Il Corriere di Tunisi 
30 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

 Nuova Serie
 ::  Prima Pagina
 ::  Collettività
 ::  Cronaca
 ::  Cultura
 ::  Dossier
 ::  Economia
 ::  Immigrazione-Emigrazione
 ::  In Italia
 ::  In Tunisia
 ::  Lettere
 ::  Nel Mediterraneo-Maghreb
 ::  Scuola-Università
 ::  Sport
 ::  Teatro-Cinema-Mostre
 ::  Tempo Libero
 ::  Zibaldone
 :: locandine

 Anni 2005/2006
 ::  Prima Pagina
 :: Cronaca
 :: Cultura
 :: Dossier
 :: Economia
 :: Immigrazione-Emigrazione
 :: Mediterraneo
 :: Tunisia-Italia

 Utilità
 ::  Link
 :: Cambiavaluta
 :: Google
 :: Mappe
 :: Meteo [ing]
 :: Tempo [fr]
 :: Traduttore [ing]

 Ricerca
  

 ..

 

al sito

 


 .

 

al sito

 


  Collettività
 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO

 

a cura di Francesca Bertolini

 

Dottor Nigro, grazie di aver accettato questa intervista, che come Lei sà, rientra nell’iniziativa promossa dal Corrriere di Tunisi di far conoscere ai nostri lettori le associazioni che operano in Tunisia ma anche di « rivitalizzare» il mondo dell’associazionismo italiano in vista dell’elezione, ci auguriamo nel 2009, del COMITES Tunisi. Potremmo cominciare l’intervista con qualche cenno storico sulla nascita e l’evoluzione negli anni del Circolo Italiano.

E’ indubbio che non si può parlare del Circolo Italiano di Tunisi senza conoscerne la storia. Le sue origini, infatti, ed il modo con cui il Circolo Italiano si è posto all’attenzione della Comunità Tunisina sono  significativi per ben comprenderne la sua evoluzione e la sua collocazione attuale nel contesto sociale della comunità italiana in Tunisia.

Era il lontano 26 febbraio 1971, quando il Commendatore Claudio Mancuso (primo Presidente del CIT) ebbe il piacere e l’onore di inaugurare il Circolo, nell’attuale sede, con una cerimonia ufficiale alla presenza dell’allora Ambasciatore d’Italia a Tunisi, dott. Luciano Favretti. Alle 17h30 di quel fatidico giovedì il nostro tricolore fu issato all’esterno della balconata del primo piano, con immensa commozione da parte della nutrita delegazione della comunità italiana ivi presente. Parlando in termini tecnici è stato un vero e proprio “varo”; infatti l’Ambasciatore Favretti in quell’occasione offrì un cocktail di benvenuto al Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio di Squadra Gino Birindelli (Medaglia d’oro al valor militare della 2a G.M. ancora oggi in vita), presente a Tunisi con numerose unità navali italiane. Nel suo discorso di benvenuto, gelosamente custodito nella documentazione del Circolo, il Presidente Mancuso oltre ad onorare degnamente gli illustri ospiti, ebbe modo di rimarcare che il Circolo Italiano doveva essere “considerato come un luogo d’incontro che consenta agli italiani di Tunisia di ritrovarsi, di confrontarsi serenamente, di divertirsi e di consolidare quel clima di fraterna amicizia e di aperta collaborazione con il popolo tunisino. Un luogo dove non si chieda altro che stare insieme.”

Ecco quindi che sin dalla sua nascita il Circolo Italiano oltre a ricoprire il ruolo fondamentale di “ centro di  riunione della nostra comunità”,  svolgeva anche e soprattutto una  funzione di “rappresentanza” in nome della comunità italiana.

E’ bene anche ricordare che la sede del Circolo fu donata da un nobile italiano e, ahime', venne purtroppo rilevata dall’Ambasciata d’Italia in pessime condizioni. Fu un ristretto gruppo di italiani, capeggiati dal Presidente Mancuso, che ebbe l’iniziativa di chiedere in “fitto” i locali all’Ambasciata e che, con i soldi  ricavati dalle iscrizioni dei soci, inizio' i lavori di  ristrutturazione in modo da rendere gli ambienti ospitali e adeguati al ruolo di rappresentanza della comunità italiana.

Qual’é, secondo Lei, il ruolo che il Circolo Italiano riveste oggi nella comunità italiana ?

Dalla sua fondazione ad oggi molte cose sono cambiate. Basti guardare la Tunisia di oggi per comprendere che il Circolo Italiano non può più essere considerato come unico luogo di incontro e di ritrovo della comunità italiana. Gli stessi italiani che oggi vivono o sono residenti in Tunisia, manifestano una matrice completamente differente da quella che caratterizzava gli italiani degli anni Sessanta. La maggior parte di essi sono imprenditori, professionisti e/o seri lavoratori, che non lesinano energie e tempo per i propri fini professionali. D’altra parte l’avvento di nuove forme di cultura “fatta in casa”, prima fra tutte Sky TV, hanno modificato enormemente le forme di socializzazione. Pur rimanendo il Circolo italiano un mezzo efficacissimo di unione della collettività, la stessa, privilegiando la propria privacy ed il sempre più esiguo tempo libero, preferisce limitare la propria presenza al Circolo in occasione di eventi dove i gruppi dei numerosi italiani presenti, possono ritrovarsi per fini comuni. E’ il caso delle “cene a tema” organizzate dal nostro chef nel periodo invernale mediamente ogni 15 giorni, che vede un rinvigorito numero di partecipazioni. D’altra parte però non si può prescindere da tre fattori innovativi che hanno coinvolto le attività del Circolo in questi ultimi anni. Il primo caratterizza e identifica la profonda trasformazione a cui è andata soggetta la Tunisia in questi anni. Trasformazione che se da una parte ha portato gli stessi Tunisini a chiedere di frequentare il Circolo con sempre maggiore assiduità, dall’altra ha invogliato i nostri connazionali a integrarsi alla locale comunità, grazie soprattutto al grande senso di ospitalità ed al livello di emancipazione costantemente dimostrato dalla Tunisia di oggi. Un secondo punto riflette necessariamente le nuove esigenze degli italiani in Tunisia: è il caso di una stragrande maggioranza che è costretta, per mere esigenze di lavoro, a spostarsi continuamente pur mantenendo in Tunisia i loro propri interessi. Per tutti questi ancora oggi il Circolo rappresenta non solo un sicuro approdo dove sentirsi un po’ "a casa", ma anche il luogo naturale dove discutere di affari. In ultimo, mi è gradito citare come vada sempre più crescendo la voglia di vedere nel Circolo un ambiente idoneo dove mostrare una tipica ed unica “italianita”, ma anche un  luogo di “rappresentanza”. Molte istituzioni, italiane ma anche tunisine e straniere (Ambasciata - Scuola Italiana - Istituto di Cultura – Addetto per la Difesa – UTICA – BAD – rappresentanti di Ambasciate straniere) nonché associazioni e singoli imprenditori, infatti, considerano il Circolo un luogo di incontro per dibattere o presentare tematiche professionali, in un ambiente che offre oltre all’ospitalità di rito, anche e soprattutto riservatezza e professionalità.

Quali sono, per statuto, le attività che il Circolo Italiano dovrebbe o potrebbe promuovere?

Lo statuto identifica nel Circolo un'associazione senza fini di lucro, che si proponga attraverso le sue attività di contribuire al miglioramento della cooperazione con questo meraviglioso Paese che ci ospita, facilitare i contatti tra gli Italiani, sviluppare e stimolare lo spirito di solidarietà sociale, promuovere attività sociali, creative e culturali. Come vede, sono tutte attività che sono intrinseche del DNA del Circolo e che vengono portate avanti quotidianamente dai nostri Consiglieri. Come ben noto il contributo dei singoli membri del Direttivo è a mero titolo di volontariato non retribuito. Per regolamento interno, ogni Consigliere è responsabile, attraverso apposite deleghe che di anno in anno cambiano, di settori di attività che vanno dalla contabilità, al personale, alla logistica con connessa la grande problematica degli aspetti manutentivi e di ristrutturazione della struttura del Circolo, alle attività ludiche, la ristorazione, le attività sociali e l’assistenza. L’iniziativa dei singoli è un fattore essenziale, ma con estrema serenità posso ben dire che in questi anni di Presidenza del Circolo non c’è stato un solo settore che è rimasto inattivo. Alcuni tra questi hanno avuto una certa priorità; ad esempio, oltre ai settori interni e di conduzione del Circolo, merita essere citata la continua attività di assistenza che il Circolo, attraverso una costante azione di supporto finanziario, fornisce a 360°, alla SIA, alla Diocesi di Tunisi, al Centro educativo per bimbi orfani della Manouba, ai centri di assistenza anziani di Rades e della Goulette e, così via a tutti coloro che riteniamo necessitino del nostro supporto. E’ chiaro che, pur nella limitatezza del nostro baudget, l’azione di assistenza assume una connotazione particolare in quanto, essendo donata a nome del Circolo italiano, spicca più che mai l’aspetto nazionale ed il nome della comunità italiana che siamo onorati di rappresentare, specialmente in questo tipo di attività.

Come si finanzia il Circolo Italiano ? Ricevete contributi pubblici ?

Come accennato, il Circolo Italiano è un'associazione senza fini di lucro nata dall’iniziativa e dal contributo personale di alcuni membri della Comunità italiana dei primi anni 70. Da allora il Circolo ha continuato questa bella tradizione, non venendo quindi meno al fine di rappresentanza della comunità. Il Circolo si vanta di non aver mai ricevuto nè finanziamenti pubblici, nè  privati.  Nella sostanza, seppur sulla scorta di una lodevole azione di volontariato espressa da tutti i membri del Consiglio Direttivo, l’autofinanziamento del Circolo é generato dall' attività di ristorazione e bar (principale voce di entrata del Circolo), e anche dalle quote associative.

L’assistenza alle fasce piu’ deboli della comunità italiana (il nostro pensiero va agli anziani italiani indigenti residenti a Tunisi)  viene in qualche modo sostenuta dal Circolo Italiano ?

Il Circolo si considera in “prima linea” su questo fronte. L’assistenza ai nostri connazionali indigenti è sicuramente una delle problematiche di cui si dovrebbe far carico la nostra amata Madre Patria: è un punto che non si può sottovalutare in quanto indirizzato a cittadini italiani che, seppur nella loro infelice condizione di indigenza, restano e rimarranno tali. Ritengo che questo, cosi’ come la più ampia problematica degli interessi (non considerati o addirittura repressi o cancellati) dei nostri connazionali all’estero, siano argomenti che debbano essere portati a livello centrale attraverso i rappresentanti politici della nostra circoscrizione “Oceania”. Non mi sembra che durante la passata legislatura  i nosti  rappresentanti, da noi eletti, abbiano contribuito a sanare minimamente queste problematiche: ci auguriamo che cambi qualcosa con l’attuale! Appare evidente, comunque, che lì dove emergono difficoltà, il Circolo Italiano è presente: nel settore dell’assistenza agli italiani indigenti, pur non potendoci sostituire allo Stato, facciamo la nostra parte e, sinceramente, speriamo che quanto fatto sino ad oggi possa poi trovare utili riscontri nella vita quotidiana dei nostri amati anziani.

Quali sono le modalità di iscrizioni al Circolo e quali i servizi offrite ai vostri iscritti?

L’iscrizione è estremamente semplice. Basta essere cittadino italiano e si ha diritto a presentare la propria candidatura a “socio” del Circolo Italiano.

Tra i servizi  che il Circolo offre, già peraltro citati, mi piace ricordare la bella e unica nel suo genere tradizione culinaria, offerta dal servizio ristorazione del Circolo. Abbiamo sempre tenuto a mantenere ed a mettere in evidenza la nostra italianità. La maniera più evidente è proporre una cucina tipicamente italiana; grazie al prezioso contributo del nostro Chef Stefano, sebbene con netti contorni “romaneschi”, tale carateristica è divenuta il motivo di richiamo principale sia per i molti italiani che frequentano il ristorante, ma anche e soprattutto per le molte delegazioni ed ospiti tunisini e stranieri che ci onorano con la loro presenza.

Accanto al settore culinario, che primeggia per eccellenza, il Circolo ha cercato di ascoltare le esigenze della nostra comunità. E’ il caso della discoteca, che offre, attraverso la rigida attuazione di un proprio reglamento attuativo, un luogo sicuro per i più giovani, i figli dei nostri associati, dove trascorrere serenamente, in amicizia e simpatia le loro serate. Molti altri settori sono in continuo sviluppo, ma non voglio dilungarmi in mere elencazioni. Mi consenta dire che il Circolo si sente a disposizione della comunità italiana e risponde costantemente a qualsiasi richiesta, anche se avanzate da parte dei singoli, in modo da poter realmente essere il  naturale  punto  di  ritrovo  e  di ascolto della nostra comunità.

Dopo tanti anni di attività ci racconti qualche episodio, aneddoto che é rimasto impresso nella sua mente?

Aneddoti ce ne sono tanti, in quanto il Circolo vuole anche rappresentare la continuità della nostra tradizione sociale. Ma mi piace sottolineare in questa sede quanto ha voluto dirci l’Ambasciatore Olivieri nel corso della cena di saluto organizzata  nel nostro ristorante: “Contrariamente al pensiero Hegeliano secondo cui ciò che è reale è razionale, in quanto manifestazioni di una razionalità profonda, il continuo agire ed essere presenti nel Circolo Italiano ha liberato la rappresentazione e le false illusioni della quotidianità dei rapporti istituzionali, in una verità dinamica e concreta che ha toccato profondamente i vincoli di amicizia e di fratellanza tra le nostre nazioni.” Sono indubbiamente parole che, pronunciate dall’Ambasciatore d’Italia in Tunisia, oltre ad onorarci , rendono evidente quanto le attività del Circolo italiano abbiano contribuito all’integrazione della nostra comunità nel contesto tunisino, pur nel rispetto della nostra tradizione e cultura.

Esiste una programmazione annuale delle attività del Circolo Italiano? Se si, puo’ brevemente elencarci le iniziative per la prossima estate?

Lei dimentica che viviamo in Tunisia, quindi l’estate, con il suo caloroso e stressante clima, è un momento di calma e di tranquillità. E' nostra ambizione aprire una sede estiva del Circolo Italiano a La Marsa o Gammarth, dove poter meglio organizzare il periodo estivo, ma le nostre esigue risorse al momento non ce lo consentono. Quindi la maggior parte delle nostre attività si svolgono nel periodo ottobre –giugno e periodicamente vengono decise dal Consiglio Direttivo e opportunamente divulgate. Sostanzialmente trovano riscontro in quanto più ampiamente detto in precedenza.

Quali sono le difficoltà, se esistono, che pesano oggi maggiormente sulla gestione del Circolo Italiano?

Veda, a differenza di quanto fatto in passato, noi abbiamo cercato di dare una impronta manageriale alla conduzione del Circolo. Tutto questo, pur portando per la prima volta nella sua storia il bilancio del Circolo sempre in attivo, ha comportato un “cambio” del sistema di controllo e conduzione che ha messo in evidenza sostanzialmente due tipi di problemetiche. La prima riguarda la gestione del personale, che sta finalmente convogliandosi su principi normativi e legislativi previsti dallo statuto dei lavoratori tunisini. Ciò ha comportato, oltre ai necessari aggiornamenti contabili, un maggior controllo sul personale con conseguente dovuta selezione dello stesso; fase ancora in corso. Il secondo aspetto interessa la vetustà dello stabile di cui è ospite il Circolo italiano. Pur pagando regolare fitto  all’Ambasciata d’Italia, il Circolo si fa carico di svolgere autonomamente tutti i lavori di ristrutturazione di cui l’anziano stabile abbisogna. E’ un aspetto non indifferente perchè interessa gran parte delle risorse e coinvolge tutti i settori di attività. Pensi solo che negli ultimi due anni si è provveduto alla completa ristrutturazione della discoteca al pian terreno, dei bagni, della parte idraulica del comprensorio cucina, al completo rifacimento del tetto, nonchè alla pitturazione integrale interna ed esterna dei locali. E’ un problema grosso in quanto lo stabile è anziano e necessita continue “cure”. C'è ancora molto da fare, ma con il contributo di tutti, riusciremo nel nostro intento, continuando a portare con orgoglio sempre più in alto la nostra tradizione e la nostra italianità.

Qual’é la sua percezione sulla realtà dell’associazionismo italiano in Tunisia, e quali potrebbero esssere, secondo Lei, le iniziative e le sinergie che potrebbero favorire la rinascita di uno spirito di collaborazione e di scambio reciproco all’interno della nostra comunità?

Veda, io sono profondamente convinto che i valori di fondo della nostra società e quindi dell’italiano medio, siano profondamente cambiati. Il fenomeno dell’associazionismo nasce ai primi del novecento con i grandi flussi migratori e si è consolidato nel tempo in quanto gli italiani di allora, sia per cultura che per predisposizione mentale, sentivano il bisognodi crearsi ambienti dove sentirsi protetti e, forse ancor più, a casa propria. Se si considera quanto accaduto dal dopoguerra ad oggi, soprattutto in questi ultimi venti anni, ci si accorge che l’Italiano, nella sua generalità, è cambiato profondamente. Ci troviamo di fronte a persone di indubbia cresciuta levatura culturale, che normalmente parla una o due lingue straniere, gente che decide di stabilirsi all’estero per essere protagonista e non più per mere ragioni di sopravvivenza, come nel periodo di massima emigrazione. In sostanza tendiamo a divenire sempre più cittadini del mondo e non più italiani in terra straniera. Inoltre, gli stessi paesi che ospitano i nostri emigrati sono civiltà consolidate o comunque degne di tale nome, quindi nazioni dove è più facile inserirsi, anzi dove il concetto di integrazione nasce spontaneo e nella maggior parte dei casi senza problemi.

E’ il caso della Tunisia, terra ospitale e di tradizione mediterranea  la cui parola d’ordine è “vous êtes les bienvenus”.

Un popololo meraviglioso che sotto la lungimirante guida di S.E. il Presidente Ben Ali’, ha messo a disposizione le migliori condizioni di vita per una integrazione sociale senza distinzioni di sorta.

Basti pensare alla libertà di culto, così come alla possibilità di poter fruire di strutture tipicamente italiane (la scuola italiana, il Circolo e le varie associazioni che operano liberamente in Tunisia), in difesa della nostra cultura di origine.

Ecco, quindi, che la necessità ed il bisogno da parte dei singoli di associarsi è sentito con minore forza se non è addirittura venuto meno. In altre parole, gli interessi dei singoli, pur nella loro maggiore parcellizzazione e segmentazione, sono divenuti quasi dei bisogni intimi che, però, trovano un utile sbocco nelle risposte generali che vengono date a livello sociale.  Questo per dire che la gente, a mio giudizio, non ha più bisogno di “associazioni” o centri di riferimento, ma piuttosto di persone che si facciano carico attivamente delle poche problematiche di fondo della nostra comunità.

La comunità ha bisogno di gente concreta che, senza perdersi in falsi proselitismi e discorsi populisti, agisca concretamente su cosa fare per il sociale e come farlo per migliorarne i risultati.

Da Presidente del Circolo posso ben dirle che alcune sinergie si stanno già concretizzando.

Per esempio sia con l’Associazione Famiglie degli Emigrati, che con la Società Sportiva Aurora, sono stati trovati dei punti di comune interesse sociale su cui stiamo lavorando insieme.

Il nostro motto è: "non abbiamo tempo per le chiacchere ed i pettegolezzi e poco tempo per agire".

Quindi il darsi da fare è la priorità assoluta senza esclusioni di sorta. Mi lasci concludere quindi che di associazionismo si può e si deve continuare a parlare, perchè è un bene che difende la diversità che contraddistigue l’essere umano.

Ma in termini di rappresentatività delle singole associazioni, il mio consiglio è che questa dovrà essere attentamente selezionata orientandosi su personaggi che oltre a dimostrare concretezza di risultati, siano anche in grado di poter portare avanti gli interessi della nostra comunità in questa stupendaterra che ci ospita. Inoltre, la stessa credibilità che si richiede nei confronti della comunità italiana, dovrà essere espressa nei confronti delle istituzioni tunisine.

D’altra parte se le persone che sono chiamate a rappresentare la comunità non godono di ufficialità nei confronti delle autorità del paese ospitante, non credo sia possibile aprirsi  a proposte e contributi nei loro confronti.

Il Circolo Italiano, tra l’altro è l’unica associazione che attualmente è riconosciuta a pieno titolo dalle Autorità Tunisine.

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 Il giornale
 ::  Direzione-Redazione
 :: Abbonamento
 :: Contatti
 :: Pubblicità
 :: Stamperia-Editrice

 Elia Finzi

 

 

Tunisi 1923-2012

 


 Edizioni Finzi

 

PUBBLICAZIONI


 web partner

 

gli anni di carta

 

il foglio

 

 


 Numeri recenti
 :: 815 - Avvenimento Lionistico italo-tunisino 
 :: 809 - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2017 
 :: 807 - QUANDO NELLA TERRA DI DIDONE LA ZOOTERAPIA PARLA ITALIANO 
 :: 802 - VISITA ISTITUZIONALE A TUNISI DEL SINDACO DI FIRENZE DARIO NARDELLA 
 :: 800 - I 60 anni del Corriere 
 :: 798 - 1956-2016: IL CORRIERE DI TUNISI COMPIE 60 ANNI 
 :: 798 - FILO DIRETTO TRA ITALIA E TUNISIA  
 :: 797 - La Cooperazione italiana in Tunisia: progetti e iniziative ad ampio spettro 
 :: 789 - PATRIMONI CONDIVISI 
 :: 788 - MOSTRA FOTOGRAFICA DI LUIGI SORRENTINO 
 :: 787 - DIRITTO E CULTURA IN TRANSIZIONE: IL FESTIVAL MEDITERRANEO DELLA LAICITÀ A TUNISI. 
 :: 786 - Visioni mediterranee 
 :: 786 - IL MINISTRO GENTILONI IN TUNISIA 
 :: 785 - SGUARDI INCROCIATI A TUNISI, RESET E LA SFIDA DEL DIALOGO 
 :: 781 - ELEZIONI PER IL RINNOVO DEI COMITATI DEGLI ITALIANI ALL'ESTERO - COMITES 
 :: 780 - UNO SVE TRA LE DUE SPONDE DEL MEDITERRANEO 
 :: 778 - IL MINISTRO GUIDI IN TUNISIA 
 :: 777 - Un momento di confronto tra costituzionalisti italiani e tunisini sulla nuova Costituzione 
 :: 776 - “RAPPRESENTANZA E PROPOSTA POLITICA: LE IDEE DEGLI ITALIANI ALL’ESTERO” 
 :: 776 - “La rivolta dei Dittatoriati” 
 :: 775 - IL PRESIDENTE GRASSO A TUNISI 
 :: 774 - QUESTIONI DI DEMOCRAZIA. TUNISIA E ITALIA: UNA SFIDA CONDIVISA? 
 :: 773 - Benvenuto all’Ambasciatore Raimondo DE CARDONA 
 :: 770 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE DE CARDONA  
 :: 769 - L’AMBASCIATORE BENASSI SALUTA LA COLLETTIVITÀ ITALIANA DI TUNISIA 
 :: 767 - UNA GIORNATA PARTICOLARE 
 :: 766 - "La Tunisia vista con gli occhi di uno straniero" 
 :: 764 - “L’Europa e la democrazia” 
 :: 763 - DISCRIMINAZIONE SCOLASTICA IN TUNISIA 
 :: 762 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 760 - TRA RICORDI DI INTIMITA’ FAMILIARE E DI EROISMO POLITICO 
 :: 759 - MESSAGGIO DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA PIETRO BENASSI  
 :: 759 - IL PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO A TUNISI 
 :: 756 - VISITA DEL PRIMO MINISTRO TUNISINO HAMADI JEBALI A ROMA 
 :: 755 - PIER LUIGI BERSANI A TUNISI 
 :: 755 - IL MINISTRO RICCARDI IN TUNISIA 
 :: 754 - UNA T-SHART PER LA RIVOLUZIONE DEI GELSOMINI 
 :: 754 - INTERVISTA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI, GIULIO TERZI DI SANT’AGATA 
 :: 753 - I CONSIGLI DELL’AVVOCATO 
 :: 752 - MESSAGGIO DI AUGURI DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA 
 :: 744-747 - In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia ricordiamo: 
 :: 718 - LA NUOVA VITA DELLA TUNISIA 
 :: 716 - Intervento dell'Ambasciatore d'Italia in Tunisia 
 :: 716 - REMEMBER 
 :: 716 - Lettera di un invidioso ai giovani tunisini 
 :: 714 - XII EDIZIONE DEL BAZAR DIPLOMATICO 
 :: 714 - BABBO NATALE AL CIRCOLO ITALIANO DI TUNISI 
 :: 713 - GLI AUGURI DEL PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 713 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 712 - STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 711 - IL CONTRAMMIRAGLIO NICOLA DE FELICE LASCIA LA TUNISIA  
 :: 708 - 36° FESTIVAL DEL MEDITERRANEO DE “LA GOULETTE” 
 :: 707 - I 100 ANNI DI UN’ITALOTUNISINA 
 :: 707 - GIANFRANCO FINI IN VISITA A TUNISI 
 :: 706 - L’IMMAGINE DELL’ITALIA 
 :: 704 - TUORO SUL TRASIMENO A LAMTA 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [2] 
 :: 704 - RADUNO DEGLI ITALIANI DI TUNISIA [1] 
 :: 704 - LA FESTA DELLA REPUBBLICA ALLA CHARMEUSE 
 :: 703 - IL MINISTRO RONCHI A TUNISI 
 :: 702 - ISTITUTO ITALIANO DI CULTURA TUNISI 
 :: 702 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI PER IL DIALOGO 5+5 
 :: 701 - ITALIA E TUNISIA « DILECTAE SUNT » 
 :: 700 - I PRIMI CENTO GIORNI IN TUNISIA DELL’AMBASCIATORE PIETRO BENASSI 
 :: 699 - SAPORI DI CASA NOSTRA 
 :: 698 - FESTA DI CARNEVALE AL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 698 - I MARINAI DELLA "SCIROCCO" A TAKROUNA 
 :: 697 - L’EREDITÀ DI CRAXI 
 :: 697 - LA VISITA DI FRATTINI IN TUNISIA 
 :: 696 - MESSAGGIO DELLA DIRETTRICE DELL’ICE TUNISI 
 :: 695 - IL NUOVO AMBASCIATORE D’ITALIA IN TUNISIA S. E. PIETRO BENASSI 
 :: 695 - LE ATTIVITÀ IN TUNISIA DEL PROGETTO ACTION VERTE  
 :: 694 - GLI AUGURI PER NATALE E L’ANNO NUOVO DI S.E. PIETRO BENASSI AGLI ITALIANI DI TUNISIA 
 :: 694 - MESSAGGIO DI SALUTO DELL’AMBASCIATORE D’ANDRIA 
 :: 693 - FESTA DELL’ALBERO 2009 
 :: 692 - UN PONTE TRA L’ITALIA E LA TUNISIA 
 :: 691 - 500 Expedition Team - Tunisia 2009 
 :: 690 - COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO E ACQUACULTURA 
 :: 687 - UN VENTO ITALIANO SPINGE L’AMERIGO VESPUCCI IN TUNISIA 
 :: 686 - COOPERAZIONE ITALIANA IN TUNISIA 
 :: 686 - 2 GIUGNO ALLA “CHARMEUSE” 
 :: 684 - SCORCI E MEMORIE DELLA TUNISIA 
 :: 684 - IL MINISTRO FRATTINI A TUNISI 
 :: 683 - 12esima Conferenza dei Lions del Mediterraneo ed Osservatorio della Solidarietà Mediterranea 
 :: 682 - ANNIVERSARIO DELL’INDIPENDENZA DELLA TUNISIA 
 :: 679 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE 
 :: 677 - ITALIANI DI TUNISI FAMOSI A ROMA 
 :: 676 - MESSAGGIO AUGURALE DELL’AMBASCIATORE D’ITALIA  
 :: 675 - FESTEGGIAMENTO A ROMA per il 21° del 7/11/1987 
 :: 674 - VISITA DELL’ONOREVOLE URSO 
 :: 673 - X COMMISSIONE MILITARE MISTA 
 :: 670 - A.I.A.T. 
 :: 670 - Esperienze estive degli studenti italiani 
 :: 668 - IL SOTTOSEGRETARIO AGLI ESTERI, CON DELEGA PER IL NORD AFRICA ED IL MEDIORIENTE, STEFANIA CRAXI A TUNISI 
 :: 667 - INTERVISTA A FRANCO NIGRO, PRESIDENTE DEL CIRCOLO ITALIANO 
 :: 666 - COSTITUZIONE DI UN "GRUPPO DEGLI IMPRENDITORI ITALIANI OPERANTI SUL TERRITORIO TUNISINO" 
 :: 665 - INTERVISTA AL DOTT. EMANUELE MINARDO, PRESIDE DELLA SCUOLA ITALIANA DI TUNISI 
 :: 664 - IMPORTANTE CONVEGNO A ROMA 
 :: 663 - Intervista al Dott. Alessio Lattuca, Direttore di Confimpresa Euromed 
 :: 662 - A colloquio con la dott.ssa Veneziani 
 :: 662 - I 52 anni del Corriere di Tunisi 
 :: 661 - Primo Forum degli Addetti Militari italiani del Nord Africa 
 :: 660 - INTERVISTA ALL’AMBASCIATORE D’ITALIA ANTONIO D’ANDRIA 
 :: 659 - LUCIA VALENZI A TUNISI 
 :: 655 - CONVEGNO DELL’ASSOCIAZIONE DI AMICIZIA ITALIA-TUNISIA IN OCCASIONE DEL 7 NOVEMBRE 
 :: 655 - CAMBIO DELL’AMBASCIATORE ITALIANO IN TUNISIA 
 :: 657 - MESSAGGIO DELL'AMBASCIATORE D'ITALIA ANTONIO D'ANDRIA 
 :: 658 - GLI AUGURI DELL’AIAT AL NUOVO AMBASCIATORE DELLA TUNISIA IN ITALIA 
 :: 658 - Silvano Ilardo, un profugo italiano della Tunisia racconta... 
 :: 654 - IL MINISTRO D’ALEMA IN TUNISIA PER IL LAVORI DELLA VI° COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA 
 :: 653 - TUNISI 24-25 OTTOBRE : VI SESSIONE DELLA GRANDE COMMISSIONE MISTA ITALO-TUNISINA  
 :: 649 - LA MISSIONE IN TUNISIA DELL’ ON. FEDI 
 :: 648 - MARCO FEDI ELETTO AL PARLAMENTO ITALIANO PER LA RIPARTIZIONE AFRICA, ASIA E OCEANIA IN TUNISIA DAL 28 GIUGNO AL I LUGLIO 
 :: 648 - FESTA DEL 2 GIUGNO 
 :: 644 - L’AIAT GIUNGE AL SUO QUINQUENNIO 
 :: 639 - MOSTRA DEI PRESEPI A TUNISI - LA TRADIZIONE CONTINUA 
 :: 639 - L’ON. CASSOLA (VERDI) IN VISITA ALL’EDITRICE FINZI 
 :: 638 - Gli Auguri per Natale e l'Anno Nuovo di S.E. Arturo Olivieri agli Italiani di Tunisia 
 :: 634 - Discorso del Papa: una offesa all’Islam o un invito al dialogo tra le religioni? 
 :: 633 - Rinnovo dell’accordo di collaborazione RAI-ONT 
 :: 630 - Gemellaggio tra Lions Club Tunis Doyen e Taormina 
 :: 627 - Lettere al Direttore 
 :: 625 – Immagini dalla presentazione del Nuovo Corriere di Tunisi 

Copyright © 2005 Il Corriere di Tunisi - Ideazione e realizzazione Delfino Maria Rosso - Powered by Fullxml