Il Corriere di Tunisi 
37 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO


 

Le motivazioni che inducono un italiano a trasferirsi all'estero sono molteplici e devono soddisfare aspettative logiche, ma anche realizzare desideri inconsci. Dipende dal proprio "background", dal vissuto personale. Io mi sono innamorata qui, in Tunisia, 23 anni fa e lo ricordo come se fosse ieri. Quel tuffo al cuore, quell'incrocio di sguardi che molti chiamano "le farfalle nello stomaco". Ma le mie più che delle ali avevano degli zoccoli!

Per questo amore diverso e fuori dagli schemi, che mi ha portato lontano da casa mia, dalla mia famiglia, dai miei amici e da tutto quello che avevo vissuto fino ad allora si è scomodato persino un regista come De Aglio, per raccontarla con successo in televisione.

Mi sono immediatamente innamorata di Onci (si pronuncia "Onsi", che in arabo significa "colui che allevia la tua solitudine") ed è stato un vero "coup de foudre", un colpo di fulmine come dicono i francesi. E da questo amore, da questa avventura equestre in Tunisia, che dura tutt'ora, è nata una scuola di equitazione, sita in un parco verdeggiante, nel cuore della zona turistica di Mahdia, che oggi conta ben 33 equini e tanti altri animali. Nel mio team, rientrano infatti anche gatti, conigli, anatre, un falcone ed una scimmia, ma soprattutto due razze in via di estinzione, gli "sloughi" o levrieri berberi ed i "pony di Mogods", piccoli cavallini delle montagne tunisine, immortalati nei mosaici romani, conservati nel Museo del Bardo a Tunisi.

Per la loro taglia ridotta ma proporzionata ed elegante, unita ad un carattere docile e mansueto, questi pony tunisini permettono una pratica dell'equitazione non solo dedicata ai più piccoli ma anche ai portatori di handicap. Perché a Mahdia l'equitazione parla anche ai "diversamente abili" e si trasforma, inserendo gli altri animali presenti nel Centro Ippico, in un progetto integrato di zooterapia, che ha preso il nome di Zoo.Ani.Me.C©, elaborato in collaborazione con il dottor Slim Annabi, neuropsichiatra infantile e per adulti, operativo a Tunisi.

All'età in cui i bambini giocano con le bambole, i trenini ed i lego, io avevo già un pony. Uno shetland, nero come il carbone, scelto personalmente presso un importatore della campagna vercellese. Mio padre mi ci portò quando non avevo ancora tre anni e, con un gesto che mi è rimasto abituale quando vado a comprare i miei cavalli, lo indicai con l'indice puntato e teso, scegliendolo in un branco di una ventina di cavallini, arrivati da questa lontana isola scozzese.

Mio padre, cavaliere e allevatore di cavalli, operò su di me un imprinting indelebile, indirizzando le mie scelte sulle sue personali passioni. Ricordo che sulla sua scrivania, troneggiava un bronzo raffigurante un cavallo arabo, e mostrandomelo, mi raccontava le rocambolesche vicende del poeta, califfo e politico arabo Hārūn al-Rashīd, citato nelle "Mille e una notte". Oppure mi leggeva dei passi dal libro "I cavalli del Sahara", un 'opera ottocentesca, frutto del carteggio tra il generale francese Daumas e l'eroe della resistenza algerina, l'emiro Abd-El-Khader. In sella al mio peloso pony, correvo le campagne piemontesi, tra i vigneti del Roero, ma di notte, nella mia cameretta decorata con stampe e quadri a tema equino, sognavo di galoppare tra le dune del deserto, come Lawrence d'Arabia.

Questo sogno è diventato poi realtà, quando per una vacanza fortuita, sono approdata, novella Didone, sulla costa tunisina, nella piccola città di Mahdia, non sapendo che lì avrei trovato l'amore della mia vita, un amore di cavallo.

Ma la mia quotidianità in Tunisia non è sempre stata un "rose e fiori", anzi: più spine che petali odorosi!

Un fatalismo dilagante ed uno spiccato individualismo, tipico un po' di tutto il mondo arabo, hanno fatto da contrappeso alla gioviale accoglienza tunisina, che in termini pratici oppone poche realtà concrete alle molte promesse, farcite da iniziale ed autentico entusiasmo. Anche se lasituazioni politica è cambiata, ci vorrà del tempo per stemperare la negligenza e diluire la superficialità con cui vengono trattati argomenti importanti, soprattutto quelli lavorativi.

La grande contraddizione sta nel desiderio di "nuovo e diverso", perseverando invece in un immobilismo secolare. Non a caso, la più grande difficoltà da superare nella zooterapia, la mia principale attività, è stata quella di introdurre degli animali come "mediatori terapeutici" in un paese dove, sovente, sono mal visti e mal tollerati, più per motivi di retaggio superstizioso che per fondamentalismo religioso. In Tunisia, la maggior parte dei bambini viene educata, sin da piccoli, ad avere paura degli animali, a diffidarne e a starne ben lontani. Il cane è considerato impuro, il pelo del gatto è pericoloso per la salute, il cavallo calcia e morde e per finire la scimmia è un'animale dannoso per l'agricoltura. Va considerato che l'islam è inoltre contro la teoria dell'evoluzione. Uno studio del 2007 ha evidenziato che solamente l'8% degli egiziani, 11% dei malaysiani, il 14% dei pakistani, il 16% di indonesiani e il 22% dei turchi è d'accordo sul fatto che la teoria di Darwin è certamente o probabilmente vera e uno studio del 2006 ha evidenziato che circa un quarto dei turchi adulti è convinto che gli esseri umani evoluti sono evoluti da precedenti specie animali.

La Tunisia purtroppo non è solo la città di Tunisi, coi suoi 2 milioni di abitanti. La Tunisia è anche il "rif", lo "zlass", il deserto e le montagne. La Tunisia non è fatta solo di ragazzi che vestono alla moda e vanno al caffè insieme. C'è invece una larga fascia di popolazione che vive ancora nelle campagne, isolate. Per molte di queste persone, la rivoluzione del 2011 è passata dall'odore dei gelsomini a quella dei crisantemi. Promesse disattese, ritardi ed un sentirsi spersi, quasi senza un domani. Mi sono sempre occupata di formazione giovanile in ambito equestre, e nel corso di questi 23 anni in Tunisia, ho visto diversi ragazzi e ragazze avvicendarsi in scuderia. È cambiato l'approccio lavorativo, il senso del dovere e quello del rispetto altrui, la voglia di imparare e la progettualità. Sono giovani difficilmente motivabili, a parte la mera remunerazione, che non coltivano l'ambizione di migliorare le proprie conoscenze in percorsi formativi di livello.

L'avvicendarsi delle personalità politiche, ai vertici delle cariche istituzionali locali, ha rallentato inoltre la maggior parte dei miei progetti sportivi, turistici e sociali: per negligenza o ignavia, per pigrizia e superficialità. Ad esempio, le diverse trasmissioni televisive che ho organizzato e gli articoli sulle principali testate giornalistiche italiane, sono state per anni una vetrina privilegiata per un turismo diverso, fuori dallo schema classico "sole&mare", che oggi non premia più. Raramente però ho trovato degli interlocutori istituzionali che mi aiutassero concretamente. La Tunisia resta di fatto ancorata ad una monotona e ripetitiva quotidianità.

Inoltre la gente di Mahdia, l'antica capitale Fatimida dove risiedo, ha caratteristiche più "isolane". Pur essendo sulla terraferma, la popolazione locale resta chiusa in un mondo a parte, dove gli altri (gli stessi tunisini) sono gli stranieri. Integrarsi in una società dalle tradizioni cosi' radicate è stata un'impresa ardua, ma oggi il mio impegno sociale è di dominio pubblico, grazie anche alla stampa locale che ha decretato: «Gabriella Incisa di Camerana est certainement la plus tunisienne des femmes italiennes [...] italienne de nationalité, tunisienne de cœur ».

Un plauso sincero va invece alle donne tunisine, vera forza portante del Paese: impegnate, studiose, volenterose e attiviste in questa difficile transizione democratica. Non a caso nella nostra associazione siamo quasi tutte di sesso femminile.

Il Centro Ippico Mahdia è oggi una realtà innegabile, una eccellenza nel settore del benessere psico-fisico. Il metodo Zoo.Ani.Me.C© , evolutosi  nel corso degli anni e grazie alle esperienze acquisite,  racchiude in sé i diversi elementi caratteristici della comune Pet Therapy, pur rimanendo un caso raro non solo in Tunisia ma anche nel panorama internazionale.

In pratica, vengono sviluppate delle attività di psicomotricità assistite dagli animali, per stimolare ed accelerare i processi di apprendimento e di crescita del bambino in una mediazione triangolare che si instaura tra animale, zooterapeuta e paziente.

La zooterapia è un intervento ausiliario, e non sostitutivo delle terapie convenzionali, dove l'animale gioca un ruolo di intermediario e di catalizzatore tra lo zooterapeuta ed il paziente. Una stimolazione ludica attraverso la quale esplora, scopre, ripete, apprende, comprende e quindi "cresce", sotto il registro del "piacere", stimolo che favorisce l'apprendimento, in un percorso di benessere e migliorando la qualità della vita.

E poi, non bisogna pensare che la zooterapia sia solo una risorsa per gravi patologie, bensì dobbiamo cominciare a pensare che sia la vera cura alla "Sindrome per mancanza di natura".

La Pet Therapy infatti, risveglia  quei bambini disconnessi dalla natura, che possono manifestare uno o più dei seguenti sintomi: obesità, diabete, dipendenza da dolci, malattie cardiovascolari, asma, allergie, intolleranze, deficit e disturbi dell'attenzione, difficoltà di concentrazione, disturbi comportamentali, iperattività, aggressività, tendenza all'isolamento, eccesso di vita sedentaria, dipendenza da videogiochi e televisione, alterata percezione della realtà (cioè la capacità di percepire un pericolo, per conoscere le sue capacità fisiche, per identificare i   sentimenti e quelle degli altri, un comportamento responsabile), miopia  e carenza di vitamina D.

Inoltre, quest'anno, il Centro Ippico Mahdia ha lanciato la campagna "BLUE HORSES - Les chevaux en bleu" che è un contenitore poliedrico di eventi, manifestazioni, interventi, attività, corsi, seminari, etc. Di fatto è un insieme di momenti speciali per informare ed educare il pubblico circa l'autismo, la diffusione della zooterapia e l'integrazione sociale delle diverse disabilità, nonché progettuale per partenariati e cooperazioni, con onlus e associazioni internazionali, che perseguono i medesimi obbiettivi. Un'opportunità per eliminare quei pregiudizi che, per le persone colpite, rappresentano il principale ostacolo per l'integrazione nella comunità, offrendo in cambio un inserimento totale, compresa la famiglia.

Se da un lato l'impegno quotidiano è principalmente assorbito dalla cura degli animali, oggi tutti i nostri sforzi sono orientati verso quei progetti finalizzati per dare una concreta opportunità di crescita e di benessere a tutti i bambini, iscritti nelle varie associazioni della regione costiera del Sahel, che già collaborano con il Centro Ippico Mahdia. Di fatto, il progetto "AIUTATECI A RENDERLI FELICI..." è una raccolta fondi che consentirà a questi bambini autistici di accedere gratuitamente alle sedute di zooterapia. Perché la miglior ricompensa, in questo tipo di lavoro, è vedere il sorriso di un bambino.

 

Gabriella Incisa di Camerana

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml