Il Corriere di Tunisi 
40 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Cronaca
 619 - Importante avvenimento lionistico ad Hammamet : 33.mo Forum dell’ISAAME

 

Dal 1° al 4 dicembre 2005 si è svolto ad Hammamet il 33.mo Forum dell’ISAAME (e cioé dell’area India, Asia del Sud Est, Africa e Medio Oriente), organizzato per la prima volta dal Distretto 414 Tunisia, che ha visto la presenza di ben 963 delegati, di cui 268 tunisini e 695 provenienti da numerosi Paesi dell’area, nonché numerosi ed illustri rappresentanti del lionismo europeo, nord-americano ed asiatico dell’est.

Gli italiani presenti erano oltre 80, membri di Clubs  veneti, lombardi, romani e siciliani.

La responsabilità assunta dal Comitato Organizzativo cappeggiato da Hakim Benelfoul, past-Presidente del Lions Club Tunis Doyen, past-Governatore del Distretto 414 e Presidente del Forum, validamente assistito da Noureddine Gasmi, Segretario e Tesoriere (affiancati da numerosi Officers del Distretto e da numerosissimi stupendi Leos, tutti appassionati e totalmente impegnati) è stata schiacciante e tutti i gravosi compiti sono stati assolti in maniera egregia (tanto da destare l’ammirazione del Presidente Internazionale Dr Ashok Mehta, del Direttore Internazionale dell’area Dr A.P. Singh, e di tutte le più alte autorità lionistiche presenti) e con un successo totale.

L’apertura solenne, in presenza del Ministro degli Affari Sociali S.E. Ali Chaouch, è avvenuta nel pomeriggio del 1° dicembre nella grande sala della Medina gremita di Autorità, Officers, membri del lionismo tunisino ed internazionale con i loro consorti, e si è svolta in un clima di raccoglimento prima, con l’esecuzione di vari inni nazionali, poi festante quando sono sfilate le bandiere di tutti i Paesi appartenenti all’area lionistica sventolate da 55 bambini del Mornag in abito tradizionale, infine in attento ascolto degli   interventi dei vari oratori , fra i quali lo stesso Ministro.

Da venerdì 2 dicembre hanno avuto inizio le due sessioni plenarie ed i vari incontri e seminari che hanno affrontato un denso programma composto principalmente da otto capitoli, fra i  quali spiccavano a mio avviso tre elementi fondamentali: “le sfide da affrontare dal lionismo”, “il potere delle diversità nel lionismo”, “costruire il futuro del lionismo grazie all’efficenza dei programmi della gioventù”, oltre all’evocazione del ruolo del LCIF – Lions Club International Fund, nell’appoggio finanziario alle opere sociali dei vari Club. E’ stato compito dei moderatori e degli oratori provenienti da vari orizzonti e Distretti  far nascere dagli esposti e dalle discussioni spesso appassionate dei confronti costruttivi e densi di significato.

Domenica 4 dicembre è avvenuta la seduta conclusiva in presenza del Ministro del Turismo S.E. Tijani Haddad (il cui brillante intervento in inglese ed in francese è stato vivamente applaudito). Questa cerimonia   ha consentito al Presidente Internazionale Ashok Mehta ed al Direttore Internazionale A.P. Singh di esprimere una volta ancora i loro ringraziamenti per il lavoro svolto e la loro viva soddisfazione per i risultati ottenuti.

A tutta questa parte di grandissima importanza si sono affiancate delle iniziative atte a creare o consolidare delle relazioni e delle sinergie fra Club dei vari Distretti ed a ricompensare dei Lions (o non Lions) particolarmente meritevoli. E’ così che si sono tenute due cerimonie di gemellaggio ed una di firma di una “carta dell’amicizia”. Le due prime sono state sottoscritte fra i Clubs di ”Amman Philadelphia” e “Carthage Sophonisbe” prima, poi nuovamente fra  ”Amman Philadelphia”  ed il Club di “Alger Doyen”. La cerimonia della firma della “carta dell’amicizia” ha visto l’incontro fra i Clubs di “Catania – Faro Biscari” e di “Sfax Thyna”, sotto il patrocinio del Lions Club di Sciacca, già gemellato con il Club tunisino.

A conclusione della serata di gala di sabato 3 dicembre, il Lions Club Tunis Doyen ha voluto onorare due emeriti past-Presidenti, il Prof. Hassouna Marrakchi e l’Arch. Amina Bellalouna, nonché un non Lion, la Signora Hasna Hamdani, responsabile delle opere sociali del Municipio di Tunisi, in segno di ammirazione per il suo impegno  sempre efficace e devoto  nell’ingrato compito di alleviare le miserie altrui. A nome del Lions Club Tunis Doyen, dunque, il Presidente Internazionale Ashok Mehta ha consegnato loro lo spillo e la targa di “Compagno di Melvin Jones”.

L’indomani, al termine della seduta conclusiva, lo stesso Presidente Internazionale Ashok Mehta insigniva solennemente il Ministro Tijani Haddad, proclamandolo “Lions onorario”, fra gli applausi festanti dei presenti.

 

 

 

Gemellaggio tra i Clubs Sophonisbe e Philadelfia di Amman

- Da sinistra a destra: Rjeb Elloumi, Vice Governatore ; Moncef Kamoun, Governatore ; Intissar Klila, Presidentessa del Sophonisbe ; Suhail El Sweis, Presidente del Club Amman Philadelfia ; Sami Barbari, Governatore del Distretto 351 Libano Giordania ; Ashok Mehta, Presidente Internazionale ; Slim Moussan, PDI ; la Signora Barbari.

        

Daniele Passalacqua

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 623 - Incontro con Carlo Degiacomi, direttore del Museo A come Ambiente di Torino: Le Olimpiadi una opportunità unica per la città ma attenzione agli impatti ambientali  
 :: 622 - Conferenza della “Cattedra Ben Ali per il Dialogo delle Civiltà” : “Sulle Tracce dei Fenici in Sardegna” 
 :: 621 - Visita a Tunisi del Segretario Generale della Dante Alighieri Alessandro Masi 
 :: 619 - Intervista ad Hakim Benelfoul, presidente del comitato organizzativo dell’ISAAME 2005 
 :: 619 - Intervista ad Ashok Mehta, Presidente Internazionale del Lions Club 
 :: 619 - Importante avvenimento lionistico ad Hammamet : 33.mo Forum dell’ISAAME 
 :: 617 - ASSOCIAZIONE ITALIANA AMICI DELLA TUNISIA 
 :: 616 - PRIMARIE IN TUNISIA: VINCE PRODI 
 :: 615 - Lancio ufficiale della rete del “Patto Mondiale” in Tunisia 
 :: 614 - S.E. ARTURO OLIVIERI RICEVE I DELEGATI DELLA COSTITUITA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE DI TUNISIA IL 15 SETTEMBRE 2005 
 :: 613 - Decima Edizione del Premio Giornalistico Val di Sole : "Per Un Giornalismo Trasparente" 
 :: 611 - La Festa del 2 giugno a Tunisi  
 :: 611 - Costituenda consulta associazioni italiane  
 :: 610 - LETTERA AI LETTORI-AMICI 
 :: 609 - FIRMATO UN ACCORDO DI COOPERAZIONE SCIENTIFICA TUNISO-ITALIANA NEL CAMPO DELLA RICERCA  
 :: 608 - 25 APRILE E PRIMO MAGGIO 
 :: 607 - IN RICORDO DI PAPA GIOVANNI PAOLO II 
 :: 605 - A TUNISI IL CONVEGNO INTERNAZIONALE SULLE CITTA’ DEL PATRIMONIO MONDIALE 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml