Il Corriere di Tunisi 
14 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Dossier
 639 - Dossier - L’A.I.A.T INCONTRA CLAUDIA CARDINALE A LATINA, RICORDI ED EMOZIONI

 

Il palazzo della cultura di Latina il giorno 6 dicembre, nel pomeriggio ha ospitato i membri dell’associazione italiana amici della Tunisia per un grande evento. L’A.I.A.T  ha approfittato della presenza della bellissima Claudia Cardinale che ha esordito al teatro d’Annunzio con ‘Lo zoo di vetro’ di Tennesse Williams, per organizzare  un incontro e  rimembrare i ricordi di una vita in Tunisia trascorsa nel migliore dei modi, in un dibattito. Ancora un occasione per l’A.I.A.T. per condividere gioie ed emozioni vissute in una terra che ha lasciato l’impronta di un grande mal d’Africa.

Il presidente dell’associazione Marcello Brignone ha ringraziato vivamente la ‘Claudia nazionale ‘ come è stata chiamata affettuosamente  dai membri dell’A.I.A.T per la sua presenza: “L’idea di questo incontro è nata in maniera molto semplice, grazie a una segnalazione da parte del professor Benito Proietto siamo venuti a conoscenza che Claudia Cardinale sarebbe venuta  a Latina…. Dopo due settimane  di silenzio abbiamo ricevuto notizie dalla sua segretaria, e ora siamo qui, e questo ci inorgoglisce e ci rende  fieri…” . Puntualissima all’appuntamento, Claudia ha accolto cordialmente i suoi conterranei che prima dell’inizio dell’incontro hanno approfittato per porle  un saluto e scambiare qualche parola. In seguito all’introduzione del presidente, sono stati presentatati  a Claudia  i membri del direttivo dell’associazione: il Professor Benito Proietto, Pucci Giuseppe, Brignone Giuseppe segretario dell’associazione, professor Hector Valenza, e Giovanna Castiglione. Presenti all’evento anche il sindaco di Latina  Zaccheo e l’assessore Maurizio Guercio. Il sindaco confessa di essere molto onorato di sedere accanto ad una delle migliori attrici della storia del cinema. Zaccheo dice di essere rimasto colpito dall’amore con cui Claudia e i soci dell’associazione hanno partecipato alla conversazione, ha notato un sentimento ancora vivo, che nonostante il passare degli anni non si è mai spento:  "Il vostro mal d’Africa corrisponde al mio mal di Latina", afferma sorridendo.

 “ Da ragazzo ricordo che ero rimasto molto colpito da Claudia Cardinale, inizialmente per la sua grande bellezza, ma in seguito ho  riconosciuto in lei anche  un gran talento”. Il professore Benito Proietto invece  interviene dicendo : “ Claudia  è il simbolo del nostro coraggio, rappresenta lo spirito multiculturale che ci appartiene da sempre: eravamo pronti ad essere europei ma la carica interiore che ci animava si è scontrata con la realtà “. Continua  il suo intervento con una domanda: “ La storia del cinema italiano, sarebbe stata la stessa senza un ‘attrice come la Cardinale?” . Sicuramente è una grande icona del nostro cinema, come lei si definisce un’attrice  multinazionale, che ha lavorato non solo in Italia con i più grandi attori come Totò, Gassman, Mastroianni, ma anche in più parti del mondo, dalla Russia alla Francia all’America del sud all’Australia e alla stessa Tunisia. E pensare che tutto iniziò per caso, poiché Claudia ebbe la sua notorietà attraverso un concorso di bellezza* al quale non sapeva di partecipare poiché venne improvvisamente fatta salire sul palco, e così fu giudicata la più bella Italiana di Tunisia. Il premio del concorso era un provino in Italia, per l’Unitalia film che  diede una grande svolta al destino dell’attrice, che iniziò una carriera ricca di eventi e ricevette già da subito grazie alle sue straordinarie qualità, tanta ammirazione dal suo pubblico. E’ stata certo una gran fortuna per la Cardinale giungere  in Italia per la prima volta e  a Venezia incontrare Alain Delon, come ci ha raccontato durante l’incontro, e di certo non è stato da meno aver girato film con uno dei più celebri registi italiani Luchino Visconti. In omaggio a Claudia sono state consegnate dal sindaco una targa come ricordo dell’evento e da parte dei soci dell’ A.I.A.T. un libro che racchiude i pensieri e i racconti degli italiani nati in Tunisia  “Memorie italiane di Tunisia” con incisa una particolare dedica : “A Claudia Cardinale, insostituibile ambasciatrice delle nostre radici, della nostra cultura, e delle nostre memorie. I suoi conterranei, a te sempre vicini come allora in Tunisia”.

---

* n.d.r. : ricordiamo ai nostri lettori che questo concorso di bellezza fù organizzato dal "Corriere di Tunisi" nell'ambito della grande "Kermesse italiana"

 

 

Intervista a Claudia Cardinale

 

Con un grande sorriso Claudia dice: “La Tunisie est dans mon coeur”.

Claudia, come sai il botteghino ha registrato il tutto esaurito in occasione del tuo spettacolo, la popolazione latinense  è accorsa numerosa allo zoo di vetro, è stata accolta calorosamente?

Sì,  sì assolutamente, era pienissimo soprattutto di giovani,  e la gente molto calorosa.

A volte sente la nostalgia della sua terra natia? Ha trascorso molti anni in Tunisia?

Sì, noi eravamo li  da  parecchie generazioni, è la terra dei miei nonni dei miei genitori, ho passato lì i miei anni scolastici, la mia lingua  è il francese.

Ha poi mantenuto dei rapporti con la Tunisia?

Ci vado spessissimo, sono stata ultimamente, al festival di Djerba,  del cinema della televisione, poi sono stata invitata dal Presidente della Repubblica a Tunisi e a Cartagine,  sono andata molto spesso, mi invitano sempre.

Visti i suoi continui ritorni nella  terra natia, può dirci se ha trovato dei cambiamenti positivi o è rimasta delusa dai suoi viaggi?

Ma io devo dire quello che amo moltissimo è Sidi Bou Said che mi piace da morire, e credo siano d’accordo un po’ tutti, stupenda…poi Cartagine moltissimo…poi il posto dove sono nata, Tunisi.

Se potesse tornare ad abitare in Tunisia, supponiamo ai tempi in cui era abitata dai francesi  e italiani, c’ è un posto in cui vorrebbe trovarsi?

Ripeto Sidi Bou Said , mi piace molto, ma  devo dire sinceramente : io adoro il deserto. Ci sono andata molto spesso, per me il deserto è la meraviglia . Quando sono sola mi metto a disegnare, sempre la stessa cosa, il deserto con le palme..

Ci sono dei ricordi della sua vita in Tunisia che le sono particolarmente cari?

Ma... io ero un po’ maschiaccio nel senso che facevo delle cose tremende... siccome volevo provare che le donne erano più forti degli uomini facevo delle cose che non avrei dovuto fare, ad esempio prendevo il treno quando era già partito… facevo delle cose pazzesche e mio papà veniva a sapere tutto…

Poi da ragazza facevo molto sport, atletica, volley, la nostra squadra era campione della Tunisia.

Le sue origini hanno condizionato molto la sua formazione culturale?

Beh sì, io sono multiculturale...come tutti noi.

Lei è attratta in modo particolare dalla cultura tunisina?

Si tantissimo.

Da quali aspetti in particolare?

Le mie radici sono assolutamente tunisine, io sono siciliana di origine il mio papa si chiama Cardinale, mamma Greco è di origine greca  e comunque sono erede di cultura francese  e italiana,  io mi sento multiculturale.

Adora anche la cucina del suo Paese di origine?

Oh sì , mangio il cous cous spessissimo, mia figlia lo sa cucinare divinamente, mi piacciono anche molto le slebie, quei dolci fatti di miele di forma rotonda, e anche le brick, una sorta di crepes  dalla pasta molto sottile  ripiene con tonno e uova.

Quindi lei ha lasciato il cuore in Tunisia?

Sì infatti. Noto la riconoscenza del mio paese natale in alcune situazioni, per esempio io vivo  a Parigi da molti anni  e quasi tutti i tassisti sono tunisini, algerini, marocchini. Quando salgo è una tragedia perché non mi vogliono far pagare perché dicono sono figlia della loro terra.

 

Giulia

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 813 - I matrimoni misti in Tunisia 
 :: 811 - Dossier - Tunisi: la Scuola Archeologica Italiana di Cartagine 
 :: 808 - Mediterraneo, un paesaggio che cambia.  
 :: 807 - Intervista a Mourad Fradi 
 :: 806 - Dossier referendum [vers. pdf] 
 :: 804 - VELOMANIA a cura di Marysa Impellizzeri [vers. pdf] 
 :: 803 - UNA SOCIETÀ SENZA MARITI: I MOSO 
 :: 796 - Primavera Araba, 5 anni dopo  
 :: 794 - DOSSIER: La strage degli innocenti 
 :: 765 - SPECIALE ELEZIONI 
 :: 764 - LINGUA E LA CULTURA ITALIANA ALL’ESTERO  
 :: 762 - IN RICORDO DI ELIA FINZI - pdf 
 :: 758 - Omaggio a Valenzi 
 :: 754 - UN ANNO DOPO 
 :: 754 - TENDRESSE 
 :: 750 - NELLA NUOVA CONCEZIONE POST-RIVOLUZIONARIA TUNISINA PUÒ ESSERE INSERITA L’IPOTESI DI SALVARE LA CULTURA E LE TRADIZIONI DELLA GENTE BERBERA? 
 :: 750 - SI È VOTATO IL 19 OTTOBRE AL CONSOLATO DI MILANO E IN TUTTA ITALIA 
 :: 750 - ENNAHDA, LA SPONDA ITALIANA 
 :: 750 - PROVE DI DEMOCRAZIA IN TUNISIA 
 :: 715 - LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 715 - R I F L E S S I O N I - DEMOCRAZIA NEL MAGHREB? LA TUNISIA CI PROVA 
 :: 708 - GLI KSOUR TUNISINI VERSO IL RICONOSCIMENTO UNESCO 
 :: 697 - INCENDIO DELLA BIBLIOTECA DELL’INSTITUT DES BELLES LETTRE ARABES (IBLA) 
 :: 682 - CINEMA E MODA ITALIANI A TUNISI 
 :: 678 - AIRE E SANITÀ 
 :: 669 - LA SETTIMANA DEL DIALOGO - Servizio fotografico 
 :: 669 - LA SETTIMANA DEL DIALOGO 
 :: 668 - INTERVISTA A BECHIR KOUNIALI 
 :: 668 - Bechir Kouniali e Marcello La Spina - pittori 
 :: 666 - IL DUBBIO E LA CERTEZZA 
 :: 666 - A DOUZ 
 :: 666 - LA SETTIMANA DEL DIALOGO INTERCULTURALE DEL CORRIERE DI TUNISI 
 :: 662 - ELEZIONI 2008 
 :: 655 - L’ITAL UIL PROGRAMMA L’APERTURA DI UNA PROPRIA SEDE A TUNISI 
 :: 656 - CONVEGNO ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA E COOPERAZIONE ITALIA-TUNISIA 
 :: 657 - LE ASSOCIAZIONI A SCOPO CARITATEVOLE IN TUNISIA  
 :: 657 - BUONI PROPOSITI PER L’ANNO CHE VERRÀ 
 :: 654 - 7 NOVEMBRE 1987 – 2007 
 :: 652 - LA FINE DEL CIBO 
 :: 652 - IL PIANETA É MALATO 
 :: 649 - ESTATE 2007  
 :: 650 - racconto breve 
 :: 650 - VIAGGIO VERSO OVEST 
 :: 651 - DONNE E DIRITTI 
 :: 645 – Dossier - Bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi (Nizza 1807-Caprera 1882) 
 :: 642 – Dossier - Incontro d’Inverno dei Lions Club Italiani a Sousse : l’Italia e la Tunisia per la protezione dei diritti dell’uomo e la promozione della cittadinanza attiva 
 :: 641 - Dossier - Forum Economico Italia-Tunisia: Puntare sul partenariato forte e un ruolo primario dell’impresa 
 :: 640 - Dossier - BETTINO CRAXI 
 :: 639 - Dossier - L’A.I.A.T INCONTRA CLAUDIA CARDINALE A LATINA, RICORDI ED EMOZIONI 
 :: 638 - Dossier - Quarantesimo anniversario della Scuola Italiana di Tunisi : Omaggio a Giovan Battista Hodierna 
 :: 637 - Dossier - Visita di Prodi in Tunisia (30 ottobre 2006) 
 :: 636 - Dossier - SPECIALE CIBO E FESTE NELLA LINGUA E CULTURA ITALIANA 
 :: 635 - Dossier - LA MEDINA DI TUNISI  
 :: 634 - Dossier - Missione preistorica italo-tunisina ad Hergla : sulla via delle antiche rotte di scambio dell’ossidiana 
 :: 631 - Dossier - Convegno Internazionale sull’ “Avvenire delle Terre Aride” a Tunisi  
 :: 628 - Dossier - LA PICCOLA SICILIA DI TUNISI 
 :: 628 - Prima riunione dei ministri del turismo dei Paesi 5+5 ad Hammamet : Per una strategia comune per la promozione del settore 
 :: 626 - ELEZIONI ITALIANE ALL’ESTERO 
 :: 624 - TUNISIA: 50 ANNI D'INDIPENDENZA (1956-2006) 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml