Il Corriere di Tunisi 
16 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Prima Pagina

 

Il Corriere di Tunisi “online” riporta le principali notizie pubblicate dal giornale distribuito in abbonamento e in vendita in edicola


In “lettere” la voce dei lettori che ci possono scrivere anche via email


 

video



 771 – 122 [nuova serie]

 

NOSTRI PROBLEMI

Un settembre d’attesa, attesa senza notevoli cambiamenti in Tunisia dove dopo una forte mobilitazione estiva delle forze d’opposizione per un governo tecnico che assicurasse la transizione sino all’organizzazione delle prossime elezioni, e cio’ malgrado trattative intense che avevano e hanno visto impegnati in colloqui continui i maggiori leaders delle forze politiche e sindacali.

I lavori dell’Assemblea Costituente interrotti dopo la crisi estiva a seguito dell’assassinio del deputato Mohamed Brahmi il 25 luglio hanno ripreso parzialmente in settembre malgrado l’assenza dei deputati dell’opposizione. Non hanno ripreso pero’ i lavori sulla Costituzione la cui elaborazione è ancora in atto dopo oltre due due anni .

Il Presidente dell’ANC dopo la crisi politica estiva aveva interotto i lavori dell’Assemblea per tentare di trovare un’uscita alla crisi tra governo e opposizione ma la decisione di riprendere seppur parzialmente i lavori rispecchia il fallimento del dialogo e la forte pressione subita da Ben Jaafar. La situazione di non chiarezza per una effettiva agenda d’uscita di crisi ha come conseguenza di bloccare le istituzioni ma soprattutto la tanta auspicata attesa di ripresa economica e sociale del paese.

Intanto si moltiplicano atti di repressione contro i giornalisti ed assistiamo ad un valzer di arresti e liberazioni che inquietano chi aveva creduto che la libertà d’espressione fossse la prima manifestazione della libertà. Dopo gli arresti (e liberazioni) del sindicalista Zied El Hani, diTahar Ben Hassine (El Hiwar Ettounsi), di Zouhair El Jiss e di Mourad Meherzi, uno sciopero generale dei giornalisti (seguito al 90%) è stato indetto per denunciare gli abusi commessi contro coloro che si battono per un’informazione indipendente. In Italia l’attesa caratterizza anche se in forma diversa la ripresa di settembre: un governo sempre in bilico, la cui continuità è sempre minacciata da chi seguita a ritenere che gli interessi ad personam siano interessi comuni.

L’uscita seppur parziale dalla crisi continua a farsi attendere e specie i giovani non vedono effettivi spiragli per il loro futuro cercando sempre più su altri lidi la soluzione alla loro endemica precarietà. Se non è più la valigia in cartone che accompagna i nuovi migranti del 21esimo secolo, la valigia a quattro o due ruote, piena di libri, continua ad accompagnare i giovani italiani (ed adesso anche i meno giovani) alla ricerca di un lavoro dignitoso. Sabato e domenica 20-21 settembre si è tenuta a Roma l’Assemblea Nazionale del Partito democratico per l’elezione del nuovo segretario.

Alla stessa data, si è svolto a Cagliari l’81° Congresso Internazionale della Società Dante Alighieri. Il tema di grande interesse per quanti come noi vivono tra le due sponde del mediterraneo è “Dal Sud del mondo. La lingua, la cultura e l’economia italiane. La Sardegna come ponte sul Mediterraneo”.

A Tunisi, la visita di Emma Bonnino nel contesto di inquietante instabilità del mondo arabo, specie in Egitto e in Siria, ha significato anche la grande attenzione della politica estera italiana all’uscita della crisi politica che sta attraversando il paese.

Giovedi 19, nei locali della Dante Alighieri Tunisi, l’Inca-CGIL ha organizzato una tavola rotonda su “Pensionati italiani oltre frontiera. Per una nuova stagione dei diritti e dell’assistenza “ per rispondere ai vari quesiti che i pensionati italiani residenti in Tunisia si pongono per la tutela dei loro diritti.

 



>> Leggi.....

 770 - 120-121 [nuova serie]

 

 

NOSTRI PROBLEMI

Mentre la Gran Bretagna celebra la nascita dell’erede al trono,  l’Egitto non ha pace con scontri quotidiani  tra difensori di Morsi e detrattori dei Fratelli musulmani , con morti e feriti che, passati i primi giorni di infervoramento internazionale, non fanno quasi più notizia. Lo stesso si ripete per la Siria come alcuni anni fa lo era stato per l’Iraq, si è al corrente  parzialmente di quanto succeda in questa travagliata parte del mondo,  peggio l’informazione è sospesa tra un inizio che interessava tutti e uno svolgimento che pochissimi conoscono . Ci sono state poi consequenze sul governo turco dopo le forti contestazioni del mese scorso ? Che cosa sta succedendo in Libia? Cosa cambierà in Mali dopo il confronto elettorale?

Eppure quello che sta succedendo in questa parte del mondo ci interessa in primis per le conseguenze che il susseguirsi degli avvenimenti hanno sui fragili equilibri mediterranei, e per chi vive in Tunisia sulla politica del paese. La manifestazione organizzata da Ennadha in sostegno all’egiziano Morsi ed al contrario la nascita di un movimento, di cui poco si sa ancora , Tamarod (ribellione) mettono ancora una volta due visioni del mondo, dello stato, delle libertà individuali e collettive in violento confronto in Tunisia.

In Italia, tra corruzione, scandali e crisi la situazione non è neppur rosea. Un governo molto contestato specie dopo che il ministro dell'Interno Angelino Alfano  come scritto su La Repubblica «trascina nel suo abisso di omissioni, contraddizioni, opacità chi con lui ha politicamente condiviso il caso Ablyazov nei cinquanta giorni di silenzio (31 maggio-12 luglio) successivi all'espulsione di Alma Shalabayeva e della sua bimba Alua».  I commenti poi di Calderoli sul ministro Cecile Kyenge ("Quando la vedo non posso non pensare a un orango") che ha pubblicizzato negativamente il Bel Paese hanno fatto luce sulla profonda volgarità ed ignoranza di certi individui che continuano ad avere un ruolo politico in Italia.  In un giornale straniero si legge un titolo che ci fa poco onore: “Il razzismo decomplessato degli italiani” . L’esito del processo a Silvio Berlusconi, se la sentenza sarà applicata,  come viene richiesto da più parti, oltre alla pena (ridotta a un anno per l'indulto) farà si che l’ex Premier sarà nel futuro incandidabile.

In Tunisia, prima dei tragici avvenimenti che hanno funestato il paese il giorno in cui ci si preparava a festeggiare l’anniversario della Repubblica (25 luglio) il Premier ribadiva ancora che le prossime elezioni si sarebbero  tenute entro la fine dell’anno o al massimo all’inizio del 2014. Ormai è da un anno che si annunciano prossime elezioni. Importante la visita del Capo dello Stato francese François Hollande in Tunisia ed il suo sostegno alla transizione democratica.

La Tunisia in questa prima quindicina del mese di Ramadan è stata come il meteo  mite, ma cosi’ come il suo clima, si è riscaldata bruscamente dopo la barbara uccisione del deputato Mohamed Brahmi, inaugurando la serie degli assassini politici, dopo la morte di Chokri Belaid avvenuta pochi mesi  fa.  Ancora una volta è un militante del Fronte Popolare che soccombe ad una raffica di spari, accanto al suo domicilio ed in presenza dei familiari che assieme ai militanti del Fronte indicano il partito maggioritario come mandante dell’assassinio, smentito ovviamente dalle Autorità che indicano invece alcuni nomi di individui che apparterrebbero a correnti salafite radicali. In questo tragico imbroglio che vede la violenza politica diventare protagonista della  vita di quello che sembrava essere il paese più pacifico e pacifista del Sud Mediterraneo, in cui tutti accusano tutti  e mentre si installa un clima endemico di insicurezza, la violenza terroristica ritorna, quasi in contemporanea alla ribalta, dopo la strage di giovani militari presi in agguato sul Monte  Chambi  e trucidati in modo da ricordarci gli assassini rituali che colpivano l’Algeria negli anni Novanta del secolo scorso.  Otto i militari uccisi. Oltre all’impatto politico, economico e umano di questa ennesima tragedia, un forte impatto psicologico sulla popolazione tunisina , già alquanto provata dalla strategia della tensione che si sta installando nel paese.

Di fronte a questo susseguirsi di tragici eventi, l’opposizione  ha organizzato un sit-in aperto al Bardo, di fronte alla sede dell’Assemblea Costituente per chiedere la caduta del governo islamista e lo scioglimento dell’assemblea.  Divisi da barriere metalliche i pro Ennadha (che rivendicano la legittimità delle urne) e i partiti dell’opposizione laica (che chiedono le dimissioni del governo e dell’assemblea) mentre il governo  continua a fare appelli in favore del dialogo nazionale escludendo pero’ di ritirarsi dal potere. In questa dimostrazione di forza, la tensione cresce nel paese ulteriormente mettendo ancora a repentaglio la ripresa economica. La stagione turistica in effetti  è sempre più a rischio fallimentare, le imprese continuano a chiudere e migliaia di disoccupati si aggiungono alla lunga lista dei già senza lavoro.

E’ arrivato a Tunisi il nostro rappresentante, l’Ambasciatore S.E. Raimondo De Cardona. Nell’augurargli il benvenuto, lo ringraziamo di perpetuare  la  tradizione del nostro giornale e di averci  onorati col suo messaggio, sperando che l’Italia, chiusa nei suoi problemi interni, possa dare maggior spazio e attenzione a realtà sempre più complesse e problematiche che coinvolgono paesi che si trovano a pochi chilometri dal  territorio italiano.


 
>> Leggi.....

 769 - 119 [nuova serie]

 

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Promessa fatta, promessa mantenuta : l’Ambasciatore Benassi, lasciando la Tunisia, ha scritto sul Corriere un articolo che nel contempo è un saluto ed un bilancio del suo operato, rivolto alla collettività italiana (e non solo) in Tunisia, in un contesto di forte cambiamento del paese e della regione sud-mediterranea.

L’anno scolastico si è concluso o si sta concludendo in questi giorni: migliaia di giovani studenti tunisini faranno ritorno nelle loro rispettive regioni e famiglie costretti ad un ozio forzato che la mancanza di mezzi, di opportunità, di attività siano esse culturali che solo ludiche, farà trascinare da un caffè ad un altro da una “chicha” ad un’altra, da un “muro” all’altro per quanto riguarda i ragazzi  mentre  le ragazze saranno invece inghiottite dai lavori domestici, in attesa che il mese di Ramadan, porti , aldilà del digiuno, questa libertà di movimento che quasi d’incanto si manifesta nelle serate che seguono le lunghe e sofferte giornate di digiuno, specie d’estate col tramonto tardivo del sole e col gran caldo.

Molti aspettano il Ramadan con un sentimento misto di paura e di piacere: ci saranno incidenti, si rispetterà chi non digiuna, si potrà andare in spiaggia senza essere redarguiti da falsi moralisti che, in nome del rispetto della loro visione della tradizione, ti vogliono imporre un modo di essere, di pensare di vivere, ci saranno sempre queste dolci serate ramadanesche con donne giovani e meno giovani, uomini e bambini che riempiono festosamente le strade illuminate delle città e dei borghi, con negozi aperti di notte, montagne di dolciumi di ogni genere, musica e serate all’insegna della convivialità?

Intanto il progetto di Costituzione, con un anno di ritardo sui tempi previsti, è stato sottoposto all’ANC, provocando non poche polemiche e il dissenso delle forze democratiche.

La condanna della Femen tunisina Amina e delle sue compagne francesi e tedesche venute in Tunisia per sostenerla, quella del cantante rap dopo aver scritto un testo contro la polizia  e di una giornalista, la riapertura del processo contro il Preside della Facoltà della Manuba, le violenze durante il Congresso nazionale contro la violenza, fanno pensare a molti che non vi è uguale trattamento per tutti e che il sistema giudiziario, in attesa di riforma, continui a punire severamente chi non commette delitti, mentre lascia in libertà chi usa la violenza come mezzo di espressione.

In Italia,  il Partito Democratico vince le elezioni amministrative riconquistando Roma con la vittoria netta di Ignazio Marini e di altri 15 municipi. In calo invece i grillini che tanto si aspettavano da questa tornata elettorale.

Torna l'incubo del terremoto in Italia. Forti  scosse sono state avvertite in una vasta area del centro nord, in Emilia, Lombardia, Piemonte, Marche e Toscana.

Il Centro Studi di Confindustria ha confermato che l’'Italia rimane la settima potenza industriale ma anche che “la sua base produttiva è messa a rischio dalla profondità  e dalla durata del calo della domanda". Le forti attese per una ripresa economica  del paese che si concretizzi in termini di occupazione giovanile in primis è stata smentita dalla Banca Centrale Europea,  la quale, pur affermando che l'Italia faccia meritoriamente parte dei soli sei Paesi dell'eurozona il cui deficit non ha superato il 3% del Pil nel 2012, rispettando i parametri del Patto di stabilità, rischia pero’ , a breve termine, un ulteriore incremento della disoccupazione .

La nostra collettività è sempre in attesa del suo nuovo ambasciatore che, voci di corridoio, danno in arrivo nei prossimi giorni per cui ne riparleremo nel nostro prossimo numero. Un augurio di buon lavoro alla neo-eletta segretario della Camera di Commercio tuniso-italiana, Dott.ssa Nora Serrani.

 


 


>> Leggi.....

 768 - 118 [nuova serie]

 

 

NOSTRI PROBLEMI

 

Un mese denso di avvenimenti nel mondo ma in particolare da questa riva e dall'altra del Mediterraneo. Il progetto di costituzione è stato presentato all'Assemblea Costituente tunisina, ma molti dubbi e contestazioni sono stati espressi da costituzionalisti, da parte delle forze poliche di opposizione e dalla società civile in particolare per quanto riguarda le libertà religiose e sindacali. Come conciliare, in effetti, due visioni dello stato, una teocratica e l'altra civile, come far sì che quello che si afferma in alcuni articoli della costituzione, non sia negato in altri, come lo stato di diritto puo' sorvolare, ad esempio, la parità di genere, sono le domande che si pone la società tunisina con timore o con speranza e dalle quali risposte dipendono la transizione democratica del paese. Ma al dibattito teorico si sono aggiunti fatti gravissimi che mettono in luce, per chi la luce non voleva vederla, la violenza di gruppi politici legati al terrorismo islamico. Sul Monte Chaambi, nei pressi della città di Kasserine, ci sono stati violenti scontri dell'esercito e delle forze di sicurezza con un gruppo di terroristi che avevano allestito un campo d'addestramento, circondandolo di mine anti-uomo che hanno ferito gravemente ed ucciso vari militari

tunisini. Il problema della circolazione delle armi da fuoco e di conseguenza della sicurezza, sono tra i problemi maggiori della Tunisia odierna, aggravati dai problemi sociali che trovano in molti giovani adepti della violenza. Tutti hanno condannato il terrorismo islamico ed il governo sta cercando di estirpare questa piaga che poco si confà con la democrazia. Una buona notizia è stata quella data dall'esito del sofferto processo del Preside della Facoltà di Lettere, Arti ed Umanità della Manuba, accusato di aver schiaffeggiato una studendessa in nikab. Il giudice ha finalmente deciso per un non luogo a procedere. Il Preside rischiava 5 anni di carcere. Per l'Università l'esito felice del processo è stato visto come la vittoria di chi si batte per le libertà accademiche.

Dall'Italia, il giovane governo Letta sta in bilico tra una reale volontà di dare all'Italia un governo serio e stabile, condizioni indispensabili alla ripresa economica e sociale, di attuare le riforme necessarie e richieste ad alta voce da varie componenti politiche e generalmente dal popolo italiano e l'obbligo di mediare con il PDL, col quale non combaciano facilmente gli intenti. Una fase delicatissima della storia d'Italia con un compito estremamente difficile e complesso. Una complessità che si rispecchia nelle stesse file del PD, lacerato dalle difficili scelte che ha dovuto fare. Come dicono i francesi "à qui profite le crime?" L'Ambasciatore d'Italia, Pietro Benassi lascia in questi giorni la Tunisia, prima del previsto perchè chiamato ad assumere più alte funzioni che, proprio perchè fanno seguito alla sua missione in Tunisia, ci onorano in modo particolare. Diventa, in effetti, Capo di Gabinetto agli Esteri con il ministro Bonino. All'Ambasciatore Benassi vadano i nostri più sentiti auguri, ricordandogli la

nostra collettività ed il nostro giornale per proseguire dalla Farnesina la sua azione di potenziamento delle relazioni nord-sud mediterranee. Nel prossimo numero pubblicheremo il suo saluto alla collettività.

Non ultima nel nostro cuore, la partenza dall'Ambasciata dopo decenni di meritevole servizio, della nostra amica Rita Strazzera, che da neo-pensionata potrà dedicare (e dedicarci) tempo prezioso a cose volute e rimandate, ad inclinazioni e presenze che non avevano il tempo di esprimersi.

 


 


>> Leggi.....

Pagina: Indietro 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 Prossima
 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 810 - 161 [nuova serie] 
 :: 809 - 160 [nuova serie] 
 :: 808 – 159 [nuova serie] 
 :: 807 - 158 [nuova serie] 
 :: 806 – 157 [nuova serie] 
 :: 805 - 156 [nuova serie] 
 :: 804 - 155 [nuova serie] 
 :: 803 - 154 [nuova serie] 
 :: 802 - 153 [nuova serie] 
 :: 801 – 152 [nuova serie] 
 :: 800 - 151 [nuova serie] 
 :: 799 – 150 [nuova serie] 
 :: 798 – 149 [nuova serie] 
 :: 797 – 148 [nuova serie] 
 :: 796- 147 [nuova serie] 
 :: 795 – 146 [nuova serie] 
 :: 794 – 145 [nuova serie] 
 :: 793 – 144 [nuova serie] 
 :: 792 – 143 [nuova serie] 
 :: 791 - 142 [nuova serie] 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml