 - Dossier - L’A.I.A.T INCONTRA CLAUDIA CARDINALE A LATINA, RICORDI ED EMOZIONI 
 :: 638 - Dossier - Quarantesimo anniversario della Scuola Italiana di Tunisi : Omaggio a Giovan Battista Hodierna 
 :: 637 - Dossier - Visita di Prodi in Tunisia (30 ottobre 2006) 
 :: 636 - Dossier - SPECIALE CIBO E FESTE NELLA LINGUA E CULTURA ITALIANA 
 :: 635 - Dossier - LA MEDINA DI TUNISI  
 :: 634 - Dossier - Missione preistorica italo-tunisina ad Hergla : sulla via delle antiche rotte di scambio dell’ossidiana 
 :: 631 - Dossier - Convegno Internazionale sull’ “Avvenire delle Terre Aride” a Tunisi  
 :: 628 - Dossier - LA PICCOLA SICILIA DI TUNISI 
 :: 628 - Prima riunione dei ministri del turismo dei Paesi 5+5 ad Hammamet : Per una strategia comune per la promozione del settore 
 :: 626 - ELEZIONI ITALIANE ALL’ESTERO 
 :: 624 - TUNISIA: 50 ANNI D'INDIPENDENZA (1956-2006) 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml