Il Corriere di Tunisi 
40 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Economia
 625 - Firmato un accordo di cooperazione tra Banca Nuova e BIAT per il sostegno degli immigrati tunisini in Sicilia

 

Nell’ambito del rafforzamento delle relazioni economiche tra la Sicilia e la Tunisia è stato firmato, il 28 marzo, un accordo di cooperazione tra la Banca Nuova (Italia) e la BIAT (Banque International Arabe de Tunisie) per il sostegno e l’assistenza alla comunità tunisina insediata in Italia, in particolare in Sicilia.

La cerimonia della firma si è svolta presso “Casa Sicilia” in Tunisi (Dar Bach Hamba) alla presenza del presidente di Banca Nuova, Marino Breganze, del direttore generale della BIAT, Chékib Nouira, dell’Assessore regionale per il lavoro, la formazione professionale e le migrazioni della Regione Sicilia, Francesco Scoma,  del Sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri, Giuseppe Drago e dell’Ambasciatore d’Italia in Tunisia, Arturo Olivieri.

L’idea di tale iniziativa è stata lanciata da Banca Nuova il 15 dicembre a Palermo per creare dei servizi finanziari dedicati all’importante comunità tunisina in Sicilia (11.000 immigrati che vivono essenzialmente nelle province di Ragusa, Trapani e Palermo).  E’ stata scelta quindi la BIAT come partner affidabile che, secondo Breganze, offre gli stessi  servizi agli immigrati attuati nel loro Paese  di origine. Nell’accordo è prevista espressamente l’apertura di un conto gemellato aperto automaticamente nelle due banche e gestibile sia dalla Tunisia sia dalla Sicilia. I tunisini residenti in Italia beneficeranno anche di riduzioni sul trasferimento di denaro verso i loro familiari in Tunisia.  Questo interesse rivolto agli immigrati è mosso dall’importanza delle risorse che essi mobilitano verso il loro Paese di origine e che potrebbero essere indirizzate verso l’investimento in caso di condizioni vantaggiose per la realizzazione di microprogetti. Per questo l’intenzione delle due banche, e anche quella della Regione Sicilia come espresso dall’Assessore Scoma, è quella d’indirizzare i tunisini in Italia al risparmio per l’investimento proponendo loro facilitazioni finanziarie, servizi e, anche, crediti per intraprendere un’attività sia in Tunisia che in Sicilia. Per iniziare l’immigrato può già accedere a un mutuo per l’acquisto della prima casa. Si tratta ora di far conoscere questo nuovo accordo presso gli immigrati tunisini tramite uno sforzo delle associazioni locali e  le componenti del servizio terziario in entrambi Paesi.

La tappa successiva, come annunciato da Nouira, è quella di rivolgersi alle imprese italiane in Tunisia, e viceversa, proponendo loro una serie di servizi specifici alle loro esigenze. Infatti esse potranno beneficiare di crediti alle stesse condizioni e garanzie nelle due banche. L’accordo di cooperazione relativo a questo nuovo progetto è in corso di studio ed è prevista la sua firma prossimamente.

 

H. Z.

 

 

Da sinistra a destra: Marino Breganze, Franceso Scoma, Giuseppe Drago e Chékib Nouira.

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Intervista 
 :: 811 - La doppia strada dello sviluppo 
 :: 805 - Comprare una casa al costo di un caffé? Ora si può, grazie all’Amenity Migration.  
 :: 802 - FRODI FINANZIARIE ONLINE 
 :: 788 - Prostituzione in Tunisia. 
 :: 785 - I Consigli dell’avvocato 
 :: 781 - I Consigli dell’Avvocato 
 :: 780 - UE E TUNISIA SIGLANO UN NUOVO ACCORDO 
 :: 779 - Il Marocco è un Paese investment friendly? 
 :: 775 - LINEE GUIDA PER L’ACQUISTO IMMOBILIARE IN ITALIA DA PARTE DI UNO STRANIERO 
 :: 774 - TRASFERIMENTO DI PENSIONI ex INPDAP IN TUNISIA, CHIARIMENTI E LINEE GUIDA. 
 :: 762 - CTICI 
 :: 749 - GARANTIRE L’OPERATIVITA’ DELL’ICE PER TUTTO IL 2011 
 :: 681 - INTERVISTA A NANDO LOMBARDI 
 :: 678 - INTERVISTA A ISNARDO CARTA 
 :: 675 - VENTICINQUESIMO ANNIVERSARIO DI TRANSMED 
 :: 673 - OASI DI CHENINI, GABÈS 
 :: 673 - LA CRISI FINANZIARIA INTERNAZIONALE E LA TUNISIA 
 :: 672 - FIRMATO UN PROTOCOLLO DI ACCORDO 
 :: 670 - LA SCONFITTA DELLA GLOBALIZZAZIONE 
 :: 657 - TUNISIA: UN’ECONOMIA SEMPRE PIU’ APERTA  
 :: 649 - INCONTRO CON IL MINISTRO BERSANI 
 :: 646 - Alla Mostra-Mercato SCRIGNO TESORI-D’ITALIA 
 :: 640 - Forum Italia-Tunisia all’Hotel Sheraton Tunisi, 21-23 gennaio 2007 
 :: 639 - La Regione Marche e la Tunisia insieme per un partenariato solido e fruttuoso 
 :: 636 - CTICI 
 :: 632 - L’integrazione economica e produttiva tra Italia e Mediterraneo 
 :: 631 - Le attività dell’UPI in Tunisia nel settore agroalimentare 
 :: 630 - Salone del Tessile e dell’Abbigliamento TEXMED 2006 - Tunisi, 14-16 giugno 2006 
 :: 625 - Firmato un accordo di cooperazione tra Banca Nuova e BIAT per il sostegno degli immigrati tunisini in Sicilia 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml