Il Corriere di Tunisi 
28 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  In Tunisia
 644 - Visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio

 

Nei giorni 7 e 8 marzo scorsi si è svolta la visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio. Il programma si é articolato su due incontri istituzionali e la visita a due siti di particolare interesse dal punto di vista ambientale, proposti dalle Autorità tunisine.

Il Ministro è stato ricevuto dal Primo Ministro Mohamed Ghannouchi e dal Ministro dell’Ambiente Nadhir Hamada che lo ha accompagnato in una visita al “Tempio delle Acque” di Zaghouane - una costruzione romana realizzata presso la fonte dalla quale partiva l’acquedotto che alimentava la Nuova Cartagine - e ad un sito di agricoltura biologica nei pressi della stessa località.

Al ricevimento offerto dal Ministro dell’Ambiente nella serata del 7 marzo sono stati inoltre presenti il Segretario di Stato agli Affari Esteri, Hatem Ben Salem, e il Segretario di Stato per lo Sviluppo e la Cooperazione Internazionale, Khalil Laâjimi, (cariche equivalenti a quelle dei nostri vice ministri nei rispettivi settori).

Nelle discussioni con il Ministro dell’Ambiente Hamada e nell’incontro con il Primo Ministro Gannouchi, si è affermata la reciproca soddisfazione per la cooperazione già in corso nel settore ambientale e l’auspicio di poter proseguire anche in altri settori.

La Parte tunisina si é avvalsa dell’occasione per presentare la propria politica in materia ambientale e per sottolineare il contributo della Cooperazione Italiana allo Sviluppo per la sua concretizzazione, citando con particolare evidenza le seguenti iniziative già in corso: progetti di discariche controllate (Tozeur, Zaghouan e Madhia), interventi di riforestazione (Tataouine) e progetti di depurazione delle acque reflue urbane (Korbous e M’Rissa).

Il Ministro Pecoraro Scanio ha sottolineato la priorità data dal Governo Italiano alla cooperazione con l’Africa e con i Paesi del bacino del Mediterraneo in materia ambientale, in particolare, per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per la protezione delle acque del Mediterraneo.

Sul piano operativo, nel corso degli incontri sono stati esaminati, in particolare, i temi di seguito riportati :

  • Energie rinnovabili
  • Protezione del Mediterraneo: il Min. Pecoraro Scanio ha messo in evidenza che in questo mare, che rappresenta solo una piccola percentuale della superficie globale dei mari e degli oceani, transita il 70% del traffico navale mondiale. In tale contesto sono stati evocati i seguenti temi:

- l’ipotesi di costituzione di un santuario dei cetacei nel canale di Sicilia, in collaborazione tra Italia, Tunisia e Malta;

- la necessità di dotarsi dei mezzi indispensabili per far fronte alle emergenze ambientali che potrebbero crearsi a causa dell’intenso traffico mercantile e, in particolare, di navi per il trasporto di idrocarburi;

- il monitoraggio e la prevenzione della erosione delle coste.

  • Recupero e tutela del territorio
  • Agricoltura biologica. Prospettive di collaborazione

Da parte tunisina sono state presentate nuove idee di progetto aperte alla cooperazione internazionale.

A titolo di commento si osserva che le tematiche ambientali legano strettamente Italia e Tunisia per evidenti motivi di contiguità geografica, quali, tra gli altri, la condivisione delle acque del canale di Sicilia e l’esperienza della Tunisia nella lotta alla desertificazione.

L’aspettativa di collaborazione internazionale nel settore, da parte tunisina, e il valore strategico della scelta di fornire assistenza in tale settore, si spiegano pienamente, infine, alla luce dei seguenti dati: la Tunisia impegna 1' 1,6% del PIL per l’ambiente e dipende dal turismo per il 16% dello stesso. La decisione di offrire collaborazione in tale settore si rivelerebbe, dunque, una scelta di valore strategico tale da consolidare ulteriormente le già eccellenti relazioni tra i due Paesi.

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - INTERVISTA A BEN SEDRINE 
 :: 812 - LA CHIESA CATTOLICA IN TUNISIA 
 :: 810 - “Democrazia di prossimità” e “libera amministrazione” 
 :: 809 - TRE ANNI DI COSTITUZIONE TUNISINA  
 :: 805 - LE ISTANZE COSTITUZIONALI INDIPENDENTI TUNISINE NEL RUOLO DI "RAFFORZAMENTO" DELLA DEMOCRAZIA. 
 :: 803 - NUOVO GOVERNO IN TUNISIA 
 :: 801 - 10° CONGRESSO DEL PARTITO ENNAHDHA  
 :: 797 - TUNISIA 3.0: LA DEMOCRAZIA ABBATTE ALCUNI TABÙ STORICI DEL PAESE 
 :: 791 - GLI INTELLETTUALI CONTRO IL TERRORISMO 
 :: 788 - TUNISI – FORUM SOCIAL MONDIAL - 2015 [vers. pdf] 
 :: 787 - ATTENTATO IN TUNISIA 
 :: 785 - INTERVISTA A LUCE LACQUANITI 
 :: 784 - BEJI CAID ESSEBSI  
 :: 783 - La situazione politica post-elettorale in Tunisia 
 :: 782 - ELEZIONI IN TUNISIA 
 :: 778 - MADITERRANEO: SGUARDI INCROCIATI 
 :: 774 - TUNISIA, TRE ANNI DI RIVOLTE FANNO PRIMAVERA 
 :: 773 - MEHDI JOMAA NUOVO PRIMO MINISTRO 
 :: 772 - IL MANCATO ACCORDO SUL NOME DEL FUTURO PREMIER RITARDA IL DIALOGO NAZIONALE 
 :: 771 - Alla ricerca della concordia ordinum 
 :: 770 - LA TUNISIA IN LUTTO 
 :: 769 - INTERVISTA AD ALI BOUSSELMI, MEMBRO DI “ARTICLE 13” 
 :: 768 - 1 maggio e Tunisia 
 :: 767 - INTERVISTA AL DR MOHAMED LASSOUED 
 :: 766 - Tunisi, quello che le donne sanno 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 764 - CE QUE DEGAGE VEUT ENCORE DIRE EN TUNISIE 
 :: 763 - LA TUNISIA DEL 23 OTTOBRE 
 :: 761 - Reportage dalla Tunisi post-rivoluzionaria 
 :: 757 - DALLA VIOLENZA AL SILENZIO 
 :: 755 - LA TUNISIA MEMBRO DELL’OSCE 
 :: 754 - INTERVISTA A LEENA BEN MHENNI 
 :: 753 - 17 DICEMBRE 2011 
 :: 752 - Bardo 1 
 :: 751 - Opinioni 
 :: 748 - DICHIARAZIONE DEL PROCESSO TRANSITORIO 
 :: 744-747 - PENSIERI POST INSURREZIONALI DI UN ITALIANO CHE VIVE NEL SUD DELLA TUNISIA 
 :: 719 - ELEZIONI E RIVOLUZIONE 
 :: 717 - INTERVISTA A TAREK CHAABOUNI 
 :: 715 - IL GOVERNO PROVVISORIO 
 :: 710 - COOPERAZIONE 
 :: 709 - UN RAMADAN IN MEDINA 
 :: 708 - FESTA DELLA REPUBBLICA 
 :: 703 - SOSTEGNO ALL’INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 
 :: 699 - La cooperazione italiana  
 :: 697 - L’IMPEGNO DELLA COOPERAZIONE ITALIANA  
 :: 693 - IL GIURAMENTO DEL PRESIDENTE ZINE EL ABIDINE BEN ALI 
 :: 691 - TUNISIA: ELEZIONI PRESIDENZIALI 2009 
 :: 689 - LA POLITICA DEL PRESIDENTE BEN ALI 
 :: 688 - FESTA DELLA REPUBBLICA TUNISINA 
 :: 687 - I 100 anni del teatro tunisino 
 :: 685 - IL RUOLO DELLA FAMIGLIA TUNISINA TRA COSTANTI E VARIABILI 
 :: 680 - L’IMPEGNO DEL LIONS CLUB TUNIS DOYEN 
 :: 674 - XX SIMPOSIO INTERNAZIONALE « LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN UN MONDO IN CAMBIAMENTO » 
 :: 671 - VISITA DEL MINISTRO SCAJOLA A TUNISI 
 :: 667 - CONSULTAZIONE NAZIONALE SULL’IMPIEGO 
 :: 665 - VOLONTARIATO 
 :: 664 - TEXMED 2008 
 :: 663 - Discorso del Presidente Ben Ali in occasione della Festa dell’Indipendenza e della festa della Gioventù 
 :: 655 - CONFERENZA INTERNAZIONALE SUL TERRORISMO 
 :: 656 - VISITA DEL DIRETTORE GENERALE DELL’OIM  
 :: 658 - TUNISIA – UNIONE EUROPEA 
 :: 654 - CORSO DI FORMAZIONE SULLO SVILUPPO PER LE DONNE DEL MEDITERRANEO  
 :: 653 - PIOGGE TORRENZIALI A TUNISI, DIVERSI MORTI E DISPERSI 
 :: 649 - VISITA DEL PRESIDENTE FRANCESE SARKOZY IN TUNISIA 
 :: 650 - I FESTEGGIAMENTI DEL 50° ANNIVERSARIO DELLA REPUBBLICA 
 :: 651 - RIENTRO SCOLASTICO E RAMADAN 
 :: 648 - TUNISI CAPITALE MONDIALE DELLA DONNA INGEGNERE 
 :: 647 - Un grande avvenimento lionistico  
 :: 646 - Visita del Ministro della Difesa, Arturo Parisi in Tunisia 
 :: 645 - Visita del Ministro D’Alema in Tunisia  
 :: 644 - Visita in Tunisia del Ministro dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, On. Alfonso Pecoraro Scanio 
 :: 643 - Riunione di esperti dell’ONUDI e dell’Unione Africana per una strategia regionale della normalizzazione 
 :: 641 - Inaugurata la via intitolata a Bettino Craxi ad Hammamet 
 :: 635 - CELEBRAZIONE DELLA VI ª SETTIMANA DELLA LINGUA NEL MONDO IN TUNISIA 
 :: 633 - Incontro Ben Ali - Craxi. Prossima visita di Romano Prodi in Tunisia 
 :: 627 - Giornate tuniso-italiane d’Informazione e di Partenariato sull’olio di oliva a Gammarth 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml